inTherapy

Depressione: comportamenti di evitamento e strategie di intervento in psicoterapia cognitiva (2)

L'articolo delinea i sintomi cognitivo-comportamentali della depressione, tra cui l' evitamento, e gli obiettivi principali del trattamento cognitivo.

ID Articolo: 114823 - Pubblicato il: 26 ottobre 2015
Depressione: comportamenti di evitamento e strategie di intervento in psicoterapia cognitiva
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

Tali schemi, la cui origine spesso affonda le sue radici nel passato, agiscono dunque come delle ‘lenti’ che influenzano la valutazione che la persona attua nel presente in merito a se stessa, alla propria vita, alle proprie relazioni interpersonali, la percezione degli eventi e l’attribuzione del loro significato.  Durante l’intervento psicoterapeutico rispetto al Disturbo Depressivo Maggiore, emerge spesso la presenza di intricati e impermeabili schemi cognitivi depressogeni, la cui attivazione costituisce il nucleo patogenetico del disturbo.

Sulla base di quanto sopra delineato, l’intervento psicoterapeutico rispetto al Disturbo Depressivo Maggiore si focalizza soprattutto sull’attenta valutazione e correzione delle cognizioni attraverso cui il soggetto costruisce l’interpretazione, la spiegazione, l’anticipazione degli eventi passati presenti o futuri, la valutazione di se stesso e della sua vita, aiutando la persona a individuare e modificare le convinzioni disfunzionali che contribuiscono a creare, mantenere ed esacerbare la sofferenza emotiva.
In relazione a ciò, si rileva come la correzione delle valutazioni distorte relative a se stessi, alla propria vita o al proprio futuro conduce ad un graduale cambiamento sul piano emotivo e comportamentale.

Messaggio pubblicitario Ad esempio, nel caso di un episodio depressivo conseguente ad un evento molto doloroso la persona può riuscire progressivamente ad abbandonare la convinzione iniziale di un futuro irrimediabilmente rovinato, giungendo a costruire una successiva ri-valutazione della propria esperienza; in tal modo, riuscendo ad attuare un cambiamento nel modo di pensare, pian piano la persona riesce a superare la disperazione iniziale e, conseguentemente a ciò, comincia a sentire il riemergere di una maggiore fiducia in sé e nelle proprie possibilità di migliorare la situazione attuale, giungendo ad una successiva graduale ripresa della motivazione e dell’energia necessaria per gestire gli impegni quotidiani.

Parallelamente a ciò si inserisce l’intervento terapeutico rispetto al comportamento quotidiano del paziente, attuando in maniera graduale specifici cambiamenti e procedendo in direzione inversa rispetto alla tendenza all’inattività e all’isolamento sociale indotta dal disturbo.

In tal senso, a fronte della sintomatologia evidenziata è necessario attuare una progressiva riattivazione a livello comportamentale, che gradualmente consentirà alla persona di trarre sollievo e distrazione dalle rimuginazioni negative e dalla disforia, e successivamente permetterà di valutare empiricamente l’infondatezza delle idee estremamente negative relative a se stesso e alla propria capacità di svolgere le normali attività e di trarne piacere.
 In tale direzione, il cambiamento dei comportamenti depressivi consente di giungere a cambiamenti cognitivi, ovvero sul piano dei pensieri, della visione di se stesso e delle proprie capacità, della propria vita attuale e del proprio futuro.

A fronte di quanto esaminato nel presente contributo, pertanto, si rileva come il cambiamento cognitivo conduce ad un conseguente miglioramento del tono dell’umore e ad una progressiva diminuzione dell’intensità dei vari sintomi manifestati, i quali a loro volta influiranno positivamente sui pensieri e sul comportamento quotidiano, interrompendo in tal modo il circolo vizioso della depressione in cui la persona si era intrappolata.

L'articolo continua nelle pagine seguenti : 1 2

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 17, media: 4,88 su 5)

Bibliografia

  • American Psychiatric Association (A.P.A.) (1994) Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders The American Psychiatric Association, Washington (DC), tr. it. DSM IV, Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali, Masson, Milano, 1995
  • Aquilar F. , Pugliese M.P. (2011). Psicoterapia cognitiva della depressione. Le diverse forme di depressione e i possibili interventi terapeutici, Franco Angeli
  • Beck A.T. (1967). Depression: Causes and Treatment. Philadelphia: University of Pensylvania Press. Tr. it. La Depressione(1978), Boringhieri, Torino,
  • Gotlib I., Hammen C.L. (2009). Handbook of Depressione, Second Edition, The Guilford Press, New York.
  • Young J.E., Weinberger A.D., Beck A.T. (2001). Cognitive therapy for depression in Barlow D., editor, Clinical Handbook of Psychological Disorders. A step-by-step Treatment Manual, The Guildford Press, New York.
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario