Depressione e neuroscienze – Introduzione alla Psicologia

La depressione è collegata ad alterazioni nel
l'attività dell'area prefrontale, del cingolo anteriore, del sistema limbico e di alcuni neurotrasmettitori.

ID Articolo: 164173 - Pubblicato il: 18 aprile 2019
Depressione e neuroscienze – Introduzione alla Psicologia
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

Nel trattamento della depressione è importante indurre anche piccoli cambiamenti nella vita delle persone perché è così possibile facilitare alcune modificazioni sull’attività neurotrasmettitoriale e cambiamenti positivi a livello neurale che si traducono in un miglioramento della qualità della vita.

Realizzato in collaborazione con la Sigmund Freud University, Università di Psicologia a Milano

 

Messaggio pubblicitario La depressione è una patologia caratterizzata da umore depresso e anedonia. Per il depresso tutto sembra aver perso valore e significato e la vita stessa non merita di essere più vissuta, prevale un senso di disperazione, vuoto, mancanza di piacere e motivazione nel fare le cose che prima destavano interesse e soddisfazione, scarsa energia e stanchezza. Le persone depresse, spesso lamentano anche problemi legati al sonno e all’appetito, scarsa concentrazione, e si sentono in un vortice di pensieri autovalutativi negativi e ripetitivi (ruminazione): si crea una sorta di spirale di pensieri a contenuto negativo, volti a raggiungere un picco di tristezza che, nel lungo periodo, diventa una condizione permanente. Quindi, la mente è bloccata in un turbinio di pensieri ricorsivi e svalutativi dai quali difficilmente si riesce a uscire in maniera autonoma.

Neuroscienze e depressione

Da un punto di vista neuropsicologico le aree principalmente coinvolte nella depressione sono 
le aree prefrontale, il cingolo anteriore e il sistema limbico, collegati da una serie di circuiti a essi correlati (Beevers, 2005).

La corteccia prefrontale è principalmente coinvolta nell’esecuzione delle funzioni superiori e nel controllo degli impulsi. Studi di neuroimaging rilevano che nella corteccia frontale dei depressi vi sia meno densità gliale (Havekes & Abel, 2017; Samara et al, 2018). Inoltre, la parte orbitofrontale laterale risulta essere esclusa dal meccanismo delle gratificazione determinando, di conseguenza, il senso di perdita e di delusione vissuti dai depressi. Questa area essendo anche coinvolta nel processamento della percezione di se stessi, nel depresso genera il senso di perdita personale e la scarsa autostima (Disner, Beevers, Haigh, & Beck, 2011).

Inoltre, la corteccia del giro cingolato anteriore dorsale è ipoattiva, quella rostrale, al contrario, è iperattiva. Queste attivazioni, dunque, deriverebbero dalla gestione dello stato affettivo che un depresso mette in atto in risposta alle richieste dal contesto ambientale (Elliott, Rubinsztein, Sahakian, & Dolan, 2002). Il giro cingolato anteriore stimola, a sua volta, il lobo frontale a intervenire nell’ulteriore elaborazione del processo emotivo, ma a causa dell’ipoattività lo stato emotivo non è risolvibile e permane l’umore depresso (Hamilton, & Gotlib, 2008).

Un altro sistema coinvolto è il sistema limbico, sede dell’affettività e delle emozioni (Redlich et al., 2018). Nei pazienti depressi si determina una disfunzione dell’ippocampo nell’elaborazione di risposte affettive adeguate al contesto ambientale, che spesso risultano inappropriate. Inoltre, l’amigdala è implicata nell’apprendimento e nella rievocazione di ricordi a contenuto emozionale, per cui un’eccessiva stimolazione da parte dell’amigdala delle aree corticali deputate all’elaborazione dei ricordi è alla base del continuo ruminare dei depressi (Keedwell, Andrew, Williams, Brammer, & Phillips, 2005). 

È stato individuato un modello integrato, strutturale e funzionale, della depressione secondo il quale una patologia neurologica oppure fattori genetici possono determinare una disfunzione di una o più componenti neuroanatomiche dei circuiti implicati nella genesi della depressione e indurre quindi una sindrome depressiva maggiore (Victor, Furey, Fromm, Öhman, & Drevets, 2010). 
Nella depressione, ciò che risulta non funzionare bene, dunque, è la comunicazione e l’interazione tra la corteccia prefrontale e il sistema limbico: la corteccia prefrontale, dovrebbe regolare l’emotività e l’impulsività innescate dal sistema limbico. Quindi, una riduzione di connettività nelle aree coinvolte nei meccanismi di formazione e rievocazione della memoria, quali il lobo temporale mediale e il giro paraippocampale, non consente il normale svolgimento delle funzioni e da qui si genera la ridotta capacità di concentrarsi sui ricordi felici e la focalizzazione solo su ricordi tristi tipici della depressione (Mayberg, 2003).

Messaggio pubblicitario La depressione, infine, deriverebbe da due processi chiave, il primo relativo ai bias cognitivi ed il secondo al diminuito controllo cognitivo (Disner, Beevers, Haigh, & Beck, 2011). Il primo rispecchia un processo bottom-up che origina dall’iperattività del sistema limbico che poi proietta l’informazione alla corteccia frontale e prefrontale. Si ottiene, di conseguenza, una risposta funzionale agli stimoli emotivi amplificata, che influenza la capacità di interpretare le informazioni. Il secondo deriverebbe invece da un’ipoattività del sistema top-down regione-specifico volto a inibire l’attivazione eccessiva delle aree cerebrali relative al processamento emotivo e quindi permetterebbe la perseverazione dell’attività bottom-up disfunzionale (Siegle, Steinhauer, Thase, Stenger, & Carter, 2002).

Neurotrasmettitori

L’insorgere della depressione dipende anche dall’azione di un numero molto ampio di neurotrasmettitori, che generalmente sono rilasciati dal cervello e svolgono diversi tipi di funzioni (Korb, 2015). Quando alcuni di questi neurotrasmettitori non funzionano come dovrebbero si possono osservare alcuni sintomi tipici della depressione. In particolare, la depressione è determinata dalla presenza di bassi livelli di noradrenalina, serotonina o dopamina. Quindi, agire in tal senso agevola la risoluzione del problema (Redlich, et al., 2018).

Uno dei sintomi più comuni della depressione è la scarsa qualità del sonno. Un sonno non riposante peggiora il tono dell’umore, diminuisce la soglia del dolore e interferisce con i processi di apprendimento e memoria (Havekes & Abel, 2017). Di conseguenza, si è meno concentrati, più irritabili e marcatamente stanchi. A livello cerebrale, la mancanza di sonno ha delle ripercussioni negative a livello della corteccia prefrontale e dell’ippocampo, e scompensa i livelli di serotonina, di dopamina e di noradrenalina.

Conclusioni

Per concludere, se si apportassero dei piccoli cambiamenti nella vita si otterrebbero, di conseguenza, delle modificazioni sull’attività neurotrasmettitoriale e cambiamenti positivi a livello neurale, che si traducono in modificazioni dell’attività elettrica del cervello. Questi cambiamenti determinano un miglioramento della qualità della vita, ovvero maggiore livelli di serotonina.

Quando l’ippocampo riconosce che il contesto è cambiato, allora stimola la corteccia prefrontale a trovare nuove risposte e il circuito, la spirale negativa, inizia a invertire marcia producendo, a catena, uno stato di nuovo benessere. Tutto questo è possibile ottenerlo grazie anche all’ausilio della psicoterapia e, in alcuni casi, dei farmaci.

 

Realizzato in collaborazione con la Sigmund Freud University, Università di Psicologia a Milano

Sigmund Freud University - Milano - LOGORUBRICA: INTRODUZIONE ALLA PSICOLOGIA

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 12, media: 3,92 su 5)

Consigliato dalla redazione

Depressione: l'importanza di una corretta diagnosi - Psicologia

The dark side of the mood: quando la depressione è solo un sintomo

La diagnosi di depressione è spesso facile e veloce. Ma per una cura efficace è indispensabile capire le origini di questa sofferenza e dell'umore depresso

Bibliografia

  • Hamilton, J.P., Gotlib, I.H. (2008). Neural substrates of increased memory sensitivity for negative stimuli in major depression. Biological psychiatry, 63(12), 1155-1162.
  • Havekes, R., Abel, T. (2017). The tired hippocampus: The molecular impact of sleep deprivation on hippocampal function. Current Opinion in Neurobiology, 44, 13-19;
  • Joseffson, T. (2014). Physical exercise intervention in depressive disorders: meta-analysis and systematic review. Scandinavian Journal of Medicine & Science in Sports, 24(2), 259-72. doi: 10.1111/sms.12050;
  • Keedwell, P.A., Andrew, C., Williams, S.C., Brammer, M.J., Phillips, M.L. (2005). A double dissociation of ventromedial prefrontal cortical responses to sad and happy stimuli in depressed and healthy individuals. Biological psychiatry, 58(6), 495-503.
  • Korb, A. (2015). The upward spiral: Using Neuroscience to reverse the course of Depression, one small change at a time. Oakland, California: New Harbinger Publications, Inc., 2015, 225 pages;
  • Koster, E.H., De Raedt, R., Goeleven, E., Franck, E., Crombez, G. (2005). Mood-congruent attentional bias in dysphoria: maintained attention to and impaired disengagement from negative information. Emotion, 5(4), 446-455.
  • Lieberman, M.D. (2003). Reflexive and Reflective judgment processes: A social cognitive neuroscience approach. In J. P. Forgas, K. D. Williams, & W. Von Hippel, Social judgments: Implicit and explicit processes (p. 44-64). Cambridge: Cambridge University Press.
  • Mayberg, H.S. (2003). Modulating dysfunctional limbic-cortical circuits in Depression: Towards development of brain-based algorithms for diagnosis and optimised treatment. British Medical Bulletin, 65(1), 193–207;
  • Ochsner, K.N., Gross, J.J. (2005). The cognitive control of emotion. Trends in cognitive sciences, 9(5), 242-249.
  • Packard, M.G., Cahill, L., McGaugh, J.L. (1994). Amygdala modulation of hippocampal-dependent and caudate nucleus-dependent memory processes. Proceedings of the National Academy of Sciences, 91(18), 8477-8481.
  • Redlich, R. (2018). The limbic system in youth depression: Brain structural and functional alterations in adolescent in-patients with severe Depression. Neuropsychopharmacology, 43, 546–554.
  • Samara, Z. (2018). Orbital and medial prefrontal cortex functional connectivity of Major Depression vulnerability and disease. Biological Psychiatry: Cognitive Neuroscience and Neuroimaging, 3(4), 348-357.
  • Sander, D., Grafman, J., Zalla, T. (2003). The human amygdala: an evolved system for relevance detection. Reviews in the Neurosciences, 14(4), 303-316.
  • Schaefer, S.M., Jackson, D.C., Davidson, R.J., Aguirre, G.K., Kimberg, D.Y., Thompson-Schill, S. L. (2002). Modulation of amygdalar activity by the conscious regulation of negative emotion. Journal of cognitive neuroscience, 14(6), 913-921.
  • Sherman, S.M., Guillery, R.W. (2002). The role of the thalamus in the flow of information to the cortex. Philosophical Transactions of the Royal Society of London. Series B: Biological Sciences, 357(1428), 1695-1708.
  • Siegle, G.J., Steinhauer, S.R., Thase, M.E., Stenger, V.A., Carter, C.S. (2002). Can’t shake that feeling: event-related fMRI assessment of sustained amygdala activity in response to emotional information in depressed individuals. Biological psychiatry, 51(9), 693-707.
  • Sloman, S.A. (1996). The empirical case for two systems of reasoning. Psychological bulletin, 119(1), 3-22.
  • Victor, T.A., Furey, M.L., Fromm, S.J., Öhman, A., Drevets, W.C. (2010). Relationship between amygdala responses to masked faces and mood state and treatment in major depressive disorder. Archives of general psychiatry, 67(11), 1128-1138.
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Università e centri di ricerca

Messaggio pubblicitario