Messaggio pubblicitario

Lucia Marangia

Leggi tutti gli articoli di Lucia Marangia
Condividi

Contatti

Articoli di Lucia Marangia

I bambini di pochi mesi non sanno parlare, ma sanno ragionare
Neuroscienze Psicologia

I bambini di pochi mesi non sanno parlare, ma sanno ragionare

Secondo un recente studio, i bambini di pochi mesi anche se non sanno parlare, sono in grado di fare deduzioni e compiere alcuni tipi di ragionamento logico

Fumo di sigaretta: danneggia i figli attraverso modificazioni epigenetiche
Neuroscienze Psicologia

Fumo di sigaretta: danneggia i figli attraverso modificazioni epigenetiche

Fumo di sigaretta: i ricercatori della Florida State University di Tallahassee hanno indagato come i danni del fumo passino di padre in figlio. Hanno scoperto che le modificazioni epigenetiche che i padri fumatori trasmettono ai figli sarebbero le responsabili dei danni, anche cognitivi, alla progenie

Altruismo nei bambini: la sensibilità ai volti che esprimono paura sarebbe predittore di comportamenti prosociali
Psicologia

Altruismo nei bambini: la sensibilità ai volti che esprimono paura sarebbe predittore di comportamenti prosociali

Altruismo: uno studio pubblicato su PLOS Biology e condotto su bambini di 7 mesi, rivela che sembra esserci una connessione tra sensibilità dei piccoli ai volti che esprimono paura e sviluppo di un atteggiamento più altruistico nei mesi successivi

Dieta in gravidanza: mangiare pesce grasso migliorerebbe lo sviluppo celebrale del neonato
Neuroscienze

Dieta in gravidanza: mangiare pesce grasso migliorerebbe lo sviluppo celebrale del neonato

Secondo un recente studio condotto nell’Università di Turku, regolare la dieta in gravidanza, consumando più pesce grasso e acidi grassi polinsaturi, contribuirebbe allo sviluppo cerebrale del neonato e ad altre importanti funzioni fondamentali come la vista. Specialmente se assunto negli ultimi mesi

I pazienti con sindrome ADHD avrebbero un rischio maggiore di sviluppare il morbo di Parkinson
Neuroscienze Psicologia

I pazienti con sindrome ADHD avrebbero un rischio maggiore di sviluppare il morbo di Parkinson

Pazienti con ADHD sembrano avere più del doppio delle probabilità di sviluppare malattie a insorgenza precoce come il Parkinson rispetto a persone senza ADHD. Tale rischio aumenta ancora di più per quei pazienti con ADHD che hanno assunto farmaci stimolanti come metilfenidato sali di anfetamina misti e dexmetilfenidato

ADHD e instabilità emotiva: cosa ci dice il nostro cervello a riguardo?
Neuroscienze Psicologia

ADHD  e instabilità emotiva: cosa ci dice il nostro cervello a riguardo?

Le persone affette da ADHD hanno diverse difficoltà nella gestione delle risposte emotive, con risposte caotiche, ansia e depressione. L’interesse per tale dimensione del disturbo ha portato negli anni a scoprire che esistono alcune aree cerebrali alterate che potrebbero essere direttamente implicate in tali aspetti

Pet therapy e ADHD: quando la vicinanza di un animale domestico può avere effetti benefici
Psicologia Psicoterapia

Pet therapy e ADHD: quando la vicinanza di un animale domestico può avere effetti benefici

Seguire un percorso di psicoterapia che include attività di pet therapy porta notevoli vantaggi nel trattamento del disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) permettendo un miglioramento più veloce grazie ad una riduzione della disattenzione e un miglioramento delle abilità sociali.

Autocontrollo e rischio obesità nei bambini: quale differenza tra maschi e femmine
Psicologia

Autocontrollo e rischio obesità nei bambini: quale differenza tra maschi e femmine

Obesità e autocontrollo nei bambini: un recente studio della Ohio University ha cercato di capire se e come l’autoregolazione incide nello sviluppo di obesità nei bambini. I risultati mostrano differenze tra maschi e femmine circa il ruolo dell’autocontrollo.

Alzheimer: obesità e invecchiamento in che modo contribuiscono all’insorgenza del morbo?
Neuroscienze

Alzheimer: obesità e  invecchiamento in che modo contribuiscono all’insorgenza del morbo?

Il morbo di Alzheimer è la forma più comune di demenza. Tra i principali fattori di rischio ritroviamo l’invecchiamento. Oltre a ciò, alcuni studi suggeriscono che anche l’obesità legata all’alimentazione possa essere collegata al suo manifestarsi aggravando gli effetti dell’invecchiamento.

La rabbia: una delle caratteristiche dei disturbi dell’umore post-partum
Psicologia

La rabbia: una delle caratteristiche dei disturbi dell’umore post-partum

La rabbia è un’emozione che può insorgere nel periodo post-partum ma che può essere difficilmente accettata e riconosciuta anche a livello sociale. Secondo i ricercatori però è importante monitorarla, al pari di altre emozioni, per il benessere di madre e figlio

La separazione madre-bambino causa vulnerabilità neurobiologica in età adulta
Psicologia

La separazione madre-bambino causa vulnerabilità neurobiologica in età adulta

Un recente studio conferma che il distacco dalla madre e l’assenza del sostegno materno nella prima infanzia può avere numerose conseguenze fisiologiche e comportamentali sullo sviluppo del bambino che possono contribuire a un modello di vulnerabilità complesso e mutevole nel corso della vita.

L’umore depresso delle mamme può indurre disturbi del sonno nei bambini
Psicologia

L’umore depresso delle mamme può indurre disturbi del sonno nei bambini

Le emozioni che le madri sperimentano durante la gravidanza possono influire in maniera significativa sul comportamento del bambino ed in particolare sembrano influenzare la qualità del sonno. Nello specifico, bambini con madri che manifestano un umore maggiormente depresso soffrono di più di disturbi del sonno.

Genitori critici: il cervello dei bambini risponde diversamente agli stimoli emotivi
Neuroscienze Psicologia

Genitori critici: il cervello dei bambini risponde diversamente agli stimoli emotivi

Secondo un recente studio della Binghamton University State di New York, i figli di genitori molto critici mostrano meno attenzione alle emozioni espresse e comunicate attraverso le espressioni facciali. Ciò influenzerebbe le loro relazioni sociali e sembra essere legato a un maggiore rischio di sintomi psicopatologici

L’educazione alimentare basata sulla percezione sensoriale stimola i bambini a mangiare frutta e verdura
Psicologia

L’educazione alimentare basata sulla percezione sensoriale stimola i bambini a mangiare frutta e verdura

L’educazione alimentare basata sulla percezione sensoriale sembra promuovere una certa disponibilità e predisposizione nello scegliere alimenti più sani nei bambini, come frutta e verdura. Nell’approccio a cibi nuovi i bambini acquisiscono un ruolo attivo di scoperta attraverso l’uso di tutti i cinque sensi.

L’obesità precoce influisce sull’apprendimento e sulla memoria dei bambini
Neuroscienze Psicologia

L’obesità precoce influisce sull’apprendimento e sulla memoria dei bambini

Secondo un recente studio condotto su 233 bambini, l’obesità infantile influenzerebbe l’ apprendimento e la memoria dei più piccoli.

La depressione maschile e l’uso dei farmaci nelle donne possono ridurre le possibilità di avere un figlio in coppie non fertili
Psicologia

La depressione maschile e l’uso dei farmaci nelle donne possono ridurre le possibilità di avere un figlio in coppie non fertili

L’uso di farmaci e antidepressivi nelle donne sembra correlare positivamente con la frequenza di episodi di interruzione spontanea di gravidanza nel primo trimestre. La depressione maschile inoltre sembrerebbe legata a una minore probabilità di concepire un figlio.

I bambini preferiscono ascoltare la voce dei loro simili
Psicologia

I bambini preferiscono ascoltare la voce dei loro simili

Secondo una recente ricerca i bambini preferiscono ascoltare le voci dei loro coetanei. I ricercatori ipotizzano anche che i suoni della voce dei coetanei siano ascoltati con più interesse dai neonati in quanto suoni che anche loro potrebbero emettere

Ascoltare la musica insieme migliora la relazione futura con i propri figli
Psicologia

Ascoltare la musica insieme migliora la relazione futura con i propri figli

Le esperienze musicali condivise tra genitori e figli, a qualsiasi età, sono state associate ad una migliore percezione della qualità del rapporto genitore-figlio nella giovane età adulta. Ciò dipende dalla possibilità di fare esperienza di una maggiore sincronizzazione e condivisione delle proprie emozioni.

Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Diventare Psicoterapeuta

Messaggio pubblicitario