Stigma e disfunzioni cognitive in pazienti con HIV: quale relazione?

Un recente studio ha messo in evidenza come lo stigma sociale possa compromettere alcune capacità cognitive in pazienti con HIV.

ID Articolo: 160667 - Pubblicato il: 17 dicembre 2018
Stigma e disfunzioni cognitive in pazienti con HIV: quale relazione?
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

Lo stigma sociale sembra compromettere alcune capacità cognitive, quali memoria e attenzione, in un gruppo di uomini anziani che convivono da anni con il virus dell’ HIV.

Adriano Mauro Ellena

 

A più di 30 anni dalle prime diagnosi di AIDS e dalla scoperta del coinvolgimento del virus dell’ HIV, molti passi in avanti sono stati fatti, non solo da un punto di vista medico ma anche da un punto di vista sociale. Ciononostante, lo stigma e la discriminazione nei confronti di persone infette dal virus dell’ HIV è ancora ben presente in molte realtà.

Messaggio pubblicitario

Le conseguenze dello stigma sociale sulle capacità cognitive: lo studio della McGill University

Un recente studio, effettuato da ricercatori del Montreal Neurological Institute, della McGill University e del McGill University Health Center, ha evidenziato quanto lo stigma sociale possa compromettere alcune capacità cognitive (quali memoria ed attenzione) in un gruppo di uomini anziani che convivono ormai da anni con il virus dell’ HIV.

Lo studio è stato effettuato testando 512 uomini caucasici anziani infetti da HIV. A questi partecipanti è stato chiesto di rispondere ad un questionario concernente la percezione e consapevolezza dello stigma esperito. Queste risposte sono state correlate, successivamente, con gli esiti di alcuni test cognitivi e psicologici.

I risultati hanno evidenziato quanto effettivamente ci fosse un collegamento forte tra lo stigma esperito e gli esiti dei test cognitivi: maggiore era lo stigma percepito, minore era la performance nei test cognitivi. Questa compromissione sembra portare la persona oggetto di discriminazione ad una riduzione della partecipazione sociale e ad una compromissione di alcune funzionalità fondamentali per l’autonomia nella vita di tutti i giorni.

Correlazioni significative sono state trovate anche tra lo stigma e l’ansia, più debole invece è la correlazione esistente con la depressione.

L’ARTICOLO CONTINUA DOPO L’ANNUNCIO PUBBLICITARIO:

Messaggio pubblicitario

Non è ancora chiaro come lo stigma possa influenzare alcuni aspetti cognitivi, sicuramente si può ipotizzare che siano coinvolti costrutti quali l’impatto dello stress cronico subìto sul cervello ed alcuni effetti psicologici quali l’interiorizzazione di credenze negative sul sé.

Questo studio è il primo di questo genere ma può contribuire ad implementare nuovi metodi terapeutici per il trattamento delle disfunzioni cognitive in alcuni pazienti affetti da HIV. Inoltre, sottolinea l’importanza del contesto sociale e degli interventi comunitari ed istituzionali per ridurre stigma e discriminazione.

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 1, media: 5,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

Terapia metacognitiva interpersonale con pazienti sieropositivi

Prima e dopo la diagnosi di HIV: la Terapia Metacognitiva Interpersonale con i pazienti sieropositivi

Da uno studio è emerso come la terapia metacognitiva interpersonale con pazienti sieropositivi abbia effetti benefici e riduca lo stigma sociale.  

Bibliografia

State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Università e centri di ricerca

Categorie

Messaggio pubblicitario