La dieta MIND che rallenta il declino cognitivo

E' stato dimostrato che la dieta MIND può aiutare a rallentare notevolmente il declino cognitivo nei pazienti che hanno avuto un ictus.

ID Articolo: 151737 - Pubblicato il: 07 febbraio 2018
La dieta MIND che rallenta il declino cognitivo
Messaggio pubblicitario SFU BANNE MAGISTRALE 2018-03
Condividi

Alcuni ricercatori del Rush University Medical Center hanno creato una dieta, chiamata dieta MIND che può aiutare a rallentare notevolmente il declino cognitivo nei pazienti che hanno avuto un ictus, secondo una ricerca preliminare presentata il 25 gennaio all’Aternational Stroke Conference 2018 dell’American Stroke Association a Los Angeles. I risultati sono significativi perché i pazienti post-stroke hanno il doppio delle probabilità di sviluppare demenza rispetto alla popolazione generale.

 

I benefici della dieta MIND

Messaggio pubblicitario La dieta, nota come dieta MIND, è l’abbreviazione di Mediterranean DASH Diet Intervention per il Ritardo Neurodegenerativo. La dieta è un ibrido tra le diete mediterranee e DASH (Dietary Approaches to Stop Hypertension). Entrambe sono state utilizzate per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari come ipertensione, infarto e ictus.

“Gli alimenti che promuovono la salute del cervello, come verdura, bacche, pesce e olio d’oliva, sono inclusi nella dieta MIND“, ha detto il dottor Laurel J. Cherian, neurologo vascolare e assistente professore nel Dipartimento di Scienze Neurologiche di Rush. “Abbiamo scoperto che ha il potenziale per aiutare a rallentare il declino cognitivo nei sopravvissuti all’ictus“.

Lo studio ha valutato la funzione cognitiva dei sopravvissuti, monitorando le loro diete.

La coautrice dello studio Martha Clare Morris, ScD, nutrizionista di Rush, e i suoi colleghi hanno sviluppato la dieta MIND sulla base di informazioni ricavate da anni di ricerche su alimenti e sostanze nutritive che hanno effetti positivi e negativi sul funzionamento del cervello. La dieta è risultata utile riducendo il rischio di declino cognitivo negli anziani che hanno aderito. Anche le persone che aderivano con poca costanza hanno ridotto il rischio di declino cognitivo.

In cosa consiste la dieta MIND

Per aderire e beneficiare della dieta MIND, una persona avrebbe bisogno di mangiare almeno tre porzioni di cereali integrali, una verdura a foglia verde e un altro vegetale ogni giorno – insieme a un bicchiere di vino – snack quasi tutti i giorni a base di noci, mangiare fagioli ogni due giorni circa, mangiare pollame e frutti di bosco almeno due volte a settimana e pesce almeno una volta alla settimana. La dieta specifica limita inoltre l’assunzione di cibi malsani, limitando il burro a meno di 1, 1/2 cucchiaini al giorno e mangiando meno di cinque porzioni alla settimana di dolci e pasticcini e meno di una porzione alla settimana di formaggio grasso intero, e fritto o fast food.

Sono stato davvero incuriosito dai risultati di un precedente studio MIND, che ha dimostrato che le persone che erano più aderenti alla dieta MIND funzionavano cognitivamente come se fossero 7,5 anni più giovani del gruppo meno aderente“, ha detto Cherian. “Mi sono chiesto se quei risultati fossero validi per i sopravvissuti all’ictus, che hanno il doppio delle probabilità di sviluppare demenza rispetto alla popolazione generale“.

Dal 2004 al 2017, Cherian e colleghi hanno studiato 106 partecipanti al progetto Rush Memory and Ageing che hanno avuto una storia di ictus con conseguente declino cognitivo. Hanno valutato le persone nello studio ogni anno fino alla loro morte o alla conclusione dello studio e hanno monitorato le abitudini alimentari dei pazienti.
I ricercatori hanno raggruppato i partecipanti in coloro che erano altamente aderenti alla dieta MIND, moderatamente aderenti e meno aderenti. Hanno inoltre esaminato ulteriori fattori noti per influenzare le prestazioni cognitive, tra cui età, sesso, livello di istruzione, partecipazione ad attività cognitivamente stimolanti, attività fisica, fumo e predisposizioni genetiche.

I partecipanti allo studio le cui diete hanno ottenuto il punteggio più alto nel punteggio di dieta MIND hanno registrato un tasso di declino cognitivo sostanzialmente più lento rispetto a quelli che hanno ottenuto il punteggio più basso. L’effetto stimato della dieta è rimasto alto anche dopo aver preso in considerazione il livello di istruzione dei partecipanti e la partecipazione alle attività stimolanti dal punto di vista cognitivo e fisico.

Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA Secondo Cherian, anche studi precedenti hanno scoperto che folati, vitamina E, acidi grassi omega-3, carotenoidi e flavonoidi sono associati a tassi più lenti di declino cognitivo, mentre sostanze come i grassi saturi e idrogenati sono state associate a un maggior rischio di demenza.

Il nostro studio suggerisce che se scegliamo i cibi giusti, potremmo essere in grado di proteggere i pazienti che hanno avuto un ictus dal declino cognitivo“. Cherian avverte, tuttavia, che lo studio è stato osservativo, con un numero relativamente piccolo di partecipanti, e le sue scoperte non possono essere interpretate in una relazione di causa-effetto.

Questo è uno studio preliminare che si spera possa essere confermato da altri studi”, dice. “Per ora, penso che ci siano abbastanza informazioni per incoraggiare i pazienti colpiti da ictus a vedere il cibo come uno strumento importante per ottimizzare il loro funzionamento cognitivo e cerebrale“.

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

Rischio Demenza Alimentazione sana, attività fisica e allenamento mentale rallentano il declino cognitivo - Immagine: 61417135

Alimentazione sana, attività fisica e allenamento mentale rallentano il declino cognitivo

Alimentazione sana, attività fisica ed allenamento mentale sembrano rallentare il declino cognitivo nei soggetti anziani a rischio di demenza

Bibliografia

State of Mind © 2011-2018 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA 2 - footer right

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Università e centri di ricerca

Categorie