Disturbo ossessivo-compulsivo di Personalità

Il disturbo ossessivo-compulsivo di personalità presenta alcuni specifici tratti di personalità: preoccupazione per i dettagli, perfezionismo e rigidità.

Disturbo ossessivo-compulsivo di Personalità - Scopriamone di più:
Condividi

Il disturbo ossessivo-compulsivo di personalità (DOCP) si caratterizza (DSM-5) in base ad alcuni specifici tratti di personalità: preoccupazione per i dettagli, perfezionismo, eccessiva devozione per lavoro e produttività, estrema coscienziosità, difficoltà a delegare compiti, difficoltà a gettare oggetti inutili, avarizia, testardaggine e rigidità.

disturbo ossessivo-compulsivo di personalita - TAG

Disturbo Ossessivo-Compulsivo di Personalità (DOCP)

Il disturbo ossessivo-compulsivo di personalità nella popolazione psichiatrica è il terzo disturbo di personalità più comune (Zimmerman, Rothschild, Chemlinski, 2005; Rossi, Marinangeli, Butti, Kalyvoka, Petruzzi, 2000).

Il disturbo ossessivo-compulsivo di personalità (DOCP) si caratterizza (DSM-5) in base ad alcuni specifici tratti di personalità: preoccupazione per i dettagli, perfezionismo, eccessiva devozione per lavoro e produttività, estrema coscienziosità, difficoltà a delegare compiti, difficoltà a gettare oggetti inutili, avarizia, testardaggine e rigidità.

Questo disturbo è associato ad una difficoltà nel funzionamento psicosociale e ad una ridotta qualità della vita.

Messaggio pubblicitario Gli individui con questo disturbo mostrano un moderato livello di difficoltà nel funzionamento della personalità che si manifesta nelle seguenti aree: identità, intimità, empatia, capacità di autodirezione. Oltre un rigido perfezionismo, possono essere presenti due o più dei seguenti tratti psicopatologici di personalità: perseveranza, affettività ristretta, evitamento dell’intimità.

Gli individui con disturbo ossessivo-compulsivo di personalità si sentono continuamente obbligati a raggiungere obiettivi e faticano a dedicarsi a momenti di piacere e rilassamento. Controllano gli altri e se gli altri sfuggono al controllo diventano ostili e possono avere esplosioni occasionali di rabbia sia a casa che al lavoro.

Sempre considerando il dominio delle relazioni interpersonali, la qualità dell’attaccamento è compromessa nel disturbo ossessivo-compulsivo di personalità. Emerge che spesso non si è formato un attaccamento sicuro e i pazienti hanno ricevuto poche cure ed un eccesso di protezione durante l’infanzia con un successivo fallimento nello sviluppo emotivo ed empatico (Nordhal, Stiles, 1997; Perry, Bond, Roy, 2007).

È altresì importante (Dimaggio, Montano, Popolo, Salvatore, 2013) tenere in considerazione anche circostanze relativamente recenti che possano comunque aver contribuito alla cristallizzazione di uno schema patogeno. Lo schema interpersonale patogeno è una struttura procedurale intrapsichica consolidatasi nel tempo attraverso le esperienze, una rappresentazione soggettiva del destino a cui andranno incontro i nostri desideri nel corso delle relazioni con gli altri.

Un soggetto con disturbo ossessivo-compulsivo di personalità può avere il desiderio di autonomia ed esplorazione ma immagina che se mostra spontaneamente le sue emozioni e propensioni, l’altro si mostrerà critico, aggressivo, punitivo ed impositivo; in risposta, il soggetto prova paura e soggezione e controlla emozioni (inibizione emotiva) e comportamento, rinuncia all’esplorazione bloccando i piani spontanei autogenerati e si conforma alle aspettative dell’altro, sperimentando un senso di costrizione unitamente ad un senso di inefficacia personale, al quale segue un’ipertrofia della rilevanza delle regole (tratto ossessivo); può anche immaginare di mostrare le sue emozioni e propensioni, ma prevede che l’altro rimarrà deluso e soffrirà; in risposta, la persona prova colpa e perde convinzione nel desiderio, rinunciando all’esplorazione e bloccando i piani spontanei autogenerati. Si crea così un circuito di mantenimento dei problemi interpersonali.

Le strategie che il soggetto sviluppa nel tempo per adattarsi all’aspettativa su come l’altro tratterà i suoi desideri elicitano, a loro volta, nell’altro delle risposte emotive e comportamentali che spesso, inconsapevolmente, confermano le credenze negative iniziali della persona, generando, in tal modo, un ciclo interpersonale patogeno che contribuisce a mantenere il disturbo. Si pensi, ad esempio, alla tendenza comune nel disturbo ossessivo-compulsivo di personalità a sovraccaricarsi di impegni, di compiti, con grande difficoltà a delegare o a chiedere aiuto. A quel punto, non vedendosi aiutato (non avendolo chiesto) il paziente percepisce l’altro come disattento, senza la volontà di fornirgli aiuto.

L’altro da parte sua, non ascoltando le richieste d’aiuto, e anzi fronteggiando l’autosufficienza obbligata del paziente con personalità ossessivo-compulsiva, preferisce tenersi a distanza sentendo il proprio aiuto inutile e i propri interventi come inadeguati e criticabili. Il paziente però in alcuni momenti, sovraccarico dal lavoro e irritabile per la fatica, scoppia rabbiosamente alla vista dell’altro che non lo supporta e protesta per il supporto che, immoralmente, gli è stato negato. L’altro a questo punto si sente facilmente criticato ingiustamente e reagisce alle accuse in modi che diminuiscono la sua disponibilità a dare l’aiuto stesso.

Coerentemente con le informazioni raccolte dall’esperienza clinica, è possibile delineare nel disturbo ossessivo-compulsivo di personalità una serie di schemi interpersonali che muovono da motivazioni diverse:

  • Motivazione dominante: attaccamento. In questo caso lo schema porterà la persona verso il desiderio di essere vista, amata, apprezzata, ma si rappresenta l’altro come freddo, rifiutante, disattento. In risposta si attiva il sistema del rango sociale: queste persone sperano che verranno amate se il loro valore sarà considerato adeguato dalle figure di riferimento. A quel punto quindi si impegnano, si organizzano, pianificano, cercano di farsi trovare sempre preparate, di dare il massimo, di essere impeccabili, perfette, e aderenti alle regole;
  • Motivazione: autostima. La persona desidera essere capace, adeguata, ma si rappresenta l’altro come critico, invalidante; in risposta, la persona prova rabbia, si sente triste, fallimentare e sviluppa il tratto ossessivo come strategia volta a sopperire al senso di inefficacia personale. Ne conseguono stati di sovraccarico, di affaticamento fisico e psichico che spesso si esprimono attraverso una serie di sintomi psicosomatici piuttosto rilevanti a cui si abbinano preoccupazioni ipocondriache e che includono, ad esempio, gastrite, sindrome del colon irritabile, dolori addominali e intercostali;
  • Motivazione: autonomia/esplorazione. Le azioni e le scelte della vita quotidiana non sono associate alla sensazione di essere internamente generate. I soggetti con disturbo ossessivo-compulsivo di personalità, infatti, sono guidati, perlopiù, dai loro standard elevati e inflessibili di etica e performance, ma hanno difficoltà a riconoscere che hanno desideri, intenzioni, scopi che nascono dalle loro più intime inclinazioni e a lasciarsene guidare senza giudicarsi. Ne consegue un’inibizione del sistema esploratorio e una carenza di agency. Una possibile origine storica, dedotta dai racconti di molti pazienti con disturbo ossessivo-compulsivo di personalità è che quando provavano ad esplorare e a perseguire piani autonomi, abbiano dovuto confrontarsi con figure genitoriali invalidanti, facilmente deluse, critiche o aspramente punitive. In risposta, hanno provato paura, hanno perso convinzione nel desiderio, rinunciando all’esplorazione e bloccando i piani spontanei autogenerati.

I pazienti con disturbo ossessivo-compulsivo di personalità, inoltre, a causa della difficoltà a stabilire priorità tra i propri compiti, spesso si sentono come bloccati, sospesi, ritenendo che il tempo non sia mai sufficiente e l’impegno profuso mai abbastanza e come conseguenza faticano a rispettare le scadenze.

Dal punto di vista emotivo, i soggetti con disturbo ossessivo-compulsivo di personalità sono convinti che le proprie sensazioni e le proprie emozioni debbano essere sempre controllate, fondamentalmente perché considerate come intrinsecamente sbagliate, un segno di debolezza morale.

Messaggio pubblicitario L’idea di sperimentare qualcosa che ritengono indegno li espone, nella loro mente al rischio di biasimo, accuse e alla fine, abbandono da parte degli altri o punizione. Nel complesso quindi tentano di controllare i loro affetti e appaiono, rigidi, formali e difficilmente si lasciano andare, tanto da essere definiti freddi e poco espansivi.

L’esperienza soggettiva di tali pazienti è caratterizzata da senso di colpa all’idea di avere agito irresponsabilmente e avere quindi arrecato danno a sé e/o agli altri; senso di inefficacia, ansia, paura di essere criticati e/o puniti per eventuali errori commessi. Spesso provano rabbia verso se stessi quando non rispettano gli standard o verso gli altri quando non si comportano con il dovuto zelo. La loro rabbia non è esplosiva, è più trattenuta, controllata, affiora nel viso e nel tono di voce più ancora che nel linguaggio. Il dovere guida la loro vita e quando affiorano desideri di giocare e rilassarsi, da un lato si criticano e si sentono in colpa, dall’altro si sentono costretti e tendono a ribellarsi a chi impone dall’esterno i doveri.

La comprensione dei propri pensieri, di quelli degli altri e delle proprie emozioni oscilla, nella stessa persona, al variare della qualità delle relazioni. Ricordiamo che nei pazienti con disturbi di personalità la metacognizione dipende in larga parte dal contesto emotivo e dalla qualità della relazione (Dimaggio et al., 2013).

In generale, nei pazienti con disturbi di personalità la metacognizione è disfunzionale: pazienti con disturbo ossessivo-compulsivo di personalità correlano con stili di personalità rigidi e che aderiscono inflessibilmente alle regole. Lo stile rigido correla con problemi metacognitivi nelle aree di differenziazione e integrazione, ma in modo inverso rispetto alle attese, ovvero una maggiore presenza di queste caratteristiche è legata a migliore metacognizione.

Disturbo Ossessivo-Compulsivo (DOC) e Disturbo Ossessivo-Compulsivo di Personalità (DOCP): qual è la differenza?

Il Disturbo Ossessivo-Compulsivo di Personalità (DOCP) può presentarsi con il Disturbo Ossessivo-Compulsivo (DOC) (De Reus, Emmelkkamp, 2012; Cain, Ansell, Simpson, Pinto, 2015) ma i due disturbi non si sovrappongono. I due disturbi differiscono sostanzialmente per il fatto che nel disturbo ossessivo-compulsivo di personalità possono essere assenti ossessioni e compulsioni (Pinto, Eisen, 2011), tipiche invece nel disturbo ossessivo-compulsivo, inoltre, il disturbo di personalità è vissuto in modo egosintonico dal paziente, cioè chi ne è affetto difficilmente prova disagio nei confronti delle proprie caratteristiche di personalità, che considera invece come altamente adattive. Nel disturbo ossessivo-compulsivo invece  il paziente è tormentato dai sintomi che desidera eliminare.

A cura di Serena Mancioppi

 

Disturbo ossessivo di personalità vignetta

Vignette a cura di Lorenzo Recanatini – Alpes Editore

Disturbo ossessivo-compulsivo di Personalità - Scopriamone di più:

Disturbi di Personalità - PD

Disturbi di Personalità - PD
I disturbi di personalità sono modelli disadattivi di pensiero e comportamento che influenzano il funzionamento del personale e interpersonale.

Disturbo Antisociale di Personalità

Disturbo Antisociale di Personalità
Disturbo Antisociale di Personalità: pattern pervasivo di inosservanza e di violazione dei diritti degli altri, che inizia in infanzia o prima adolescenza

Psicopatia

Psicopatia
La psicopatia è un disturbo caratterizzato da deficit emotivi e interpersonali, con comportamenti antisociali e scarsa moralità.

Disturbo Borderline di Personalità

Disturbo Borderline di Personalità
Il Disturbo Borderline di Personalità è molto vario ma ha due nuclei portanti, il primo legato alla regolazione delle emozioni, il secondo alle relazioni

Disturbo Dipendente di Personalità

Disturbo Dipendente di Personalità
La necessità pervasiva ed eccessiva, delle persone con disturbo dipendente di personalità, di essere accuditi, determina un comportamento sottomesso

Disturbo Evitante di Personalità

Disturbo Evitante di Personalità
I sintomi del disturbo evitante di personalità tracciano un quadro più complesso, che prende in considerazione molti elementi

Disturbo Istrionico di Personalità

Disturbo Istrionico di Personalità
Tutti gli articoli e le informazioni su: Disturbo Istrionico di Personalità. Psicologia & Psicoterapia

Disturbo Narcisistico di Personalità - Narcisismo

Disturbo Narcisistico di Personalità - Narcisismo
Con narcisismo si indica un eccessivo interesse verso Sé che va su un continuum, dalla normalità fino alla diagnosi di Disturbo Narcisistico di Personalità

Disturbo Paranoide di Personalità

Disturbo Paranoide di Personalità
Tutti gli articoli e le informazioni su: Disturbo di personalità paranoide. Psicologia & Psicoterapia - State of Mind

Ossessioni

Ossessioni
Le ossessioni sono pensieri o immagini mentali egodistonici che si presentano insistentemente e senza adeguata motivazione alla coscienza dell’individuo

Disturbo Ossessivo-Compulsivo - OCD

Disturbo Ossessivo-Compulsivo - OCD
Il disturbo ossessivo-compulsivo è caratterizzato dalla presenza di ossessioni, che creano disagio nel soggetto, e compulsioni, che alleviano tale disagio.

Psicopatologia e psicoterapia del Disturbo Ossessivo-Compulsivo di Personalità

Psicopatologia e psicoterapia del Disturbo Ossessivo-Compulsivo di Personalità
Il disturbo ossessivo compulsivo di personalità è caratterizzato da eccessivo perfezionismo e attenzione per i dettagli, estrema coscienziosità e rigidità.

Messaggio pubblicitario