Messaggio pubblicitario Master DA 2020

I bambini adottati dopo l’istituto: gli effetti della deprivazione precoce sul loro sviluppo – Una panoramica sulla situazione attuale

Problemi comportamentali e ritardi nello sviluppo sembrano riflettere la mancanza di interazione con i caregivers nei bambini istituzionalizzati.

ID Articolo: 176814 - Pubblicato il: 21 luglio 2020
I bambini adottati dopo l’istituto: gli effetti della deprivazione precoce sul loro sviluppo – Una panoramica sulla situazione attuale
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

Gli orfanotrofi, anche quando sono dotati di risorse ed opportunità, non possono essere reputati luoghi idonei alla crescita dei minori (Monti et al. 2010), in quanto sono da considerare a pieno titolo delle istituzioni totali (Goffman, 1968).

Il presente contributo è il primo di una serie di tre articoli sull’argomento. In questa prima parte presentiamo una panoramica generale sulla situazione attuale relativa agli orfanotrofi e agli istituti per minori. Negli articoli che pubblicheremo nei prossimi giorni invece verranno illustrate le recenti ricerche sull’argomento e i relativi risultati.

 

Messaggio pubblicitario In Italia è stato stabilito dalla legge n.149 del 2001 la totale chiusura delgi orfanotrofi; a tutt’oggi, però, ciò non e ancora completamente avvenuto (Istituto degli innocenti, 2007). In Europa, tra le situazioni di maggiore degrado compaiono quelle degli istituti di Russia e Romania, dove non è ancora prevista un’adeguata legislazione in merito.

Anche se le istituzioni presentano caratteristiche differenti a seconda dei paesi e anche all’interno degli stessi, un tema comune a tutte è la mancanza di interazione socio-emotiva con i caregivers: ciò è strettamente connesso con tipici ritardi nello sviluppo osservati nei minori post-istituzionalizzati ed i loro successivi problemi comportamentali (Merz & McCall, 2010).

In istituti come quelli russi e rumeni, i minori difficilmente riescono a godere di una relazione individualizzata con un adulto di riferimento, in quanto il rapporto numerico tra adulti e bambini è di circa 1 a 30/50 (Rutter et al., 2007). A ciò va aggiunto che tali minori sono esposti ad un eccessivo turnover del personale, arrivando a relazionarsi, nei loro primi due anni di vita, da un minimo di 50 a circa 100 diversi caregivers (Groark & Muhamedrahimov, 2005). La vita nella gran parte degli istituti si caratterizza per la scarsa o totale assenza di stimolazioni percettive, motorie e linguistiche, e le interazioni sono spesso brevi e mal dirette (Monti et al. 2010).

Poichè per circa l’85% dei minori adottati, dopo la separazione dalla famiglia biologica, la vita comincia in un istituto, gli studi sulla loro crescita fisica ed il loro sviluppo cognitivo ed affettivo proseguono da più di cinquant’anni (Smyke et al. 2007).

Ovviamente, anche i motivi per cui i bambini giungono agli istituti possono contribuire ad esiti diversi e differenti livelli di resilienza. In Romania, ad esempio, la ragione principale dell’abbandono di minori è la povertà (Zeanah et al., 2003), associata a scarse cure prenatali, malnutrizione materna ed esposizione prenatale ad alcol e altre sostanze. Anche in Russia la situazione dell’infanzia è molto difficile: in molte aree del Paese le famiglie vivono al di sotto della soglia di povertà e il disagio sociale, aggravato spesso da fenomeni come tossicodipendenza ed alcolismo, spesso induce all’abbandono dei figli. La grande maggioranza dei bambini ricoverati, infatti, ha ancora almeno uno dei genitori in vita: essi sono definiti orfani sociali.

Nonostante in molti casi le situazioni istitutive dovrebbero avere breve durata, si calcola che soltanto il 9% dei minori ritorni alle proprie famiglie dopo l’ingresso in un istituto (Smyke et al. 2007). L’adozione può quindi essere considerata una soluzione; tuttavia, l’importanza che riveste tale avvenimento, suggerisce un’analisi più accurata dei fattori protettivi e di rischio che la caratterizzano.

Si presume che un accumulo di fattori di rischio (come la prematura incuria e l’abuso) conduca ad uno sviluppo del bambino meno buono, mentre i fattori protettivi (come una relazione di attaccamento sicuro) possano attenuare gli effetti negativi dei rischi, incrementando la resilienza (Chistolini, 2009).

Messaggio pubblicitario Le ricerche hanno mostrato come la mancata costruzione di legami preferenziali e l’impossibilità di vivere in un contesto amorevole e prevedibile portino a difficoltà in varie aree dello sviluppo biologico e psico-sociale, che tendono ad aumentare in relazione all’intensità e alla durata della deprivazione. Già all’inizio degli anni Novanta, diversi autori riscontrarono nei primi bambini de-istituzionalizzati alterazioni nel comportamento e nelle relazioni sociali molto simili a quelle dei bambini autistici. A partire da ciò e stato possibile, nel tempo, identificare quella che è stata nominata da Federici (1998) «sindrome autistica post-istituzionale» o anche, da altri autori, «pattern quasi-autistico» (Rutter et al., 1999).

Ciò che permette di differenziare il «pattern quasi-autistico» dei soggetti deprivati dall’autismo riscontrabile nella popolazione normativa è che il primo sembra avere come causa il contesto di profonda deprivazione e non i fattori genetici; perciò, modificando tale contesto disfunzionale per la crescita, sono possibili margini di miglioramento (Hoksbergen et al., 2005).

Le ricerche pubblicate negli ultimi 15 anni hanno riscontrato la presenza di disturbi soprattutto in bambini cresciuti in istituzioni rumene (ritardi cognitivi, gravi disturbi del comportamento sociale e anomalie nel livello di cortisolo, fattore compatibile con elevati livelli di stress) (Smyke et al. 2002; Zeanah, et al. 2005). Nonostante questi risultati, Rutter e colleghi (1999) hanno notato una sorprendente variabilità individuale nel grado in cui lo sviluppo dei bambini sia compromesso dall’esperienza istituzionale ed hanno osservato significativi, se non completi, recuperi nei minori adottati dalla Romania (Rutter, 2007). Secondo quanto riportato da alcuni autori, all’incirca un quarto dei minori istituzionalizzati riesce ad avere un funzionamento normale, anche a seguito di ben due anni d’istituzionalizzazione (Emiliani, 2008).

Molti ricercatori, tra cui Juffer e van Ijzendoorn (2006), hanno sottolineato la significatività di un confronto fra minori abbandonati rimasti in istituto e quelli, invece, accolti in famiglia, affinché si possa verificare l’effettivo grado di efficacia dell’adozione internazionale come alternativa all’istituzionalizzazione.

Bowlby (1982) concluse un capitolo del suo libro con una frase piena di speranza:

Si puo supporre che l’adozione, se avviene in un contesto qualificato, possa offrire al bambino all’incirca le stesse possibilità di avere una vita familiare felice, quasi come se fosse cresciuto nella sua famiglia d’origine.

I Paesi con un’adeguata conoscenza delle cure precoci istituzionali e delle conseguenze che comportano possono promuovere interventi educativi in modo più mirato e consapevole, favorendo un migliore adattamento dei minori alle nuove situazioni di vita.

 

Leggi gli altri articoli sull’argomento:

1- I bambini adottati dopo l’istituto: gli effetti della deprivazione precoce sul loro sviluppo – Una panoramica sulla situazione attuale – Pubblicato su State of Mind il 21 Luglio 2020
2- I bambini adottati dopo l’istituto: gli effetti della deprivazione precoce sul loro sviluppo – I principali studi – Pubblicato su State of Mind il 22 Luglio 2020
3- I bambini adottati dopo l’istituto: gli effetti della deprivazione precoce sul loro sviluppo – I risultati dei principali studi – Pubblicato su State of Mind il 23 Luglio 2020

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 4,50 su 5)

Consigliato dalla redazione

Separazione precoce e istituzionalizzazione: conseguenze sui bambini

Le conseguenze della separazione dalla famiglia in bambini istituzionalizzati e migranti

L’ultimo studio condotto dal BEIP ha dimostrato che esistono traiettorie divergenti nello sviluppo dei bambini rimasti in istituto e quelli inseriti in famiglie affidatarie. È difficile il paragone con le

Bibliografia

  • Achenbach, T. M., & Rescorla, L. A. (2001), Manual for ASEBA School-Age Forms & Profiles. Burlington, VT: University of Vermont, Research Center for Children, Youth, & Families.
  • Achenbach T. M., Becker A., Dopfner M., Heiervang E., Roessner V., Steinhausen HC., and Aribert Rothenberger (2008), Multicultural assessment of child and adolescent psychopathology with ASEBA and SDQ instruments: research findings, applications, and future directions, Journal of Child Psychology and Psychiatry, 49, 251–275.
  • Ames, E. (1997). The development of Romanian orphanage children adopted to Canada. Burnaby, Canada: Simon Fraser University.
  • Audet, K., Le Mare, L.(2006), A longitudinal study of the physical growth and health of postinstitutionalized Romanian adoptees. Paediatrics & child health, 11(2), 85-110.
  • Bayley, N. (1993), Bayley Scales of Infant Development (2nd edn). New York: Psychological Corporation.
  • Bowlby J.(1976), Attaccamento e perdita, Volume 1, “L’attaccamento alla madre”, Bollati Boringhieri, Torino.
  • Bowlby, J. (1982), Attachment (2nd ed.). New York: Basic Books.
  • Carter, A.S., Briggs-Gowan, M., Jones, S.M., & Little, T.D. (2003). The Infant–Toddler Social and Emotional Assessment (ITSEA): Factor structure, reliability, and validity. Journal of Abnormal Child Psychology, 31, 495–514.
  • Chistolini M., Raymondi M. (2009), Scenari e sfide dell’adozione internazionale, Milano Franco Angeli.
  • Chugani H.T, Behen ME, Muzik O, Juhasz C, Nagy F. (2001), Local brain functional activity following early deprivation: a study of postinstitutionalized Romanian orphans, Neuroimage, numero di Dicembre; 14(6), 1290-1301.
  • Colvert E., Rutter M., Beckett C., Castle J., Groothues C., Hawkins A. & Sonug-Barke E. J. (2008). Emotional difficulties in early adolescence following severe early deprivation: Findings from the English and Romanian adoptees study. Development and Psychopathology, 20(02), 547-567.
  • Cyrulnik, B., Malaguti, E. (1999) (a cura di), Costruire la resilienza: la riorganizzazione positiva della vita e la creazione dei legami significativi. Trento: Erickson.
  • Emiliani, F. (2004). Deprivazione da istituzionalizzazione precoce e attaccamento: non e «roba vecchia». Psicologia Clinica dello Sviluppo, 8 (2), 353-358.
  • Emiliani, F. (2008). La realta delle piccole cose. Psicologia del quotidiano. Bologna: Il Mulino. Federici, F. (1998). Help for the hopeless child: A guide for families. Alexandria, VA: Federici & Associates.
  • Fisher, L., Ames, E.W., Chisholm, K., Savie, L. (1997). Problems reported by parents of Romanian orphans adopted to British Columbia.International Journal of Behavioral Development, 20, 67-83.
  • Goldfarb, W. (1945). The effects of early institutional care on adolescent personality. Journal of Experimental Education, 12, 106-129.
  • Goffman, E. (1968). Asylums: Essays on the social situation of mental patients and other inmates. AldineTransaction.
  • Groark, C.J., Muhamedrahimov, R.J. (2005). Improvements in early care in Russian orphanages and their relationship to observed behaviors, Infant Mental Health Journal, 26 (2), 96-109.
  • Gunnar, M.R., Bruce J., Grotevant, H.D. (2000), International adoption of institutionally reared children: research and policy, Development and Psychopatology, 12, 677693.
  • Gunnar, M., Kertes, D. (2005), Prenatal and postnatal risks to neurobiological development in internationally adopted childrten. In D. Brodzinsky & J. Palacios (Eds.), Psychological Issues in Adoption. Research and Practice, Chapter 3, 27-47.
  • Gunnar, M. R., & Van Dulmen, M. H. (2007), Behavior problems in postinstitutionalized internationally adopted children. Development and psychopathology, 19(01), 129-148.
  • Haddad, P.M., Garralda, M.E. (1992). Hyperkinetic syndrome and disruptive early experiences. British Journal of Psychiatry, 161, 700-703.
  • Hawk B., McCall R.B (2010), CBCL Behaviour problems of post-institutionalized International Adoptees, Clinical Child and Family Psychology Review, June, 13, Issue 2, 199211.
  • Hodges, J., Tizard, B. (1989). IQ and behavioural adjustment of ex-institutional adolescents. Journal of Child Psychology and Psychiatry, 30, 53-75.
  • Hoksbergen, R., Rijk, K., Van Dijkum,, C. O. R., & Ter Laak, J. A. N. (2004), Adoption of Romanian children in the Netherlands: Behavior problems and parenting burden of upbringing for adoptive parents. Journal of Developmental & Behavioral Pediatrics, 25(3), 175-180.
  • Hoksbergen, R., Ter Laak, J., Rijk, K., van Dijkum, C., Stoutjesdijk, F. (2005). Postinstitutional autistic syndrome in Romanian adoptees. Journal of Autism and Developmental Disorders, 35, 615-623.
  • Kadesjo, B., Janols, L. O., Korkman, M., Mickelsson, K., Strand, G., Trillingsgaard, A., & Gillberg,C. (2004), The FTF (Five to Fifteen): the development of a parent questionnaire for the assessment of ADHD and comorbid conditions. European child & adolescent psychiatry, 13(3), 3-13.
  • Kadlec, M. B., & Cermak, S. A. (2002). Activity level, organization, and social-emotional behaviors in post-institutionalized children. Adoption Quarterly, 6(2), 43-57.
  • Kossover, R. (2004) Analysis of dietary composition and nutritional adequacy in Russian orphans living in Baby Home , Minneapolis: University of Minnesota; 2004. Unpublished manuscript.
  • Kreppner, J. M., O’Connor, T. G., Rutter, M., & English and Romanian Adoptees Study Team. (2001). Can inattention/overactivity be an institutional deprivation syndrome? Journal of abnormal child psychology, 29(6), 513-528.
  • Merz E. C., & McCall, R. B. (2010), Behavior problems in children adopted from psychosocially depriving institutions. Journal of abnormal child psychology, 38(4), 459-470.
  • Miller, L., Chan, W., Tirella, L., & Perrin, E. (2009). Outcomes of children adopted from Eastern Europe. International Journal of Behavioral Development.
  • Monti F., Agostini F., Ferracuti C. (2010), L’istituzionalizzazione precoce in Russia e Romania e gli effetti sullo sviluppo infantile, Psicologia clinica dello sviluppo, 3, 423-448.
  • Leveille, M. (2013), DSM5 and School Psychology, Reactive Attachment Disorder and Disinhibited Social Engagement Disorder, NASP Communique, Volume 42, Issue 8.
  • Raaska, H., Elovainio, M., Sinkkonen, J., Matomaki, S., Makipaa, S., Lapinleimu, S. (2011), Internationally adopted children in Finland: parental evaluations of symptoms of reactive attachment disorder and learning difficulties – FINADO study, Child: care, health and development, 38, 5, 697-705.
  • Roy, P., Rutter, M., Pikles, A. (2000). Institutional care: Risk from family background or pattern of rearing? Journal of Child Psychology and Psychiatry and Allied Disciplines, 41, 139- 149.
  • Roy, P., Rutter, M., Pickles, A. (2004). Institutional care: Associations between overactivity and lack of selectivity in social relationships. Journal of Child Psychology and Psychiatry, 45 (4), 866-873.
  • Rutter, M., ERA Study Team (1998). Developmental catch-up, and deficit, following adoption after severe global early privation. Journal of Child Psychology and Psychiatry, 39 (4), 465- 476.
  • Rutter, M., AndersenWood, L., Beckett, C., Bredenkamp, D., Castle, J., Groothues, C., Kreppner, J., Keaveney, L., Lord, C., O’Connor, T.G., ERA Study Team (1999). Quasi-autistic patterns following severe early global privation. Journal of Child Psychology and Psychiatry, 40, 537-549.
  • Rutter, M., Kreppner, J.M., O’Connor, T., ERA Study Team (2001). Specificity and heterogeneity in children’s responses to profound institutional privation. British Journal of Psychiatry, 179, 97-103.
  • Rutter, M., Beckett, C., Castle, J., Colvert, E., Kreppner, J., Mehta, M. & SonugaBarke, E. (2007), Effects of profound early institutional deprivation: An overview of findings from a UK longitudinal study of Romanian adoptees, European Journal of Developmental Psychology, 4(3), 332-350.
  • Silver, L.B. (1989), Frequency of adoption of children and adolescent with learning disabilities, Journal of Learning Disabilities, 22(5), 325-327.
  • Smyke, A.T., Koga, S., Johnson, D., Fox, N., Marshall, P., Nelson, C., Zeanah, C. (2007), The caregiving context in institution-reared and family-reared infants and toddlers in Romania, Journal of Child Psychology and Psychiatry, 48, 2 210–218.
  • Stevens, S., Sonuga-Barke, E.J.S., Kreppner, J., Beckett, C., Castle, J., Colvert, E., Groothues, C., Hawkins, A., Rutter, M. (2007). Inattention/overactivity following early severe institutional deprivation: Presentation and association in early adolescence. Journal of Abnormal Child Psychology, 36 (3), 385-398.
  • Taylor, E. (1994). Syndromes of attention deficit and overactivity. In M. Rutter, E. Taylor e L. Hersov (a cura di), Child and adolescent psychiatry: Modern approches. Oxford: Blackwell.
  • Van IJzendoorn, M. H., Juffer, F. (2006), The Emanuel Miller Memorial Lecture: Adoption as intervention. Meta- analytic evidence for massive catch- up and plasticity in physical, socio- emotional, and cognitive development, Journal of child psychology and psychiatry, 47(12), 1228-1245.
  • Wiik, K. L., Loman, M. M., Van Ryzin, M. J., Armstrong, J. M., Essex, M. J., Pollak, S. D., & Gunnar, M. R. (2011), Behavioral and emotional symptoms of post- institutionalized children in middle childhood, Journal of Child Psychology and Psychiatry, 52(1), 56-63.
  • Zeanah, C. H., Smyke, A. T., Koga, S. F., & Carlson, E. (2005), Attachment in institutionalized and community children in Romania, Child development, 76(5), 1015-1028.
State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Categorie

Messaggio pubblicitario