Story Editing – Le nostre preoccupazioni possono avere un lieto fine

Story Editing: lavorare (non rimuginare) alle preoccupazioni permette di vedere scenari alterantivi positivi e può aumentare il nostro benessere

ID Articolo: 38679 - Pubblicato il: 21 gennaio 2014
Messaggio pubblicitario SFU 2020

 

La Redazione di State of Mind consiglia la lettura di questo contenuto:

 

Non sempre è necessaria una psicoterapia per mettere in atto un cambiamento nella nostra storia o risolvere una preoccupazione. Il dott. Timothy D. Wilson, professore di Psicologia presso l’Università della Virginia, infatti ha studiato come applicare dei piccoli cambiamenti alle storie di vita o ai ricordi possa aiutare emotivamente. Questo processo è stato chiamato da lui Story Editing.

Ad esempio ha provato ad applicare questo processo con degli studenti del college che erano bloccati nel proseguimento degli studi.  Ha visto come cambiando la “loro storia” potesse portare maggior beneficio a livello psicologico nell’affrontare il loro percorso di studi. In particolare è andato a modificare la loro credenza (belief) che mai avrebbero ottenuto buoni risultati, con un pensiero più positivo ad esempio  “a chiunque può capitare di non riuscire in un primo momento“.

Il processo è molto simile a quello che avviene in psicoterapia, si introduce un pensiero/prospettiva o punto di vista diverso e ci si lavora per 45 minuti, così ad esempio ha fatto nel caso dei ragazzi del college, gli ha fatto leggere per 45 minuti account di ragazzi che avevano avuto un percorso simile ma con un risvolto positivo.

Il senso è proprio quello di cambiare il finale agendo su dei punti “critici” della storia, così una persona che ha un piccolo problema o preoccupazione  può ogni giorno scrivere per 15 minuti cosa lo preoccupa e vedere magari che guardandosi indietro forse non era così preoccupante.

Wilson ancora non si spiega perchè questa metodica funzioni, ma sicuramente sottolinea come questo metodo possa permettere alle persone di sbloccarsi e di guardare avanti modificando quello che credevano doloroso o difficoltoso nel passato.
Sicuramente non è paragonabile a una psicoterapia, ma può essere un utile input per vedere quali sono le difficoltà.

E forse può anche essere interessante vedere come cambiare personaggio della storia alle volte può essere utile per avere un punto di vista più funzionale.

 

Editing Your Life\’s Stories Can Create Happier EndingsConsigliato dalla Redazione

Writing about a troubling event and revising the story in a more positive light can improve life. (…)

Tratto da: NPR.org

 

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Articoli di State of Mind sulla Psicopatologia della Vita Quoditidiana

“Anno nuovo, vita nuova”: Capodanno e i propositi di cambiamento
Psicologia

“Anno nuovo, vita nuova”: Capodanno e i propositi di cambiamento

Spesso il giorno di Capodanno è visto come un’opportunità per fare il punto, per scegliere nuovi propositi e obiettivi per l’anno nuovo.   Cosa guida il nostro comportamento In psicologia e in psichiatria, il controllo intenzionale del comportamento è stato studiato spesso, in particolare per quanto riguarda le implicazioni sul

Psicologia a strappo (2021) di Luca Mazzucchelli – Recensione del libro
Psicologia

Psicologia a strappo (2021) di Luca Mazzucchelli – Recensione del libro

Il nuovo libro dello psicologo e psicoterapeuta Luca Mazzucchelli, Psicologia a strappo, è un’esperienza editoriale che diventa sensoriale, non solo al tatto e alla vista.   È possibile, infatti, strappare le pagine del testo e donare a sé stessi o agli altri uno dei suoi 60 pensieri. Una lettura che rientra

Mantenere la prestazione sotto pressione: gli stili di concentrazione di Nideffer
Psicologia

Mantenere la prestazione sotto pressione: gli stili di concentrazione di Nideffer

La relazione tra attenzione, concentrazione ed elaborazione delle informazioni è al centro della teoria nota come ‘Theory of Attentional and Interpersonal Style’ (Nideffer, 1976).   Nello studio, nel lavoro, nello sport e in genere in tutti gli ambiti in cui il fattore umano è determinante per la performance individuale o

‘Siamo solo dei fili d’erba’: la psicologia di Strappare lungo i bordi
Psicologia

