inTherapy

Alessitimia e psicopatologia: un’analisi evolutiva – L’alessitimia in età evolutiva (3)

I bambini, come gli adolescenti e gli adulti alessitimici, hanno una relazione con sé e con il mondo esterno che esclude ogni riferimento a stati emotivi.

ID Articolo: 114846 - Pubblicato il: 27 ottobre 2015
Alessitimia e psicopatologia: un’analisi evolutiva – L’alessitimia in età evolutiva
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

Quali i disturbi somatoformi in età evolutiva?

La valutazione di questi disturbi nell’età infantile non è facile, perché il corpo costituisce il primo mezzo che il bambino ha di segnalare una qualsiasi forma di sofferenza. E’ importante che il pediatra non abbia riscontrato alcune causa fisica. Nella maggior parte dei casi le manifestazioni sono transitorie e rimandano a quadri clinici di altro tipo (es. disturbo d’ansia e fobia scolare). I disturbi possono manifestarsi nell’apparato gastrointestinale (gastrite, colite ulcerosa, ulcera peptica), nell’apparato respiratorio (asma bronchiale, sindrome iperventilatoria, disturbi respiratori), nel sistema cutaneo (es. psoriasi, dermatite atopica, orticaria), nel sistema muscolo scheletrico (cefalea tensiva, crampi muscolari, cefalea nucale). Anche le vertigini possono essere una forma di somatizzazione. I bambini spesso sviluppano sintomi somatici quando sono emotivamente sofferenti e la prevalenza è di circa 11% nelle femmine e il 4% nei maschi. Le difficoltà che innescano risposte di tipo somatico spesso sono legate alle relazioni familiari, con il gruppo dei pari e anche con gli insegnanti. La presenza di problemi psicologici nella madre e difficoltà nella relazione madre – bambino costituiscono importanti fattori di rischio (Strepparava & Iacchia, 2012).

Messaggio pubblicitario Nel caso dei disturbi somatoformi, la teoria dell’attaccamento costituisce una chiave importante per la comprensione del sintomo somatico. Questa considera, infatti, il sintomo come la strategia che il bambino ha trovato per regolare lo stato di relazione con le figure d’attaccamento e nello stesso tempo mantenere il senso di sé. Ciò è valido anche per i disturbi somatoformi il cui valore relazionale sarà pertanto differente in base alla qualità della relazione esistente tra il bambino e le sue figure d’attaccamento.

In contesti diadici coercitivi l’osservazione clinica mostra come il sintomo somatico venga costruito, amplificato e utilizzato dal bambino con la precisa finalità di stabilizzare il legame con una madre percepita come discontinua, che tuttavia egli scopre particolarmente sensibile e reattiva al disagio fisico e alla malattia. Si ritrovano su questo versante gran parte dei quadri somatici, in assenza di chiare alterazioni organiche, su cui si focalizza il lavoro dei pediatri di base e ospedalieri: coliche addominali ricorrenti, vomito, alcune forme di cefalea, sindromi dolorose di varia natura e lamentele somatiche non chiaramente definite (Ciotti & Lambruschi, 2004). Un’analisi funzionale del sintomo, nei suoi antecedenti e nei suoi conseguenti ambientali, è spesso sufficiente a mettere in luce la valenza di ancoraggio dei sintomi nei confronti delle figure di attaccamento: la loro funzione di controllo della relazione appare subito chiara.

Secondo Ruggerini, Lambruschi, Neviani et al. (2004) questi piccoli pazienti, così ‘sballottati’ tra gli affetti e con così limitate capacità auto regolative, in terapia possono usufruire positivamente di un piano di acquisizione di abilità di coping degli stati emotivi (in particolare dell’ansia e delle componenti neurofisiologiche) tramite l’utilizzo di tecniche cognitivo – comportamentali come il rilassamento muscolare progressivo unito a tecniche di ristrutturazione cognitiva.

Nei pattern relazionali difesi, invece, i disturbi psicosomatici appaiono spesso più gravi, persistenti nel tempo e scarsamente ancorati al comportamento contingente dei genitori, in un contesto relazionale connotato in genere da scarsa emotività espressa. E’ come se il corpo del bambino fosse completamente disinvestito e i sintomi fisici semplicemente delle contrarietà minori che i genitori si trovano obbligati a gestire (Strepparava & Iacchia, 2012). Data la pervasività dei sintomi, c’è un’evidente difficoltà a rintracciare specifiche situazionalità, mentre un aiuto più efficace può venire dalla ricostruzione della storia dei sintomi fisici che spesso sono legati ad importanti eventi di vita (frequentemente caratterizzati dal tema della perdita), ma che vengono connotati come scarsamente rilevanti. I contenuti affettivi tendono ad essere accantonati e il piano emotivo e scarsamente integrato (se ciò avvenisse porterebbe la consapevolezza della sofferenza). Ruggerini et al. (2004) riportano come tali situazioni si avvicinino maggiormente ai quadri classicamente descritti come alessitimici. I sintomi sembrano l’esito di un precoce e pervasivo processo di addestramento interpersonale all’inibizione degli stati affettivi e delle disposizioni all’azione a essi collegate. Il sintomo verrebbe usato dal bambino per sentirsi oggetto di attenzione e cure in una relazione in cui il genitore si occupa di lui ma nella quale non è possibile esprimere direttamente ed affrontare la paura di perdere le proprie figure d’attaccamento.

