Messaggio pubblicitario

Depressione

Depressione: che cos'è la depressione, quali sono i trattamenti più efficaci e le modalità di cura. Sintomi e diagnosi per la depressione

Leggi tutti gli articoli che parlano di Depressione
Condividi

DEPRESSIONE - definizione sintomi e cura della depressione

Che cos’è la depressione – Definizione di depressione

La Depressione è un disturbo dell’umore. Generalmente chi presenta i sintomi della depressione mostra e prova frequenti e intensi stati di insoddisfazione e tristezza e tende a non provare piacere nelle comuni attività quotidiane. Le persone che soffrono di depressione vivono in una condizione di costante malumore e con pensieri negativi e pessimisti circa sé stessi e il proprio futuro.

DEPRESSIONE: LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI

Spesso la depressione nasce dall’incapacità di accettare una perdita o il non raggiungimento di un proprio scopo (che viene vissuto come un fallimento insuperabile). Si tratta per esempio di tutte le forme depressive che nascono da lutti personali piuttosto che dalla perdita del lavoro o dalla rottura di un’importante relazione affettiva.

La sintomatologia tipicamente è più intensa al mattino e migliora nel corso della giornata, ma vi sono delle eccezioni. La depressione può manifestarsi con diversi livelli di gravità.

Alcune persone presentano sintomi della depressione di bassa intensità, legati ad alcuni momenti di vita, mentre altre si sentono cosi depresse da non riuscire a svolgere le normali attività quotidiane.

Si può soffrire di depressione in modo acuto (con fasi depressive molto intense ed improvvise) oppure soffrirne in modo cronico e continuo, anche se in forma leggera, con alcuni improvvisi momenti di peggioramento.

Spesso i parenti spronano chi ne soffre a reagire. Questo avviene naturalmente in buona fede, ma può generare sentimenti di colpa nella persona con disturbo depressivo. In circa il 15% dei casi la depressione diventa un disturbo cronico con una durata di oltre 3 anni. Si hanno ricadute nel 50% dei casi. Dopo una prima ricaduta la probabilità di ricadere aumenta fino al 75%.

QUANTO E’ DIFFUSA LA DEPRESSIONE

Messaggio pubblicitario Molte persone sperimentano emozioni e sensazioni fortemente negative nell’arco della propria vita. Nel mondo si stima che circa 340 milioni di persone soffrano di depressione. La fascia di età più colpita è quella compresa tra 30 e 49 anni. Il disturbo depressivo è circa due volte più frequente tra le donne. Nel corso degli ultimi anni la prevalenza della depressione è aumentata costantemente e allo stesso tempo l’età di insorgenza è diminuita. Attualmente la depressione è considerata  dall’Organizzazione Mondiale della Sanità la seconda causa di disabilità nel panorama delle malattie fisiche e psicologiche, seconda solo all’infarto.

QUALI SONO I SINTOMI DELLA DEPRESSIONE?

Sentirsi depressi significa vedere il mondo attraverso degli occhiali con le lenti scure: tutto sembra più opaco e difficile da affrontare, anche alzarsi dal letto al mattino o fare una doccia. Molte persone depresse hanno la sensazione che gli altri non possano comprendere il proprio stato d’animo e che siano inutilmente ottimisti.

I sintomi della depressione più comuni sono la perdita di energie, senso di fatica, difficoltà nella concentrazione e memoria, agitazione motoria e nervosismo, perdita o aumento di peso, disturbi del sonno (insonnia o ipersonnia), mancanza di desiderio sessuale e dolori fisici. Le emozioni tipiche sperimentate da chi è soffre di disturbo depressivo sono la tristezza, l’angoscia, disperazione, insoddisfazione, senso di impotenza, perdita della speranza, senso di vuoto.

I sintomi cognitivi sono la difficoltà nel prendere decisioni e nel risolvere i problemi, la ruminazione mentale (restare a pensare al proprio malessere e alle possibili ragioni), autocriticismo e autosvalutazione, pensiero catastrofico e pensiero pessimista. I comportamenti che contraddistinguono la persona depressa sono l’evitamento delle persone e l’isolamento sociale, i comportamenti passivi, frequenti lamentele, la riduzione dell’attività sessuale e i tentativi di suicidio.

QUALI SONO LE CAUSE DELLA DEPRESSIONE?

La depressione può colpire chiunque. Le cause della depressione possono essere molteplici e diverse da persona a persona (ereditarietà, ambiente sociale, lutti familiari, problemi di lavoro,…). Le ricerche mostrano tuttavia la presenza di due fattori di rischio principali come cause della depressione:

  • il fattore biologico: alcune persone nascono con una maggiore predisposizione genetica verso la depressione;
  • il fattore psicologico: le esperienze e i comportamenti appresi nel corso della propria storia di vita (es: la ruminazione mentale) possono rendere vulnerabili alla depressione.

QUALI SONO LE CONSEGUENZE DELLA DEPRESSIONE?

Le conseguenze della depressione possono rappresentare importanti ripercussioni sulla vita di tutti i giorni. L’attività scolastica o lavorativa della persona può diminuire in quantità e qualità soprattutto a causa dei problemi di concentrazione e di memoria che tipicamente presentano le persone depresse. Questo disturbo, inoltre, porta al ritiro sociale e con il tempo danneggia le relazioni con il/la partner, figli, amici e colleghi. L’umore della persona depressa condiziona anche il rapporto con sé stessi e il proprio corpo. Tipicamente, infatti, chi è depresso ha difficoltà a curare il proprio aspetto, mangiare e dormire in modo regolare.

 

FA PARTE DEI DISTURBI DELL’UMORE:

Articoli su Depressione

Fame e tono dell’umore: come i livelli di glucosio influenzerebbero stati emotivi e comportamenti
Neuroscienze Psicologia

Fame e tono dell’umore: come i livelli di glucosio influenzerebbero stati emotivi e comportamenti

Fame e tono dell’umore: una recente ricerca pubblicata di Psychopharmacology avrebbe appurato che una dimunizione del livello di glucosio comporta un aumento del cortisolo, incrementando cattivo umore e stress

La nuove sfide della stimolazione magnetica cerebrale, intervista al Dott. Giuseppe Fazzari
Neuroscienze Psichiatria

La nuove sfide della stimolazione magnetica cerebrale, intervista al Dott. Giuseppe Fazzari

Intervista al Dott. Giuseppe Fazzari, direttore scientifico e responsabile organizzativo del Mood Center di Brescia ed esperto da tanti anni di brain stimulation, che racconta le possibili applicazioni cliniche della deep rTMS (stimolazione magnetica transcranica ripetitiva)

Biomarker urinari per una diagnosi più oggettiva dei disturbi ansiosi e depressivi
Neuroscienze Psichiatria Psicologia

Biomarker urinari per una diagnosi più oggettiva dei disturbi ansiosi e depressivi

Ansia e depressione sono patologie che hanno una somiglianza dei sintomi tale per cui spesso le due diagnosi si sovrappongono e frequentemente si osservano in comorbilità. Un aiuto nella diagnosi differenziale sembra arrivare dalla possibilità di identificare alcuni biomarker metabolici specifi per questi disturbi.

Prime linee guida per la valutazione e il trattamento della depressione associata alla perimenopausa
Psicologia

Prime linee guida per la valutazione e il trattamento della depressione associata alla perimenopausa

Vampate di calore e disturbi del sonno sono sintomi caratteristici del periodo della perimenopausa e della menopausa ma possono coesistere e sovrapporsi anche ai sintomi più tipici della depressione. È pertanto importante un’analisi dettagliata dei sintomi per identificare la miglior cura possibile.

Oltre. Scoprirsi fragili: confessioni sul (mio) disturbo alimentare (2018): i DCA attraverso gli occhi di chi ne ha sofferto – Recensione del libro
Psicologia Psicoterapia

Oltre. Scoprirsi fragili: confessioni sul (mio) disturbo alimentare (2018): i DCA attraverso gli occhi di chi ne ha sofferto – Recensione del libro

Oltre è una prospettiva diversa di approcciare il disturbo alimentare: viene dall’interno, da chi lo vive sulla sua pelle. Sandra Zodiaco offre la possibilità di avvicinarsi a questa malattia a chi ne soffre e magari non intravvede via d’uscita, ai famigliari e ai professionisti.

Genitori e insegnanti: fondamentali nella prevenzione della depressione infantile
Psicologia

Genitori e insegnanti: fondamentali nella prevenzione della depressione infantile

Non è facile riconoscere l’insorgere della depressione nei bambini perchè tale patologia assume forme diverse da quelle riscontrate nell’adulto con sintomi più che altro fisici e comportamentali. Genitori e insegnanti svolgono un importante ruolo di prevenzione intercettando alcuni di questi segnali.

Apatia e anedonia: i contributi di neuroscienze e paradigmi comportamentali in soccorso alla clinica
Neuroscienze Psichiatria Psicologia

Apatia e anedonia: i contributi di neuroscienze e paradigmi comportamentali in soccorso alla clinica

Apatia e anedonia sono sintomi di disturbi come la depressione, la schizofrenia, le demenze. Nature Neuroscience ha pubblicato una review in cui mostra il contributo che neuroscienze e paradigmi comportamentali possono dare nel trattamento clinico.

Binge Eating Disorder: non soltanto un problema di peso
Psicologia

Binge Eating Disorder: non soltanto un problema di peso

Le persone con Binge Eating Disorder tendono ad abbuffarsi in stati di umore depresso o ansioso, ma ciò può avvenire anche quando sono tesi, annoiati o soli. Il binge eating rappresenta una strategia, disfunzionale, per modulare il versante emotivo tramite l’incapacità di autoregolarsi sul versante comportamentale.

Correlazione tra uso di smartphone e sintomi ansiosi
Psicologia

Correlazione tra uso di smartphone e sintomi ansiosi

L’uso dello smartphone è imprescindibile nella nostra vita quotidiana ma è importante fare attenzione all’utilizzo che si fa di questi dispositivi. Sembra infatti che chi usa in modo massiccio lo smartphone ha piu probabilità di soffrire di disturbi somatici, insonnia, ansia e depressione.

Depressione in età pre-scolare: riconoscerla e trattarla con la terapia genitore-bambino
Psicologia Psicoterapia

Depressione in età pre-scolare: riconoscerla e trattarla con la terapia genitore-bambino

La depressione nei bambini in età prescolare ha delle peculiarità sintomatologiche che è bene notare quanto prima. Un recente studio della Washington University ha testato un trattamento che coinvolge anche i genitori, concettualizzando la depressione nei bambini come difficoltà nella regolazione delle emozioni

Psichiatria Nutrizionale: una dieta sana come fattore di resilienza
Psichiatria Psicologia

Psichiatria Nutrizionale: una dieta sana come fattore di resilienza

Numerose ricerche mostrano una solida associazione tra alimentazione e salute mentale. A prova di ciò le persone con disturbi mentali frequentemente presentano situazioni di disequilibrio fisico che potrebbero essere mediate dalla nutrizione, per questo oggi si parla di una nuova disciplina: la psichiatria nutrizionale

L’umore depresso delle mamme può indurre disturbi del sonno nei bambini
Psicologia

L’umore depresso delle mamme può indurre disturbi del sonno nei bambini

Le emozioni che le madri sperimentano durante la gravidanza possono influire in maniera significativa sul comportamento del bambino ed in particolare sembrano influenzare la qualità del sonno. Nello specifico, bambini con madri che manifestano un umore maggiormente depresso soffrono di più di disturbi del sonno.

La psicoterapia è un’avventura. Un nuovo approccio alla cura del sé che passa dal contatto con la natura e le attività all’aperto
Psicoterapia

La psicoterapia è un’avventura. Un nuovo approccio alla cura del sé che passa dal contatto con la natura e le attività all’aperto

La Terapia dell’Avventura è una forma di terapia esperienziale che coinvolge vari tipi di attività all’aria aperta. L’obiettivo di tali programmi è quello di aiutare i partecipanti a sviluppare importanti abilità di vita di cui potranno beneficiare nella loro quotidianità.

L’aborto non è causa di depressione
Psicologia

L’aborto non è causa di depressione

Sono numerosi gli Stati, soprattutto americani, nei quali le conseguenze psicologiche dell’aborto vengono enfatizzate e usate come fattore disincentivante. Un recente studio condotto presso l’Università del Maryland dimostra però che tale relazione non è sempre vera, in particolare nel caso della depressione.

La depressione maschile e l’uso dei farmaci nelle donne possono ridurre le possibilità di avere un figlio in coppie non fertili
Psicologia

La depressione maschile e l’uso dei farmaci nelle donne possono ridurre le possibilità di avere un figlio in coppie non fertili

L’uso di farmaci e antidepressivi nelle donne sembra correlare positivamente con la frequenza di episodi di interruzione spontanea di gravidanza nel primo trimestre. La depressione maschile inoltre sembrerebbe legata a una minore probabilità di concepire un figlio.

Il modello della Schema Therapy applicato alla Depressione: uno studio su campione non clinico
Psicoterapia

Il modello della Schema Therapy applicato alla Depressione: uno studio su campione non clinico

Un recente studio condotto su un campione non clinico, ha approfondito i costrutti della Schema Therapy, cercando di analizzare il ruolo, ad oggi tralasciato, dei mode e degli stili di coping di evitamento, all’interno del quadro depressivo.

Perché la flora batterica influenza il nostro comportamento?
Neuroscienze Psicologia

Perché la flora batterica influenza il nostro comportamento?

Numerosi studi mostrano gli effetti dei microorganismi intestinali sul cervello e sul comportamento; per descrivere questa relazione hanno coniato il termine: asse microbiota-intestino-cervello. In particolare, sono stati evidenziati degli effetti sui sintomi ansiosi e depressivi sia negli animali che negli umani.

Le conseguenze psicologiche e psichiatriche della disoccupazione
Psichiatria Psicologia

Le conseguenze psicologiche e psichiatriche della disoccupazione

La disoccupazione rende necessari interventi di supporto alla salute mentale per arginare un fenomeno che esce dalle mura domestiche e impatta su tutta la società.

Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA 2 - footer right

Messaggio pubblicitario