Effetto McCollough: un gioco di linee che altera la percezione dei colori

Si tratta dell'effetto McCollough, un fenomeno umano in grado di alterare la percezione dei colori anche per lungo tempo - Psicologia

ID Articolo: 107487 - Pubblicato il: 04 marzo 2015
Effetto McCollough: un gioco di linee che altera la percezione dei colori
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

Si tratta di un esperimento che circola anche nel web, e si basa sulla percezione dei colori: se si fissano delle righe, orizzontali e verticali, per un certo lasso di tempo si altererà la visione dei colori, in alcuni casi fino a tre mesi (se i nostri occhi le guardano per almeno 15 minuti).

 

The McCollough effect is a phenomenon of human visual perception in which colorless gratings appear colored contingent on the orientation of the gratings. It is an aftereffect requiring a period of induction to produce it. For example, if someone alternately looks at a red horizontal grating and a green vertical grating for a few minutes, a black-and-white horizontal grating will then look greenish and a black-and-white vertical grating will then look pinkish. The effect is remarkable for often lasting an hour or more, and in some cases after prolonged exposure to the grids, the effect can last up to three and a half months. The effect was discovered by American psychologist Celeste McCollough in 1965. (Wikipedia)

VIDEO (In inglese)

Immagini che fanno impazzire il cervelloConsigliato dalla Redazione

È l’effetto McCollough, un “gioco” che altera la percezione dei colori (in certi casi anche a lungo) (…)

Tratto da: Linkiesta.it

 

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Ultimi articoli Gestalt

Livello filosofico e psicoterapeutico: un esempio su come possono interagire nella pratica clinica
Psicoterapia

Livello filosofico e psicoterapeutico: un esempio su come possono interagire nella pratica clinica

Facendo attenzione a non perdere di vista il fine terapeutico della psicoterapia, ciò che vogliamo proporre in questo articolo è un esempio di come filosofia e psicoterapia possano interagire tra loro. Marco Tarantino   Giorni fa Su State Of Mind è stato pubblicato un interessante articolo da Giovanni Maria Ruggiero e

Prendersi cura della morte psichica
Psicoterapia

Prendersi cura della morte psichica

La morte è un evento difficile da metabolizzare, solitamente non fa parte delle possibilità che contempliamo nella nostra professione, perché rischia di minare le convinzioni teoriche ed etiche di noi “professionisti” della salute mentale; tali convinzioni costituiscono il fondamento più o meno solido su cui poggia la fiducia nella propria

Le dimensioni esistenziali della Psicoterapia della Gestalt
Psicoterapia

Le dimensioni esistenziali della Psicoterapia della Gestalt

I concetti di totalità e individualità, di spazio e di tempo, di dicibile e indicibile, costituiscono le dimensioni fondanti in cui l’incontro terapeutico prende forma e sostanza.   Senza dubbio le sensazioni, le emozioni e i pensieri di coloro i quali abitano il setting, costituiscono lo sfondo dinamico in cui

La psicoterapia della Gestalt nel postmodernismo
Psicoterapia

La psicoterapia della Gestalt nel postmodernismo

Dal punto di vista clinico la consapevolezza per la psicoterapia della Gestalt è il principale strumento terapeutico. La consapevolezza è l’abilità di concentrarsi su ciò che esiste ed è attuale nel presente, ovvero l’essere in contatto con la propria esistenza. Roberto Minotti, Iolanda Gaudiosi   La Psicoterapia della Gestalt e l’importanza

Psicoterapia del trauma e pratica clinica. Corpo, neuroscienze e Gestalt – Recensione
Neuroscienze Psicoterapia

Psicoterapia del trauma e pratica clinica. Corpo, neuroscienze e Gestalt – Recensione

Il testo ruota intorno a tre perni: fenomenologia, teoria del campo e dialogo. I tre aspetti sono ben strutturati e metodologicamente spiegati dall’autrice la quale oltre che al bagaglio esperienziale e culturale del suo approccio terapeutico, si avvale anche degli influssi di varie epistemologie (psicoterapia sensomotoria, Daniel Siegel, Philip Bromberg).

Le strutture dinamiche relazionali – La Gestalt dialogica
Psicologia Psicoterapia

Le strutture dinamiche relazionali – La Gestalt dialogica

I flussi d’informazione psicobiologici scambiati durante la gravidanza trasmettono le “conoscenze” di base, con una modalità metabolica, ma anche simbolica (introiettiva). Il flusso dialogico attivo fin da subito, organizza le strutture mentali per lo sviluppo delle competenze relazionali, ciò che Ed Tronick chiama IRSS (Infant Regulatory Scoring System), ovvero l’espansione

Terapia della Gestalt e Gestalt Dialogica: il contatto è sufficiente a determinare il cambiamento della personalità?
Psicologia Psicoterapia

Terapia della Gestalt e Gestalt Dialogica: il contatto è sufficiente a determinare il cambiamento della personalità?

In questi ultimi anni, riesaminando la teoria della terapia della Gestalt, ci si è posti la domanda se un approccio stadiale fosse ancora contemporaneo e soprattutto se potesse rispondere alle seguenti istanze: il contatto è sufficiente a determinare il cambiamento e l’accrescimento della personalità umana? L’uomo è spirito. Ma che

Le illusioni percettive – Introduzione alla Psicologia
Psicologia

Le illusioni percettive – Introduzione alla Psicologia

Parliamo ancora di percezione, già trattata durante le scorse settimane, ma questa volta si rivolgerà particolare attenzione ai fenomeni della percezione errati o falsi: le illusioni percettive. INTRODUZIONE ALLA PSICOLOGIA RUBRICA DI DIVULGAZIONE SCIENTIFICA IN COLLABORAZIONE CON LA SIGMUND FREUD UNIVERSITY DI MILANO    Cos’è una illusione percettiva? Le illusioni sono esperienze

Teoria della Gestalt – Introduzione alla Psicologia
Psicologia

Teoria della Gestalt – Introduzione alla Psicologia

La teoria della Gestalt La scorsa settimana si è parlato di percezione. La percezione è definibile come quel processo per mezzo del quale riconosciamo, organizziamo e attribuiamo significato alle sensazioni che derivano dagli stimoli ambientali. Tra le diverse teorie elaborate in ambito percettivo, uno sguardo più attento deve essere rivolto alla

Aggressività e sessualità: il rapporto figura/sfondo tra dolore e piacere (2015) – Recensione
Psicologia

Aggressività e sessualità: il rapporto figura/sfondo tra dolore e piacere (2015) – Recensione

Questa opera a cura di Mariano Pizzimenti, si inserisce all’interno di una sempre più ampia cornice in cui la Psicoterapia della Gestalt dà un suo personale contributo allo sviluppo scientifico delle teorie psicologiche. La necessità sempre più impellente di analizzare le procedure terapeutiche e manualizzarne l’intervento attraverso uno scambio di

La Terapia Gestalt nelle disfunzionalità di coppia
Psicoterapia

La Terapia Gestalt nelle disfunzionalità di coppia

  Questo articolo vuole, nella sua brevità e semplicità, proseguire in questo processo motivato e creativo, proponendo di applicare la terapia Gestaltica in un campo tecnicamente complesso, terapeuticamente impegnativo e umanamente coinvolgente come la terapia di coppia. Introduzione La terapia della Gestalt nel corso degli ultimi due decenni ha progressivamente

Effetto McCollough: un gioco di linee che altera la percezione dei colori
Psicologia

Effetto McCollough: un gioco di linee che altera la percezione dei colori

Si tratta di un esperimento che circola anche nel web, e si basa sulla percezione dei colori: se si fissano delle righe, orizzontali e verticali, per un certo lasso di tempo si altererà la visione dei colori, in alcuni casi fino a tre mesi (se i nostri occhi le guardano

Illusioni ottiche: come gli occhi ingannano la nostra mente
Neuroscienze Psicologia

Illusioni ottiche: come gli occhi ingannano la nostra mente

Le illusioni ottiche sono la prova del fatto che la nostra mente sia portata a formarsi delle idee e delle ipotesi su come è organizzato il mondo e del come, a volte, i nostri occhi osservano ma la nostra mente può esserne ingannata. Nell’articolo consigliato potrete osservare una lista delle maggiori

Verso la neuroestetica: le premesse filosofico-psicologiche
Neuroscienze

Verso la neuroestetica: le premesse filosofico-psicologiche

Barbara Missana.     Neuroestetica –  “I segnali sensoriali non sono adatti a ottenere percezioni immediate e certe; cosicché per vedere gli oggetti si rende necessario che sia l’intelletto a formulare una serie di congetture”. DEFINIZIONE DI NEUROESTETICA SU PSICOPEDIA Sin dal passato l’uomo ha tentato di afferrare l’intima essenza di

Terapia di Gruppo: l’Approccio Gestaltico

Terapia di Gruppo: l’Approccio Gestaltico

Il gruppo si pone, in aggiunta al terapeuta e al cliente, come “terzo elemento” della relazione, rappresentando una risorsa ulteriore: permette ai partecipanti di osservare e comprendere meglio le proprie modalità relazionali in un contesto più ampio e complesso rispetto alla semplice interazione diadica col terapeuta.  LEGGI ANCHE ARTICOLI SU:

Brian Wilson e un Pericoloso Controtransfert Surf-Rock

Brian Wilson e un Pericoloso Controtransfert Surf-Rock

  God only knows what I’d be without you… God only knows, Beach Boys, 1968 Con Brian Wilson, in realtà, la tecnica utilizzata da Landy fu decisamente poco ortodossa: una terapia costante 24 ore su 24, che abbracciava “ogni aspetto fisico, psichico, personale, sociale e sessuale” della vita del musicista, che

L’ ombra dello Tsunami: Recensione di Lingiardi e De Bei

L’ ombra dello Tsunami: Recensione di Lingiardi e De Bei

di Vittorio Lingiardi e Francesco De Bei Recensione dell’ultimo libro di Philip M. Bromberg L’ ombra dello tsunami. La crescita della mente relazionale, edizione italiana e introduzione curate da Vittorio Lingiardi e Francesco De Bei.  IL LIBRO USCIRA’ IN LIBRERIA IL 18 LUGLIO 2012 SCARICA IL BOOKTRAILER L’ ombra dello tsunami

Arteterapia: teoria e prassi di un nuovo approccio psicoterapeutico integrato – parte II

Arteterapia: teoria e prassi di un nuovo approccio psicoterapeutico integrato – parte II

  Roberto Pasanisi Accademia di Belle Arti “Fidia”; CISAT, Centro Italiano Studi Arte-Terapia   Parte II: Prassi dell’Arteterapia Nella prassi dell’arteterapia (ART) si alternano a ‘sedute monotematiche’ ‘sedute a tema libero’: nelle prime il ‘soggetto tematico’ viene proposto dal terapeuta, con l’approvazione del gruppo; nelle sedute a tema libero il

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 1, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Messaggio pubblicitario