L’alopecia è un disturbo somatico che può presentarsi in età evolutiva. I fattori psicologici e ambientali sono fondamentali nel determinare tale disturbo che sembra presentarsi sia in caso di carenza affettiva, sia a seguito della perdita di figure significative d’attaccamento. Nella storia dei bambini affetti da alopecia si ritrovano spesso eventi stressanti legati al perdere qualcosa o qualcuno: situazioni dolorose o problematiche che hanno grande risonanza affettiva per il bambino, che però non è in grado di manifestare le sue difficoltà, né si trova in un ambiente in grado di farlo se solo ci provasse.

Con queste tipologie di disturbi psicosomatici dovranno essere utilizzate strategie terapeutiche che favoriscano il riconoscimento, la denominazione e la gestione degli affetti, all’interno di una relazione caratterizzata da accudimento e protezione. Occorre supportare questi bambini nel riconoscere ed elaborare i propri stati interni, dando spazio all’espressione dei loro desideri e delle loro paure. E’ importante ricostruire in seduta, con le modalità tipiche della terapia cognitiva, gli episodi critici della quotidianità aiutando i bambini a riconoscere e ad aggiungere i pezzi mancanti al loro dialogo interno (cioè quelli più densi di rabbia e dolore). Utili a riguardo si rilevano le tecniche di autosservazione emotiva come il diario di autosservazione quotidiana che, con il termometro delle emozioni, rappresenta un riferimento importante per ricostruire in seduta, sotto forma di disegno, di drammatizzazione o di gioco gli eventi critici e significativi della vita del bambino (Ruggerini et al., 2004).

L'articolo continua nelle pagine seguenti : 1 2 3

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 3, media: 4,33 su 5)

Consigliato dalla redazione

L’alessitimia come disturbo della regolazione affettiva e sua origine - Immagine: 76974728

L’alessitimia come disturbo della regolazione affettiva e sua origine

Esistono persone con una profonda difficoltà nel contattare le proprie emozioni, nel riconoscerele e metterle in parole; esse soffrono di Alessitimia.

Bibliografia

  • Arace, A. (2002). Le relazioni di attaccamento nel ciclo della vita. Età Evolutiva, 73, 99-109.
  • Cerutti, R. & Guidetti, V. (2007) (a cura di). Psicosomatica in età evolutiva. Roma: Il pensiero Scientifico Editore.
  • Ciotti, F. & Lambruschi, F. (2004). Diagnosi descrittive e diagnosi esplicative in età evolutiva. In Lambruschi, F. (a cura di), Psicoterapia cognitiva dell’età evolutiva. Torino: Bollati Boringhieri, 458-485.
  • Crittenden, P. M. (2008). Il modello dinamico – maturativo dell’attaccamento. Milano: Libreria Cortina.
  • Crugnola, C. R. & Baioni, E. (2002). La comunicazione emotiva del bambino. Età Evolutiva, 72, 118-128.
  • Di Trani, M., Tomassetti, N., Bonadies, M., Capozzi, F., De Gennaro, L., Presaghi, F. & Solano, L. (2009). Un questionario Italiano per l’Alessitimia in Età Evolutiva: struttura fattoriale e attendibilità. Psicologia della Salute, 2, 131-143.
  • Fabbri, P. (2005). Alessitimia, attaccamento e psicopatologia. Psicoterapia.it.
  • Fukunishi, I., Yoshida, H. & Wogan, J. (1998). Devolopment of the alexithymia scale for children: a preliminary study. Psychological Reports, 82, 43-49.
  • Lambruschi, F. (2004) (a cura di). Psicoterapia cognitiva dell’età evolutiva. Torino: Bollati Boringhieri.
  • Marchetti, A. & Cavalli, G. (2013). Le difficoltà emotive nello sviluppo: il caso dell’alessitimia e dell’autolesionismo. Dalla ricerca psicologica e neuroscientifica alla psicoterapia. Rivista Internazionale di Filosofia e Psicologia, 4(3), 338-354. DOWNLOAD
  • Rieffe, C., Oosterveld, P. & Terwogt, M. (2005). An alexithymia questionnaire for children: factorial and concurrent validation results. Personality and Individual Differences, 40, 123-133.
  • Ruggerini, C., Lambruschi, F., Neviani, V., Guaraldi, G. P. & Manerchia, G. (2004). Disturbi somatoformi. In Lambruschi, F. (a cura di), Psicoterapia cognitiva dell’età evolutiva. Torino: Bollati Boringhieri, 458-485.
  • Solano, L., Capozzi, F., De Gennaro, L., Bonadies, M., Di Trani, M., La Ferlita, V. & Tomassetti, N. (2007). Il costrutto dell’alessitimia in età evolutiva. Aspetti teorici e possibilità di valutazione. In Cerutti, R. & Guidetti, V. (a cura di),
    Psicosomatica in età evolutiva. Roma: Il pensiero Scientifico Editore, 121-149.
  • Strepparava, M. G. & Iacchia, E. (2012). Psicopatologia cognitiva dello sviluppo. Milano: Raffaello Cortina Editore.
  • Taylor, G., Bagby, R. M. & Parker, J. D. A. (1997). Disorders of affect regulation. Alexithy-mia in medical and psychiatric illness. Cambridge: Cambridge University. (tr.it. I disturbi della regolazione affettiva. L’alessitimia nelle malattie mediche e psichiatriche. Roma: Fioriti, 2000).
  • Taylor, G. & Bagby, R. M. (2004). New Trends in Alexithymia Research. Psychotherapy and Psychosomatics, 73(2), 68-77 (tr.it. Le nuove tendenze nella ricerca sull’alexithymia. Psychomedia, sez. Psicosomatica).
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario