Messaggio pubblicitario

Asperger, il nazismo e la diagnosi – Riflessioni sul libro: I bambini di Asperger (2018) di Edith Sheffer

Hans Asperger è stato solo uno psicopatologo acuto, superato dal progresso? Putroppo no. Edith Sheffer ne mostra il lato oscuro, ci accompagna nell’abisso: Asperger ha contribuito a usare diagnosi di autismo e disabilità per sostenere l’eugenetica nazista.

ID Articolo: 159078 - Pubblicato il: 30 ottobre 2018
Asperger, il nazismo e la diagnosi – Riflessioni sul libro: I bambini di Asperger (2018) di Edith Sheffer
Condividi

Rivedremo Kevin Spacey recitare? Ci sarà un altro Frank Underwood, genio perverso? Difficile. Kevin Spacey, molestatore seriale, è ormai persona non gradita. Questo sminuisce il suo talento? No. Vedremo ancora Hans Asperger nelle classificazioni delle malattie mentali? Per un po’ sì, anche se è già relegato nelle note. Poi scomparirà, superato dalla scienza. Espulso con disonore?

Articolo apparso su Il Corriere della Sera il 05/10/2018

 

Messaggio pubblicitario Chi era Asperger? Psichiatra infantile, operò nella Vienna dell’avvento del nazismo. Descrisse lo “psicopatico autistico”, da lui viene l’eponimo per gli autistici ad alto funzionamento, con intelligenza preservata, a volte con aree di funzionamento eccezionale. Faticano a capire i pensieri e le emozioni degli altri, sono quindi carenti nella cosiddetta “teoria della mente”. Una ricerca di Livia Colle, Università di Torino, con una autorità del campo, Simon Baron-Cohen, mostra che adulti con Asperger non riconoscono bene le emozioni negative nelle facce. Il loro comportamento è stereotipato, ripetitivo, trascurano le relazioni sociali, mancano di reciprocità e simpatia per chi soffre, monologano più che conversare. Faticano a cambiare rotta una volta iniziato un comportamento.

La psichiatria cancella Asperger dai manuali: l’eponimo è sparito dal DSM 5 (il manuale diagnostico più diffuso) ed è marginale nell’ICD-11 (OMS). Si parla ora di disturbi dello spettro autistico, problemi simili a livelli differenti di gravità e funzionamento.

Hans Asperger è stato solo uno psicopatologo acuto, superato dal progresso? Putroppo no. Edith Sheffer ne mostra il lato oscuro, ci accompagna nell’abisso: ha contribuito a usare diagnosi di autismo e disabilità per sostenere l’eugenetica nazista. È stato complice dell’orribile Erwin Jekelius, direttore della “Clinica di pedagogia curativa Spiegelgrund”. Si intuisce cosa vi accadesse? Riporto dal libro di Sheffer, in memoria della piccola Ulrike Mayerhofer, diagnosticata come “gravemente autistica, praticamente inaccessibile dall’esterno”. Trasferita allo Spiegelgrund, fu fatta richiesta di sopprimerla. Un mese e mezzo dopo morì, ufficialmente per polmonite.

Sheffer narra di decine di bambini disabili, prima etichettati, poi mandati a morire. Asperger era lì, operava dietro le quinte, mai esplicitamente nazista, sicuramente coinvolto. Dovevo verificare. Scopro che Herwig Czech, Università di Vienna, ha pubblicato la stessa tesi, in contemporanea a Sheffer, sulla prestigiosa rivista Molecolar Autism. Un editoriale, tra gli autori il già citato Baron-Cohen, ne conferma il valore: Asperger contribuì alla soppressione di bambini inadeguati al Volk, devianti dall’ideale ariano.

I fatti sono inequivocabili, Sheffer e Czech riscrivono una pagina di storia. Che conclusioni ne traggono? Divergenti. Sheffer ha un approccio antidiagnostico, che non condivido. Riduce le osservazioni di Asperger al contesto – oggettivamente mostruoso – nel quale le ha formulate. Non possiamo accettare il termine “psicopatia autistica”, che implica una devianza sociale, ma la descrizione della sindrome era valida. Oggi la si considera la forma meno grave dello spettro autistico, il DSM 5 parla di Livello 1, ovvero lieve ma comunque bisognoso di supporto.

Sheffer nega invece il valore scientifico di quelle osservazioni che, secondo lei, nate nella cultura nazista, riprendono vigore in una società votata “all’ansia di integrazione in un mondo perfezionista”. Psichiatri e psicologi che trattano le persone con autismo sarebbero guidati dall’ “obiettivo di inculcargli sentimenti, pensieri e interazioni con il mondo… C’è chi parla di ‘curare’ o ‘guarire’ i bambini”. Vede un mondo volto a etichettare e di conseguenza stigmatizzare.

Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA Czech, al contrario, sostiene senza mezzi termini che le osservazioni scientifiche di Asperger erano valide, non contaminate dalla complicità col nazismo. La documentazione storica di Sheffer è preziosa, le sue deduzioni e conclusioni no. Intanto due autori che peraltro cita, Frankl e Weiss, ebrei, formularono le stesse osservazioni negli stessi luoghi di Asperger, prima di lui, lo ispirarono. In modo più compassionevole, ma descrivevano gli stessi fenomeni e i loro occhi non erano offuscati dal delirio razziale. Poi, chi ha davvero creato problemi a persone affette da autismo è Bruno Bettelheim, per altro sopravvissuto a Dachau, e noto per avere maltrattato bambini. S’inventò di sana pianta che l’autismo era causato dalle “madri frigofero”. Le ricadute di questa assurdità sulle famiglie sono state tremende. Le sue teorie erano insensate, non perché le ha formulate un ebreo scampate all’Olocausto, ma uno scienziato scadente.

Ridurre le scienze della mente al contesto storico dove nascono è rischioso. Così come lo è il considerare le diagnosi formulate da psichiatri e psicologi come figlie di una cultura che schiaccia l’individuo verso una sopposta norma. Sheffer, lo riconosco, segnala alcuni problemi reali: la diagnosi può essere usata per dare più medicine o diventare uno strumento al servizio dello stigma. Chi fa il mio lavoro può adottare una posizione paternalistica e trincerarsi dietro etichette per risparmiarsi la fatica di capire, empatizzare e curare: “È psicotico, autistico, non perdiamo tempo, un po’ di farmaci e via”. È un fatto, come nota Schaffer, che la diagnosi di disturbo da deficit di attenzione e iperattività abbia portato all’aumento ingiustificato di prescrizioni di Ritalin.

Ma dare nomi alle malattie è inevitabile. Intanto la mente umana funziona categorizzando, si legga Kant e l’ornitorinco di Eco e si faccia pace con l’idea. Raggruppare concetti, oggetti, uomini in categorie è necessario per trasmettere conoscenza. Con la diagnosi identifichiamo fenomeni ricorrenti e così passiamo il sapere acquisito ai colleghi e alle generazioni future. Poi, il terapeuta saggio conosce categorie ma cura individui. Questo facciamo, e oggi, nelle riviste di psicologia e psichiatria, usiamo la formula: ‘persona affetta da… autismo, schizofrenia’ e non più ‘autistico’, ‘schizofrenico’.

Temple Grandin è la protagonista del libro di Oliver Sacks Un antropologo su Marte. Affetta da autismo ad alto funzionamento, ha inventato la macchina degli abbracci che calmava le mucche che allevava. Intervistata, non ha problemi a riconoscere di essere affetta da autismo. Ci tiene solo a essere considerata prima allevatrice di bestiame e poi affetta da autismo. La diagnosi non le ha peggiorato la vita.

Rivedremo House of cards sapendo che Kevin Spacey ha compiuto azioni esecrabili, ma resta un attore ineguagliabile. Leggeremo gli scritti di Asperger sapendo che osservazioni più accurate hanno superato le sue, e che lui ha anche agito servendo il male. Psichiatri e psicologi potranno sbagliare, ma in gran parte faranno diagnosi per capire. Al fine di curare meglio.

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 12, media: 4,67 su 5)

Consigliato dalla redazione

Life, Animated (2017), per vedere il mondo come chi soffre di autismo - Recensione_ev

Life, Animated (2017) un film per provare a guardare il mondo con gli occhi di chi soffre di autismo - Recensione

Centrale in 'Life, Animated' è la visione del mondo di Owen, ragazzo con autismo, visione libera da convenzioni sociali e senza freni alla spontaneità.

Bibliografia

  • Sheffer, E. (2018) I bambini di Asperger. La scoperta dell’autismo nella Vienna nazista. Marsilio Editore
State of Mind © 2011-2018 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA 2 - footer right

Messaggio pubblicitario

Sono citati nel testo

Categorie