Depressione

Depressione: che cos'è la depressione, quali sono i trattamenti più efficaci e le modalità di cura. Sintomi e diagnosi per la depressione

Leggi tutti gli articoli che parlano di Depressione
Condividi

DEFINIZIONE DI DEPRESSIONE

La Depressione è un disturbo dell’umore. Generalmente chi presenta i sintomi della depressione mostra e prova frequenti e intensi stati di insoddisfazione e tristezza e tende a non provare piacere nelle comuni attività quotidiane. Le persone che soffrono di depressione vivono in una condizione di costante malumore e con pensieri negativi e pessimisti circa sé stessi e il proprio futuro.

DEPRESSIONE: LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI

Spesso la depressione nasce dall’incapacità di accettare una perdita o il non raggiungimento di un proprio scopo (che viene vissuto come un fallimento insuperabile). Si tratta per esempio di tutte le forme depressive che nascono da lutti personali piuttosto che dalla perdita del lavoro o dalla rottura di un’importante relazione affettiva.

La sintomatologia tipicamente è più intensa al mattino e migliora nel corso della giornata, ma vi sono delle eccezioni. La depressione può manifestarsi con diversi livelli di gravità.

Alcune persone presentano sintomi della depressione di bassa intensità, legati ad alcuni momenti di vita, mentre altre si sentono cosi depresse da non riuscire a svolgere le normali attività quotidiane.

Si può soffrire di depressione in modo acuto (con fasi depressive molto intense ed improvvise) oppure soffrirne in modo cronico e continuo, anche se in forma leggera, con alcuni improvvisi momenti di peggioramento.

Spesso i parenti spronano chi ne soffre a reagire. Questo avviene naturalmente in buona fede, ma può generare sentimenti di colpa nella persona con disturbo depressivo. In circa il 15% dei casi la depressione diventa un disturbo cronico con una durata di oltre 3 anni. Si hanno ricadute nel 50% dei casi. Dopo una prima ricaduta la probabilità di ricadere aumenta fino al 75%.

 

QUANTO E’ DIFFUSA LA DEPRESSIONE

Messaggio pubblicitario Molte persone sperimentano emozioni e sensazioni fortemente negative nell’arco della propria vita. Nel mondo si stima che circa 340 milioni di persone soffrano di depressione. La fascia di età più colpita è quella compresa tra 30 e 49 anni. Il disturbo depressivo è circa due volte più frequente tra le donne. Nel corso degli ultimi anni la prevalenza della depressione è aumentata costantemente e allo stesso tempo l’età di insorgenza è diminuita. Attualmente la depressione è considerata  dall’Organizzazione Mondiale della Sanità la seconda causa di disabilità nel panorama delle malattie fisiche e psicologiche, seconda solo all’infarto.

 

QUALI SONO I SINTOMI DELLA DEPRESSIONE?

Sentirsi depressi significa vedere il mondo attraverso degli occhiali con le lenti scure: tutto sembra più opaco e difficile da affrontare, anche alzarsi dal letto al mattino o fare una doccia. Molte persone depresse hanno la sensazione che gli altri non possano comprendere il proprio stato d’animo e che siano inutilmente ottimisti.

I sintomi della depressione più comuni sono la perdita di energie, senso di fatica, difficoltà nella concentrazione e memoria, agitazione motoria e nervosismo, perdita o aumento di peso, disturbi del sonno (insonnia o ipersonnia), mancanza di desiderio sessuale e dolori fisici. Le emozioni tipiche sperimentate da chi è soffre di disturbo depressivo sono la tristezza, l’angoscia, disperazione, insoddisfazione, senso di impotenza, perdita della speranza, senso di vuoto.

I sintomi cognitivi sono la difficoltà nel prendere decisioni e nel risolvere i problemi, la ruminazione mentale (restare a pensare al proprio malessere e alle possibili ragioni), autocriticismo e autosvalutazione, pensiero catastrofico e pensiero pessimista. I comportamenti che contraddistinguono la persona depressa sono l’evitamento delle persone e l’isolamento sociale, i comportamenti passivi, frequenti lamentele, la riduzione dell’attività sessuale e i tentativi di suicidio.

 

QUALI SONO LE CAUSE DELLA DEPRESSIONE?

La depressione può colpire chiunque. Le cause della depressione possono essere molteplici e diverse da persona a persona (ereditarietà, ambiente sociale, lutti familiari, problemi di lavoro,…). Le ricerche mostrano tuttavia la presenza di due fattori di rischio principali come cause della depressione:

  • il fattore biologico: alcune persone nascono con una maggiore predisposizione genetica verso la depressione;
  • il fattore psicologico: le esperienze e i comportamenti appresi nel corso della propria storia di vita (es: la ruminazione mentale) possono rendere vulnerabili alla depressione.

 

QUALI SONO LE CONSEGUENZE DELLA DEPRESSIONE?

Le conseguenze della depressione possono rappresentare importanti ripercussioni sulla vita di tutti i giorni. L’attività scolastica o lavorativa della persona può diminuire in quantità e qualità soprattutto a causa dei problemi di concentrazione e di memoria che tipicamente presentano le persone depresse. Questo disturbo, inoltre, porta al ritiro sociale e con il tempo danneggia le relazioni con il/la partner, figli, amici e colleghi. L’umore della persona depressa condiziona anche il rapporto con sé stessi e il proprio corpo. Tipicamente, infatti, chi è depresso ha difficoltà a curare il proprio aspetto, mangiare e dormire in modo regolare.

Depressione - Immagine: 69125527

FA PARTE DEI DISTURBI DELL’UMORE:

Articoli su Depressione

L’aborto non è causa di depressione
Psicologia

L’aborto non è causa di depressione

Sono numerosi gli Stati, soprattutto americani, nei quali le conseguenze psicologiche dell’aborto vengono enfatizzate e usate come fattore disincentivante. Un recente studio condotto presso l’Università del Maryland dimostra però che tale relazione non è sempre vera, in particolare nel caso della depressione.

La depressione maschile e l’uso dei farmaci nelle donne possono ridurre le possibilità di avere un figlio in coppie non fertili
Psicologia

La depressione maschile e l’uso dei farmaci nelle donne possono ridurre le possibilità di avere un figlio in coppie non fertili

L’uso di farmaci e antidepressivi nelle donne sembra correlare positivamente con la frequenza di episodi di interruzione spontanea di gravidanza nel primo trimestre. La depressione maschile inoltre sembrerebbe legata a una minore probabilità di concepire un figlio.

Il modello della Schema Therapy applicato alla Depressione: uno studio su campione non clinico
Psicoterapia

Il modello della Schema Therapy applicato alla Depressione: uno studio su campione non clinico

Un recente studio condotto su un campione non clinico, ha approfondito i costrutti della Schema Therapy, cercando di analizzare il ruolo, ad oggi tralasciato, dei mode e degli stili di coping di evitamento, all’interno del quadro depressivo.

Perché la flora batterica influenza il nostro comportamento?
Neuroscienze Psicologia

Perché la flora batterica influenza il nostro comportamento?

Numerosi studi mostrano gli effetti dei microorganismi intestinali sul cervello e sul comportamento; per descrivere questa relazione hanno coniato il termine: asse microbiota-intestino-cervello. In particolare, sono stati evidenziati degli effetti sui sintomi ansiosi e depressivi sia negli animali che negli umani.

Le conseguenze psicologiche e psichiatriche della disoccupazione
Psichiatria Psicologia

Le conseguenze psicologiche e psichiatriche della disoccupazione

La disoccupazione rende necessari interventi di supporto alla salute mentale per arginare un fenomeno che esce dalle mura domestiche e impatta su tutta la società.

Social media: quale correlazione con i sintomi di depressione
Psicologia

Social media: quale correlazione con i sintomi di depressione

Ricerche recenti mostrano l’esistenza di una correlazione tra l’uso dei social media e un aumento dei casi di depressione. Sebbene non sia chiara la relazione causale tra le due variabiali, i risultati ci danno alcune prime informazioni su come i social media possono agire sulla mente umana.

Lucia, una storia di depressione vissuta all’ombra del vulcano – Un caso clinico trattato con la Terapia Metacognitiva Interpersonale.
Psicologia Psicoterapia

Lucia, una storia di depressione vissuta all’ombra del vulcano – Un caso clinico trattato con la Terapia Metacognitiva Interpersonale.

La depressione rimane il più comune disturbo psicologico tra i pazienti affetti da HIV. Sono molti gli studi che hanno indagato il trattamento di questo tipo di pazienti. Risultati recenti mostrano una buona efficacia nell’utilizzo di un approccio basato sulla Terapia Metacognitiva Interpersonale (TMI).

Parla, mia paura (2017) – Recensione del libro di Simona Vinci su attacchi di panico e depressione
Psicologia Psicoterapia

Parla, mia paura (2017) – Recensione del libro di Simona Vinci su attacchi di panico e depressione

Attacchi di panico e depressione: Simona Vinci (Einaudi) ci racconta la sua esperienza. In Italia almeno 1 persona su 10 ne è colpita, ma pochi ne parlano e molti pregiudizi persistono.

I percorsi clinici della Psicologia – Metodi strumenti e procedure nel SSN (2018) – Recensione del libro a cura di Daniela Rebecchi
Psichiatria Psicologia Psicoterapia

I percorsi clinici della Psicologia – Metodi strumenti e procedure nel SSN (2018) – Recensione del libro a cura di Daniela Rebecchi

L’esperienza degli psicologi e psicoterapeuti dell’AUSL di Modena. Riflessioni, metodi, protocolli e valutazione degli interventi in ambito di salute mentale su fasce a rischio e patologie in aumento

La regolazione emotiva: sopprimere le emozioni negative può aiutarci a stare meglio?
Psicologia

La regolazione emotiva: sopprimere le emozioni negative può aiutarci a stare meglio?

La capacità di regolazione emotiva può essere un utile strumento per fronteggiare i sintomi della depressione o di altri disturbi dell’umore. Sopprimere le emozioni sembra infatti ridurre i ricordi negativi, sia che lo si faccia consapevolmente o inconsciamente.

Lo stress può contribuire allo sviluppo della Depressione tardiva
Psicologia

Lo stress può contribuire allo sviluppo della Depressione tardiva

Lo stress ossidativo è una condizione patologica causata dalla rottura dell’equilibrio fisiologico fra la produzione e l’eliminazione di sostanze chimiche ossidanti. Tale squilibrio sembra giocare un ruolo importante nello sviluppo di depressione tardiva in soggetti di età avanzata.

La stimolazione auricolare transcutanea del nervo vago (taVNS) per il trattamento della sintomatologia depressiva
Neuroscienze

La stimolazione auricolare transcutanea del nervo vago (taVNS) per il trattamento della sintomatologia depressiva

E’ stato dimostrato come la stimolazione auricolare transcutanea del nervo vago (taVNS) sia in grado di ridurre in modo significativo alcuni sintomi caratterizzanti il disturbo depressivo maggiore.

Depressione: persino i profumi non sono più gli stessi – Correlazioni tra sintomi depressivi e capacità olfattive
Neuroscienze Psichiatria Psicologia

Depressione: persino i profumi non sono più gli stessi – Correlazioni tra sintomi depressivi e capacità olfattive

Pazienti depressi presentano alterazioni in strutture anatomiche implicate nei processi olfattivi, che portano al diminuire delle loro capacità olfattive

Le implicazioni strutturali e psicopatologiche degli eventi stressanti infantili e recenti nei disturbi dell’umore
Neuroscienze Psicologia

Le implicazioni strutturali e psicopatologiche degli eventi stressanti infantili e recenti nei disturbi dell’umore

Gli eventi stressanti aumentano il rischio di depressione e ansia, aumentano il tasso dei tentativi di suicidio e compromettono la salute psicofisica.

Entrate e uscite dalla depressione: gli schemi maladattivi sottostanti
Psicologia Psicoterapia

Entrate e uscite dalla depressione: gli schemi maladattivi sottostanti

La depressione non è una malattia a sè stante ma un insieme di sintomi che possono scaturire da una diversa organizzazione della personalità.

Quando la sofferenza non ha destinazione: la salute mentale nei rifugiati prima, durante e dopo la migrazione
Attualità Psichiatria Psicologia

Quando la sofferenza non ha destinazione: la salute mentale nei rifugiati prima, durante e dopo la migrazione

I richiedenti asilo sono esposti a vari fattori di rischio per la loro salute mentale. Depressione e ansia sembrano aumentare anche dopo la migrazione.

L’area cerebrale dell’abenula e il comportamento sociale
Neuroscienze

L’area cerebrale dell’abenula e il comportamento sociale

Uno studio ha dimostrato che la regione cerebrale dell’abenula potrebbe essere quella che controlla il comportamento sociale.

Il cuore depresso: la depressione nei pazienti con disturbi cardiaci
Psicologia

Il cuore depresso: la depressione nei pazienti con disturbi cardiaci

La consistente presenza di depressione nei malati cardiaci ci porta oltre gli atti medici, riassegnando la giusta importanza alla relazione col paziente.

Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA 2 - footer right

Messaggio pubblicitario