Messaggio pubblicitario ISC - Workshop Janina Fisher - fino al 28 febbraio

Miglioramento del pensiero innovativo e della connettività cerebrale attraverso un training cognitivo strategico

Un nuovo studio pilota ha messo in luce come uno specifico training cognitivo favorirebbe un miglioramento del pensiero innovativo nelle persone anziane

ID Articolo: 150195 - Pubblicato il: 05 dicembre 2017
Miglioramento del pensiero innovativo e della connettività cerebrale attraverso un training cognitivo strategico
Messaggio pubblicitario SFU MAGISTRALE 09-2017 2
Condividi

Il pensiero innovativo o cognizione innovativa viene definito come un dominio cognitivo caratterizzato da adattabilità e flessibilità di pensiero che influisce sulla vita decisionale, sulla resilienza e sul benessere psicologico; è ampiamente riconosciuta come una capacità vitale caratterizzata da un tipo di pensiero adattivo e flessibile.

Giorgia Di Franco

 

Interventi non invasivi, come un training cognitivo o l’esercizio fisico, sono sempre più gettonati tra i modi per incrementare e allenare le funzioni cognitive e cerebrali durante tutto il corso della vita. Uno degli aspetti più fondamentali ma poco studiati della cognizione umana è il pensiero innovativo, specialmente negli anziani –  sostiene la Dr.ssa Sandra Bond Chapman neuroscienziata cognitiva e fondatrice del Center for Brain Health dell’Università del Texas a Dallas.

Messaggio pubblicitario Il pensiero innovativo o cognizione innovativa viene definito definito come un dominio cognitivo caratterizzato da adattabilità e flessibilità di pensiero che influisce sulla vita decisionale, sulla resilienza e sul benessere psicologico; è ampiamente riconosciuta come una capacità vitale caratterizzata da un tipo di pensiero adattivo e flessibile (Chapman et al., 2017). Il pensiero innovativo può essere una capacità cognitiva fondamentale e una funzione cerebrale che consente di rispondere in modo efficace a richieste di vita impegnative e in costante cambiamento (Saggar et al., 2016).

Il pensiero innovativo negli anziani: migliorarlo attraverso un training cognitivo

In un nuovo studio pilota, pubblicato recentemente in Frontiers in Aging Neuroscience, la neuroscienziata cognitiva Sandra Bond Chapman e il suo team hanno provato a dimostrare come uno specifico training cognitivo può favorire un miglioramento del pensiero innovativo nelle persone anziane.

La ricerca è stata condotta in adulti in salute con un’età compresa tra i 56 e i 75 anni e per misurare la cognizione innovativa i ricercatori si sono avvalsi della capacità quantitativa e qualitativa di differenti livelli di interpretazioni astratte nelle diverse fasi del training esaminando al contempo i cambiamenti cerebrali attraverso la tecnica della risonanza magnetica funzionale (fMRI) nelle aree che interessano la default mode network e la rete dell’esecutivo centrale.

In questo caso i ricercatori hanno condotto uno studio randomizzato, analizzando e comparando sia gli effetti dello SMART program (Chapman et al., 2017) sia dell’esercizio aerobico, conosciuto come salutare per il benessere mentale, sul pensiero innovativo dei soggetti sottoposti al training.

Lo SMART program, nello specifico sarebbe l’acronimo di Strategic Memory Advanced Reasoning Training, letteralmente tradotto come training di memoria strategica e ragionamento avanzato, il quale è stato sviluppato al Center for BrainHealth di Dallas e si focalizza sull’apprendimento di strategie che favoriscono l’attenzione, il ragionamento e la prospettiva generale.

Questo studio rivela che il training cognitivo può essere di aiuto per accrescere le capacità cognitive e costruire la resilienza contro il declino nel benessere delle persone adulte – sostiene la neuroscienziata Chapman.

Ogni gruppo è stato sottoposto al training tre ore a settimana per dodici settimane e i partecipanti sono stati valutati tre volte durante tutto il periodo del training – una fase di baseline, una centrale e una finale –  per verificare i cambiamenti e l’incremento delle attività cerebrali nelle aree interessate e le capacità di diversi livelli di interpretazione astratta.

Oltre a valutare gli effetti del training cognitivo, questo studio provvede anche a testare l’affidabilità dello strumento che valuta la cognizione innovativa, la quale è stata sempre relativamente ignorata a causa della complessità del pensiero innovativo – sostiene la Chapman.

Messaggio pubblicitario In relazione ai risultati, i componenti del gruppo sottoposto allo SMART program (SMART) hanno mostrato un incremento del 27% sulla performance del pensiero innovativo migliore dalla fase baseline alla fase finale del training cognitivo. Invece, il gruppo sottoposto ad esercizio fisico non mostra miglioramenti.

Questi risultati positivi nel gruppo sottoposto al training cognitivo sono sostenuti dalla fMRI, attraverso la quale è stato possibile individuare un incremento della connettività tra le cellule del cervello nelle aree che interessano l’ esecutivo centrale. E’ possibile, quindi, vedere come questa alta attività nella rete dell’esecutivo centrale corrisponda un miglioramento della cognizione innovativa.

I progressi nel campo del fMRI ci permettono di misurare i differenti aspetti delle funzioni del cervello – dice il Dr. Sina Aslan, specialista della fRMI al Center for BrainHealth.

Questi risultati suggeriscono che essere mentalmente attivi non solo mitiga il declino cognitivo, ma ha anche il potenziale di “rinvigorire” il pensiero innovativo, il quale è tipicamente perso con l’età.

La neuroscienziata Chapman si dichiara incoraggiata dai risultati ottenuti e conclude sostenendo che:

Il training di ragionamento offre un intervento promettente ed economicamente vantaggioso per migliorare la cognizione innovativa, una delle capacità più preziose e fruttuose della mente umana a qualsiasi età.

 

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 4, media: 5,00 su 5)

Articolo consigliato dall'autore

Danza un'attività fisica che contrasta l'invecchiamento cerebrale

La danza come rimedio all’invecchiamento cerebrale

E' stato dimostrato che la danza è un'attività fisica che consente di prevenire l'invecchiamento cerebrale e di mantenere un buon equilibrio.

Bibliografia

State of Mind © 2011-2017 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario SCUOLA DI PSICOTERAPIA
Messaggio pubblicitario centro psicoterapia

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Sono citati nel testo

Università e centri di ricerca

Categorie