Messaggio pubblicitario

Autolesionismo in adolescenza e nei giovani adulti: la disregolazione emotiva

Autolesionismo comprende comportamenti autolesivi o automutilanti che talvolta culminano nel suicidio ed è frequente nel disturbo borderline.

ID Articolo: 116454 - Pubblicato il: 23 dicembre 2015
Autolesionismo in adolescenza e nei giovani adulti: la disregolazione emotiva
Messaggio pubblicitario SFU Presentazioni Settembre 2019
Condividi

Autolesionismo: un fenomeno allarmante che diventa sempre più diffuso tra gli adolescenti ed i giovani adulti, seppur venga spesso sottovalutato. L’autolesionismo comprende una categoria di comportamenti complessa ed eterogenea.

Scritto da: Maddalena Malanchini, Simona Frassica, OPEN SCHOOL DI STUDI COGNITIVI

Autolesionismo nel DSM5

Nel DSM-IV (APA, 2000) i comportamenti autolesionistici sono menzionati come uno dei criteri identificativi del Disturbo Borderline di Personalità (BPD) (criterio 5: ricorrenti minacce, gesti, comportamenti suicidari, o comportamento automutilante). Tuttavia le ricerche hanno dimostrato che tali modalità comportamentali si riscontrano anche in altre categorie diagnostiche (ad esempio nei disturbi d’ansia, depressione, abuso di sostanze, disturbi alimentari, schizofrenia e altri disturbi di personalità); e inoltre, molti degli individui che manifestano ricorrenti atti autolesionistici non soddisfano i criteri per il Disturbo Borderline di Personalità.

Autolesionismo non suicidario

Ecco perché i curatori del DSM-5 (APA, 2013) hanno deciso di inserire nell’ultima edizione del manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali le categorie diagnostiche di “Autolesionismo non suicidario” (NSSI: not suicidal self injury) e “Autolesionismo non suicidario non altrimenti specificato” (NSSI-NAS). Tali disturbi sono stati inseriti nella categoria dei disturbi diagnosticati generalmente per la prima volta nell’infanzia, fanciullezza e adolescenza.

 

Incidenza e distribuzione dell’autolesionismo nella popolazione

L’autolesionismo, infatti, è molto diffuso tra gli adolescenti e i giovani adulti. L’incidenza di tale fenomeno in queste fasce d’età oscilla tra il 15-20% (Ross et al., 2002) e l’esordio si aggira tra i 13 e i 14 anni (Herpertz, 1995; Nock et al., 2006; Withlock et al. 2006, Ross et al., 2002). Ricerche recenti suggeriscono che pensieri e comportamenti autolesivi si manifestano anche in soggetti più giovani, minori di 14 anni; inoltre hanno riscontrato che i pensieri autolesivi nelle ragazze tra i 13 e i 14 hanno una prevalenza del 22%, e fino al 15% di esse hanno tentato di farsi del male almeno una volta negli ultimi 6 mesi (Stallard et al.,2013). In età adulta, invece, l’incidenza risulta essere del 6% (Briere & Gil, 1998; Klonsky, 2011). Sia in adolescenza sia in età adulta l’incidenza dell’autolesionismo è più elevata tra la popolazione psichiatrica, in particolare tra i soggetti affetti da disturbi dell’umore e/o disturbi d’ansia e nelle persone caratterizzate da alti livelli di disregolazione emotiva (Klonsky, 2003; Andover et al., 2005). Inoltre l’ autolesionismo in adolescenza è associato con depressione, stress, ansia, disturbi della condotta e abuso di sostanze (Nock et al., 2006), e con relazioni familiari disfunzionali, isolamento sociale e basso rendimento scolastico (Fliege et al., 2009).

 

Forme di autolesionismo e classificazione

In letteratura, il termine maggiormente utilizzato per far riferimento a comportamenti autolesivi è “Deliberate Self Harm” (DSH, tradotto come “auto-danneggiamento intenzionale”), il quale comprenderebbe le condotte identificate come “Self Harm”, “Self poisoning”, “Self injury”. Nello specifico, il termine Self Harm (Auto-danno) si riferisce a condotte a rischio come l’abuso di sostanze psicoattive, la sessualità promiscua e il gioco d’azzardo; i comportamenti di Self Poisoning (Auto-avvelenamento) consistono in azioni quali l’ingestione di sostanze tossiche e l’overdose di droghe; le condotte autolesive denominate Self Injury (Auto-ferita) racchiudono fenomeni immediati e intenzionali come il tagliarsi o il bruciarsi.

Il danneggiamento del proprio corpo attraverso lesioni autoinflitte dirette ed intenzionali viene chiamato quindi Self Injury oppure self injurious behavior (autolesionismo) ovvero comportamento di auto-ferimento. Il riconoscimento dell’autolesionismo come disturbo specifico (NSSI: not suicidal self injury) nel DSM-5 ha fatto sì che l’autolesionismo venisse compreso all’interno di esso.
Una delle prime classificazioni riguardo l’ autolesionismo è stata proposta da A. Favazza e R. Rosenthal nel 1990, che distinguono i comportamenti autolesivi a seconda del grado di danneggiamento dei tessuti e del pattern comportamentale.

Messaggio pubblicitario Gli autori sottolineano la presenza di tre principali tipologie (Favazza & Rosenthal, 1993):

A) Autolesionismo maggiore consiste in atti infrequenti e isolati che provocano un danneggiamento dei tessuti grave e permanente; solitamente è associato alle psicosi o alle intossicazioni acute e include atti quali la castrazione e l’enucleazione oculare.

B) Autolesionismo stereotipico comprende comportamenti ripetuti in modo costante e ritmico, che sembrano essere privi di un significato simbolico, comunemente associati a grave ritardo mentale, all’autismo o alla sindrome di Tourette; ne sono esempi il mordersi o dare colpi con la testa.

C) Autolesionismo moderato/superficiale consiste in atti episodici o ripetuti a bassa letalità che comportano un lieve danneggiamento dei tessuti corporei (tagli, bruciature, abrasioni); il soggetto utilizza strumenti esterni come rasoi, lamette, forbicine; i gesti assumono solitamente un significato simbolico, in genere relazionale. Si tratta della distruzione o alterazione dei tessuti corporei senza intenzione cosciente di suicidio.

Questa tipologia si suddivide ulteriormente in tre sottocategorie (Favazza & Simeon, 1995):

Autolesionismo moderato compulsivo: include comportamenti ripetuti o ritualistici che accadono molte volte quotidianamente (ad esempio tirarsi i capelli – tricotillomania – , mangiare le unghie – onicofagia – , graffiarsi); è classificato solitamente come disturbo del controllo degli impulsi (per esempio la tricotillomania).

Autolesionismo moderato episodico: il soggetto, attraverso il tagliarsi, bruciarsi, colpirsi, cerca di trovare sollievo da pensieri o emozioni intollerabili che è incapace di gestire, riacquistando rapidamente un senso di controllo e padronanza; si ritrova all’interno di sindromi psichiatriche quali i disturbi dell’umore, i disturbi dissociativi, i disturbi d’ansia e i disturbi di personalità.

Autolesionismo moderato ripetitivo (o ripetuto): il soggetto si descrive come dipendente dal comportamento autolesivo, fino a farne un criterio costitutivo della propria identità (ad esempio definendosi un “cutter”).

 

Cause dell’autolesionismo

Autolesionismo come strategia di coping e regolazione emotiva

Nella review effettuata da Klonsky (2007) vengono esaminate le principali teorie che spiegano le ragioni per le quali le persone ricorrono all’autolesionismo. La prima, ed anche la più condivisa dai ricercatori, è quella della regolazione del distress e dell’ansia: quando le emozioni negative diventano intollerabili, entra in gioco il ferirsi come tecnica di riduzione della tensione. Un modello proposto da Chapman e collaboratori pone al centro l’idea che i gesti autolesivi vengano reiterati per cercare di estinguere “stati psicologici” indesiderati (Chapman et al., 2006). Anche Kamphuis e collaboratori hanno ipotizzato che l’autolesionismo sia una strategia disadattiva di gestione delle emozioni, in quanto gli individui frequentemente affermano di attuarlo per regolare gli stati affettivi avversi (Kamphuis et al., 2007).

Si potrebbe dire che la messa in atto di comportamenti autolesivi sia un tramutare in sofferenza fisica (quindi più reale e più facilmente gestibile) una sofferenza emozionale che non si sa come gestire: per un po’ ci si occupa solo del dolore fisico, distogliendosi temporaneamente da quello interiore. L’infliggersi dolore e la vista del proprio sangue consentono di avere un prova tangibile che la propria sofferenza è reale, che c’è qualcosa di concreto e visibile per cui provare dolore.

In questo senso, l’autolesionismo sembra assumere la valenza di una strategia disadattava di coping (nozione proposta da Favazza, 1998). Le strategie di coping sono strategie con le quali le persone affrontano le situazioni potenzialmente stressanti. In modo più sistematico, il coping viene definito come l’insieme degli sforzi cognitivi, affettivi e comportamentali di un individuo, attuati per controllare specifiche richieste interne e/o esterne che vengono valutate come eccedenti le risorse della persona (Lazarus, 1991).

Il coping è il risultato dell’interazione tra la persona, la situazione e soprattutto la percezione personale di ogni situazione problematica. Da uno studio recente riguardo le strategie di coping è emerso che tra i tre fattori identificati (coping sociale e attivo, ricerca di soluzioni esterne, coping non-produttivo), soltanto il coping sociale e attivo correla in modo significativo con assenza di comportamenti autolesionistici. Gli elementi che costituiscono tale strategia di coping (lavorare con successo e provare un senso di realizzazione, insieme a una rete di amicizie positive e a diversivi positivi come l’attività fisica) aiutano a limitare il senso di bisogno dei giovani di superare le difficoltà attraverso i tagli (Hall & Place, 2010).

 

Autolesionismo come punizione autoinflitta

La seconda funzione, riferita da più della metà dei soggetti intervistati, è quella che vede attuare queste condotte al fine di auto-punirsi o come forma di rabbia autodiretta (Nock et al., 2008; Hooley & St Germain, 2013), suggerendo che tra autocriticismo e autolesionismo ci sia una relazione causale.

Autolesionismo come comunicazione di un disagio

Una terza funzione, anche se meno frequente, è quella del mostrare agli altri, attraverso delle evidenze fisiche, la propria sofferenza interiore (Klonsky, 2007).

Autolesionismo nelle pratiche culturali e simboliche

Una menzione particolare meritano alcune pratiche considerate culturali: tatuaggi, piercing e alcuni riti spirituali o di altro tipo. Ad esclusione dei rituali, le altre pratiche non sottendono un significato profondo: i tatuaggi e i piercing, piuttosto diffusi attualmente nella società occidentale, secondo Favazza (1998), vengono attuati nella stragrande maggioranza dei casi per apparire attraenti, per attirare l’attenzione e per essere provocanti. Nonostante non abbia compiuto uno studio formale con un gruppo di soggetti, la sua impressione è che le persone che hanno tatuaggi elaborati e piercing (non i semplici orecchini) mostrino maggiori livelli di psicopatologia rispetto a un ipotetico gruppo di controllo. Ad ogni modo, la presenza di una psicopatologia non può certo essere inferita soltanto dal fatto che il soggetto ingaggi tali pratiche (Favazza, 1998).

Una ricerca recente effettuata su soggetti con “body modifications” (BMs – tatuaggi e piercing) ha evidenziato che il 27% dei partecipanti ha avuto episodi di autolesionismo durante l’infanzia. I dati suggeriscono che le BMs sono identificabili come comportamenti che vanno dalla semplice imitazione del gruppo dei pari fino all’essere sintomi della presenza di gravi condizioni psicopatologiche (Stirn & Hinz, 2008).

Autolesionismo vs tentato suicidio

Parlando di autolesionismo e, più in generale di condotte autolesive, non si possono tralasciare alcune considerazioni sul tentato suicidio. I comportamenti suicidari sono considerati forme di autolesionismo che si collocano ai margini estremi del continuum delle condotte autolesive, sebbene differiscano dall’autolesionismo per diverse ragioni. Infatti le condotte di auto-ferimento, oltre ad essere più frequenti, prevedono al loro interno diversi possibili comportamenti (ad esempio il tagliarsi, il bruciarsi, etc.) con conseguenze fisiche meno gravi rispetto a quelle utilizzate nei tentativi di suicidio (Muehlenkamp, 2005, 2012; Andover & Gibb, 2010). Inoltre, le persone che attuano condotte autolesive non intendono porre fine alla loro vita (Klonsky, 2007; Favazza, 1998) ed è proprio per questa ragione che nel DSM-5 si è deciso di considerare il NSSI come un disturbo a sé stante.

Gli studi effettuati su questi temi sottolineano come le condotte autolesive siano da considerare dei fattori di rischio per il suicidio. Klonsky e collaboratori (2013) hanno osservato che i comportamenti autolesivi sono maggiormente correlati a storie di tentati suicidi più di qualsiasi altro fattore di rischio per il suicidio (ad esempio depressione, ansia, impulsività e BPD). Inoltre ci sono numerosi studi longitudinali che hanno evidenziato che le condotte autolesive sono un fattore predittivo di suicidio più forte di una serie di pregressi tentati suicidi (Asarnow et al., 2011; Guan et al., 2012; Wilkinson et al., 2011).

La teorizzazione del suicidio elaborata da Joiner (2005) sembra fornire una spiegazione convincente su questa relazione. Secondo Joiner al fine di attuare un tentativo di suicidio potenzialmente letale le persone devono possedere sia il desiderio di uccidersi sia la capacità di attuare delle condotte al fine di concretizzare tale desiderio. In genere le persone hanno paura ed evitano il dolore fisico, soprattutto quello che conduce alla morte. Quindi acquisire la capacità di uccidersi implica il superare la paura del dolore connesso alle azioni concrete utilizzate per riuscirci.

Alla luce di quanto fino ad ora esaminato, i comportamenti autolesionistici possono rappresentare un fattore di rischio per il suicidio perché essendo fortemente associati con il distress emotivo e relazionale, i quali a loro volta aumentano il rischio di sviluppare un’ideazione suicidaria, con il passare del tempo desensibilizzano le persone dal dolore fisico e per questo aumentano la capacità di attuare un agito suicidario.

LEGGI ANCHE: Comportamenti autolesivi: strategie per sopravvivere

 

L'articolo continua nelle pagine seguenti : 1 2Bibliografia

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 4, media: 4,50 su 5)

Consigliato dalla redazione

Disturbi Alimentari e EMDR - Report dal XIV Congresso Europeo di Psicologia, Milano

Il Non-Suicidal Self-Injury (NSSI) visto da differenti prospettive - Report dal XIV Congresso Europeo di Psicologia, Milano

Durante il simposio tenutosi a Milano lo scorso luglio, sono state presentate alcune ricerche che hanno tentato di capire meglio l'eziologia dell’NSSI.

