expand_lessAPRI WIDGET

Scegliere lo psicoterapeuta (2022) di Andrea Castiello d’Antonio – Recensione del libro

"Scegliere lo psicoterapeuta” analizza timori e perplessità del possibile paziente, ma anche le questioni pratiche di costi, tempi e sforzi necessari

Di Giovanni Maria Ruggiero

Pubblicato il 30 Gen. 2023

Il libro “Scegliere lo psicoterapeuta” di Andrea Castiello d’Antonio e pubblicato da Hogrefe nel 2022 è una utile guida per l’obiettivo che il suo titolo descrive, appunto scegliere uno psicoterapeuta.

 

 Esso è rivolto ai potenziali pazienti ed è scritto con stile scorrevole e pulito e un linguaggio non tecnicistico ma comprensibile per chi non è del mestiere. Ecco che nei capitoli si susseguono riflessioni, risposte e descrizioni delle domande che si pone chi, soffrendo di un dolore emotivo, si è posto la domanda se sia il caso di chiedere un aiuto psicologico, domanda a cui spesso ne seguono mille altre in caotica processione.

Si analizzano i timori e le perplessità del possibile paziente, le ambivalenze e sfiduce, ma anche le questioni pratiche dei costi, dei tempi e degli sforzi necessari. Si chiariscono i principali tipi di sofferenza psichica, dalla depressione all’ansia, dal disturbo ossessivo al trauma. Si descrivono i tratti comuni alle varie psicoterapie e le fasi che si susseguono in un processo psicoterapeutico. Si raccomandano gli atteggiamenti e le aspettative che permettono una buona terapia e anche le condotte che la danneggiano. Si indicano le principali scuole di psicoterapia, le loro caratteristiche, i loro punti di forza e di debolezza, la loro possibile compatibilità o incompatibilità con i vari tipi di sofferenza emotiva e di personalità del paziente.

 Forse le parti più interessanti per il paziente sono quelle che trattano i possibili dubbi che si possono nutrire per l’efficacia della psicoterapia che si è scelti o per la compatibilità con lo psicoterapeuta che si è incontrati, fino ad arrivare a trattare la delicata tematica della violazione del setting terapeutico. Considerazioni fatte per una volta dalla parte del paziente e non del terapeuta. Altrettanto intrigante il capitolo che tratta invece dei casi in cui potrebbe convenire tener duro e mantenere fiducia nel trattamento, nonostante eventuali dubbi o insoddisfazioni. Un capitolo finale è dedicato anche ai difficili panni che indossa il terapeuta, forse per riequilibrare la bilancia di un libro che è, giustamente, scritto dalla parte del paziente. Insomma, un buon libro che orienta alla psicoterapia chi potrebbe averne bisogno.

 

Si parla di:
Categorie
SCRITTO DA
Giovanni Maria Ruggiero
Giovanni Maria Ruggiero

Direttore responsabile di State of Mind, Professore di Psicologia Culturale e Psicoterapia presso la Sigmund Freud University di Milano e Vienna, Direttore Ricerca Gruppo Studi Cognitivi

Tutti gli articoli
RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI
  • Castiello D'Antonio, A. (2022). Scegliere lo psicoterapeuta. Una guida per pazienti e terapeuti. Hogrefe.
CONSIGLIATO DALLA REDAZIONE
Il drop out in psicoterapia 2022 di Auriemma e Saladino Recensione Featured
Il drop-out in psicoterapia (2022) di Vincenzo Auriemma e Valeria Saladino – Recensione

Il fenomeno del drop-out in psicoterapia viene analizzato all'interno del libro attraverso un’interessante metodologia di ricerca, la Grounded Theory

ARTICOLI CORRELATI
La psicoterapia è efficace come i farmaci?

L'efficacia della psicoterapia viene spesso confrontata con l'efficacia dei trattamenti farmacologici in ambito psichiatrico e non. Cosa ne esce?

Le linee guida internazionali per la salute mentale

Le linee guida identificano le più recenti e solide evidenze scientifiche relativamente a diagnosi e trattamento in tema di salute mentale

cancel