inTherapy

Dolore cronico, qualità del sonno e attività fisica – Psicologia

E' possibile aiutare chi soffre di dolore cronico ad avere una vita più attiva, migliorando la qualità del suo sonno.

ID Articolo: 42105 - Pubblicato il: 17 aprile 2014
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

 

 

– FLASH NEWS-

Rassegna Stampa - State of Mind - Il Giornale delle Scienze Psicologiche

Secondo uno studio del Dipartimento di Psicologia della University of Warwick è possibile aiutare chi soffre di dolore cronico ad avere una vita più attiva, migliorando la qualità del suo sonno.

Un trattamento focalizzato sulla qualità del sonno non ha come obiettivo solo quello di ridurre l’insonnia legata al dolore ma anche, e sopratutto, quello di aiutare i pazienti a recuperare l’energia necessaria ad impegnarsi nell’attività fisica.

L’attività fisica infatti  è un elemento chiave nel trattamento della gestione del dolore. I medici dovrebbero prescrivere molto più spesso corsi di ginnastica, fisioterapia, passeggiate e gite in bicicletta come parte del trattamento, ma chi ha voglia di impegnarsi nell’attività fisica quando si sente uno zombie privo di forze?

I dottori Tang e Sanborn, coautori dello studio, hanno esaminato la relazione quotidiana tra sonno notturno e attività fisica diurna in pazienti con dolore cronico.

Messaggio pubblicitario I pazienti hanno indossato un accelerometro (che misura l’attività motoria) per monitorare la loro attività fisica quotidiana, diurna e notturna, per una settimana. Grazie a un diario elettronico cellulare ogni mattina al risveglio i pazienti hanno anche valutato la qualità del loro sonno, l’intensità del dolore e lo stato dell’umore.

I risultati indicano che l’unico predittore affidabile di attività fisica è la qualità del sonno: cioè la qualità del sonno è stata in grado di predire l’attività fisica più delle valutazioni sull’umore e sull’intensità del dolore.

Questi risultati mettono in discussione l’obiettivo principale dei trattamenti classici del dolore cronico, che si focalizzano principalmente sulla differente gestione delle attività durante il giorno.

Il sonno infatti, come questo studio mette in luce, ha un potere naturale di recupero che viene spesso trascurato nella gestione del dolore . Una maggiore enfasi del trattamento sul sonno potrebbe aiutare i pazienti a migliorare il funzionamento diurno e quindi la loro qualità di vita.

ARGOMENTI CORRELATI:

DOLORE ATTIVITA’ FISICASONNO

ARTICOLO CONSIGLIATO:

Dolore cronico e senso di giustizia: quale relazione?

 

 

BIBLIOGRAFIA:

 

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 6, media: 4,33 su 5)
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Università e centri di ricerca

Categorie

Messaggio pubblicitario