Stigma e malattia mentale: medici e psicologi ne sono immuni?

Diversi studi si sono focalizzati sulla presenza di stigma verso la malattia mentale tra i professionisti della salute, in particolare medici e psicologi

ID Articolo: 177998 - Pubblicato il: 30 settembre 2020
Stigma e malattia mentale: medici e psicologi ne sono immuni?
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

Una prospettiva biogenetica come spiegazione del disturbo mentale aumenterebbe la distanza sociale percepita e i livelli di stigma anche nei professionisti.

 

Messaggio pubblicitario Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità sono circa 450 milioni le persone nel mondo a soffrire di disturbi mentali o del comportamento. Il più rappresentativo dei disturbi psichiatrici è la schizofrenia: nel mondo 24 milioni di persone soffrono di questo disturbo, 245.000 dei quali in Italia. Lo stigma riferito alla malattia mentale esiste in tutto il mondo ed è stato documentato da numerose ricerche (Link & Phelan, 2011; Corrigan, 2005) che hanno mostrato come tra la popolazione generale esistano convinzioni stereotipate riguardo la pericolosità (Crisp, Gerder, Rix Meltzer & Rowland, 2000), l’imprevedibilità, l’incompetenza e la responsabilità (Link, Phelan, Bresnhan, Stueve & Pescosolido, 1999). Infatti, le persone affette da schizofrenia sono spesso descritte come imprevedibili, incompetenti e pericolose, oltre che responsabili del proprio disturbo e con una scarsa possibilità di prognosi positiva (Angermeyer & Matschinger, 2004).

Tuttavia, atteggiamenti di questo tipo non sono stati riscontrati solo nella popolazione generale, ma sono presenti anche tra i professionisti della salute. I medici, ad esempio, non sono immuni allo stigma nei confronti delle persone con schizofrenia (Ay, Save & Fidanoglu, 2006; Economou et al., 2012; Feldmann, 2005; Filipcic et al., 2003; Garyfallos et al., 1998; Javed et al., 2006) e ciò è stato portato alla luce da una notevole quantità di studi effettuati in quest’ultimo ventennio che hanno evidenziato l’esistenza di forti pregiudizi con conseguenti atteggiamenti negativi dei medici nei confronti dei pazienti con disturbi psichiatrici.

Studi di questo tipo sono stati effettuati anche sugli studenti di medicina; i risultati di alcune tra queste ricerche (Magliano et al., 2012; Ay, 2006) mostrano come il percorso di studi tenda ad enfatizzare la percezione di pericolosità ed inguaribilità dalla schizofrenia con conseguente rafforzamento di atteggiamenti discriminatori anche da parte dei ‘medici di domani’. Inoltre è stato riportato che l’utilizzo di una prospettiva biogenetica come spiegazione del disturbo mentale aumenterebbe sia la distanza sociale percepita che i livelli di stigma (Dietrich et al., 2004, Read et al., 2006, Walker & Read, 2002, Read & Harrè, 2001). Diversi studi hanno evidenziato che attribuire le cause della schizofrenia a fattori genetici è associato ad una visione pessimistica circa le possibilità di guarigione (Rusch, 2011); al contrario, quando viene data una rilevanza maggiore a fattori causali di tipo psicosociale si tende ad essere più ottimisti sull’esito di questa patologia e, inoltre, le persone con schizofrenia vengono meno considerate come pericolose ed imprevedibili, riducendo in tal modo la distanza sociale nei loro confronti.

Messaggio pubblicitario Nonostante gli psicologi abbiano un importante ruolo nella cura e nel sostegno professionale verso i pazienti psichiatrici, troppe poche ricerche esistono in letteratura che indagano la percezione di questa categoria di professionisti verso la malattia mentale. L’atteggiamento degli psicologi o degli studenti di psicologia non è stato adeguatamente valutato nella stessa misura in cui invece ci si è concentrati sugli atteggiamenti dei medici o di altri operatori sociali e sanitari.

Alcuni studi suggeriscono che gli psicologi clinici reggono meglio il confronto con gli altri professionisti della salute; essi tendono, infatti, ad avere atteggiamenti più positivi nei confronti di persone con disturbi psichiatrici (Roskin, Carsen, Rabiner, & Marell, 1988) e ad essere più ottimisti riguardo gli esiti del trattamento (Jorm et al., 1999).

I risultati di uno studio di Magliano e colleghi (2016) condotto su 566 studenti di psicologia risultano coerenti con il corpo di ricerche che documentano come l’assunzione di una prospettiva biomedica dei disturbi mentali possa avere effetti negativi sugli atteggiamenti ad essi associati (Angermeyer et al., 2011; Deacon, 2013; Pescosolido et al., 2010; Speerforck et al., 2014). Gli studenti di psicologia coinvolti in questo studio che riportano l’ereditarietà tra le cause del disturbo mentale risultano più pessimisti riguardo alle possibilità di guarigione e sono più scettici riguardo l’utilità dei trattamenti psicosociali nella schizofrenia.

Questi risultati supportano gli studi precedenti che indicano come l’adozione di un modello biogenetico della schizofrenia possa aumentare i pregiudizi sull’incurabilità di tale disturbo (Angermeyer et al., 2011; Read et al., 2013; Kvaale et al., 2013) e possa portare alla gestione clinica di questo disturbo solo attraverso l’utilizzo di trattamenti farmacologici a lungo termine (Hutton et al., 2013).

Tali studi aprono riflessioni sulla necessità di interrogarsi su quanto il percorso accademico sia in grado di plasmare gli atteggiamenti dei professionisti sanitari che offrono servizi di cura, spesso sulla base di soli inquadramenti teorici e decontestualizzati, figli di una vecchia psichiatria pre-Basaglia, e sul bisogno di rendere i percorsi professionalizzanti meno teorici e più pratici, con l’opportunità di interfacciarsi e di calarsi nella pratica clinica già durante gli anni di formazione, auspicando incontri e dialogo con le persone che soffrono di disturbi mentali, favorendo in tal modo l’abbattimento del muro dei pregiudizi che ruotano intorno alla malattia mentale.

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 4, media: 5,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

Non chiamateci matti 2019 di Davide Coita Recensione del libro featured

Non chiamateci matti! Le due facce della medaglia nel disagio psichico (2019) di Davide Coita - Recensione del libro

Non chiamateci matti è un libro che racconta la storia dell'autore e propone una riflessione sul disagio psichico e sui pregiudizi legati a questa etichetta

Bibliografia

  • Angermeyer, M. C., Holzinger, A., Carta, M. G., & Schomerus, G. (2011). Biogenetic explanations and public acceptance of mental illness: Systematic review of population studies. British Journal of Psychiatry, 199, 367–372.
  • Angermeyer, M., & Dietrich, S. (2006). Public beliefs about and attitudes towards people with mental illness: a review of population. Acta Psychiatrica Scandinavica, 113(3), 163-79.
  • Angermeyer, M., & Matschinger, H. (2004).  The stereotype of schizophrenia and its impact on discrimination against people with schizophrenia: Results from representative survey in Germany, Schizophenia Bullettin, 30, 1049-1061.
  • Ay, P., Save, D., & Fidanoglu, O. (2006). Does stigma concerning mental disorders differ through medical education? A survey among medical students in Istanbul. Social Psychiatry and Psychiatric Epidemiology, 41, 63–67.
  • Corrigan, P. (2005). On the Stigma of Mental Illness. American Psychological Association.
  • Crisp, A.H., Gelde, Mg., Rix, S., Meltzer, H.I., & Rowlands, O.J. (2000).  Stigmatisation of people with mental illness. British Journal of Psychiatry, 177(JUL.), 4–7.
  • Deacon, B. J. (2013). The biomedical model of mental disorder: A critical analysis of its validity, utility, and effects on psychotherapy research. Clinical Psychology Review, 33, 846–861.
  • Dietrich, S., Beck, M., Bujantugs, B., Kenzine, D., Matschinger, H., Angermeyer, M.C. (2004).  The relationship between public causal beliefs and social distance toward mentally ill people. Australian & New Zealand Journal of Psychiatry, 38, 348-354.
  • Durand-Zaleski, I., Scott, J., Rouillon, F., Leboyer, M. (2012). A first national survey of knowledge, attitudes and behaviours towards schizophrenia, bipolar disorders and autism in France. BMC Psychiatry, 12, 128.
  • Economou, M., Peppou, L.E., Louki, E., Stefanis, C.N. (2012).  Medical students’ beliefs and attitudes towards schizophrenia before and after undergraduate psychiatric training in Greece. Psychiatry and Clinical Neurosciences, 66, 17–25.
  • Feldmann, T. (2005). Medical students’ attitudes toward psychiatry and mental disorders. Academic Psychiatry, 29, 354–356.
  • Filipcic´, I.,  Pavicic´,  D., Hotujac, L., Begic´,  D., Grubisin,  J., & Dordevic´ , V. (2003). Attitudes of medical staff towards the psychiatric label ‘‘schizophrenic patient’’ tested by an anti-stigma questionnaire. Collegium Antropologicum, 27, 301–307.
  • Garyfallos, G., Adamopoulou , A., Lavrentiadis, G., Giouzepas, J., Parashos, A., & Dimitriou, E. (1998).  Medical students’ attitudes toward psychiatry in Greece: an eight-year comparison. Academic Psychiatry, 22, 92–97.
  • Hutton, P., Weinmann, S., Bola, J., & Read, J. (2013). Antipsychotic drugs. In J. Read & J. Dillon (Eds.), Models of madness (2nd ed., pp. 105–124). London: Routledge.
  • Javed, Z., Naeem, F., Kingdon, D., Irfan, M., Izhar, N., Ayub, M. (2006). Attitude of the university students and teachers towards mentally ill, in Lahore, Pakistan. Journal of Ayub Medical College, Abbottabad, 18, 55–58.
  • Jorm, A.F., Korten, A.E., Jacomb, P.A., Christensen, H., Henderson, S. (1999). Attitudes towards people with a mental disorder: A survey of the Australian public and health professionals. Australian and New Zealand Journal of Psychiatry, 33(1), 77–83.
  • Kvaale, E. P., Haslam, N., & Gottdiener, W. H. (2013). The ‘‘side effects’’ of medicalization: A meta-analytic review of how biogenetic explanations affect stigma. Clinical Psychology Review, 33, 782–794.
  • Lincoln, T. M., Arens, E., Berger, C., & Rief, W. (2008). Can antistigma campaigns be improved? A test of the impact of biogenetic vs psychosocial causal explanations on implicit and explicit attitudes to schizophrenia. Schizophrenia Bulletin, 34, 984–994.
  • Link, B.G. & Phelan, J.C. (2001). Conceptualizing stigma. Annual Review of Sociology, 27, 363-385.
  • Link, B.G., Phelan, J.C., Bresnhan, M., Stueve, A., & Pescosolido, B.A. (1999). Public conception of mental illness: labels, causes, dangerousness and social distance. The American Journal of Public Health, 89, 1328-1333.
