Alessitimia e psicopatologia: un’analisi evolutiva – Introduzione

L’incapacità di dare parole al dolore rappresenta una sofferenza per ciascun individuo: non a caso l’espressione emotiva è legata a una migliore salute.

ID Articolo: 114815 - Pubblicato il: 26 ottobre 2015
Alessitimia e psicopatologia: un’analisi evolutiva – Introduzione
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

Artoni Grazia, Atti Martina, Giaroli Enrica e Paterlini Susanna – OPEN SCHOOL Studi Cognitivi Modena

Date parole al dolore: il dolore che non parla bisbiglia al cuore sovraccarico e gli ordina di spezzarsi 

Shakespeare, Macbeth, atto IV, scena III.

La possibilità di dar voce al proprio mondo emotivo rappresenta una condizione essenziale per riuscire a riconoscere, dialogare e pensare i propri vissuti e intrattenere relazioni interpersonali.

Le emozioni hanno un ruolo fondamentale nell’equilibrio tra salute e malattia (Vadacca et al., 2008). La possibilità di dar voce al proprio mondo emotivo rappresenta una condizione essenziale per riuscire a riconoscere, dialogare e pensare i propri vissuti e intrattenere relazioni interpersonali. L’incapacità di dare parole al dolore rappresenta una grande sofferenza per ciascun individuo (Hoffman, Formica & Di Maria, 2007). L’espressione emotiva è legata al miglioramento della salute e del benessere psicologico (Eng, Fitzmaurice, Kubzansky, Rimme & Kawachi, 2003), mentre la mancanza di espressione delle emozioni ad una evoluzione verso la malattia (Solano et al., 2002). Emerge, quindi, la necessità di mettere in risalto l’importanza della capacità di identificare e descrivere le emozioni (La Ferlita, Bonadies, Solano, De Gennaro & Gonini, 2007).

Magda Arnold (1960) suddivide le emozioni in:

  • Valutazioni intuitive, immediate o non riflessive che conducono a sensazioni;
  • Valutazioni riflessive, di maggiore portata che conducono a emozioni prolungate.

Secondo Ellis sia le reazioni emotive fugaci sia quelle prolungate hanno in comune un elemento: Quale significato ha per me l’evento a cui sto rispondendo? (Ellis, 1962).

Messaggio pubblicitario Facendo riferimento al metodo ABC, proposto da Ellis, per condurre la valutazione clinica e per individuare il focus terapeutico, a partire da un evento attivante (A) il primo passo è individuare il C, cioè le emozioni e i comportamenti, e in seguito i B, i pensieri. Si invita sostanzialmente il paziente a rievocare episodi particolarmente significativi cercando di descrivere i pensieri e le emozioni provate in quel momento (Semerari, 2000; Cantagallo, 2014).

Considerando il principio cognitivo, le emozioni prolungate sono sostenute in genere da pensieri, piccole e rapide frasi (sciocche frasi) apparentemente innocue ma in grado di generare sofferenza. È necessario quindi uno sforzo consapevole per modificare le frasi interiori con le quali le persone creano spesso le proprie emozioni negative. Per il terapeuta cognitivo ogni emozione è verbalizzabile come valutazione di una situazione più o meno problematica ed è padroneggiabile e modificabile attraverso la rielaborazione critica razionale e consapevole.

Il metodo ABC può risultare complesso già nella prima fase, nell’individuazione dei C, a seconda delle capacità autoriflessive del paziente e della sua tendenza a descrivere se stesso in termini emotivi (Semerari, 2000; Ruggiero & Sassaroli, 2013) In particolare, si può evidenziare la difficoltà degli individui alessitimici di accedere e riconoscere i propri stati emozionali (Cantagallo, 2014). Vedremo successivamente come la terapia cognitivo-comportamentale e altre tipologie di intervento possono essere utilizzate con questi pazienti.

Il concetto di alessitimia (alexithymia, dal greco – a= mancanza, léxis= parola, thymós= emozione – che letteralmente significa emozione senza parole o mancanza di parole per le emozioni) fu introdotto da Sifneos, nel 1973, in seguito a osservazioni cliniche di pazienti affetti dai classici disturbi psicosomatici, le Holy Seven (ulcera gastroduodenale, artrite reumatoide, disturbi della tiroide, malattie della pelle di origine sconosciuta o neurodermatiti, rettocolite ulcerosa, ipertensione essenziale e asma) e, per molti anni, è stato ritenuto quasi un sinonimo delle malattie psicosomatiche, poiché si pensava fosse specificamente connesso ad esse (Caretti & La Barbera, 2005; Porcelli, 2004). Con questo termine egli si riferiva ad un disturbo cognitivo-affettivo caratterizzato da:

  • Una difficoltà a esprimere verbalmente le emozioni,
  • Un’attività fantasmatica limitata,
  • Uno stile comunicativo incolore (descrivere un evento dandone una descrizione dettagliata, senza alcun riferimento alle emozioni provate) (Caretti & La Barbera, 2005; La Ferlita et al., 2007).

