Messaggio pubblicitario

Schizofrenia

Che cos'è la schizofrenia, quali i sintomi e le caratteristiche. La diagnosi di schizofrenia e i principali trattamenti farmacologici e psicoterapici

Leggi tutti gli articoli che parlano di Schizofrenia
Condividi

SCHIZOFRENIA - Immagine: 59773184

Schizofrenia: definizione e inquadramento diagnostico

Il termine schizofrenia (dal tedesco schizophrenie, comp. di schizo- dal greco σχιζο ‘separare/scindere’ e –phrenie dal greco ϕρενία che significa ‘mente’) indica un disturbo psichico che comporta disfunzioni cognitive, comportamentali ed emotive. Ne è colpito circa l’1,1% della popolazione sopra i 18 anni e sembra trarre origine sia da fattori genetici che ambientali.

Differentemente da quanto il termine farebbe pensare (letteralmente “mente divisa”), la schizofrenia non implica alcuna “doppia personalità” (come nel disturbo dissociativo dell’identità) ma è caratterizzata, secondo i criteri del DSM-5, da almeno due sei seguenti sintomi, ciascuno presente per una parte di tempo significativa durante un periodo di un mese: deliri, allucinazioni, eloquio disorganizzato (es: frequente deragliamento o incoerenza), comportamento grossolanamente organizzato o catatonico e sintomi negativi (ad es: diminuzione dell’espressione delle emozioni e abulia).

 

Diagnosi di schizofrenia

Inoltre, il manuale stabilisce che, per fare diagnosi di schizofrenia, almeno uno di questi due sintomi debba essere un delirio, un’allucinazione o l’eloquio disorganizzato e che il livello di funzionamento in una o più delle aree principali (es: lavoro, relazioni interpersonali e la cura di sé) debba risultare marcatamente al di sotto del livello raggiunto prima dell’esordio. In aggiunta, i segni del disturbo devono persistere per almeno 6 mesi (anche se questo lasso di tempo può comprendere periodi di sintomi prodromici o residui), di cui 1 mese di sintomi sopracitati (American Psychiatric Association, 2013).

Schizofrenia: storia del termine

Sebbene descrizioni di sindromi simili alla schizofrenia compaiano già prima del XIX secolo, i primi casi riportati dalla letteratura medica risalgono al 1809, all’interno delle pubblicazioni di Philippe Pinel. Il termine schizofrenia è stato coniato da Eugen Bleuler nel 1908, il quale inizialmente descrisse i suoi sintomi come le “quattro A”: appiattimento dell’Affetto, Autismo, Associazione ridotta di idee e Ambivalenza.

Messaggio pubblicitario Emil Kraepelin, aveva classificato la schizofrenia come “demenza precoce”, in quanto si manifestava anche nei più giovani a differenza delle già note demenze, e aveva osservato nei suoi pazienti la perdita dell’unità del pensiero, del sentire e dell’agire, l’appassimento dei sentimenti più elevati, molteplici e peculiari disturbi della volontà, deliri di perdita della libertà psichica e di influenzamento e, infine, disintegrazione della personalità, mentre le conoscenze acquisite e le capacità semplici restano relativamente integre.

Bleuler, invece, non concepiva questa sindrome come una demenza, poiché i suoi pazienti che ne erano affetti, se adeguatamente trattati, tendevano a migliorare e non a peggiorare nel tempo, quindi coniò un termine a sé stante, “schizofrenia” appunto. Gli studi di Bleuler, inoltre, proponevano per primi la possibilità reale di guarire da questo disturbo.

Dal 1970 i criteri diagnostici per la schizofrenia sono stati oggetto di una serie di controversie che alla fine hanno portato a criteri operativi ancora utilizzati oggi.

 

Sintomi della schizofrenia: positivi e negativi

La schizofrenia si compone di due tipi di sintomi, quelli positivi e quelli negativi. I sintomi positivi primi includono deliri (ad es: di grandezza, di persecuzione, etc.), allucinazioni (tattili, uditive, visive, olfattive e gustative), pensiero disorganizzato (ad es: incoerenza, incapacità di concentrarsi, pensieri illogici, etc.) e agitazione.

I sintomi negativi, invece, sono così definiti in quanto si tratta di capacità che la maggior parte delle persone possiedono, ma che i pazienti schizofrenici sembrano aver perso; esempi di tali sintomi possono essere: affettività coartata, povertà di pensiero, isolamento sociale, appiattimento emotivo, anedonia e apatia.

Inoltre, per quanto riguarda i sintomi prodromici come isolamento dalla vita sociale, incapacità di svolgere il proprio lavoro, comportamenti ed idee stravaganti, trascuratezza nell’igiene personale ed appiattimento dei rapporti affettivi, essi solitamente precedono il primo episodio di psicosi.

 

Diversi tipi di schizofrenia

La schizofrenia tradizionalmente si distingue in:

  • Schizofrenia di tipo Catatonico: predomina il mutismo e l’assunzione di posture anormali. E’ caratterizzata da un grave distacco dalla realtà e spesso si manifesta con lunghi stati di immobilità e brevi crisi di intensa agitazione. Il paziente schizofrenico catatonico è ossessionato dal timore di poter agire in modo sbagliato o di confrontarsi con stimoli e situazioni potenzialmente dannose, per questo preferisce immobilizzarsi facendo a meno persino di lavarsi, vestirsi e di mangiare.
  • Schizofrenia di tipo Paranoide: predomina il delirio di persecuzione (convinzione dell’individuo di essere oggetto di una cospirazione, di essere ingannato, spiato, seguito, avvelenato oppure drogato, dolosamente calunniato, molestato, oppure ostacolato nel perseguimento di obiettivi a lungo termine). In questo caso il soggetto si ritrae da un mondo da lui ritenuto ostile. Pensa di essere vittima delle azioni malevole delle altre persone, quindi appare sospettoso, ostile e rimugina sui contenuti dei suoi deliri, che rappresentano di fatto l’unica giustificazione alle proprie sofferenze. Questa declinazione della schizofrenia può portare il paziente a mettere in atto comportamenti aggressivi e violenze verso gli altri, interpretabili dall’esterno come una difesa preventiva alle potenziali minacce altrui.
  • Schizofrenia di tipo Disorganizzato (o tipo Ebefrenico): predomina il discorso disorganizzato, i comportamenti incoerenti (es: sorrisi nelle circostanze sbagliate), i disordini di tipo affettivo, la dissociazione del pensiero e il disinteresse per gli altri e il mondo circostante.

Questa distinzione è stata inserita poi nell’ICD-10, insieme alla schizofrenia indifferenziata, residua, semplice e non specificata.

 

Trattamento farmacologico della schizofrenia

Il trattamento d’elezione per la schizofrenia comprende spesso farmaci antipsicotici (o neurolettici) come la clorpromazina, l’aloperidolo, la perfenazina e la flufenazina, che, agendo prevalentemente sulle vie dopaminergiche, sortiscono sul paziente un effetto antidelirante ed antiallucinatorio.

Il loro impiego andrebbe valutato con attenzione, in quanto a lungo termine può inficiare l’azione della dopamina producendo due sindromi chiamate sindrome neurolettica (riduzione dei movimenti spontanei, con riflessi spinali che rimangono intatti) e sindrome extrapiramidale (simile per certi versi alla malattia di Parkinson, quindi connotata da rigidità dei muscoli e dei movimenti, mancanza di espressività del volto, irrequietezza motoria, lentezza o blocco dei movimenti e rallentamento dell’ideazione e dei riflessi).

Nonostante ciò, l’efficacia dei neurolettici è comprovata, come riporta una recente meta-analisi di 65 trial, eseguiti tra il 1959 e il 2011, che hanno coinvolto quasi 6.500 pazienti schizofrenici. Tale analisi evidenzia come i farmaci antipsicotici possano ridurre del 60% il rischio di recidiva nei pazienti schizofrenici. Inoltre, i pazienti che assumono antipsicotici hanno anche una probabilità notevolmente inferiore di dover essere ricoverati in ospedale, si comportano in modo meno aggressivo e godono di una migliore qualità di vita rispetto ai pazienti che non prendono questa tipologia di farmaci.

 

Terapia cognitivo-comportamentale della schizofrenia

I primi tentativi di impiego della psicoterapia cognitivo-comportamentale sulla schizofrenia risalgono al 1952, ad opera di Beck. L’idea di base era utilizzare strategie comportamentali allo scopo di produrre cambiamenti in primis nella sfera affettiva e poi in quella cognitiva. Si procedeva, perciò, cercando di migliorare le strategie di coping e sostenendo l’acquisizione di abilità sociali nel paziente. Un grande passo avanti rispetto a tali trattamenti fu il superamento della concezione secondo la quale i pensieri irrazionali non causerebbero direttamente i comportamenti maladattivi e le emozioni negative.

Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA Secondo una visione successiva esisterebbe, invece, una complessa rete di fattori reciprocamente interagenti, come pensieri, comportamenti, sentimenti e sensazioni fisiche, in grado di spiegare i sintomi della schizofrenia. A seguito dell’applicazione di tali principi, i terapeuti hanno iniziato a lavorare con i pazienti schizofrenici non solo sul contenuto dei loro pensieri negativi, ma anche sulla modificazione di fattori connessi alle relazioni interpersonali, all’attaccamento, alle problematiche interpersonali, alle perdite e ai traumi, all’autostima e all’autocontrollo. Ciò è particolarmente vero per gli approcci di terza generazione, come la terapia metacognitiva (MCT), il compassionate mind training (CMT), il metodo dei livelli (MOL) e le applicazioni cliniche mindfulness-based.

 

L’efficacia clinica della terapia cognitivo-comportamentale nel trattamento della schizofrenia è stata comprovata a più riprese. Nel corso di diversi randomized-controlled trial, infatti, la terapia ha mostrato un’efficacia moderata nel trattamento dei sintomi positivi e negativi, anche nei pazienti che rifiutavano il trattamento farmacologico. E’ stato notato, inoltre, come i pazienti trattati in fase acuta rispondessero meglio rispetto a quelli trattati in fase cronica.

 

Schizofrenia: conclusioni

La schizofrenia costituisce un disturbo complesso ed è probabilmente il risultato dell’interazione di fattori ambientali e genetici. L’ampio ventaglio di sintomi e i diversi profili che questo disturbo può assumere nei vari pazienti rendono talvolta complessa una diagnosi precoce, aspetto su cui risulta indispensabile lavorare: un intervento tempestivo potrebbe infatti risultare centrale per una prognosi favorevole. Ulteriori studi risultano inoltre necessari per comprendere il funzionamento cerebrale che il disturbo comporta: a tal proposito una promettente linea di ricerca si sta muovendo nella direzione dell’utilizzo di cellule staminali per costruire un modello esplicativo in vitro della schizofrenia.

 

Bibliografia:

 

Argomenti correlati:

Articoli su Schizofrenia

Come in uno specchio (1961) di Ingmar Bergman – Recensione del film
Cultura Psicologia

Come in uno specchio (1961) di Ingmar Bergman – Recensione del film

Come in uno specchio, film del 1961 di Ingmar Bergman, parla di una coppia e di una famiglia devastate e unite dalla schizofrenia della protagonista

Schizofrenia: verso una diagnosi oltre i sintomi
Psichiatria Psicologia

Schizofrenia: verso una diagnosi oltre i sintomi

Schizofrenia: Thomas Wolfers e André Marquand del centro medico dell’Università di Radboud hanno hanno cercato di mappare le differenze tra cervello di persone affette da schizofrenia e campione di controllo. La necessità è quella di costruire una diagnosi che vada oltre i sintomi

Self Disorders: i Disturbi del Sé nella Schizofrenia, negli Stati Mentali a Rischio (UHR) e nell’Esordio Psicotico secondo una prospettiva fenomenologica
Psichiatria Psicologia

Self Disorders: i Disturbi del Sé nella Schizofrenia, negli Stati Mentali a Rischio (UHR) e nell’Esordio Psicotico secondo una prospettiva fenomenologica

Disturbi del Sé: la prospettiva fenomenologica si pone come alternativa e complementare alla prospettiva psichiatrica classica, concentrandosi sul disagio soggettivo e criticando l’assunzione di alcuni sintomi come prodromi dell’esordio psicotico

Ossitocina: un ormone che influenza le nostre interazioni sociali
Neuroscienze

Ossitocina: un ormone che influenza le nostre interazioni sociali

Studi recenti suggeriscono che l’ossitocina sia implicata nello sviluppo delle interazioni sociali, aumentando i comportamenti pro-sociali come altruismo, generosità ed empatia. Diverse sono le ipotesi in merito al coinvolgimento di questo ormone in quei disturbi psichici in cui tali abilità risultano deficitarie.

Le voci dentro. Storia e scienza del dialogo interiore (2018) di C. Fernyhough – Recensione del libro
Psicologia

Le voci dentro. Storia e scienza del dialogo interiore (2018) di C. Fernyhough – Recensione del libro

Le voci dentro analizza la natura del pensiero umano. Fernyhough distingue il self talk dalle allucinanzioni psicotiche secondo i più recenti contributi scientifici. Ma non tralascia di raccontarci come l’uomo, nelle diverse epoche storiche, ha interpretato il pensiero.

Hellblade: l’esperienza della malattia mentale attraverso un videogame?
Psichiatria Psicologia

Hellblade: l’esperienza della malattia mentale attraverso un videogame?

La guerriera Senua sente le voci e anche noi, attraverso di lei, nel videogame Hellblade. La dott.ssa Viola Nicolucci ha commentato il prodotto che Ninja Theory ha pensato con la collaborazione del neuroscienziato Paul Fletcher.

