Depersonalizzazione/ Derealizzazione

Il quadro sintomatologico del disturbo da depersonalizzazione/ derealizzazione è caratterizzato dalla frequenti disgregazioni del senso di sé e del mondo

Depersonalizzazione/ Derealizzazione - Per saperne di più:
Condividi

Con il termine depersonalizzazione si descrive l’esperienza di sentirsi un osservatore esterno rispetto al proprio corpo, con derealizzazione invece, si intendono quelle esperienze di irrealtà rispetto a un ambiente.

Depersonalizzazione /Derealizzazione TAG

Dissociazione: definizione

La dissociazione è un termine utilizzato per descrivere la disconnessione tra alcuni processi psichici rispetto al restante sistema psicologico dell’individuo. Con la dissociazione si crea un’ assenza di connessione nel pensiero, nella memoria e nel senso di identità di una persona.

La dissociazione è dunque un processo di dis-integrazione, la mente viene a perdere la sua capacità di integrare alcune funzioni superiori, e svariate osservazioni cliniche stabiliscono un legame causa-effetto tra trauma e dissociazione (Dutra et al., 2009).

La dissociazione in psicopatologia è un termine che indica sia la categoria diagnostica dei disturbi dissociativi sia i sintomi dissociativi della coscienza sia alcuni processi psicopatogenetici causati da esperienze traumatiche che interferiscono con l’integrazione delle funzioni psichiche. I processi patogenetici dissociativi generano sintomi dissociativi che a loro volta possono dominare alcuni quadri clinici come un Disturbo Dissociativo oppure possono presentarsi in maniera variabile in pressoché tutte le categorie diagnostiche del DSM rappresentando un indice di gravità del quadro clinico.

Il Disturbo da Depersonalizzazione/ Derealizzazione

Con il termine depersonalizzazione, nel DSM V, si descrivono quelle esperienze di irrealtà, distacco, o sensazione di essere un osservatore esterno rispetto al proprio corpo o ai propri pensieri, sentimenti, sensazioni, azioni (ad esempio: alterazioni percettive, senso distorto del tempo, sensazione di un Sé irreale o assente, intorpidimento emotivo e/o fisico).

Per derealizzazione invece, si intendono quelle esperienze di irrealtà o di distacco rispetto a un ambiente (ad esempio, persone o oggetti sono vissuti come irreali, onirici, senza vita o visivamente distorti).

Il quadro sintomatologico è dunque caratterizzato dalla presenza di frequenti disgregazioni e interruzioni del senso di sé e del mondo circostante. Spesso ciò è fonte di spavento e preoccupazione per gli individui che, a lungo andare, si rendono conto di perdere sempre più il controllo della loro vita e iniziano a presentare alti livelli di ansia (sviluppando anche attacchi di panico), depressione, problemi nell’ambito sociale e comportamenti disfunzionali come l’abuso di sostanze.

Nel recente libro ‘Fuori da me. Superare il disturbo di depersonalizzazione‘ (Donnelly e Fugen, 2016), vengono delineate delle proposte terapeutiche secondo i principi dell’ACT (Acceptance and Commitment Therapy) e della DBT (Dialectical Behaviour Therapy), e suggerendo in ultima analisi altri possibili strategie di intervento, compresa quella farmacologica.

Altri disturbi dissociativi

Secondo il DSM V, i disturbi dissociativi sono caratterizzati da una discontinuità nella normale integrazione della coscienza, della memoria, dell’identità, della percezione, della rappresentazione del corpo e del comportamento. I sintomi dissociativi possono potenzialmente compromettere ogni area del funzionamento psicologico.

I disturbi dissociativi comprendono:

  • Il disturbo dissociativo dell’identità
  • L’amnesia dissociativa
  • Il disturbo da depersonalizzazione/ derealizzazione
  • Il disturbo dissociativo non specificato

Un disturbo dissociativo si manifesta frequentemente a seguito di traumi, e molti dei sintomi, compreso l’imbarazzo, la confusione circa i sintomi o il desiderio di nasconderli, sono influenzati dalla stessa esperienza del trauma.

 

 

Bibliografia:

  • American Psychiatric Association (2013). Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, Fifth Edition. Arlington, VA, American Psychiatric Association.
  • Dutra L., Bureau J. F., Holmes B., Lyubchik A. & Lyons-Ruth K. (2009), Quality of early care and childhood trauma: A prospective study of developmental pathway to dissociation. Journal of Nervous and Mental Diseases, 197, 6, pp. 383-390.

Depersonalizzazione/ Derealizzazione - Per saperne di più:

Dissociazione

Dissociazione
Con la dissociazione si crea un' assenza di connessione nel pensiero, nella memoria e nel senso di identità di una persona.

Disturbo dissociativo

Disturbo dissociativo
I disturbi dissociativi comprendono: disturbo dissociativo dell’identità, amnesia dissociativa, disturbo da depersonalizzazione/ derealizzazione.

Amnesia Dissociativa

Amnesia Dissociativa
Nell'amnesia dissociativa i ricordi esistono ancora ma sono profondamente sepolti nella mente della persona e non possono essere recuperati.

DIsturbo Dissociativo dell'Identità - Did

DIsturbo Dissociativo dell'Identità - Did
Il Disturbo Dissociativo dell’Identità rappresenterebbe l'esito di storie di violenza continua subite già nella primissima infanzia.

Stato Dissociativo

United States of Tara: il Disturbo Dissociativo di Identità sul grande schermo
Psicoterapia

United States of Tara: il Disturbo Dissociativo di Identità sul grande schermo
Il Disturbo Dissociativo dell'Identità proiettato sul grande schermo, un quadro patologico che scinde l'Io dominante e dà vita a personalità autonome

Trauma e dissociazione: Riflessioni Teoriche e Cliniche verso il DSM-5

Trauma e dissociazione: Riflessioni Teoriche e Cliniche verso il DSM-5
Correlazione tra traumi subiti in età evolutiva e l'insorgere di fenomeni di dissociazione. Lo stato della ricerca e il futuro DSM-5

Messaggio pubblicitario