inTherapy

Sandra Sassaroli

Leggi tutti gli articoli di Sandra Sassaroli
Condividi
Sandra Sassaroli

Direttore di Studi Cognitivi, Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Cognitivo-Comportamentale

Direttore del dipartimento di Psicologia alla Sigmund Freud University di Milano

Socio Didatta SITCC - Società Italiana di Terapia Comportamentale e Cognitiva

Psichiatra e Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale

 

 

  • MAIL: s.sassaroli[at]studicognitivi.net
  • TEL: 02-6570350
  • P.IVA: 10473910155
  • STUDIO: Foro Bonaparte 57, 20121 - Milano

 


 

BIOGRAFIA:

Sono medico chirurgo dal 1975, e specialista in Psichiatria dal 1980.

Mi sono formata in psicoterapia sistemica nel 1977 con il Prof. Carl Whitaker (Madison, Wisconsin - USA) e in psicoterapia cognitiva e cognitivo-comportamentale con il dott. Vittorio F. Guidano nel 1981.

Ho lavorato nei Servizi Pubblici  a Roma (Centri di Igiene Mentale USL RM 18) dal 1980 al 1984 come medico specialista (Contratto SUMAI).

Ho insegnato psicoterapia cognitiva all'Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma dal 1981 al 1985 nel Corso di Specializzazione in Psichiatria, collaborando con il prof. Corrado Pontalti.

Dal 1980 sono Socio Didatta della Società Italiana di Terapia Comportamentale e Cognitiva (SITCC). Ho avuto cariche sia nell’ambito del Direttivo che della Commissione Scientifico Didattica.

Dal 1990 insegno al "Corso Post-laurea di Specializzazione in Psicoterapia costruttivista", Università di Barcellona, diretto prima dal  Prof. Manuel Villegas e attualmente dal professor Guillem Feixas Viaplana.

Ho collaborato a lungo con il dottor Roberto Lorenzini con il quale scritto testi dull’ ansia e di disturbi ossessivi e sui disturbi del pensiero e sul legame di attaccamento, per i tipi della Nuova Italia Scientifica e della Raffaello Cortina Editore.

Sono stata Presidente della sezione italiana della SPR (Società per la ricerca in psicoterapia) dal 2008 al 2011

Dal 1990 insieme a un piccolo gruppo di collaboratori e collaboratrici abbiamo avviato un gruppo di discussione clinica e di supervisione, Francesco Centorame, Roberto Framba,  Daniela Leveni,  Clarice Mezzaluna, Marita Pozzato, Daniela Rebecchi, Susanna Zanon, e alcuni altri. Questo gruppo, insieme a Giovanni Ruggiero, ha costituito la base di esperienza cliniche e di riflessioni che hanno avuto come esito la fondazione della scuola “Studi Cognitivi”

Dal luglio 2001 sono Direttore della Scuola di Specializzazione in Psicoterapia Cognitiva "Studi Cognitivi" (G.U: n° 230 del 3.10.2001) con sedi a Milano, Modena e San Benedetto del Tronto. Dal 2012 sono Responsabile della Scuola di Psicoterapia di Lugano: “Studi Cognitivi e Formazione CH

Ho fondato il Gruppo Ricerca di Studi Cognitivi nel 1995, del quale Giovanni Ruggiero è divenuto il Responsabile.

Il gruppo Ricerca ha pubblicato numerosi articoli sia sui disturbi dell’alimentazione che sui disturbi ansiosi, che sui processi come il rimuginio e la ruminazione, grazie alla collaborazione con Gabriele Caselli e il gruppo di ricerca di Modena.

“State of mind” rappresenta la mia ultima iniziativa, un webjournal orientato sia alla informazione aggiornata in psicologia psichiatria e psicoterapia che al commento in chiave psicologica degli eventi della cultura e dell’attualità.



Contatti

Sandra Sassaroli è citato in 48 articoli

Articoli di Sandra Sassaroli

Il trattamento di Fairburn per la bulimia: il problem solving
Psicologia Psicoterapia

Il trattamento di Fairburn per la bulimia: il problem solving

Gli interventi di Fairburn si rifanno a Beck e consistono nell’incoraggiare il paziente a mettere in discussione le basi della sua mentalità insicura

Trattamento della bulimia: le condotte di compenso
Psicologia

Trattamento della bulimia: le condotte di compenso

Durante la terapia della bulimia è importante che ci sia un’astensione dalle condotte di compenso, ossia lassativi, vomito autoindotto o eccessivo esercizio

Il trattamento di Fairburn per la bulimia: la funzione delle abbuffate di cibo
Psicologia

Il trattamento di Fairburn per la bulimia: la funzione delle abbuffate di cibo

Secondo Fairburn è importante promuovere nei pazienti bulimici un’alimentazione regolare e comprendere la funzione svolta dalle abbuffate di cibo.  

Il modello cognitivo come base teorica del protocollo di Fairburn per la bulimia – Magrezza non è bellezza Nr. 9
Psicologia Psicoterapia

Il modello cognitivo come base teorica del protocollo di Fairburn per la bulimia – Magrezza non è bellezza Nr. 9

Nel 1981 Fairburn pubblicò un protocollo di cura per la bulimia che stimolò la diffusione del modello cognitivo nei servizi pubblici e privati.

Linee guida e buone prassi per la psicoterapia: che fare?
Attualità Psicoterapia

Linee guida e buone prassi per la psicoterapia: che fare?

La riforma della legge sulla responsabilità professionale del personale sanitario e cosa significa per la pratica della psicoterapia in Italia

La diagnosi della bulimia – Magrezza non è bellezza: i disturbi alimentari
Psicologia

La diagnosi della bulimia – Magrezza non è bellezza: i disturbi alimentari

La diagnosi della bulimia viene formulata se sono presenti abbuffate almeno 2 volte alla settimana per 3 mesi e comportamenti compensatori. 

La diagnosi di anoressia come moderno disturbo alimentare
Psicologia Psicoterapia

La diagnosi di anoressia come moderno disturbo alimentare

La diagnosi di anoressia prevede che il peso sia insufficiente, un disturbo dell’immagine corporea, il timore di ingrassare e l’amenorrea.

Cenni storici sulla diagnosi della Bulimia – Magrezza non è bellezza Nr. 6
Psicologia

Cenni storici sulla diagnosi della Bulimia –  Magrezza non è bellezza Nr. 6

La diagnosi della bulimia nervosa come disturbo alimentare nasce nel 1979 da Gerald Russell ed è caratterizzata da abbuffate e comportamenti compensatori. 

Cenni storici sulla diagnosi di Anoressia – Magrezza non è bellezza: i disturbi alimentari
Psicologia

Cenni storici sulla diagnosi di Anoressia – Magrezza non è bellezza: i disturbi alimentari

La prima diagnosi di anoressia risale al 1689 ma è solo negli anni Settanta che essa si afferma come un vero e proprio disturbo alimentare.

Il digiunatore da circo del cinquecento – Storia dei disturbi alimentari
Psicologia

Il digiunatore da circo del cinquecento – Storia dei disturbi alimentari

Dopo le sante digiunatrici e prima delle attuali anoressiche il digiuno ha avuto un ruolo di spettacolo da circo: il sacro è sostituito dalla meraviglia

Disturbi alimentari: il digiuno delle Sante e la moderna anoressia
Psicologia

Disturbi alimentari: il digiuno delle Sante e la moderna anoressia

Il digiuno delle sante e la moderna anoressia potrebbero avere un medesimo meccanismo psicologico, legato a un ambiente sociale oppressivo.

I disturbi alimentari: una patologia del controllo
Psicologia

I disturbi alimentari: una patologia del controllo

Il controllo è la credenza secondo la quale è necessario dominare e tenere sotto controllo qualsiasi aspetto della vita esterna e le emozioni. 

La vendetta della psicoanalisi non convince, e sembra un gioco pericoloso (per la salute delle persone)
Attualità Cultura Psicoterapia

La vendetta della psicoanalisi non convince, e sembra un gioco pericoloso (per la salute delle persone)

La vendetta della psicoanalisi di Burkeman, mostra molti punti deboli e prova a giocare su 2 tavoli, un gioco pericoloso per la salute delle persone

La storia dei disturbi alimentari: da curiosità psichiatrica del passato a epidemia nel novecento
Psicologia

La storia dei disturbi alimentari: da curiosità psichiatrica del passato a epidemia nel novecento

Il rifiuto del cibo dell’anoressia è legato alla negazione di sé e alla paura di non raggiungere l’ideale individualistico dell’affermazione personale.

Gli incontri tra seminatori e cercatori di tracce – Tracce del tradimento nr. 40
Psicologia

Gli incontri tra seminatori e cercatori di tracce  – Tracce del tradimento nr. 40

Cosa accade quando seminatori e cercatori si incontrano? Le combinazioni possibili  sarebbero tante ma ci limitiamo a segnalare le più pericolose.

Il tormento del cercatore di tracce Parte III – Tracce del tradimento nr. 39
Psicologia

Il tormento del cercatore di tracce Parte III – Tracce del tradimento nr. 39

Il cercatore di tracce del tradimento compie alcuni errori cognitivi, tra cui il ragionamento emotivo, l’eccessiva fiducia in se stesso, il pensiero magico 

Il tormento del cercatore di tracce II parte – Tracce del tradimento Nr. 38
Psicologia

Il tormento del cercatore di tracce II parte – Tracce del tradimento Nr. 38

Il cercatore di tracce ricorda e conserva nella memoria solo quegli episodi che confermano i possibili tradimenti da parte del partner – Psicologia

Il tormento del cercatore di tracce – Tracce del tradimento nr. 37
Psicologia

Il tormento del cercatore di tracce – Tracce del tradimento nr. 37

Colui che cerca le tracce del tradimento anziché cercare prove del fatto che il partner lo ami, cerca conferme all’ipotesi che lo tradisca – Psicologia

Messaggio pubblicitario