Messaggio pubblicitario

Psicologia Comportamentale – Comportamentismo

Per la Psicologia Comportamentale - Comportamentismo il comportamento manifesto è la sola unità di analisi scientificamente studiabile dalla psicologia.

Leggi tutti gli articoli che parlano di Psicologia Comportamentale – Comportamentismo
Condividi

La psicologia comportamentale – comportamentismo, si è sviluppata a partire dai primi del Novecento ad opera di John Watson con la pubblicazione dell’articolo Psychology as the Behaviorist Views It su Psycholigical Review (1913).

Psicologia Comportamentale - Comportamentismo: origini e caratteristiche

Secondo questo approccio tutto ciò che è manifesto o osservabile rappresenta l’unica unità di analisi o di studio poiché immediatamente riscontrabile e riconoscibile. Il comportamento, dunque, è la risultante di uno stimolo ambientale ed immediatamente riscontrabile, per questo è oggetto di studio da parte della ricerca empirica e sperimentale. Quindi, è possibile rilevare come in presenza di una serie di stimoli esterni si verificano determinate risposte, ovvero i comportamenti.

In generale, è possibile affermare che il comportamentismo si oppone in maniera drastica al metodo introspettivo e al concetto stesso di coscienza all’epoca vigente.

Watson e l’esperimento del piccolo Albert

Watson, principalmente, affermava che il comportamento manifesto è la sola unità di analisi scientificamente studiabile da parte della psicologia, poiché i processi interni della mente umana, essendo non percepibili dall’osservatore esterno, non possono essere considerati oggetto di analisi scientifica. Quindi, tutto quello che si trova nell’ambiente è il prodotto del mondo interno e cerebrale, per questo dall’osservazione del comportamento è possibile inferire anche il funzionamento cerebrale.

Messaggio pubblicitario San Giorgio fino al 15 Luglio Watson per dimostrare la veridicità della psicologia comportamentale ha realizzato diversi esperimenti, tra cui il più noto è l’esperimento con il piccolo Albert, utilizzato per dimostrare come la paura sia la conseguenza di un condizionamento di tipo ambientale. Secondo Watson era possibile studiare l’evoluzione dell’emozione in modo sistematico attraverso l’osservazione derivata da uno stimolo.

L’esperimento consisteva nel verificare se un suono potesse elicitare paura nel bambino in seguito all’esposizione a un forte rumore. 
Successivamente, al rumore fu associato uno stimo neutro, come il topo bianco, condizionando, di conseguenza, Albert che quando, in seguito, vedeva un topolino o altri animali dal pelo bianco, iniziava a piangere atterrito dalla paura. Quindi, il comportamento del bambino era condizionato da uno stimolo ambientale, indotto dal ricercatore, cui seguiva una risposta emotiva che diventava, a furia di essere ripetuta, automatica o condizionata.

Il condizionamento

In particolare col termine condizionamento si è soliti indicare il meccanismo in base al quale si crea un’associazione tra uno stimolo neutro, ad esempio un suono, con una risposta non correlata direttamente, come paura o pianto.

L’esperimento si riferisce agli studi di Pavlov (1849-1946), fisiologo  russo che, partendo dalla regolazione delle ghiandole digestive, ha individuato il meccanismo del condizionamento classico, attraverso l’analisi approfondita del fenomeno della secrezione psichica: alla sola vista del cibo, le ghiandole del cane iniziano a funzionare, ma la secrezione terminava una volta sottratto lo stimolo visivo. Negli esperimenti di Pavlov, infatti, al suono del campanello, cui segue la presenza del cibo, si attiva la salivazione del cane, come risposta condizionata al solo suono. La salivazione sarebbe, dunque, una risposta incondizionata al cibo stesso, stimolo diretto o naturale, ma non al campanello, indipendentemente dalla presenza reale della carne all’interno del setting sperimentale.

Tra i principali esponenti storici della comportamentismo è necessario citare Skinner, a cui è riconosciuta la paternità del principio di condizionamento operante. Skinner individua nel rinforzo un elemento utile da aggiungere al comportamento agito. Per questo, se alla risposta segue un rinforzo specifico, questa risposta si presenterà con una frequenza sempre maggiore, invertendo gli assunti di Pavlov: lo stimolo precedeva la risposta. Secondo Skinner, dunque, il comportamento si distingue tra rispondente, appreso per condizionamento classico o operante, la cui occorrenza dipende dal tipo di rinforzo ricevuto dall’organismo.

Il comportamentismo nella pratica clinica

I clinici più importanti che applicarono i principi comportamentali al trattamento dei sintomi e dei disturbi psichici furono Wolpe, ideatore della tecnica chiamata desensibilizzazione sistematica, Eysenck, autore di un’importante teoria dei tratti di personalità e Bandura, ideatore della teoria dell’apprendimento sociale.
 Si tratta di tecniche che storicamente hanno come riferimento il paradigma del condizionamento e si focalizzano sulle variabili comportamentali che mantengono una determinata sintomatologia psichica.

Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA Ad esempio, è possibile ottenere l’estinzione di una risposta ad un determinato stimolo, attraverso un nuovo condizionamento, grazie alla desensibilizzazione sistematica. Si tratta di una delle tecniche comportamentali che si riferiscono al paradigma del condizionamento ed è una delle pratiche terapeutiche usate principalmente per i disturbi fobici. 
In terapia, solitamente dopo un training di rilassamento progressivo, che calma il paziente, si chiede di immaginare una serie di situazioni che provocano ansia. In questo modo il rilassamento tende ad inibire l’ansia, che altrimenti sarebbe elicitata dalle scene immaginate, e di conseguenza si chiede al paziente di percorrere mentalmente le immagini ansiogene. Se durante l’immaginazione di una scena subentra l’ansia, il paziente la segnala al terapeuta, che a sua volta tende a ristabilire il rilassamento e a tornare ad immaginare la scena precedente a quella che ha prodotto l’ansia. Lo scopo è imparare a tollerare l’immagine stressante, non solo a livello immaginativo/mentale, ma anche e soprattutto nella vita reale.

Lo psicoterapeuta comportamentale, in generale,  si occupa principalmente del comportamento appreso nel contesto ambientale in cui la persona ha vissuto e nel quale ha realizzato le proprie esperienze di vita. Lo scopo, dunque, è portare i pazienti a modificare attivamente i propri comportamenti disadattavi, utilizzare strategie di coping per fronteggiare e gestire le difficoltà e agire attraverso le nuove competenze acquisite. Tutto questo serve per ridurre e gestire le emozioni negative, i sintomi e i disagi presentati. Inoltre, prima di ogni intervento, si esegue un’analisi funzionale del comportamento, grazie alla quale è possibile avere una descrizione dettagliata del comportamento, degli stimoli ed eventi che lo determinano e lo mantengono, per giungere a una sua misurazione obiettiva e comprenderne lo scopo e il significato. Dell’intera analisi, l’aspetto più importante è il comportamento disadattivo che costituisce l’oggetto della terapia e per questo dovrà essere modificato attraverso il trattamento.

Articoli su Psicologia Comportamentale – Comportamentismo

Il Comportamentismo – Introduzione alla Psicologia
Psicologia Psicoterapia

Il Comportamentismo – Introduzione alla Psicologia

Secondo il comportamentismo la mente umana è una scatola nera e l’unica unità di analisi scientificamente studiabile dalla psicologia è il comportamento.

Burrhus Skinner: il padre del condizionamento operante – Introduzione alla Psicologia
Psicologia

Burrhus Skinner: il padre del condizionamento operante – Introduzione alla Psicologia

Burrhus Skinner è stato uno dei più influenti psicologi del XX secolo, incidendo un grande capitolo nella teoria psicologica e nell’applicazione clinica. Famosissimi i suoi esperimenti, tra cui la Skinner box, che gli permisero di formulare le leggi sul condizionamento operante.

L’uomo sano – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 40
Psicologia Psicoterapia

L’uomo sano – Ciottoli di Psicopatologia Generale Nr. 40

Due principi guidano oggi l’approccio alla psicoterapia: il primo è l’atteggiamento non giudicante, il secondo è il partire da una egodistonia del paziente per concordare insieme gli obiettivi terapeutici. Cosa significa ciò lo si comprende attraverso una riflessione sul sistema culturale in cui tali principi sono nati

Apatia e anedonia: i contributi di neuroscienze e paradigmi comportamentali in soccorso alla clinica
Neuroscienze Psichiatria Psicologia

Apatia e anedonia: i contributi di neuroscienze e paradigmi comportamentali in soccorso alla clinica

Apatia e anedonia sono sintomi di disturbi come la depressione, la schizofrenia, le demenze. Nature Neuroscience ha pubblicato una review in cui mostra il contributo che neuroscienze e paradigmi comportamentali possono dare nel trattamento clinico.

Insonnia cronica: aspetti cognitivi e comportamentali
Psicologia

Insonnia cronica: aspetti cognitivi e comportamentali

Le classificazioni internazionali dei disturbi del sonno definiscono l’insonnia cronica come una reiterata difficoltà ad iniziare o a mantenere il sonno associata ad un mal funzionamento diurno (cattivo umore, irritabilità, difficoltà cognitive, eccessiva sonnolenza nelle ore diurne)…

Breve storia teorica della terapia cognitivo comportamentale tra funzionalismo e strutturalismo
Psicologia Psicoterapia

Breve storia teorica della terapia cognitivo comportamentale tra funzionalismo e strutturalismo

Il cognitivismo clinico è il risultato dell’evoluzione da una posizione iniziale “funzionalista”, che fu quella del comportamentismo e del cognitivismo teorico/sperimentale, verso una posizione “strutturalista”, raggiunta attraverso un’importante svolta clinica, cognitiva di Beck e costruttivista di Mahoney e Guidano.

Riconciliare causazione cognitiva e causazione ambientale: un approccio funzionale alla cognizione
Psicologia Psicoterapia

Riconciliare causazione cognitiva e causazione ambientale: un approccio funzionale alla cognizione

L’ adozione di un approccio funzionale-cognitivo, permetterebbe agli esperti di psicologia cognitiva e a quelli esperti di analisi del comportamento di perseguire obiettivi diversi, ma che convergano nel promuovere la conoscenza circa il funzionamento psicologico degli esseri umani.

Roots and Leaves. Radici e sviluppi contestualisti in terapia comportamentale e cognitiva (2016) – Recensione
Psicoterapia

Roots and Leaves. Radici e sviluppi contestualisti in terapia comportamentale e cognitiva (2016) – Recensione

Il libro Roots and leaves tratta delle radici e degli sviluppi del contestualismo in Italia all’interno della terza ondata del cognitivismo.

Attraverso 50 anni di psicologia italiana di Cesare Cornoldi (2017) – Recensione
Psicologia

Attraverso 50 anni di psicologia italiana di Cesare Cornoldi (2017) – Recensione

In Attraverso 50 anni di psicologia italiana, Cesare Cornoldi racconta del suo percorso nella psicologia e degli incontri con importanti psicologi italiani.

Meno spreco alimentare di default con il nudging  
Attualità Psicologia

Meno spreco alimentare di default con il nudging  

Il team Nudge Italia ha condotto uno studio finalizzato a verificare l’efficacia degli interventi di nudging nel ridurre lo spreco alimentare.

IX Conferenza Internazionale dell’ Association for Behavior Analysis International – Report dal convegno
Psicologia Psicoterapia

IX Conferenza Internazionale dell’ Association for Behavior Analysis International – Report dal convegno

Nei giorni scorsi a Parigi la Conferenza Internazionale dell’ Association for Behavior Analysis International, tra i relatori Barnes-Holmes D. e Moderato P.

Seconda edizione del Festival della Comunicazione sociale a Milano
Attualità Cultura Psicologia

Seconda edizione del Festival della Comunicazione sociale a Milano

Il Festival della Comunicazione sociale è a Milano per promuovere scelte di vita e di consumo responsabili. E’ questo lo scopo della comunicazione sociale.

Basta un Nudge e lo zucchero va giù
Psicologia

Basta un Nudge e lo zucchero va giù

Il Nudge Italia opera per promuovere comportamenti tesi al benessere personale e uno di questi può essere quello di moderare la quantità di zucchero assunta

L’ attivazione comportamentale in psicoterapia: come cambiare i comportamenti dei pazienti
Psicoterapia

L’ attivazione comportamentale in psicoterapia: come cambiare i comportamenti dei pazienti

L’attivazione comportamentale sarebbe fondamentale per indurre nel paziente cambiamenti sia cognitivi che comportamentali

Controllo inibitorio e capacità di attesa: una breve introduzione
Psicologia

Controllo inibitorio e capacità di attesa: una breve introduzione

La capacità di inibizione è l’abilità di reprimere un’azione impulsiva, per metterne in atto una adattiva. Tale capacità si sviluppa nella prima infanzia

Richard Thaler ha vinto il Nobel per l’Economia
Attualità Psicologia

Richard Thaler ha vinto il Nobel per l’Economia

Dopo Daniel Kahneman nel 2002, Richard Thaler, padre della teoria sul nudging, ha vinto il nobel per l’Economia per i suoi studi in Behavioral Economics

Riaccendere la passione di coppia guardando…immagini di cuccioli
Psicologia

Riaccendere la passione di coppia guardando…immagini di cuccioli

Alti livelli di soddisfazione coniugale si ottengono con il condizionamento semplice per associazione di immagini positive (cuccioli) e immagini del partner

Digital Detox: nudging e uso consapevole dello smartphone
Attualità Psicologia

Digital Detox: nudging e uso consapevole dello smartphone

Agire sul comportamento attraverso il contesto: un intervento di Nudge pensato per ridurre l’utilizzo degli smartphone, preservando le relazioni vis-à-vis

Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Diventare Psicoterapeuta

Messaggio pubblicitario