Alla fine degli anni ’90 il Gruppo di Toronto cambia radicalmente prospettiva, pubblicando ‘I disturbi della regolazione affettiva. L’alessitimia nelle malattie somatiche e psichiatriche’ (Taylor, Bagby & Parker, 1997). Le loro considerazioni hanno consentito a ricercatori di tutto il mondo di indagare sul costrutto in sé, svincolato dalla stretta e tradizionale associazione con le malattie psicosomatiche, considerandolo come l’elemento centrale di un gruppo di disturbi sia organici sia psicologici (Porcelli, 2004).

Un gruppo internazionale di ricercatori (Fava et al., 1995) ha proposto i Criteri Diagnostici per la Ricerca in Psicosomatica (Diagnostic Criteria for Psychosomatic Research, DCPR). L’obiettivo dei DCPR non è quello di individuare singole malattie psicosomatiche, ma di ottenere una valutazione più ampia e rappresentativa della realtà clinica in psicosomatica rispetto alle categorie diagnostiche del DSM e dell’ICD-10. Si ragiona quindi per sindromi psicosomatiche che possono essere studiate come aspetti comuni di malattie differenti, sia somatiche sia mentali, fornendo nuove prospettive per il trattamento psicologico e per quello farmacologico (Trombini & Baldoni, 1999).

Queste variabili sono state spesso trascurate dalla psichiatria tradizionale soprattutto a causa della loro natura subsindromica. Tuttavia, è stato evidenziato che i DCPR sono più frequenti dei disturbi psichiatrici (circa il doppio) e possono individuare il disagio in assenza di una diagnosi DSM IV (Veneroni, 2009). Porcelli (Porcelli et al., 2009) ha individuato che almeno una, se non più sindromi DCPR erano presenti nell’85% del gruppo di pazienti considerato, i quali avevano l’89% di prevalenza di disturbi psichiatrici. Ha, inoltre, sottolineato che i DCPR possono accrescere le informazioni fornite dal DSM IV, dando dati sul presente e sul passato del paziente e su come esso fa fronte ai cambiamenti di salute.

Quello che comunque è chiaro è che la medicina psicosomatica non può essere sufficiente senza le classificazioni del DSM (Wise, 2009). L’alessitimia rappresenta uno dei dodici cluster DCPR e i suoi criteri diagnostici sono (Fava et al., 1995):

Devono essere presenti almeno 3 delle 6 caratteristiche seguenti:

  • Incapacità di usare parole appropriate per descrivere le emozioni;
  • Tendenza a descrivere i dettagli più che gli stati d’animo;
  • Mancanza di un ricco mondo fantastico;
  • Contenuto del pensiero più associato a eventi esterni che alla fantasia e alle emozioni;
  • Inconsapevolezza delle comuni reazioni somatiche che accompagnano l’esperienza di vari stati d’animo;
  • Scoppi occasionali ma violenti e spesso inappropriati di comportamento affettivo.

L'articolo continua nelle pagine seguenti : 1 2Bibliografia

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 3, media: 5,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

Immagine: Fotolia_54993848_alessitimia: i progressi nella teoria, nella ricerca e negli strumenti di valutazione

Alessitimia: i progressi negli ambiti della teoria, della ricerca e degli strumenti di valutazione

L'alessitimia consiste in una difficoltà nell'identificare e descrivere i sentimenti, scarse capacità immaginative e stile cognitivo orientato all'esterno.

Bibliografia

  • Arnold, M. (1960). Emotion and personality. 2 vol. New York: Columbia University Press.
  • Caretti, V. & La Barbera, D. (2005). Alessitimia. Valutazione e trattamento. Roma: Casa Editrice Astrolabio – Ubaldini Editore.
  • Cantagallo, A. (2014). Teleriabilitazione e ausili. La tecnologia in aiuto alla persona con disturbi neuropsicologici. Milano: Franco Angeli.
  • Ellis A. (1962). Reason and Emotion in Psychotherapy. New York: Lyle Stuart. trad. it. Ragione ed emozione in psicoterapia, Roma: Astrolabio, 1989.
  • Eng, P. M., Fitzmaurice, G., Kubzansky, L. D., Rimme, E. B. & Kawachi, I. (2003). Anger expression and risk of stroke and coronary heart disease among male health professionals. Psychosomatic Medicine, 65, 100-110.
  • Fava, G. A., Freyberger, H. J., Bech, P., Christodoulou, G., Sensky, T., Theorell, T. & Wise, T. N. (1995). Diagnostic criteria for use in psychosomatic research. Psychother Psychosom, 63, 1-8.
  • Goleman, D. (1996). Emotional Intelligence. trad. it. Intelligenza Emotiva. Che Cos’è. Perché Può Renderci Felici. Milano: BUR, 2007.
  • Grimaldi Di Terresena, L., De Grandi, M., Inga, F. & Cristofolini, M. (2010). Alessitimia e psicopatologia. Formazione Psichiatrica, 1, 141-145. DOWNLOAD
  • Hoffman, C., Formica, I. & Di Maria, F. (2007). Caregivers in formazione e Alessitimia: Un’indagine empirica su un campione di studenti dell’Università di Palermo. Giornale di Psicologia, 1(1), 20-27.
  • La Ferlita, V., Bonadies, M., Solano, L., De Gennaro, L. & Gonini, P. (2007). Alessitimia e adolescenza: studio preliminare di validazione della TAS-20 su un campione di 360 adolescenti italiani. Infanzia e adolescenza, 6(3), 131-144.
  • Porcelli, P. (2004, Ottobre). Updates sul costrutto di alexithymia. Palermo: Lavoro presentato al 1° Convegno Internazionale sull’Addiction. L’era dell’eccesso: Clinica e psicodinamica dell’addiction.
  • Porcelli, P. (2008, Ottobre). Lo stato dell’arte della ricerca sull’alexithymia. Foligno: Lavoro presentato al Congresso Nazionale GRP.
  • Porcelli, P., Bellomo, A., Quartesan, R., Altamura, M., Isuo, S., Ciannameo, I., Piselli, M. & Elisei, S. (2009). Psychosocial functioning in consultation-liaison-psychiatry patients: influence of psychosomatic syndromes, psychopathology and somatization. Psychother Psychosom, 78, 352-358.
  • Porcelli, P. & Rafanelli, C. (2010). Criteria for Psychosomatic Research (DCPR) in the Medical Setting. Curr Psychiatry Rep, 12, 246-254.
  • Ruggiero, G. M. & Sassaroli, S. (2013). Il colloquio in psicoterapia cognitiva. Milano: Raffaello Cortina.
  • Semerari, A. (2000). Storia, teorie e tecniche della psicoterapia cognitiva. Roma-Bari: Gius. Laterza & Figli.
  • Solano, L., Costa, M., Temoshock, L., Salvati, S., Coda, R., Aiuti, F., Di Sora, F., D’Offizi, G., Figa-Talamanca, L.,
    Mezzaroma, I., Montella, F. & Bertini, M. (2002). An emotionally inexpressive (Type C) coping style influences HIV disease progression at six and twelve month follow-ups. Psychology and Health, 17(5), 641-655.
  • Taylor, G. J., Bagby R. M. & Parker, J. D. A. (1997). Disorders of affect regulation. Alexithymia in medical and psychiatric illness. Cambridge: Cambridge University Press. trad. it. I disturbi della regolazione affettiva. L’alessitimia nelle malattie somatiche e psichiatriche, Giovanni Fioriti Editore, Roma, 2000.
  • Trombini, G., Baldoni, F. (1999). Psicosomatica. Bologna: Società editrice il Mulino.
  • Vadacca, M., Bruni, R., Cacciapaglia, F., Serino, F., Arcarese, L., Buzzulini, F., Cappolino, G., Rigon, A., Terminio, N. &
    Afeltra, A. (2008). Alessitimia e pathway immunoendocrino nel lupus eritematoso sistemico e nell’artrite reumatoide. Reumatismo, 60(1), 50-56.
  • Veneroni, L., Albasi, C., Ferrari, A. & Clerici, C. A. (2009). Sofferenza e patologia tra corpo e mente: prospettive per la clinica medica e psicologica nelle malattie organiche. Recenti progressi in medicina, 100(12), 559-565.
  • Wise, T. N. (2009). Diagnostic criteria for psychosomatic research are necessary for DSM V. Psychother. Psychosom., 78, 330-332.
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario