Centri Clinici

Altruismo nei bambini: la sensibilità ai volti che esprimono paura sarebbe predittore di comportamenti prosociali

Altruismo: uno studio pubblicato su PLOS Biology e condotto su bambini di 7 mesi, rivela che sembra esserci una connessione tra sensibilità dei piccoli ai volti che esprimono paura e sviluppo di un atteggiamento più altruistico nei mesi successivi

ID Articolo: 158520 - Pubblicato il: 15 ottobre 2018
Altruismo nei bambini: la sensibilità ai volti che esprimono paura sarebbe predittore di comportamenti prosociali
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista PLOS Biology, da Tobias Grossman e colleghi della University of Virginia, l’attenzione dei bambini rivolta ai volti impauriti predispone all’ altruismo.

 

Altruismo e comportamenti derivati, come aiutare una persona sconosciuta che ne ha bisogno, sono considerati una caratteristica chiave della cooperazione nelle società umane.

Messaggio pubblicitario

Altruismo e sensibilità ai volti che esprimono paura

La nostra propensione a impegnarci nel compiere gesti di altruismo varia considerevolmente da persona a persona: troviamo donatori straordinariamente altruisti e persone altamente antisociali.

Precedenti studi hanno suggerito che una maggiore sensibilità ai volti impauriti è correlata ad alti livelli di comportamento pro-sociale, che possono essere già visti nei bambini in età prescolare. Esaminare la capacità di rispondere ai volti che esprimono paura e la loro variabilità all’inizio dello sviluppo umano rappresenta un’occasione unica per far luce sui precursori del comportamento altruistico.

Messaggio pubblicitario

Altruismo: la sensibilità ai volti impauriti ne sarebbe un predittore

Per affrontare questo problema Grossmann e colleghi hanno monitorato i movimenti oculari per analizzare la capacità di reagire nel vedere gli altri in difficoltà (mostrando volti che esprimevano paura). Le risposte misurate durante la visualizzazione di volti spaventati a 7 mesi di età erano segnali che predicevano il comportamento altruistico a 14 mesi (periodo in cui, secondo i ricercatori, è possibile vedere per la prima volta il comportamento prosociale).

Lo studio ha confermato che il comportamento di altruismo nei bambini piccoli era previsto dall’attenzione dei bambini ai volti impauriti ma non ai volti felici o arrabbiati.

Secondo gli autori, sin dall’inizio dello sviluppo, la variabilità del comportamento di aiuto altruistico è legata alla nostra capacità di rispondere quando vediamo gli altri in difficoltà e ai processi cerebrali implicati nel controllo dell’attenzione.

VOTA L'ARTICOLO
(Nessun voto)

Consigliato dalla redazione

Fotolia_83694655_Altruismo in età prescolare & status economico della famiglia d'origine: quale relazione?

L'altruismo nei bambini di buona famiglia

Uno studio dimostra che i bambini in età prescolare, provenienti da famiglie benestanti, si comportano in modo meno caritatevole, rispetto agli altri.

Bibliografia

State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Sono citati nel testo

Università e centri di ricerca

Riviste scientifiche

Categorie

Messaggio pubblicitario