Psicoterapia Cognitiva: Molla la presa sul rimuginio

Quando sei legato al rimuginio, prova a guardare il mondo e concentrati su ciò che vedi, senti, tocchi. Molla la presa e guarda altrove.

ID Articolo: 13354 - Pubblicato il: 24 luglio 2012
Condividi

  – LEGGI GLI ARTICOLI DI STATE OF MIND SU RIMUGINIO E RUMINAZIONE – 

Psicoterapia Cognitiva- Molla la presa sul rimuginio. - Immagine: © briel - Fotolia.comIl rimuginio è una forma di pensiero ciclico, negativo e ricorrente. Il rimuginio è in azione quando rimaniamo chiusi nei nostri pensieri negativi e immaginiamo continuamente situazioni negative che potrebbero accadere in futuro, soprattutto in condizioni di incertezza. Il rimuginio è un sintomo centrale soprattutto nei disturbi d’ansia (Sassaroli, Lorenzini, Ruggiero, 2006) ma anche nella depressione e nei disturbi alimentari (Sassaroli & Ruggiero, 2012). La psicoterapia cognitiva studia come imparare a regolare e gestire il proprio pensiero. 

A volte possiamo avere l’impressione di non essere capaci di controllare il rimuginio. Ci investe e parte prima che ce ne rendiamo conto e a quel punto proviamo a non pensarci, a distrarci, ma al massimo ci abbandona per un po’ e poi ci svegliamo nuovamente che già stiamo ancora ragionando su temi negativi. Ma il rimuginio non avviene involontariamente, certo è un’abitudine, una pessima abitudine, ma è sotto il nostro controllo

Proviamo a pensare a tutte le volte in cui il rimuginio si è interrotto da una telefonata, da qualche evento che ci ha distratto, o un urgenza improvvisa. Anche una forma di profonda ansia dovuta alle nostre preoccupazioni può essere interrotta se qualcos’altro succede intorno, se magari un nostro amico cade, si fa male e ha bisogno di soccorso.

In quel momento controlliamo il rimuginio, anche se non ce ne accorgiamo. Si tratta di accorgersi e abituarsi a mettere in atto un altro comportamento mentale, allenarlo finché non sarà una nuova abitudine.

Psicoterapia cognitiva: Al tuo rimuginio scatena l'inferno. Immagine: © igor - Fotolia.com

Articolo Consigliato: Psicoterapia cognitiva: Al tuo rimuginio scatena l'inferno.

Prova a rimuginare su un tuo problema. Adesso.

Non sto scherzando, scegli un tuo problema e prova a pensare a tutto ciò che di negativo potrebbe capitarti. Guarda l’orologio e fallo per almeno 2 minuti, lascialo partire e seguilo.

Adesso lascialo correre ma guardati intorno, cerca gli oggetti rettangolari che riesci a vedere. 

Il rimuginio può continuare a scorrere come una radio nella tua testa, lascialo andare, ma cerca i rettangoli nella stanza o nell’ambiente, osservali, prova a trovare quelli che non ti capitano sotto gli occhi a prima vista.

Stai lì e osserva il mondo.

Mentre osservi il mondo, metti il rimuginio da parte. Il mondo non crolla.

Il rimuginio è un po’ come un aquilone, che può volare via ma al quale tu ti tieni ancora aggrappato. Puoi mollare la presa e guardare altrove.

Così tutte le volte che ti trovi legato al rimuginio, prova a guardare il mondo e concentrati su ciò che vedi, senti, tocchi. Molla la presa e guarda altrove.

Questo è il SAR (Situational Attention Refocusing), un accorgimento molto utile per allenarsi a non tenere il rimuginio in primo piano (Wells, 2009). Ma, se l’ansia e lo stress del rimuginio persistono, forse è il caso di una consulenza professionale. Questi sono solo piccoli accorgimenti utili per tutti. Da soli non fanno una cura né una psicoterapia cognitiva.

 

BIBLIOGRAFIA:

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario