expand_lessAPRI WIDGET

Giornata inaugurale del XIX congresso nazionale della Società di Terapia Comportamentale e Cognitiva (SITCC): in memoria di Gianni Liotti – SITCC 2018, Report dall’evento

Inaugurato il XIX congresso nazionale della Società di Terapia Comportamentale e Cognitiva (SITCC). La giornata inaugurale è stata dedicata al ricordo di Gianni Liotti e dei suoi contributi alla Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale

Di Giovanni Maria Ruggiero

Pubblicato il 21 Set. 2018

Aggiornato il 24 Set. 2018 01:10

Elena Prunetti, organizzatrice insieme a Francesco Mancini del XIX congresso nazionale della Società di Terapia Comportamentale e Cognitiva (SITCC), ha aperto l’evento con la commossa e doverosa commemorazione di Gianni Liotti, mancato purtroppo quest’anno.

 

Una sessione inaugurale a suo modo attiva e propositiva e non funebre, aperta da Roberto Lorenzini co-autore dell’ultima opera di Gianni Liotti, un articolo sul narcisismo apparso su Quaderni di Psicoterapia Cognitiva, la rivista ufficiale della SITCC, in cui i due autori hanno interpretato il narcisismo in termini evoluzionistici. E in questi termini ne ha parlato Lorenzini, raccontandoci anche come questo loro lavoro sia nato insieme al fiorire di un’amicizia più intima tra i due autori che per decenni era rimasta allo stato potenziale, un seme che non attecchiva e che infine è sbocciato.

Nella stessa linea anche gli interventi di Farina e Lambruschi, allievi affezionati di Liotti i quali, però, a evitare un rischio di eccesso di miele, hanno parlato anche di qualche contrasto sia caratteriale che scientifico. E tuttavia era chiara la linea della continuità tra il loro lavoro e quello del loro mentore.

Forse più scientificamente intensi gli ultimi due interventi, quelli di Antonio Semerari e Francesco Mancini, sia pure nei limiti di un momento giustamente commemorativo e non adatto a elucubrazioni troppo sottili. E tuttavia si è trattato di un momento anche scientificamente interessante. È da anni in atto una convergenza tra il modello della terapia metacognitivo interpersonale (TMI) di Semerari e quello cognitivo evoluzionista di Liotti e i sui allievi.

Tuttavia sul tema del narcisismo, cavallo di battaglia della TMI, Semerari ha voluto marcare un confine rispetto a Liotti, esponendo la sua posizione clinicamente più salda e meno propensa ai voli teorici dell’evoluzionismo psicologico. Analoga la posizione di Mancini, la cui collaborazione con il cognitivismo evoluzionista appare del resto meno convinta e più strumentale rispetto a Semerari. Continueremeo a seguire le svolte di questa convergenza, convergenza che potrebbe essere la griglia d’interpretazione dell’attività scientifica di questo congresso.

Queste puntualizzazioni cliniche di Semerari e Mancini sono state smagliature limitate nel tessuto di un pomeriggio che ha mantenuto un tono di rispettoso ricordo dell’opera di Liotti, ricordo che ha poi assunto toni commossi nella parte finale con la laudatio di Bruno Bara e poi l’invito sul palco della figlia di Liotti, venuta a ritirare un premio forse tardivo al padre.

SITCC 2018 la giornata inaugurale in ricordo di Gianni Liotti - Report IMM1Imm.1 – SITCC 2018: La figlia di Gianni Liotti ritira il premio al padre

 

Si parla di:
Categorie
SCRITTO DA
Giovanni Maria Ruggiero
Giovanni Maria Ruggiero

Direttore responsabile di State of Mind, Professore di Psicologia Culturale e Psicoterapia presso la Sigmund Freud University di Milano e Vienna, Direttore Ricerca Gruppo Studi Cognitivi

Tutti gli articoli
CONSIGLIATO DALLA REDAZIONE
Gianni Liotti - Image: © SIPNEI Società Italiana Psico Neuro Endocrino Immunologia.
In memoriam: Giovanni Liotti

EABCT Pressroom, European Association for Behavioural and Cognitive Therapies - We would like to express our heartfelt condolences to our colleagues from SITCC for the loss of Giovanni Liotti. Here follows a message from Michele Procacci

ARTICOLI CORRELATI
Lo psicologo di base in Puglia – Report del convegno

Un report dal convegno sul tema dello psicologo di base nella regione Puglia, dal titolo “Psicologia di base: linee programmatiche e prospettive di sviluppo”

Perché la prima seduta di psicoterapia non dovrebbe essere gratuita

Svolgere la prima seduta gratuita di psicoterapia può danneggiare pazienti e terapeuti, inficiando anche la qualità del servizio offerto

cancel