Bibliografia

  • American Psychiatric Association (2000). Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, ed. rivista (DSM-IV-TR). Tr. It. Masson, Milano (2002).
  • American Psychiatric Association (2013). Criteri diagnostici Mini DSM-5, Ed. It., Milano, Raffaello Cortina Editore (2014).
  • Andover M.S., Pepper C.M., Ryabchenko K.A. (2005). Self-mutilation and symptoms of depression, anxiety, and borderline personality disorder. Suicide Life Threat. Behav., 35(5), 581–591.
  • Andover M.S., Gibb B.E. (2010). Non-suicidal self-injury, attempted suicide, and suicidal intent among psychiatric inpatients. Psychiatry Res., 178(1),101–105.
  • Andover M.S., Morris B.W., (2014). Expanding and Clarifying the Role of Emotion Regulation in Nonsuicidal Self-Injury. Can J Psychiatry, 59(11): 569–575.
  • Asarnow J.R., Porta G., Spirito A. (2011). Suicide attempts and nonsuicidal self-injury in the treatment of resistant depression in adolescents: findings from the TORDIA study. J. Am. Acad. Child Adolesc. Psychiatry, 50(8), 772–781.
  • Briere J., Gil E. (1998). Self-mutilation in clinical and general population samples: prevalence, correlates, and functions. Am. J. Orthopsychiatry, 68(4), 609– 620.
  • Chapman A, Gratz K, Brown MZ (2006) Solving the puzzle of deliberate self-harm: The experiential avoidance model. Behav Res Ther. 44:371–394.
  • Chapman A.L., Gratz K.L., Brown M.Z. (2006). Solving the puzzle of deliberate self-harm: the experiential avoidance model. Behav Res. Ther., 44(3), 371–394.
  • Favazza, A.R., e Conterio, K. (1989). Female habitual self-mutilators. Acta Psychiatrica Scandinavica, 79, 283-289.
  • Favazza, A.R., De Rosear, L., e Conterio, K. (1989). Self-mutilation and eating disorders. Suicide and Life Threatening Behavior, 19(4), 352-362.
  • Favazza, A.R., e Rosenthal, R.J. (1993). Diagnostic issues in self-mutilation. Hospital and Community Psychiatry, 44, 134-140.
  • Favazza A.R, Simeon D. (1995). Self-mutilation. In: E Hollander & D Stein (Eds.), Impulsivity and aggression. Sussex, England: John Wiley & Sons, 185-200.
  • Favazza, A.R. (1998). The coming of age of self mutilation. Journal of Nervous and Mental Disease, 186(5), 259-268.
  • Fliege H., Lee J.R., Grimm A., Klapp B.F. (2009). Risk factors and correlates of deliberate self-harm behavior: a systematic review. J Psychosom Res, 66: 477–93.
  • Glassman L.H., Weierich M.R., Hooley J.M. (2007). Child maltreatment, non-suicidal self-injury, and the mediating role of self-criticism. Behav. Res. Ther., 45(10), 2483–2490.
  • Gratz, K.L. (2001). Measurement of deliberate-self-harm: Preliminary data on the Deliberate Self-Harm Inventory. Journal of Psychopathology and Behavioral Assessment, 23, 253-263.
  • Guan K., Fox K.R., Prinstein M.J. (2012). Nonsuicidal self-injury as a time-invariant predictor of adolescent suicide ideation and attempts in a diverse community sample. J. Consult. Clin. Psychol., 80(5), 842–849.
  • Hall B., Place M. (2010). Cutting to cope – a modern adolescent phenomenon. Child Care Health Dev. (In print).
  • Herpertz, S. (1995). Self-injurious behaviour Psychopathological and nosological characteristics in subtypes of self-injurers. Acta Psychiatrica Scandinavica, 91(1), 57-68.
  • Hooley J.M., St Germain S.A. (2013). Nonsuicidal self-injury, pain, and selfcriticism: does changing self-worth change pain endurance in people who engage in self-injury? Clin. Psychol. Sci., 2(3), 297–305.
  • Joiner T.E. (2005). Why people die by suicide. Cambridge (GB): Harvard University Press.
  • Kamphuis JH, Ruyling SB, Reijntjes AH. (2007).Testing the emotion regulation hypothesis among self-injuring females: evidence for differences across mood states. Journal of Nervous and Mental Disease, 195(11), 912-8
  • Klonsky E.D. (2007). The functions of deliberate self-injury: a review of the evidence. Clin. Psychol. Rev., 27(2), 226–239.
  • Klonsky E.D., Muehlenkamp J.J. (2007). Self-injury: a research review for the practitioner. J Clin Psychol.,63(11),1045–1056.
  • Klonsky E.D., Olino T.M. (2008). Identifying clinically distinct subgroups of self-injurers among young adults: a latent class analysis. J. Consult. Clin. Psychol., 76(1), 22–27.
  • Klonsky E.D., Moyer A. (2008). Childhood sexual abuse and non-suicidal self-injury: meta-analysis. Br. J. Psychiatry.,192(3),166–170.
  • Klonsky E.D. (2011). Non-suicidal self-injury in United States adults: prevalence, sociodemographics, topography and functions. Psychol. Med., 41(9), 1981–1986.
  • Klonsky E.D., May A.M., Glenn C.R. (2013). The relationship between nonsuicidal self-injury and attempted suicide: converging evidence from four samples. J. Abnorm. Psychol., 122(1), 231–237.
  • Klonsky E.D., Victor, S.E e Boaz Y.S. (2014). Nonsuicidal Self-Injury: What we know and what we need to know. The Canadian Journal of Psychiatry, 59(11), 565-568.
  • Lazarus, R.S. (1991). Progress on a cognitive-motivational-relational theory of emotion. Am Psychol., 46(8), 819-34.
  • Linehan M.M. (2011). Trattamento cognitivo-comportamentale del disturbo borderline. Il modello dialettico. Volume I. Raffaello Cortina Editore. Seconda edizione, cap.1.
  • Muehlenkamp J.J., Gutierrez P.M. (2004). An investigation of differences between self-injurious behavior and suicide attempts in a sample of adolescents. Suicide Life Threat. Behav., 34(1),12–23.
  • Muehlenkamp J.J., Claes L., Havertape L. (2012) International prevalence of adolescent non-suicidal self-injury and deliberate self-harm. Child Adolesc. Psychiatry Ment. Health., 6(1):10.
  • Nock M.K., Prinstein M.J. (2004). A functional approach to the assessment of self-mutilative behavior. J. Consult. Clin. Psychol., 72(5), 885–890.
  • Nock M.K., Joiner T.E., Gordon K.H., (2006) Non-suicidal self-injury among adolescents: diagnostic correlates and relation to suicide attempts. Psychiatry Res., 144(1), 65–72.
  • Nock M.K., Wedig M.M., Holmberg E.B., (2008). The Emotion Reactivity Scale: development, evaluation, and relation to self-injurious thoughts and behaviors. Behav Ther., 39(2), 107–116.
  • Nock M.K., Prinstein M.J., Sterba S.K., (2009). Revealing the form and function of self-injurious thoughts and behaviors: a real-time ecological assessment study among adolescents and young adults. J Abnorm Psychol., 118(4):816–827.
  • Ross, S., Heath, N. (2002). A study of the frequency of self-mutilation in a community sample of adolescents. Journal of Youth and Adolescence, 31(1), 67-77.
  • Stallard P., Spears M., Montgomery A.A., Phillips R., Sayal K. (2013). Self-harm in young adolescents (12-16 years): onset and short-term continuation in a community sample. BMC Psychiatry,13: 328.
  • Stirn A., Hinz A. (2008).Tattoos, body piercings, and self-injury: is there a connection? Investigations on a core group of participants practicing body modification. Psychother Res., 18(3), 326-333.
  • Whitlock J., Eckenrode J., Silverman D. (2006). Self-injurious behaviors in a college population. Pediatrics, 117(6),1939–1948.
  • Wilkinson P., Kelvin R., Roberts C. (2011). Clinical and psychosocial predictors of suicide attempts and nonsuicidal self-injury in the Adolescent Depression Antidepressants and Psychotherapy Trial (ADAPT). Am. J. Psychiatry., 168(5), 495–501.
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE

Messaggio pubblicitario

Scritto da