Messaggio pubblicitario ISC - Workshop Janina Fisher - fino al 28 febbraio

Lo Stress Riduce l’efficacia del Trattamento del Tumore alla Prostata

Stress: riduce significativamente l'efficacia dei farmaci contro il cancro alla prostata e accelera lo sviluppo della malattia.

ID Articolo: 26019 - Pubblicato il: 12 febbraio 2013
Messaggio pubblicitario SFU MAGISTRALE 09-2017 2
Condividi

FLASH NEWS

Rassegna Stampa - State of Mind - Il Giornale delle Scienze Psicologiche

Lo stress e l’ansia non sono solo un effetto collaterale emotivo della diagnosi, ma costituiscono anche un fattore in grado di ridurre significativamente l’efficacia dei farmaci contro il cancro alla prostata e di accelerare lo sviluppo della malattia.

LEGGI ANCHE ARTICOLI SU:  STRESS

Una nuova ricerca condotta da ricercatori della Wake Forest Baptist Medical Center dimostra che lo stress e l’ansianon sono solo un effetto collaterale emotivo della diagnosi, ma costituiscono anche un fattore in grado di ridurre significativamente l’efficacia dei farmaci contro il cancro alla prostata e di accelerare lo sviluppo della malattia. 

Il trattamento EMDR e i Pazienti Cardiopatici. - Immagine: © iadams - Fotolia.com

Articolo Consigliato: Il trattamento EMDR e i Pazienti Cardiopatici.

LEGGI ANCHE ARTICOLI SU: ANSIA

In un primo studio sono stati utilizzati topi cui sono state impiantate cellule umane “malate” e trattate con un farmaco attualmente in sperimentazione clinica per il trattamento del cancro della prostata. Quando gli animali erano tenuti in una condizione di calma e assenza di stress, il farmaco è risultato efficace nell’inibizione  della crescita tumorale. Viceversa, nella conduzione in cui i topi venivano sottoposti a elevati livelli di stress, il farmaco non è stato in grado di bloccare lo sviluppo tumorale e di debellare le cellule malate.

LEGGI ANCHE ARTICOLI SU: ACCETTAZIONE DELLA MALATTIA

In un secondo studio, alcuni topi geneticamente modificati per sviluppare il cancro alla prostata sono stati ripetutamente sottoposti a stress: questi animali hanno sviluppato tumori di dimensioni maggiori, e nel momento della terapia il farmaco antitumorale bicalutamide (attualmente in uso) non ha prodotto alcun effetto rispetto al gruppo di topi non stressati.

Sembrerebbero in gioco processi biologici attraverso cui l’epifrenina innesca una reazione a catena che inibisce la morte cellulare delle cellule malate. Quindi in presenza di stress e ansia, ovviamente conseguente a tali diagnosi, si può innescare un circolo vizioso tra emotività negativa e progressione della patologia.

Messaggio pubblicitario Tuttavia, nel momento in cui si somministrano ai topi farmaci beta-bloccanti  (che inibiscono la reazione a cascata  elicitata dall’epifrenina che impedisce la morte cellulare delle cellule tumorali) anche livelli elevati di stress non hanno favorito l’avanzamento del tumore. I ricercatori hanno intenzione di verificare la generalizzabilità di tali risultati su un campione umano.

LEGGI ANCHE ARTICOLI SU: FARMACI

Pertanto identificare i pazienti particolarmente colpiti da stress e ansia può essere utile per evitare che tali variabili psicofisiologiche costituiscano un ostacolo all’efficacia terapeutica, intervenendo sia a livello farmacologico (introduzione di betabloccanti) che psicoterapico per la gestione dell’ansia e dello stress. 

LEGGI ANCHE ARTICOLI SU: 

 STRESS – ANSIA – ACCETTAZIONE DELLA MALATTIA 

 

 

BIBLIOGRAFIA:

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 3, media: 4,33 su 5)
State of Mind © 2011-2017 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario SCUOLA DI PSICOTERAPIA
Messaggio pubblicitario centro psicoterapia
Cerchi un terapeuta?

Messaggio pubblicitario

Categorie