L’utilizzo dei videogiochi per una terapia più efficace del Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività (ADHD) – Lo psicologo del futuro

I Serious Games sono videogiochi che favorisco supporto sociale, strategie comportamentali e applicazione dei compiti, con vantaggi nella terapia dell'ADHD

ID Articolo: 181955 - Pubblicato il: 11 febbraio 2021
L’utilizzo dei videogiochi per una terapia più efficace del Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività (ADHD) – Lo psicologo del futuro
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

L’uso dei serious games per l’ADHD per migliorare alcune componenti cognitive ed emotive divertendo bambini e ragazzi.

LO PSICOLOGO DEL FUTURO – (Nr. 12) L’utilizzo dei videogiochi per una terapia più efficace del Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività (ADHD)

 

Messaggio pubblicitario  Il Disturbo da Deficit di Attenzione-Iperattività (ADHD) è uno dei disturbi mentali più diffusi nei bambini, con una prevalenza mondiale stimata intorno al 3-5% degli studenti in età scolare (Thomas et al., 2015). I bambini con diagnosi di ADHD sperimentano disattenzione, comportamento impulsivo; difficoltà di concentrazione e problemi di memoria che ostacolano la fissazione della conoscenza a breve e lungo termine. I bambini non finiscono correttamente le loro attività e si annoiano rapidamente (Metcalf, 2016). Di conseguenza, il loro rendimento in classe è inferiore al previsto per quanto riguarda la loro capacità intellettuale. I bambini con ADHD hanno debolezze in alcune funzioni esecutive come il controllo dell’attenzione, la memoria di lavoro, la metacognizione e l’inibizione (Loe & Feldman, 2007).

Il trattamento psicofarmacologico non è efficace nel 18-36% dei pazienti e può avere gravi effetti collaterali (Schachter et al., 2001; Dittmann et al., 2013). Anche la bassa aderenza ai farmaci è un problema comune tra i bambini con diagnosi di ADHD. Inoltre, l’accesso a screening e trattamenti specializzati è limitato in alcune aree. Ciò richiede una ricerca di alternative per la valutazione e il trattamento di tale disturbo (Marcus & Durkin, 2011).

Senza dipendere dai farmaci, le sessioni terapeutiche potrebbero aiutarlo a migliorare le funzioni esecutive e le abilità come la flessibilità cognitiva, la memoria di lavoro e il controllo inibitorio.

Tuttavia molti bambini con ADHD sperimentano uno scarso coinvolgimento durante la terapia tradizionale, di conseguenza, è necessario creare esperienze più interattive (Culpepper & Mattingly, 2010).

Per affrontare questi problemi, gli autori stanno esplorando approcci alternativi, come l’applicazione di nuove tecnologie nella salute mentale. La salute elettronica (e-Health) potrebbe contribuire alla gestione dell’ADHD nei bambini, oltre a contribuire a colmare il divario nella fornitura di assistenza sanitaria mentale. I videogiochi potrebbero essere particolarmente adatti a questo scopo. Ci si aspetterebbe che i bambini con ADHD presentino difficoltà nell’impegnarsi nei videogiochi a causa della loro scarsa capacità di attenzione. Tuttavia, le persone con ADHD possono concentrarsi per lunghi periodi di tempo sulle attività che apprezzano, un fenomeno a volte noto come “iperfocus”. I videogiochi sono quindi una buona opportunità per aumentare il coinvolgimento con interventi terapeutici (Ashinoff & Abu-Akel, 2019).

I ricercatori hanno proposto interventi attraverso attività strutturate gamificate. In questo senso, c’è stato uno sviluppo significativo nelle terapie basate su giochi educativi coniati come Serious Games (SG). È un approccio promettente che offre un ambiente attraente per l’applicazione dei compiti, il supporto sociale e le strategie comportamentali. Recenti studi di SG hanno riportato vantaggi, attraverso benefici ed efficacia, migliorando la motivazione degli studenti, incrementando atteggiamenti positivi e aumentando i loro approcci alla risoluzione dei problemi (Ferrer et al., 2013).