  • Llerena, A., Ca´ceres, M.C., Pen˜as-Lledo´, E.M. (2002). Schizophrenia stigma among medical and nursing undergraduates. European Psychiatry, 17, 298 –299.
  • Luchins, D. (2004). At issue: will the term brain disease reduce stigma and promote parity for mental illnesses? Schizophrenia Bulletin, 30, 1043–1048.
  • Magliano, L., Read, J., Sagliocchi, A., Pantalano, M., D’Ambrosio, A., & Oliviero, N. (2012). Differences in views of schizophrenia during medical education: A comparative study of 1st versus 5th–6th year Italian medical students. Social Psychiatry and Psychiatric Epidemiology, 48, 1647–1655.
  • Magliano, L., Read, J., Rinaldi, A., Costanzo, R., De Leo, R., Schioppa, G., & Petrillo, M. (2016). The influence of causal explanations and diagnostic labeling on psychology students’ beliefs about treatments, prognosis, dangerousness and unpredictability in schizophrenia. Community Mental Health Journal, 52(3), 361-9.
  • Mukherjee, R., Fialho, A., Wijetunge, A., Checinski, K., & Surgenor, T. (2002). The stigmatization of psychiatric illness: the attitudes of medical students and doctors in a London teaching hospital. Psychiatric Bulletin, 26, 178–181.
  • Naeem, F., Ayub, M., Javed, Z., Irfan, M., Haral, F., & Kingdon, D. (2006). Stigma and psychiatric illness. A survey of attitude of medical students and doctors in Lahore, Pakistan. Journal of Ayub Medical College, Abbottabad, 18, 46–49.
  • Ng, R.M., Pearson, V., Chen, E.E., & Law, C.W. (2011). What does recovery from schizophrenia mean? Perceptions of medical students and trainee psychiatrists. International Journal of Social Psychiatry, 87, 248–262.
  • Pescosolido, B., Martin, J., Long, J., Medina, T., Phelan, J., & Link, B. (2010). “A desease like any other?” A decadet of change in public reactions to schizophrenia, depression, and alcohol dependance. The American Journal of Psychiatry, 167, 1321–1330.
  • Read, J., & Harrè, N. (2001).  The role of biological and genetic causal beliefs in the stigmatization of “mental patients”. Journal of Mental Health, 10, 223-235.
  • Read, J., Haslam, N., Sayce, L., & Davies, E. (2006). Prejudice and schizophrenia: a review of the “mental illness is an illness like any other approach”. Acta Psychiatrica Scandinavica, 114, 303–318.
  • Read, J., Magliano, L., & Beavan, V. (2013). Public beliefs about the causes of ‘‘schizophrenia’’: Bad things happen and can drive you crazy. In J. Read & J. Dillon (Eds.), Models of madness (2nd ed., pp. 143–156). London: Routledge.
  • Read, J., Mosher, R.L., & Bentall, R.P. (2004). Models of Madness: Psychological, Social and Biological Approaches to Schizophrenia. Hove, UK: Brunner-Routledge.
  • Roskin, G., Carsen, M.L., Rabiner, C.J., & Marell, S.K. (1988). Attitudes toward patients among different mental health professional groups. Comprehensive Psychiatry, 29, 188–194.
  • Rusch, A. (2011). Stigma and discrimination in people suffering with a mood disorder: a studies. Acta Psychiatrica Scandinavica, 113, 163–179.
  • Sartorius, N. (2007). Stigma and mental health. Lancet, 370, 810–811.
  • Sayce, L. (2000). From Psychiatric Patient to Citizen. Overcoming Discrimination and Social Exclusion. Hampshire, England: Palgrave Macmillan.
  • Speerforck, S., Schomerus, G., Pruess, S., & Angermeyer, M. C. (2014). Different biogenetic causal explanations and attitudes towards persons with major depression, schizophrenia and alcohol dependence: Is the concept of a chemical imbalance beneficial? Journal of Affective Disorders, 168, 224–228.
  • Thornicroft, G., Rose, D., Kassam, A., & Sartorius, N. (2007). Stigma: ignorance, prejudice or discrimination? The British Journal of Psychiatry, 190, 192-193.
  • Walker, I., & Read, J. (2002).  The differential effetctivness of psicosocial and biogenetic causal explenations in redicing negative attitudes towards “mental illness”. Psychiatry, 65, 313-325.
State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Categorie

Messaggio pubblicitario