‘Siamo solo dei fili d’erba’: la psicologia di Strappare lungo i bordi

Strappare lungo i bordi è una serie animata, creata da Zerocalcare, uscita nel 2021 sulla piattaforma Netflix.   Accanto a me c’è il mio amico armadillo immaginario, che facilita la comprensione dei miei pensieri ed elucubrazioni (Zerocalcare, La profezia dell’armadillo).  Strappare lungo i bordi sta riscuotendo un notevole successo sia

Il tempo siamo noi (2015) di Marc Wittmann – Recensione
Psicologia

Il tempo siamo noi (2015) di Marc Wittmann – Recensione

Il tempo siamo noi ci accompagna “passo passo” con studiata agilità presentandoci una visione moderna quanto complessa del senso del Tempo che ciascuno di noi possiede.   Il libro Il tempo siamo noi scritto da Marc Wittmann, esperto internazionale di psicologia del tempo che lavora all’Istituto di studi interdisciplinari di psicologia

Fuori o senza bordi – Riflessioni e significati della serie “Strappare Lungo i Bordi”
Attualità Psicologia

Fuori o senza bordi – Riflessioni e significati della serie “Strappare Lungo i Bordi”

Quante volte ci siamo chiesti se fosse davvero questo ciò che dovevamo aspettarci dalla vita, se abbiamo fatto tutto per ‘benino’, come se ci fosse una lista da seguire e delle spunte da mettere per ogni azione svolta. La serie Netflix Strappare lungo i bordi del fumettista romano Michele Rech

Perché ci piace guardare gli altri giocare: il caso degli esports – Psicologia Digitale
Psicologia

Perché ci piace guardare gli altri giocare: il caso degli esports – Psicologia Digitale

Milioni di persone sono appassionate di esports e seguono campionati e tornei sia dal vivo che in streaming. Quali sono le motivazioni di un fenomeno tanto diffuso? PSICOLOGIA DIGITALE – (Nr. 25) Perché ci piace guardare gli altri giocare: il caso degli esports   Cosa sono gli esports  Gli esports (anche

Preoccupazione ed umorismo: prendere la vita con leggerezza è davvero utile ad incrementare il benessere?
Psicologia

Preoccupazione ed umorismo: prendere la vita con leggerezza è davvero utile ad incrementare il benessere?

Diversi studi hanno dimostrato che le persone con un maggiore senso dell’umorismo presentano meno ansia e stress rispetto alle persone con un minore senso dell’umorismo (Kuiper, 2012).   L’umorismo è un costrutto multidimensionale che combina svariati aspetti, come abitudini comportamentali, abilità e competenze, un tratto di personalità e una strategia

Il concetto di valore nell’essere umano, una riflessione assiologica
Psicologia

Il concetto di valore nell’essere umano, una riflessione assiologica

Nel trattamento delle sindromi psicologiche molto spesso ci imbattiamo in convinzioni che riguardano il proprio valore o il valore degli altri.   Tali convinzioni risultano fondamentali nel mantenimento del disagio psichico in quanto definiscono in modo totale ed invasivo non solo l’efficacia di tutte le aree funzionali della persona, ma

Psicologia del denaro: esistono soldi zen? Pensieri limitanti sul connubio denaro-spiritualità
Psicologia

Psicologia del denaro: esistono soldi zen? Pensieri limitanti sul connubio denaro-spiritualità

È la psicologia del denaro ciò che determina la relazione con la ricchezza, la quale dipende in particolare dalle nostre credenze.   Adriano Tilgher, giornalista e pubblicista dei primi del ‘900, nel suo saggio Homo Faber, scrive: ‘‘È facile deridere l’imprenditore o l’uomo d’affari, che da mane a sera si

L’incertezza è zen
 (2021) di Carlo Tetsugen Serra – Recensione
Psicologia

L’incertezza è zen
 (2021) di Carlo Tetsugen Serra – Recensione

Il testo L’incertezza è zen descrive l’impermanenza delle situazioni che si presentano nella quotidianità e può aiutare a comprendere l’incertezza che caratterizza l’esistenza.   Ai giorni nostri infatti l’incertezza permea l’esistenza con continui, repentini e imprevedibili cambiamenti. È un’epoca che richiede una grande “agilità”, la nostra: la capacità di adattarsi

Cosa ci piace così tanto dei social network – Psicologia Digitale
Attualità Psicologia

Cosa ci piace così tanto dei social network – Psicologia Digitale

Il rapporto tra noi ed i social network non è a senso unico: non solo le nostre caratteristiche ma anche le loro specificità ci influenzano. PSICOLOGIA DIGITALE – (Nr. 24) Cosa ci piace così tanto dei social network   Perché le persone utilizzano i social network  Per avere una stima

Sticazzi, la suprema via della leggerezza – Recensione del libro
Psicologia

Sticazzi, la suprema via della leggerezza – Recensione del libro

In un testo sincero ed aperto, l’autore ci espone la sua personale filosofia di vita. Non delle più bon ton, il mantra dello “sticazzi” diventa un refrain liberatorio ed emancipante.   Sono molte le barriere che una società, specialmente una da sempre avversa al rischio come quella italiana, impone ai

Quando la malattia mentale colpisce gli psicoterapeuti: un limite o una risorsa?
Psicologia Psicoterapia

Quando la malattia mentale colpisce gli psicoterapeuti: un limite o una risorsa?

La malattia mentale, al pari di qualsiasi altra forma di malattia, può colpire chiunque, compresi i professionisti della salute mentale.   Prevalenza della malattia mentale tra i terapeuti Tuttavia, pochi studi si sono proposti di valutare la prevalenza delle diagnosi di malattia mentale tra i terapeuti, ma gli attuali dati

Tè, cacao, caffè e disturbi affettivi
Psicologia

Tè, cacao, caffè e disturbi affettivi

García-Blanco et al. (2017) hanno effettuato una revisione sistematica della letteratura esaminando il ruolo di tè, cacao e caffè in relazione all’ansia e ai disturbi affettivi come la depressione.   Solo nei paesi dell’unione europea, 21 milioni di persone soffrono di depressione e l’80% circa sono uomini (Vigo et al.,

L’arte dell’essere imperfetti: onore agli errori e agli sbagli
Psicologia

L’arte dell’essere imperfetti: onore agli errori e agli sbagli

L’assenza di errori non è desiderabile: il perfezionismo patologico, infatti, è come un tarlo che deteriora la salute mentale.   Come mai, se sbagliando si impara, si cerca di evitare gli errori? Sarà forse perché, fin da piccoli, si ricevono messaggi che, implicitamente o esplicitamente, suggeriscono che sbagliare è sbagliato?

La moglie di Darwin -L’arte di prendere decisioni lungimiranti (2021) di Steven Johnson – Recensione
Psicologia

La moglie di Darwin -L’arte di prendere decisioni lungimiranti (2021) di Steven Johnson – Recensione

“Esiste un’abilità più importante di quella di compiere scelte difficili?” Questo è il quesito posto da Steven Johnson nel libro La moglie di Darwin.   Dan e Chip Heath, autori del libro Decisive, fanno notare che “La gran parte delle organizzazioni sembra seguire lo stesso processo decisionale di un adolescente

La solitudine che è in noi: un’esperienza esistenziale di profonda libertà e potenziale creativo
Psicologia Psicoterapia

La solitudine che è in noi: un’esperienza esistenziale di profonda libertà e potenziale creativo

Gli individui sono spesso isolati dagli altri o da parti di loro stessi, ma ciò non va confuso con la solitudine esistenziale. Essa si riferisce ad un abisso incolmabile tra un individuo e ogni altro essere, ma anche ad un isolamento più fondamentale, una separazione tra l’individuo e il mondo.

Tempo lib(e)ro che promuove benessere
Psicologia

Tempo lib(e)ro che promuove benessere

Alcuni studi considerano identificazione e catarsi due fasi delle dinamiche della biblioterapia, cui fa seguito, come terza fase, il meccanismo psicologico dell’introspezione.   La biblioterapia, ossia la terapia attraverso la lettura di testi letterari, di saggistica, di auto-aiuto, rappresenta uno strumento relazionale (di supporto al piano terapeutico di base) e

10.000 passi al giorno a beneficio della salute mentale
Psicologia

10.000 passi al giorno a beneficio della salute mentale

A partire dalle evidenze dei miglioramenti fisici associati all’attività fisica, e nello specifico al percorrere 10.000 passi giornalieri, l’indagine di Hallam et al. (2018) ne ha valutato l’impatto sui fattori psicologici quali benessere, stress, ansia e depressione.   Si prevede che entro il 2030, la malattia mentale impatterà globalmente a

State of Mind © 2011-2022 Riproduzione riservata.

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Messaggio pubblicitario