I vantaggi dei Serious Games (SG) per il Disturbo da Deficit dell’Attenzione e Iperattività (ADHD)

I vantaggi dei Serious Games (SG) possono essere spiegati da diversi meccanismi. Uno di questi meccanismi è la “gamification”, una tecnica di tendenza negli interventi di sanità elettronica che promuove il cambiamento comportamentale e il coinvolgimento degli utenti (Hamari et al., 2014). Nei bambini gli effetti gratificanti dei videogiochi possono essere di particolare importanza per aumentare l’aderenza. I videogiochi potrebbero non essere percepiti come un trattamento o un’imposizione da parte di chi si prende cura di loro, il che può essere meno gravoso per i bambini. I videogiochi possono anche aumentare la partecipazione, la motivazione e il senso di azione. Tuttavia, la ricerca di novità è una caratteristica forte dell’ADHD. Pertanto, l’impegno a lungo termine può essere più problematico, con il rischio di una progressiva riduzione dell’impegno nel tempo.

Diversi studi dimostrano che i videogiochi possono migliorare la cognizione e avere un impatto positivo sulla neurobiologia (Granic et al., 2014; Shams et al., 2015). L’allenamento cognitivo basato sui videogiochi può aiutare nella formazione e ristrutturazione dei percorsi neurobiologici, specialmente nei bambini, che hanno una maggiore neuroplasticità rispetto agli adulti.

Alcuni dei giochi recensiti negli ultimi anni hanno mostrato che l’utilizzo dei Serious Games (SG) nei bambini con ADHD portava ad un miglioramento della concentrazione e una normalizzazione del funzionamento del cervello nei pazienti (Peñuelas-Calvo et al., 2020).

Una sfida critica è lo sviluppo di SG insieme ad approcci di apprendimento potenziati dalla tecnologia come la realtà aumentata (AR). La AR è l’integrazione di informazioni digitali e fisiche in tempo reale che consente l’interazione dell’utente con un mondo virtuale e reale. Questa nuova tecnologia emergente è una grande promessa perché motiva gli studenti con nuove sfide, fornendo un feedback rapido che è adattato agli interessi specifici e alle esigenze individuali. Questi Augmented Reality Serious Games (ARSG) potrebbero catturare la loro attenzione e migliorare il processo di comunicazione utilizzando la sperimentazione e la simulazione manipolate da movimenti fisici (interfaccia), lavorando in ambienti reali con elementi virtuali per ottenere gli effetti aumentati (Peñuelas-Calvo et al., 2020).

Messaggio pubblicitario Inoltre, vi è un urgente bisogno di cure innovative per i bambini con ADHD, utilizzando una tecnologia che si adatta ai requisiti attraverso il gameplay e il movimento basato su un’interfaccia utente naturale. Gli ARSG, offrono infinite possibilità di interazione più naturale attraverso sensori, che saranno in grado di riconoscere i gesti della mano e del corpo, rendendolo uno strumento ideale per fornire creatività alle attività terapeutiche combinate con ARSG. Grazie alle loro caratteristiche, gli ARSG, possono andare a ridurre la perdita di interesse tipica dei bambini con ADHD e di conseguenza ad incrementare l’impegno a lungo termine (Peñuelas-Calvo et al., 2020).

Serious Games (SG) per bambini con ADHD

Alcuni esempi di applicazioni che utilizzano i SG per l’ADHD che sfruttano ambienti immersivi per valutare i deficit di attenzione nei bambini con ADHD.

In questo contesto, gli studi sull’ADHD si concentrano su più elementi come le funzioni esecutive, la memoria di lavoro e la flessibilità cognitiva:

  • Clinica VR: classroom-CPT, che fornisce collegamenti tra la valutazione neuropsicologica nello studio del neuropsicologo, in un ambiente controllato e dove il bambino viene incontrato da solo, e cosa accade, invece, in un contesto in cui il bambino deve gestire molti tipi di stimoli, come ad esempio a scuola. Appare, quindi, interessante aggiungere questo tipo di analisi clinica al tradizionale processo di valutazione neuropsicologica (Neguț et al., 2017).
  • AULA Nesplora è un Continuous Performance Test (CPT) computerizzato progettato per valutare i processi di attenzione e supportare la diagnosi dei disturbi dell’attenzione. Offre punteggi su: attenzione sostenuta, attenzione divisa (visiva e uditiva); impulsività; attività motoria eccessiva (iperattività); tendenza alla distrazione, velocità di elaborazione, concentrazione sul compito, differenza attentiva tra stimoli visivi e uditivi e tra compiti più e meno stimolanti, attività motoria e affaticamento per i compiti. Distingue anche le tendenze alla distrazione interna o esterna (Areces et al., 2016).

