Messaggio pubblicitario ISC Congresso 2019

Alcolismo

Definizione di Alcolismo, caratteristiche e sintomi. Cause e fattori di rischio della dipendenza da alcool, fattori di mantenimento e danni dell'alcolismo

Leggi tutti gli articoli che parlano di Alcolismo
Condividi

Definizione di alcolismo

L’ alcolismo è una malattia cronica caratterizzata da alterazioni comportamentali, fisiche e psichiche causate dal consumo compulsivo di quantità elevate di alcool.

Alcolismo - Disturbo da abuso di Alcool - Dipendenza da Alcool -

]La dipendenza alcolica, o alcolismo, è caratterizzata da un comportamento di ricerca compulsiva di bevande alcoliche e da assuefazione e tolleranza (per raggiungere un determinato effetto desiderato dall’individuo è costretto a bere quantità sempre maggiori di bevande alcoliche). Come per qualunque dipendenza da sostanze, anche nell’alcolismo la brusca interruzione del consumo di alcol causa la sindrome da astinenza, caratterizzata da tachicardia, tremori, nausea e vomito, agitazione, allucinazioni, convulsioni. Gli effetti dell’alcolismo interferiscono pesantemente con la salute della persona e con la sua vita lavorativa, relazionale e sociale.

Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA La sezione frontale del cervello, che aiuta le persone a pianificare e prendere decisioni, continua il suo sviluppo, fino a circa i 20 anni di età. I teenagers si trovano quindi in una “finestra di vulnerabilità”, in cui sono più predisposti allo sviluppo di problemi legati all’ abuso di sostanze. In aggiunta, se i giovani sviluppano una tendenza a bere molto durante questo periodo sensibile, questo potrebbe causare dei danni alle strutture cerebrali comportando un inasprimento del comportamento di abuso e causando altri problemi di comportamento, come abbandono scolastico o la messa in atto di comportamenti sessuali rischiosi.

Il forte abuso di alcolici può causare significativi cambiamenti neurofisiologici e cognitivi che vanno da comuni disturbi del sonno fino ad effetti neurotossici cerebrali diretti o indiretti più gravi.

L’abuso corrente di alcolici nei soggetti di età più avanzata è associato ad un impoverimento consistente del funzionamento cognitivo globale, dell’apprendimento, della memoria e delle funzioni motorie. Inoltre una storia duratura di dipendenza da alcolici è associata ad uno scarso funzionamento negli stessi domini neurocognitivi sopracitati, così come nel dominio di attenzione/esecuzione, a prescindere dall’età. In sintesi, seppur l’abuso corrente di alcolici risulti associato a prestazioni insufficienti in un gran numero di domini neurocognitivi, sembra che una storia di dipendenza alcolica, anche in assenza di uso corrente di alcolici, determini conseguenze negative più durature.

Alcolismo e ricadute

Una delle poche aree di consenso nel trattamento dell’ alcolismo riguarda l’idea che l’ alcolismo sia una condizione cronica con alto rischio di ricaduta.
Gli studi hanno riportato un tasso del 80% o più di ricadute dopo 6 mesi dal trattamento, con esiti dei singoli pazienti che si sono rivelati altamente instabili nel corso del tempo.

Le ricerche suggeriscono che i pazienti con alcolismo hanno difficoltà nell’intraprendere un cambiamento per conto proprio e che il problema centrale, come in altri problemi di dipendenza, è mantenere il cambiamento nel tempo. (H.M Annis, 1986. pp. 407–408)

Nel percorso che porta l’alcolista inattivo alla ricaduta, egli compie una serie di “atti apparentemente insignificanti” che progressivamente lo avvicinano all’alcol cosi che la ricaduta inizia prima del primo uso di alcol e continua dopo l’uso iniziale.

I fattori determinanti di ricaduta sono:

  • Situazioni ad “Alto rischio”, ovvero tutte quelle situazioni che sono state identificate dai pazienti come fattore principale di ricaduta e che in ordine di importanza possono essere categorizzate come: stati emotivi negativi (rabbia, ansia, depressione, frustrazione, noia) situazioni interpersonali (in special modo di conflitto) pressione sociale (ad esempio essere con altre persone che stanno bevendo) o perfino stati emotivi positivi (desiderio di mettere alla prova la propria forza di volontà).
  • La capacità di coping personale, nella misura in cui un paziente è esposto ad una situazione ad “alto rischio” come quelle categorizzate sopra, l’esito o meno verso una ricaduta dipende dalla risposta del paziente alla situazione, che a sua volta è determinata dalla sua capacità di coping, ovvero la capacità di far fronte con strategie comportamentali o cognitive alla situazione di esposizione.
  • Le aspettative sugli effetti positivi dell’alcol nel far fronte a situazioni di malessere intra o interpersonale; maggiore è questa aspettativa, maggiore è il rischio di ricaduta.
  • L’effetto “violazione dell’astinenza” ovvero l’attribuzione di significato che il paziente da alla prima violazione dell’astinenza. Un’ attribuzione legata a vissuti di fallimento personale e inadeguatezza anziché ad una non ancora completa abilità nell’affrontare situazioni ad “alto rischio”, porta più facilmente ad una seconda violazione e all’abbandono del trattamento. (M. E. Larimer, R.S. Palmer, G. Alan Marlatt, 1999)
  • Variabili esistenziali in termini di livelli di stress (lavoro, famiglia, ecc.)
  • I fattori cognitivi che possono ripristinare le condizioni che determinano la ricaduta, come la razionalizzazione, la negazione e il desiderio di gratificazione immediata o craving.

Inoltre è stato trovato che il craving nelle prime due settimane di astinenza correla positivamente con ricaduta tra 3 e 12 settimane e che la voglia di alcol indotta da umore negativo è un predittore di recidiva. (O. Vuković, T. Cvetic, M. Zebić, N. Marić, A. Damjanović, M. Jašović-Gašić , 2008)

Il fallimento del processo di fronteggiamento delle “Situazioni ad Alto Rischio”, fa si che il paziente con alcolismo inattivo assuma la prima dose di alcol innescando l’“effetto di violazione dell’astinenza” (“effetto primo bicchiere”), cui seguono sentimenti di fallimento e di incontrollabilità della situazione, e, quasi inesorabilmente la ricaduta completa. Può apparire stupefacente che le condizioni emotive e i conflitti interpersonali siano situazioni a rischio più frequenti che le occasioni o le pressioni sociali.

Bibliografia:

Articoli su Alcolismo

Ansia e Alcool: il ruolo dell’ansia sociale nello sviluppo dell’alcolismo
Psicologia

Ansia e Alcool: il ruolo dell’ansia sociale nello sviluppo dell’alcolismo

Un recente studio mostra come l’ansia sociale è il maggior predittore dell’alcolismo rispetto agli altri disturbi d’ansia

Gli effetti terapeutici dell’attività motorio-sportiva nei disturbi da uso di sostanze
Psicologia

Gli effetti terapeutici dell’attività motorio-sportiva nei disturbi da uso di sostanze

L’attività motorio-sportiva ha una buona efficacia nel trattamento delle dipendenze da uso di sostanze, in particolare sui sintomi da astinenza.

L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello (1985) di Oliver Sacks e la storia di Thompson: se solo tacessimo per un istante
Psicologia

L’uomo che scambiò sua moglie per un cappello (1985) di Oliver Sacks e la storia di Thompson: se solo tacessimo per un istante

L’uomo che scambiò sua moglie con un cappello di Oliver Sachs racconta tante storie umane che ci toccano profondamente e ci fanno riflettere..

La quota rosa nell’uso, abuso e dipendenza da Alcol
Psicologia Psicoterapia

La quota rosa nell’uso, abuso e dipendenza da Alcol

Le conseguenze dell’abuso di alcol tra le donne sono numerose tuttavia è un fenomeno difficile da trattare poichè spesso viene nascosto o dissimulato.

I giovani e l’alcol: vecchi vizi e nuove tendenze
Psicologia

I giovani e l’alcol: vecchi vizi e nuove tendenze

L’uso di alcol è un fenomeno ampiamente diffuso tra i giovani e assume differenti connotazioni psicologiche, sociologiche e culturali. Le sue manifestazioni sono cambiate negli anni e oggi si affrontano nuovi scenari, tra cui il Binge Drinking cioè la tendenza a bere fino all’eccesso concentrata in singole occasioni.

Tre tipologie di craving per la comprensione del problem drinking
Neuroscienze Psicologia

Tre tipologie di craving per la comprensione del problem drinking

Studi scientifici hanno evidenziato la natura eterogenea del craving descrivendo tre tipologie, distinte sulla base di differenti disregolazioni dei sistemi neurotrasmettitoriali e considerando inoltre come discriminanti le componenti psicologiche e la familiarità per l’abuso di alcol.

L’alcol, dall’uso non patologico alla dipendenza: considerazioni e trattamenti
Psicologia

L’alcol, dall’uso non patologico alla dipendenza: considerazioni e trattamenti

L’ alcol è una sostanza psicoattiva, frequentemente e facilmente accessibile. L’uso di alcol si può distinguere in uso non patologico, abuso e dipendenza.

La Ricaduta nell’ alcolismo: fattori predisponenti, craving e modelli di prevenzione
Psicologia

La Ricaduta nell’ alcolismo: fattori predisponenti, craving e modelli di prevenzione

La ricaduta in chi soffre di alcolismo sembra avere una sua storia, dei correlati psicologici, biologici e non si tratta quasi mai un evento puntiforme

Il disturbo bipolare e il disturbo da abuso di alcol: le difficoltà diagnostiche quando coesistono
Psichiatria Psicoterapia

Il disturbo bipolare e il disturbo da abuso di alcol: le difficoltà diagnostiche quando coesistono

E’ stato dimostrato che molti pazienti affetti da disturbo bipolare abusino anche di alcol e questo complica sia la diagnosi che il trattamento.

Marijuana a scopo terapeutico nel trattamento dell’alcolismo e della dipendenza da oppioidi
Psicologia

Marijuana a scopo terapeutico nel trattamento dell’alcolismo e della dipendenza da oppioidi

Nonostante le controversie legate all’utilizzo della marijuana, è stato dimostrato che essa può avere effetti terapeutici in alcune situazioni specifiche.

Alcolismo e ruminazione – Report dal seminario del Prof. Caselli a Genova
Psicoterapia

Alcolismo e ruminazione – Report dal seminario del Prof. Caselli a Genova

Il report dal seminario del Prof. Caselli sulla relazione tra abuso di alcool (o utilizzo problematico di alcool) le credenza a riguardo e la ruminazione

Dioniso: alcol e disturbi correlati. Concettualizzazione e trattamento secondo l’orientamento cognitivo – Recensione
Psicoterapia

Dioniso: alcol e disturbi correlati. Concettualizzazione e trattamento secondo l’orientamento cognitivo – Recensione

Il libro presenta i disturbi da uso di alcol, i processi di prevenzione e di trattamento secondo l’orientamento cognitivo comportamentale.

Realtà virtuale come strumento nella valutazione della dipendenza da alcool
Psicologia

Realtà virtuale come strumento nella valutazione della dipendenza da alcool

Per la prima volta la realtà virtuale viene utlizzata all’interno della fase di assessment con pazienti con dipendenza da alcool.

La terapia metacognitiva per persone con problemi di uso di alcol: uno studio sperimentale
Psicoterapia

La terapia metacognitiva per persone con problemi di uso di alcol: uno studio sperimentale

I partecipanti allo studio avranno la possibilità di effettuare gratuitamente una psicoterapia individuale della durata di 12 incontri

ACHESS: un app in aiuto dei Disturbi da Uso di Alcool – Psicologia
Psicologia

ACHESS: un app in aiuto dei Disturbi da Uso di Alcool – Psicologia

ACHESS: app che potrebbe aiutare i pazienti con Disturbi da Uso di Alcool a rimanere lontani dall’alcol e a gestire meglio il rischio di ricadute.

Alcool – Bevitori solitari in adolescenza più a rischio di alcolismo

Alcool – Bevitori solitari in adolescenza più a rischio di alcolismo

Alcool e Adolescenti – I bevitori solitari utilizzano l’alcol come forma di automedicazione e di gestione di stati emotivi negativi.

Il Modello Metacognitivo Trifasico per i Disturbi Alcool Correlati

Il Modello Metacognitivo Trifasico per i Disturbi Alcool Correlati

Viene presentato il modello metacognitivo trifasico dell’abuso di alcool che descrive tre stati dinamici che caratterizzano il consumo di alcool.

SITCC 2012 – Ruminazione e Craving nei disturbi da uso di Alcol: un disegno sperimentale

SITCC 2012 – Ruminazione e Craving nei disturbi da uso di Alcol: un disegno sperimentale

Presentazione al Convegno SITCC 2012, Roma. Presentazione di S.Querci, A. Gemelli, G. Caselli, F. Canfora, A. Lugli, C. Annovi, G.M.Ruggiero, S.Sassaroli, E.Watkins

Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario Performat - Evento Pisa
Diventare Psicoterapeuta

Messaggio pubblicitario