Messaggio pubblicitario

Disturbo Disforico Premestruale – PMDD

Per porre diagnosi di Disturbo Disforico Premestruale, almeno cinque sintomi devono essere presenti nell'ultima settimana prima dell'inizio delle mestruazioni, tali sintomi iniziano a migliorare entro pochi giorni dopo l'inizio delle mestruazioni e diventano minimi o assenti nella settimana successiva

Disturbo Disforico Premestruale, per scoprirne di più:
Condividi

La Sindrome Premestruale (PMS) è un’entità clinica caratterizzata da sintomi di tipo emozionale, fisico e comportamentale che hanno un andamento ciclico, un’intensità variabile e che sono in stretta relazione con il periodo post-ovulatorio del ciclo mestruale.

Disturbo Disforico Premestruale sintomi e prevalenza - Psicologia

Per porre diagnosi di Disturbo Disforico Premestruale, almeno cinque sintomi devono essere presenti nell’ultima settimana prima dell’inizio delle mestruazioni, tali sintomi iniziano a migliorare entro pochi giorni dopo l’inizio delle mestruazioni e diventano minimi o assenti nella settimana successiva.

Messaggio pubblicitario

Devono essere presenti uno o più dei sintomi tra:

  • labilità affettiva marcata (es. sbalzi d’umore o pianto improvviso);
  • marcata irritabilità o rabbia o aumento dei conflitti interpersonali;
  • umore depresso, sentimenti di disperazione o pensieri autosvalutativi;
  • ansia eccessiva e tensione.

Oltre a questi sintomi, per la diagnosi di Disturbo Disforico Premestruale, devono aggiungersi uno o più dei successivi sintomi (in modo da raggiungere un totale di cinque sintomi combinati tra i primi e i secondi):

  • diminuzione dell’interesse nelle attività abituali;
  • difficoltà soggettive nella concentrazione, letargia, facile affaticabilità o marcata mancanza di energia;
  • variazione notevole dell’appetito (consumo eccessivo di cibo o voglie di cibo specifico);
  • ipersonnia o insonnia; senso di essere fuori controllo;
  • sintomi fisici come tensione mammaria o gonfiore, dolori articolari o muscolari, sensazione di “gonfiore” o aumento di peso.

Si stima che la percentuale di donne in età fertile afflitta in modo serio da questo disturbo vari dal 2% al 10%, mentre la percentuale di donne che riferisce sintomi più lievi oscilla, a seconda degli studi, dal 30% all’80% (Beni et al., 2000).

Disturbo Disforico Premestruale, per scoprirne di più:

Depressione: i sintomi, le cause e i trattamenti possibili

Depressione: i sintomi, le cause e i trattamenti possibili
La depressione è uno dei disturbi psichici più comuni e invalidanti, derivante spesso a seguito di una sensazione di perdita o di una perdita effettiva

Quando la Depressione persiste: la Distimia o Disturbo Distimico

Quando la Depressione persiste: la Distimia o Disturbo Distimico
Nella diagnosi di distimia, disturbo depressivo persistente, è importante considerare persistenza e continuità temporale dei sintomi somatici e psicologici

La Sindrome Premestruale: il corpo e la psiche
Psicoterapia

La Sindrome Premestruale: il corpo e la psiche
Sindrome Premestruale: come riconoscere i sintomi fisici e psichici e le forme più gravi del disturbo, con l'aiuto di cure farmacologiche e rimedi naturali

La depressione nel ciclo vitale femminile
Psicologia

La depressione nel ciclo vitale femminile
Il ciclo riproduttivo fa da sfondo a tutti i fattori di rischio di depressione nelle donne, soprattutto in alcune fasi di vita come adolescenza o postpartum
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA 2 - footer right
Diventare Psicoterapeuta

Messaggio pubblicitario