Altri SG, grazie alle loro caratteristiche, permettono ai bambini con ADHD di praticare e implementare le funzioni esecutive, la memoria di lavoro e il livello di attenzione:

  • “Plan-it Commander” è un gioco per computer online che include tre minigiochi e una comunità sociale per far interagire i bambini tra loro durante l’allenamento. Attraverso un labirinto di emozionanti missioni e minigiochi progettati esclusivamente per i pazienti con ADHD, i bambini sviluppano abilità stimolanti che li aiutano nella vita di tutti i giorni. Plan-It Commander ha dimostrato di essere efficace nel migliorare la gestione del tempo, la memoria di lavoro e la capacità di collaborazione (Crepaldi et al., 2017).
  • “Braingame Brian” è un training computerizzato per bambini con ADHD che si occupa di molteplici funzioni esecutive. Accanto alla formazione della memoria di lavoro in Braingame Brian viene estesa la formazione di altre due funzioni esecutive carenti nei bambini con ADHD. Queste difficoltà includono problemi con la regolazione delle emozioni e del comportamento (inibizione della risposta) e la capacità di passare a un diverso modello di pensiero e azione quando una situazione lo richiede (flessibilità cognitiva). Inoltre Braingame Brian prevede il miglioramento della motivazione aggiungendo elementi di gioco all’allenamento. In uno studio controllato randomizzato sono stati mostrati miglioramenti significativi soprattutto nella memoria visuo-spaziale a breve termine e nella memoria di lavoro nei bambini con ADHD (Dovis et al., 2015).
  • In “Harvest Challenge BCI Videogame” il giocatore deve controllare il proprio livello di attenzione, rappresentato dai ritmi EEG, per interagire con il gioco. La dinamica del videogioco stabilisce una modalità di interazione attraverso le particolari fasi mentali: rilassamento e concentrazione. Quando un bambino entra in una specifica fase di concentrazione, il segnale cerebrale viene registrato tramite un sensore BCI portatile che invia i segnali in modalità wireless al videogioco. Lo scopo di questo videogioco è rafforzare le abilità importanti di un bambino come la capacità di attesa, la pianificazione e la capacità di seguire le istruzioni e di raggiungere gli obiettivi. Il progresso in questi quattro aspetti fondamentali potrebbe scatenare in un bambino con ADHD un notevole miglioramento nel controllo dell’impulsività, della disattenzione, una migliore attitudine verso il processo di apprendimento e una significativa diminuzione dell’impatto del disturbo nella popolazione infantile (Rohani et al., 2014).

In generale, tutti i Serious Games elaborati ad hoc, dei quali alcuni citati, hanno soddisfatto sia i pazienti sia i loro terapisti, insegnanti e genitori.

Sono stati identificati, infatti, come strumenti utili e coinvolgenti per il trattamento dell’ADHD.

È auspicabile, visti i risultati positivi, che nel prossimo futuro ci sia uno sforzo più ampio nella possibilità di lavorare per poter implementare più Serious Games che utilizzano la realtà aumentata (ARSG) con diversi livelli di difficoltà per mantenere e catturare l’attenzione dei bambini con ADHD. L’ottimizzazione del software è una priorità per lo sviluppo dei Serious Games (Crepaldi et al., 2017). Un’interfaccia attraente è una caratteristica preziosa, così come un appropriato adattamento del software ai requisiti delle impostazioni sanitarie. Il lavoro avrebbe grande valore aggiunto se tra operatori sanitari e ingegneri informatici si alimentasse una stretta collaborazione volta ad elaborare Serious Games tali da poter raggiungere la qualità e l’interesse delle loro controparti commerciali per poterne aumentare l’uso educativo e di aiuto.


 

EUROPEAN CONFERENCE OF DIGITAL PSYCHOLOGY
Scoprine di più: 

 

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

Videogiochi e terapia: nuove possibilità di cura - Lo psicologo del futuro

Video Game Therapy: quando il gioco diventa cura

I videogiochi consentono di sperimentare novità e sfide durante attività piacevoli e di fantasia e di stabilire un'efficace relazione paziente-terapeuta

