Attività fisica e psicopatologia: il disturbo di panico

Alcuni studi stanno cercando di capire se e in che modo l'attività fisica potrebbe essere utile per chi soffre di Disturbo di Panico

ID Articolo: 166445 - Pubblicato il: 04 luglio 2019
Attività fisica e psicopatologia: il disturbo di panico
Condividi

L’ attività fisica sembra avere un ruolo non solo nell’incrementare il benessere psicologico in caso di salute mentale, ma anche del determinare miglioramenti in caso di psicopatologia..

 

Il disturbo di panico è un disturbo clinico caratterizzato da ricorrenti attacchi inaspettati, accompagnati da paura e disagio intensi, dalla preoccupazione persistente per l’insorgenza di nuovi attacchi ed in cui si verificano alcuni tra i seguenti sintomi: tachicardia, sudorazione, tremori, sensazioni di soffocamento, dolore al petto, nausea, vertigine, vampate di calore, formicolio, paura di perdere il controllo, paura di impazzire, paura di morire.

Disturbo di panico: il modello biologico

Klein D.F. (1993) sosteneva che il disturbo di panico fosse un disturbo di ansia di natura essenzialmente biologica. Ha rilevato gli effetti antipanico correlati alla somministrazione di imipramina: i pazienti non rispondevano dunque ai farmaci tipici dell’ansia ovvero alle benzodiazepine bensì all’imipramina che è un antidepressivo. Tuttavia questa teoria ha presentato dei punti di criticità, ovvero: non esiste un rapporto diretto tra imipramina ed attacchi, bensi anche altri antidepressivi riducono gli attacchi. Klein riteneva fossero falsi allarmi frutto di evoluzione, probabilmente legati all’ansia di separazione ed all’asfissia.

Si tratta di allarmi di soffocamento attivati da livelli crescenti di anidride carbonica che comportano una improvvisa difficoltà respiratoria che evoca una sensazione di soffocamento e che innesca iperventilazione, panico e desiderio di fuga, falso allarme che può essere attivato anche da segnali psicologici di soffocamento. Il ruolo dell’iperventilazione è controverso: non è infatti ben chiaro se sia la causa o la conseguenza dell’ attacco di panico in quanto i pazienti affetti da disturbo di panico iperventilano in misura più importante dei pazienti affetti da altri disturbi di ansia.

Disturbo di panico: il modello cognitivo

Clark (1986) sosteneva che gli attacchi di panico fossero dovuti ad una interpretazione catastrofica delle sensazioni somatiche, appannaggio di alcune persone che presenterebbero una tendenza stabile ad interpretare in modo errato i sintomi fisici. Si attiva così un circolo vizioso quando si assiste ad una congruenza tra le sensazioni avvertite e le credenze catastrofiche delle persone, con tendenza a sovrastimare il rischio per la salute credendo che tali sensazioni somatiche siano pericolose. Questo modello non spiega la persistenza della paura degli attacchi a dispetto della consapevolezza della non pericolosità. Clark evidenzia tre tipi di vulnerabilità:

  1. Biologica, correlata alla capacità di provare sensazioni corporee intense
  2. Tendenza ad interpretazioni catastrofiche
  3. L’insieme delle due

Le credenze catastrofiche comportano nel paziente la messa in atto di comportamenti protettivi come l’evitamento o la riduzione dell’attività fisica, la fuga, il ricorso alla vicinanza di persone rassicuranti, condotte che costituiscono fattori di mantenimento della problematica.

Disturbo di panico e benefici dell’esercizio fisico

Sono state introdotte nuove strategie di trattamento per ridurre l’ansia quali l’esercizio fisico. L’ attività fisica sembra possa ridurre l’ansia ma la mancanza di gruppi di controllo validi e la breve durata degli studi costituiscono un limite alla generalizzabilità dei risultati. Sono stati analizzati alcuni studi: uno studio di Hovland et al.(2012) secondo cui l’esercizio fisico ha comportato un miglioramento significativo delle cognizioni catastrofiche circa i pensieri associati all’attacco di panico ed un miglioramento dei sintomi fisici. Lo studio di Wedekind et al.,( 2010) ha dimostrato che l’esercizio aerobico regolare (corsa) ha un’efficacia superiore al placebo nel trattamento del disturbo di panico: lo studio ha confrontato il trattamento combinato di esercizio aerobico con e senza l’assunzione di paroxetina, deducendo che un miglioramento del disturbo potrebbe essere indotto da una maggior efficacia del farmaco, per l’effetto combinato con l’attività fisica. Lo studio di A. Broocks (‎1998) ha messo a confronto tre gruppi ovvero:  esercizio aerobico, clomipramina e placebo, rilevando che la clomipramina presentava una maggiore efficacia seguita dall’efficacia dell’esercizio fisico (superiore al placebo).

L’ esercizio fisico sembra avere una certa efficacia nel ridurre i sintomi del disturbo di panico e ridurre la sensibilità all’ansia che è un precursore di attacchi di panico e del disturbo di panico. I pazienti affetti da disturbo di panico potrebbero temere che l’allenamento possa provocare sintomi come dispnea, tachicardia, vertigini e per questo per le prime sessioni di attività sportiva si consiglia di affiancare al paziente un esperto allenatore e se è necessario, uno psicoterapeuta.

Un follow up a sei mesi ha evidenziato miglioramenti che possono essere attribuiti in parte alle aspettative dei pazienti; per questo sarà significativo munirli di un “diario delle attività sportive” che accuratamente raccolga la storia dell’attività sportiva, monitorando l’intensità dell’esercizio; inoltre sarà opportuno stabilire un programma terapeutico, la scelta dell’esercizio e le modalità di formazione idonee. Diversi studi (Ströhle A et al, 2009; Esquivel G et al, 2008; Ströhle A et al, 2006; Broman-Fulks JJ et al, 2008) hanno rilevato una riduzione di sintomi in soggetti affetti da disturbo di panico che praticavano il cardiofitness ma non si può escludere che l’aumentata interazione sociale possa contribuire al beneficio.

Attività fisica: l’esposizione utile per ridurre gli attacchi di panico

I meccanismi secondo cui l’esercizio fisico influisca sul miglioramento psicologico non sono chiari. Da una prospettiva cognitivo comportamentale l’esecuzione dell’esercizio rappresenterebbe una sorta di “Trattamento di esposizione” in cui il paziente si confronta con gli stimoli interni temuti durante l’attacco di panico, ovvero palpitazioni, arresto del respiro, vertigini, sudorazione: mentre sperimentano attacchi di panico, i pazienti tendono ad interpretare erroneamente le sensazioni corporee come espressioni di una malattia organica che minaccia la loro vita. Non si può escludere la possibilità che questo possa correggere le cognizioni disfunzionali correlate all’esercizio, aiutando i pazienti ad interpretare i pericoli percepiti in modo più innocuo (infatti i pazienti avevano ridotto il loro esercizio a causa della paura che avrebbero sofferto di malattie cardiache, in quanto l’esercizio avrebbe potuto condurli ad attacchi cardiaci pericolosi) .

Effetti ansiolitici dell’esercizio fisico sembrano essere correlati anche a cambiamenti adattivi nel sistema nervoso centrale ma non è chiaro se questi adattamenti neuroendocrini siano correlati o meno all’esercizio. Il ruolo dell’esercizio fisico può essere significativo per i pazienti con disturbo di panico che non possono assumere psicofarmaci: l’ attività fisica potrebbe quindi essere efficacemente integrata con la psicoterapia cognitivo comportamentale. Sarebbe interessante approfondire nel futuro con studi di follow up se, continuando un regolare esercizio fisico, si potrà ridurre nel paziente il rischio di una recidiva del disturbo.

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 4,50 su 5)

Consigliato dalla redazione

Attacchi di Panico (2017) di Enrico Rolla - Recensione del libro

Attacchi di Panico. Come uscirne: La potenza della Terapia Cognitivo Comportamentale (2017) di Enrico Rolla - Recensione del libro

Nel libro Attacchi di Panico troviamo una ricca spiegazione del disturbo e della potenza della terapia cognitivo comportamentale nel suo trattamento.

Bibliografia

  • American Psychiatric Association, American Psychiatric Association, & DSM-5 Task Force. (2013). Diagnostic and statistical manual of mental disorders: DSM-5. Retrieved from
  • American Psychiatric Association. Manual diagnóstico e estatístico de transtornos mentais: DSM-5. 5ª edição. Porto Alegre: Artmed, 2014
  • Anderson, E., & Shivakumar, G. (2013). Effects of exercise and physical activity on anxiety. Frontiers in psychiatry, 4
  • Bahrke, M. S., & Morgan, W. P. (1978). Anxiety reduction following exercise and meditation. Cognitive therapy and research, 2(4), 323-333.; The relation of physical activity and exercise to mental health
  • Broocks A, Bandelow B, Pekrun G, George A, Meyer T, Bartmann U, et al. Comparison of aerobic exercise, clomipramine, and placebo in the treatment of panic disorder. Am J Psychiatry. 1998;155(5):603-9.
  • Broocks A, Meyer TF, Bandelow B, George A, Bartmann U, Rüther E, et al. Exercise avoidance and impaired endurance capacity in patients with panic disorder. Neuropsychobiology. 1997;36(4):182-7.
  • Broman-Fulks JJ, Storey KM. Evaluation of a brief aerobic exercise intervention for high anxiety sensitivity. Anxiety Stress Coping. 2008;21(2):117-28.
  • Cashmore, E. (2008). Sport and exercise psychology: the key concepts. Rutledge
  • Clark, D.M. (1986). A cognitive approach to panic. Behavior Research Therapy. 24; 461-470
  • Conn, V. S. (2010). Anxiety Outcomes after Physical Activity Interventions: Meta- Analysis Findings. Nursing Research, 59(3), 224–231.
  • Dunn, A. L., Trivedi, M. H., & O’Neal, H. A. (2001). Physical activity dose-response effects on outcomes of depression and anxiety.
  • Esquivel G, Díaz-Galvis J, Schruers K, Berlanga C, Lara-Muñoz C, Griez E. Acute exercise reduces the effects of a 35% CO2 challenge in patients with panic disorder. J Affect Disord. 2008;107(1-3):217-20.
  • Furukawa TA, Watanabe N, Churchill R. Combined psychotherapy plus antidepressants for panic disorder with or without agoraphobia. Cochrane Database Syst Rev. 2007(1):CD004364.
  • Gaudlitz K, Plag J, Dimeo F, Ströhle A. Aerobic exercise training facili-tates the effectiveness of cognitive behavioral therapy in panic disorder. Depress Anxiety. 2015; 32(3):221-8.
  • Gorski, J. A., Zeiler, S. R., Tamowski, S., & Jones, K. R. (2003). Brain-derived neurotrophic factor is required for the maintenance of cortical dendrites. The Journal of Neuroscience, 23(17), 6856-6865.
  • Hofmann, S. G., Lehman, C. L., & Barlow, D. H. (1997). How specific are specific phobias?. Journal of behavior therapy and experimental psychiatry, 28(3), 233-240.
  • Hollon, S. D., & Shelton, R. C. (2001). Treatment guidelines for major depressive disorder. Behavior Therapy, 32(2), 235-258.
  • Holt RL, Lydiard RB. Management of treatment-resistant panic disor¬der. Psychiatry. 2007;4(10):48-59.
    Hovland, A., Pallesen, S., Hammar, Å., Hansen, A.L., Thayer, J.F., Tarvainen, M.P., Nordhus, I.H., 2012. The relationships among heart rate variability, executive functions, and clinical variables in patients with panic disorder. Int. J. Psychophysiol. 86, 269–275.
  • Klein DF. “False suffocation alarms spontaneous panics and related conditions: an integrative hypothesis”. Arch Gen Psychiatry 1993;50:306-317.
  • Konnopka A, Leichsenring F, Leibing E, König HH. Cost-of-illness stud-ies and cost-effectiveness analyses in anxiety disorders: a systematic review. J Affect Disord. 2009;114(1-3):14-31.
  • Lynch P, Galbraith KM. Panic in the emergency room. Can J Psychiatry, 2003;48(6):361-6.
  • Marciniak M, Lage MJ, Landbloom RP, Dunayevich E, Bowman L. Medical and productivity costs of anxiety disorders: case control study. Depress Anxiety. 2004;19(2):112-20.
  • Markowitz JS, Weissman MM, Klerman GL. Quality of life in panic dis-order Ouellette R, Lish JD, . Arch Gen Psychiatry. 1989;46(11):984-92.
  • McWilliams, L. A., & Asmundson, G. J. (2001). Is there a negative association between anxiety sensitivity and arousal-increasing substances and activities? Journal of Anxiety Disorders, 15(3), 161–170.
  • Petruzzello SJ, Landers DM, Hatfield BD, Kubitz KA, Salazar W. A meta-analysis on the anxiety-reducing effects of acute and chronic exercise. Outcomes and mechanisms. Sports Med. 1991;11(3):143-82.
  • Petruzzello, S. J., Landers, D. M., Hatfield, B. D., Kubitz, K. A., & Salazar, W. (1991). A meta-analysis on the anxiety-reducing effects of acute and chronic exercise. Sports medicine, 11(3), 143-182.;
  • Smits, J. A. J., Berry, A. C., Rosenfield, D., Powers, M. B., Behar, E., & Otto, M. W. (2008). Reducing anxiety sensitivity with exercise. Depression and Anxiety, 25(8), 689– 699.
  • Soares-Filho GL, Freire RC, Biancha K, Pacheco T, Volschan A, Valença AM, et al. Use of the hospital anxiety and depression scale (HADS) in a cardiac emergency room: chest pain unit. Clinics. 2009; 64(3):209- 14.
  • Stich, F. A. (1998). A meta-analysis of physical exercise as a treatment for symptoms of anxiety: adults from the general population. Journal of Psychosomatic Research, 33, 537- 547.
  • Ströhle A, Feller C, Strasburger CJ, Heinz A, Dimeo F. Anxiety modula-tion by the heart? Aerobic exercise and atrial natriuretic peptide. Psychoneuroendocrinology. 2006;31(9):1127-30.
  • Ströhle A, Graetz B, Scheel M, Wittmann A, Feller C, Heinz A, et al. The acute antipanic and anxiolytic activity of aerobic exercise in patients with panic disorder and healthy control subjects. J Psychiatr Res. 2009;43(12):1013-7.
  • Ströhle, A., Graetz, B., Scheel, M., Wittmann, A., Feller, C., Heinz, A., & Dimeo, F. (2009). The acute antipanic and anxiolytic activity of aerobic exercise in patients with panic disorder and healthy control
  • Watanabe N, Churchill R, Furukawa TA. Combined psychotherapy plus benzodiazepines for panic disorder. Cochrane Database Syst Rev. 2009(1):CD005335.
  • Wedekind D, Broocks A, Weiss N, Engel K, Neubert K, Bandelow B. A random¬ized, controlled trial of aerobic exercise in combination with paroxetine in the treatment of panic disorder. World J Biol Psychiatry. 2010;11(7):904-13.
  • Wilson, V. E., Berger, B. G., & Bird, E. I. (1981). Effects of running and of an exercise class on anxiety. Perceptual and Motor Skills, 53(2), 472-474.
  • Wilson, V. E., Berger, B. G., & Bird, E. I. (1981). Effects of running and of an exercise class on anxiety. Perceptual and Motor Skills, 53(2), 472–474.
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi

Messaggio pubblicitario

Scritto da