Messaggio pubblicitario

Autocontrollo e rischio obesità nei bambini: quale differenza tra maschi e femmine

Obesità e autocontrollo nei bambini: un recente studio della Ohio University ha cercato di capire se e come l'autoregolazione incide nello sviluppo di obesità nei bambini. I risultati mostrano differenze tra maschi e femmine circa il ruolo dell'autocontrollo.

ID Articolo: 156718 - Pubblicato il: 30 luglio 2018
Autocontrollo e rischio obesità nei bambini: quale differenza tra maschi e femmine
Condividi

Un nuovo studio della Ohio State University, pubblicato sulla rivista Jama Pediatrics, ha rilevato che un maggiore autocontrollo nelle bambine non necessariamente riduce il rischio di obesità.

Lucia Marangia

 

L’autoregolazione è un importante processo di sviluppo per i bambini; inoltre può essere legata ad un rischio minore di obesità nei maschi più che nelle femmine.

Lo studio sull’obesità nei bambini

Messaggio pubblicitario Lo studio ha analizzato i dati di un campione rappresentativo a livello nazionale di 6.400 bambini statunitensi nati nel 2001, per vedere se la capacità di auto-regolarsi quando avevano 2 anni era associata al rischio di obesità qualche anno dopo. I dati provengono dal National Center Education Statistics.

L’autoregolazione è stata misurata utilizzando una valutazione di quattro fasi, che ha esaminato nei bambini

  • l’adattabilità
  • la persistenza
  • l’attenzione
  • la tolleranza alla frustrazione.

Obesità e autocontrollo: le differenze tra maschi e femmine

Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA Quando i ricercatori hanno analizzato i dati, dove dividevano i bambini in gruppi che andavano da “meno regolamentati” a “più regolamentati”, hanno scoperto che le bambine a 5 anni, sia che avessero un maggiore o minore autocontrollo, avevano maggiori probabilità di essere obese all’età della scuola materna, rispetto alle coetanee “posizionatesi” nelle categorie intermedie di autocontrollo. Nei maschi invece quelli con più autocontrollo avevano effettivamente meno probabilità di avere dei chili di troppo.

Come ha sostenuto Anderson

questo studio porta a pensare a come i bambini possano reagire in modo diverso ai messaggi e alle aspettative a seconda che siano maschi o femmine, bisognerebbe iniziare ad essere cauti nell’assumere che gli aumenti nell’autoregolamentazione siano ottimali per tutti

I ricercatori dello studio hanno sostenuto che serve molto impegno per promuovere l’autoregolazione nei bambini, come la prevenzione dell’obesità e una migliore preparazione scolastica.

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 3, media: 5,00 su 5)

Bibliografia

State of Mind © 2011-2018 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA 2 - footer right

Si parla di

Diventare Psicoterapeuta

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Università e centri di ricerca

Riviste scientifiche

Categorie