Relazione tra disorganizzazione del pensiero, disturbi cognitivi e funzionamento sociale nella schizofrenia
Psichiatria

Relazione tra disorganizzazione del pensiero, disturbi cognitivi e funzionamento sociale nella schizofrenia

Esiste una correlazione tra i domini cognitivi, la disorganizzazione del pensiero e il funzionamento globale in pazienti affetti da schizofrenia?

Pazienti bipolari che non rispondono alla terapia con il litio potrebbero avere i geni associati alla schizofrenia
Neuroscienze

Pazienti bipolari che non rispondono alla terapia con il litio potrebbero avere i geni associati alla schizofrenia

Uno studio dimostra che alcuni pazienti con disturbo bipolare che non rispondono al trattamento con il litio hanno geni identificati per la schizofrenia.

La schizofrenia e le interferenze nelle reti di comunicazione cerebrale: lo studio del gruppo ENIGMA
Neuroscienze

La schizofrenia e le interferenze nelle reti di comunicazione cerebrale: lo studio del gruppo ENIGMA

Uno studio ha dimostrato come la schizofrenia sia caratterizzata da anomalie nelle connessioni neuronali in tutto il cervello e non solo nelle aree frontali

Abbraccialo per me: riflessioni psicologiche sul film e pensieri su una cura psicoanalitica delle psicosi
Psichiatria Psicoterapia

Abbraccialo per me: riflessioni psicologiche sul film e pensieri su una cura psicoanalitica delle psicosi

‘Abbraccialo per me’ stimola una riflessione sulla cura di disturbi gravi, quali le psicosi, spesso visti non curabili con la psicoterapia e la psicoanalisi

Rischio psicosi ed esordio psicotico: stato dell’arte e review delle nuove concettualizzazioni cliniche e diagnostiche relative agli stati mentali high risk
Psichiatria Psicologia

Rischio psicosi ed esordio psicotico: stato dell’arte e review delle nuove concettualizzazioni cliniche e diagnostiche relative agli stati mentali high risk

In tema psicosi, negli ultimi anni vi è stato uno sviluppo di nuovi modelli di riconoscimento dell’ esordio psicotico, focalizzati sulle fasi prodromiche

Il decadimento della memoria sociale nella schizofrenia
Neuroscienze

Il decadimento della memoria sociale nella schizofrenia

E’ stato dimostrato come la schizofrenia sia caratterizzata da un decadimento della memoria episodica e ciò ha delle ripercussioni sul funzionamento sociale

I servizi psichiatrici di diagnosi e cura tra criticità e innovazione – Report dal corso di Palermo, 13 luglio 2017
Psichiatria

I servizi psichiatrici di diagnosi e cura tra criticità e innovazione – Report dal corso di Palermo, 13 luglio 2017

Il 13 luglio a Palermo si è tenuto un corso sui limiti e le possibilità di miglioramento delle strutture psichiatriche di cura di SPDC.

Realtà virtuale: nuove frontiere per le patologiche psichiatriche
Attualità Psichiatria Psicologia Psicoterapia

Realtà virtuale: nuove frontiere per le patologiche psichiatriche

In campo psichiatrico la realtà virtuale offre grandi opportunità ai pazienti: nuovi modelli di terapia per fobie, ossessioni, schizofrenia, psicosi e altro

Il cervelletto può giocare un ruolo importante nella schizofrenia
Neuroscienze Psichiatria

Il cervelletto può giocare un ruolo importante nella schizofrenia

Secondo un recente studio il cervelletto è implicato nella schizofrenia: pazienti con questo disturbo hanno volumi cerebrali minori rispetto a soggetti sani

Quei neuroni che aiutano a distinguere la realtà dall’immaginazione
Neuroscienze

Quei neuroni che aiutano a distinguere la realtà dall’immaginazione

Scoperti dei neuroni che codificano diversamente informazioni percepite e informazioni memorizzate: ciò avrebbe dei risvolti nello studio della schizofrenia

Una migliore qualità di vita a portata di zampa: la funzione psicoterapeutica del cane
Psicologia

Una migliore qualità di vita a portata di zampa: la funzione psicoterapeutica del cane

La terapia assistita con animali, in particolare cani, insieme ad altre terapie, riduce i sintomi psicotici, migliorando la vita dei pazienti schizofrenici

L’insight di malattia nei pazienti schizofrenici: un test per incrementarlo
Psicologia

L’insight di malattia nei pazienti schizofrenici: un test per incrementarlo

E’ stato dimostrato che un test dell’equilibrio che stimola una parte del sistema nervoso potrebbe aumentare l’insight nei pazienti schizofrenici.

Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA 2 - footer right
Diventare Psicoterapeuta

Messaggio pubblicitario