Bibliografia

  • American Psychiatric Association: Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, 5th Edition (DSM-5). Diagnostic Statistical Manual of Mental Disorders, 5th Ed. TR. 280 (2013)
  • Areces, D., Rodríguez, C., García, T., Cueli, M., González-Castro, P.: Efficacy of a continuous performance test based on virtual reality in the diagnosis of ADHD and its clinical presentations. J. Atten. Disord. 1–11 (2016).
  • Ashinoff B, Abu-Akel A (2019) Hyperfocus: the forgotten frontier of attention. Psychol Res. https://doi.org/10.1007/s00426-019- 01245-8
  • Crepaldi, M., Colombo, V., Baldassini, D., Mottura, S., & Antonietti, A. (2017, December). Supporting rehabilitation of ADHD children with serious games and enhancement of inhibition mechanisms. In International Conference on Virtual Reality and Augmented Reality (pp. 167-181). Springer, Cham.
  • Culpepper L, Mattingly G (2010) Challenges in identifying and managing attention-deficit/hyperactivity disorder in adults in the primary care setting: a review of the literature. Prim Care Com- panion J Clin Psychiatry 12(6):PCC.10r00951
  • Dittmann RW, Cardo E, Nagy P, Anderson CS, Bloomfield R, Caballero B et al (2013) Efficacy and safety of lisdexamfetamine dimesylate and atomoxetine in the treatment of attention-deficit/ hyperactivity disorder: a head-to-head, randomized, double-blind, phase IIIb study. CNS Drugs 27(12):1081–1092
  • Dovis, S., Van Der Oord, S., Wiers, R.W., Prins, P.J.M.: Improving executive functioning in children with ADHD: training multiple executive functions within the context of a computer game. A Randomized Double-Blind Placebo Controlled Trial. PLoS One 10, e0121651 (2015)
  • E. B. Metcalf, “ADHD and the Disruptive Behavior Disorders,” in The Medical Basis of Psychiatry, ed: Springer, 2016, pp. 333-369.
  • Granic I, Lobel A, Engels RCME (2014) The benefits of playing video games. Am Psychol 69(1):66–78
  • Hamari J, Koivisto J, Sarsa H (2014) Does gamification work?—a literature review of empirical studies on gamification. In: pro- ceedings of the annual hawaii interational conference on system sciences.
  • M. Loe and H. M. Feldman, “Academic and educational outcomes of children with ADHD,” Journal of pediatric psychology, vol. 32, pp. 643-654, 2007.
  • Marcus SC, Durkin M (2011) Stimulant adherence and academic performance in urban youth with attention-deficit/hyperactivity disorder. J Am Acad Child Adolesc Psychiatry 50(5):480–489
  • Neguț, A., Jurma, A.M., David, D.: Virtual-reality-based attention assessment of ADHD: ClinicaVR: Classroom-CPT versus a traditional continuous performance test. Child Neuropsychol. 23, 692–712 (2017)
  • Peñuelas-Calvo, I., Jiang-Lin, L. K., Girela-Serrano, B., Delgado-Gomez, D., Navarro-Jimenez, R., Baca-Garcia, E., & Porras-Segovia, A. (2020). Video games for the assessment and treatment of attention-deficit/hyperactivity disorder: A systematic review. European Child & Adolescent Psychiatry, 1-16.
  • R. Thomas, S. Sanders, J. Doust, E. Beller, and P. Glasziou, “Prevalence of Attention-Deficit/Hyperactivity Disorder: A Systematic Review and Meta-analysis,” Pediatrics, vol. 135, pp. e994-e1001, 2015.
  • Rohani, D.A., Sorensen, H.B.D., Puthusserypady, S.: Brain-computer interface using P300 and virtual reality: a gaming approach for treating ADHD. In: 2014 36th Annual International Conference of the IEEE Engineering in Medicine and Biology Society (EMBC), pp. 3606–3609 (2014)
  • Schachter HM, Pham B, King J, Langford S, Moher D (2001) How efficacious and safe is short-acting methylphenidate for the treatment of attention-deficit disorder in children and adolescents? A meta-analysis. CMAJ 165(11):1475–1488
  • Shams TA, Foussias G, Zawadzki JA, Marshe VS, Siddiqui I, Müller DJ et al (2015) The effects of video games on cognition and brain structure: potential implications for neuropsychiatric disorders. Curr Psychiatry Rep 17(9):71
  • V. Ferrer, A. Perdomo, H. Rashed-Ali, C. Fies, and J. Quarles, “How does usability impact motivation in augmented reality serious games for education?” in Games and Virtual Worlds for Serious Applications (VS-GAMES), 2013 5th International Conference on, 2013, pp. 1-8.
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario