Risultati per "mindfulness"

I Disturbi dell’alimentazione: resoconto di un convegno – SISDCA 2011

I Disturbi dell’alimentazione: resoconto di un convegno – SISDCA 2011

Il Convegno sui disturbi dell’alimentazione SISDCA 2011 si è concluso portando via con sé una serie di concetti, di esperienze e di dubbi. Il clima respirato era tranquillo ed accogliente, tante persone, molta gente nota. Si inizia a parlare di Disturbi dell’Alimentazione presentandoli in veste psicoanalitica. Si pone l’accento principalmente su

Benefici della Psicoterapia: valutare le evidenze scientifiche.

Benefici della Psicoterapia: valutare le evidenze scientifiche.

Alberto Chiesa Benefici specifici e non specifici della psicoterapia: sappiamo davvero valutare le evidenze scientifiche? Mary Poppins diceva “basta un poco di zucchero e la pillola va giù e tutto brillerà di più!” e questo bastava. Se un ricercatore di oggi avesse potuto intervistarla le avrebbe chiesto: “Ms. Poppins, ma

Respira lento e in modo “mindful”…

Respira lento e in modo “mindful”…

La pratica della mindfulness ci insegna molte cose in termini di consapevolezza e di “presenza” a noi stessi ma ci mostra anche come il respiro sia un “ancora di aggancio” per imparare a notare i nostri pensieri e le nostre emozioni e non rimanervi impantanati, ritenendoli la verità assoluta e

Psicologia di Guerre Stellari: Una diagnosi per Darth Vader

Psicologia di Guerre Stellari: Una diagnosi per Darth Vader

Il cinema e la letteratura rappresentano da sempre un’importante risorsa per noi psicoterapeuti. Anche per i professionisti del campo non è sempre facile collegare il mondo della scienza a quello dell’esperienza personale, in modo chiaro e convincente. I personaggi di film e libri ci vengono in soccorso per capire e

EDRS 2011: Le neuroscienze all’assalto dei disturbi alimentari
Neuroscienze

EDRS 2011: Le neuroscienze all’assalto dei disturbi alimentari

“Il rischio di contrarre anoressia nervosa aumenta in individui col gene 5-HTTLPR-S/S che ricevono l’allele MAOA-L da madri MAOA-S/L”. Quando ho sentito questa frase, ascoltando la sessione plenaria di Kenneth Nunn, neuropsichiatra infantile australiano appassionato di disturbi alimentari e della nuova neuroscienza del cervello, una frase mi ha schiaffeggiato la

Venerdì 16-09-2011

Venerdì 16-09-2011

Iniziamo la nostra rassegna stampa all’insegna del multimedia (e della leggerezza): Al British Science Festival che si tiene in questi giorni a Bradford, un team di psicologi ricercatori della British Psychology Society presenterà al pubblico una serie di esperimenti per raccontare ai visitatori teorie psicologiche riguardo le capacità psicomotorie e di

La mentalizzazione in psicoterapia. Alcuni aspetti del dibattito attuale.

La mentalizzazione in psicoterapia. Alcuni aspetti del dibattito attuale.

Stefano Blasi, Giuseppe Pollani.   Il concetto di mentalizzazione sta avendo una grande fortuna e diffusione nel campo delle scienze psicologiche. L’argomento ci sembra stimolante soprattutto alla luce della grande mole di libri, articoli e ricerche che hanno come oggetto tale costrutto, oltre all’esistenza di uno specifico trattamento psicoterapeutico basato

EABCT 2011: tre impressioni finali

EABCT 2011: tre impressioni finali

Tre impressioni conclusive dal congresso EABCT 2011 e uno  sguardo di saluto a Reykjavik, città di piccole case. Rimane in  mente il primo quarto d’ora di Clark, surreale lezione sul  modello cognitivo della fobia sociale talmente risaputa da rasentare la provocazione e tradire l’affanno di chi teme di  aver già

EABCT 2011: Marsha Linehan

EABCT 2011: Marsha Linehan

EABCT 2011, Reykjavik. Una cornice spettacolare per la mia iniziazione. Da novellina a questa emozionante esperienza europea, mi avvicino ai grandi nomi con il rispetto reverenziale che meritano. Terzo giorno EABCT, keynote serale di Marsha Linehan, con un update sugli Emotion Regulation Skills proposti dalla Dialectical Behavior Therapy. Sala gremita,

EABCT 2011: Arntz sulla Schema Therapy di Jeffrey Young

EABCT 2011: Arntz sulla Schema Therapy di Jeffrey Young

Tra i nuovi modelli emersi, la Schema Therapy è quello in qualche modo che più rimane fedele al principio cardine del cognitivismo clinico classico: l’approfondimento dei contenuti mentali. A differenza della ACT di Hayes, della terapia metacognitiva di Wells o delle varie terapie basate sulla mindfulness, tutte terapie che in

EABCT 2011: Luci e ombre della Compassion Focused Therapy

EABCT 2011: Luci e ombre della Compassion Focused Therapy

Tra i vari workshop precongressuali della giornata odierna, ho scelto di partecipare a quello presentato da Paul Gilbert sulla sua Compassion Focused Therapy. Ci sono diverse ragioni per cui la mia scelta è caduta su questa opportunità formativa. Prima di tutto non avevo mai assistito a un suo workshop, solo

EABCT 2011: promesse e preoccupazioni

EABCT 2011: promesse e preoccupazioni

L’Islanda è una terra primordiale, dove elementi opposti si attraggono, coesistono e si abbracciano in modo naturale, diremmo noi emotivo. Alcuni teorici sosterrebbero si tratti di un processo automatico, preconsapevole, sorto da una strana mescolanza di temperamento e di storia evolutiva. Così, l’Islanda, la terra del ghiaccio e del fuoco,

Psicoterapia nucleare e psicoterapia esistenziale

Psicoterapia nucleare e psicoterapia esistenziale

  Una delle cose che mi ha sempre stupito della psicoterapia cognitiva è la sua storica tendenza a vivere lungo dicotomie polarizzate e per molti versi inconciliabili, così come la tendenza a non vedere un punto di unione più alto.  Gli esempi più chiari emergono considerando le critiche poste all’approccio

La terapia metacognitiva di Wells: pregi e considerazioni critiche

La terapia metacognitiva di Wells: pregi e considerazioni critiche

Si pensa di conoscere bene, di aver veramente compreso qualcosa: una persona, una teoria o una terapia. E invece non è così. Un giorno ci si rende conto che si è fatta conoscenza solo di un aspetto introduttivo, di una sala di rappresentanza, mentre invece nel tinello ci aspettano sorprese.

Rimanda a domani la perfezione

Rimanda a domani la perfezione

  Il rimandare è attività comune a tutti ma le ragioni che ci inducono a farlo sono diverse. A rischio procrastinazione, ebbene sì, ci sono anche loro, i perfezionisti, coloro che fondano il proprio valore personale nell’eccellenza delle prestazioni. Perchè mai persone così interessate a fare bene dovrebbero però concedere

Mal di testa? Meditate

Mal di testa? Meditate

Niente più pillole, sciroppi o iniezioni, basta un’ora di meditazione e il dolore se ne va. In uno studio pubblicato dal Journal of Neuroscience e condotto da un gruppo di ricercatori del Wake Forest Baptist Medical Center di Winston-Sale (Usa) la meditazione avrebbe un potere analgesico sul dolore. Gli scienziati hanno selezionato

1 42 43 44

Messaggio pubblicitario