SITCC 2012 – Ore ed ore a pensare… Uno Studio sul Rimuginio nella Complessa trama dell’Adolescenza.

Il Rimuginio è un pensiero ripetitivo e astratto riguardante predizioni di possibili eventi negativi futuri.

ID Articolo: 21029 - Pubblicato il: 27 novembre 2012
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

Congresso SITCC 2012 Roma

Ore ed ore a pensare…

Uno studio sul rimuginio nella complessa trama dell’adolescenza

Francesca Fiore, Clarice Mezzaluna, Barbara Cicconi, Katiuscia Morelli

 

 

 

Il rimuginio è un pensiero ripetitivo e astratto riguardante predizioni di possibili eventi negativi futuri. Esso è considerato una delle componenti principali dell’ansia, in particolare del disturbo d’ansia generalizzato, in cui il soggetto più che preoccuparsi rimugina, ripete mentalmente a sé stesso che gli eventi andranno male o che qualcosa di spiacevole potrebbe capitargli da un momento all’altro, in una sorta di dialogo con se stessi, definito dialogo interno.

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI SU: Rimuginio (Worry) e Ruminazione (Rumination)

In base all’esperienza clinica è possibile rilevare nei pazienti due tipi di rimuginio:

  • evitante, in cui il paziente tende ad individuare una possibile strategia di fuga (più legato all’ansia generalizzata);
  • controllante, in cui si vorrebbe ambire ad esercitare un controllo rispetto alla situazione temuta (legato al disturbo ossessivo compulsivo).

Entrambe le strategie messe in atto permetterebbero di ridurre l’ansia (Sanderson, Rapee e  Barlow, 1989). Questa sensazione di padroneggiamento dell’ansia rinforza e mantiene il rimuginio stesso, impedendo di dedicare le risorse cognitive ad altri pensieri o attività.

  Messaggio pubblicitario La letteratura in merito a tale argomento è scarsa e per questo ci siamo chiesti se fosse possibile classificare il rimuginio in base al proprio scopo (controllante e evitante) e se esista una relazione tra tipo di rimuginio e patologia.

Lo studio ha coinvolto 99 adolescenti di età compresa tra i 14 e i 19 anni, bilanciati per sesso: la scelta di tale campione è stata dettata dal bisogno di indagare questo meccanismo nel momento in cui inizia a delinearsi in modo più marcato (Waller e Rose, 2011; Burwell et al., 2012).

LEGGI ANCHE ARTICOLI SU: ADOLESCENTI

Sono stati somministrati dei questionari volti a misurare l’ansia di tratto, i pensieri ossessivi, la depressione, il livello di ruminazione e il rimuginio (in particolare il questionario sul rimuginio è stato diviso in due parti, separando gli item che trattano tematiche più centrate sull’evitamento e dall’altra quelli che riguardano il controllo).

Dall’analisi dei dati è emerso che esiste una relazione positiva tra rimuginio controllante e i sintomi ossessivi e tra rimuginio evitante e i sintomi dell’ansia.

LEGGI ANCHE ARTICOLI SU: ANSIA

Si tratta di risultati importanti che confermano funzionamenti noti all’occhio di ogni clinico esperto, ma mai corroborati da dati empirici. Alla luce di questi risultati, è possibile stabilire anche ipotesi di interventi terapeutici che siano più mirati e specifici a seconda del processo cognitivo che si trova alla base.

 

 

BIBLIOGRAFIA:

 

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Sono citati nel testo

Università e centri di ricerca

Categorie

Messaggio pubblicitario