inTherapy

Musicoterapia per gravidanze a rischio – Effetti su stress e ansia

Un recente studio ha indagato gli effetti della musicoterapia dal vivo sull’HRV, lo stress e l'ansia in donne con una gravidanza ad alto rischio ricoverate

ID Articolo: 177961 - Pubblicato il: 25 settembre 2020
Musicoterapia per gravidanze a rischio – Effetti su stress e ansia
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

La musica è nota per aumentare il benessere, ridurre lo stress e distrarre i pazienti da sintomi sgradevoli esercitando effetti fisiologici diretti sul sistema nervoso autonomo. Quali effetti ha sulle donne in gravidanza?

 

Messaggio pubblicitario La ricerca negli ultimi trent’anni ha stabilito che le donne che soffrono di stress e ansia durante la gravidanza sono a rischio di parto prematuro e aborto spontaneo (Lobel et al., 2008; Douglas, 2010). I bambini nati prematuramente con peso molto basso alla nascita possono essere più a rischio di soffrire di problemi di salute a lungo termine come disturbi dello sviluppo neurologico (Soleimani et al., 2014) e depressione (Räikkönen et al., 2008).

La musica è nota per aumentare il benessere, ridurre lo stress e distrarre i pazienti da sintomi sgradevoli esercitando effetti fisiologici diretti sul sistema nervoso autonomo (Kemper & Danhauer, 2005).

La musicoterapia è stata già utilizzata nella cura delle donne incinte, ma solo pochi studi hanno indagato se la musicoterapia allevi lo stress e l’ansia legati alla gravidanza (Kaufmann, 2014).

La musicoterapia può contenere musica dal vivo o registrata e alcuni studi hanno confrontato gli effetti di queste variazioni su pazienti ricoverati (Arnon et al., 2006). Secondo questi studi, l’effetto terapeutico della musica dal vivo sarebbe più efficace e benefico per il paziente. Tuttavia, gli effetti della musica dal vivo sull’Heart Rate Variability (HRV) – la variazione dell’intervallo del tempo inter-battito che può essere usato come misurazione del sistema nervoso autonomo (Thayer et al., 2012) – lo stress e l’ansia tra le donne incinte ricoverate non sono stati ancora studiati.

Uno studio recente (Teckenberg-Jansson et al., 2019) ha indagato gli effetti della musicoterapia dal vivo sull’HRV, lo stress e l’ansia tra le donne ricoverate con gravidanze ad alto rischio. Un totale di 102 donne ospedalizzate in un reparto prenatale a causa di complicazioni legate alla gravidanza hanno partecipato allo studio controllato randomizzato.

Le partecipanti sono state assegnate in modo casuale a un gruppo di musicoterapia (N = 52) o a un gruppo di controllo (N = 50). Le donne del gruppo di musicoterapia hanno ricevuto musicoterapia dal vivo per tre giorni consecutivi, in sessioni di mezz’ora. Le partecipanti appartenenti al gruppo di controllo sono state istruite a riposare per periodi di tempo altrettanto lunghi.

I livelli di stress e ansia sperimentati sono stati misurati con l’indice HRV, la Perceived Stress Scale (PSS; Cohen et al., 1983) e la State Scale of the State-Trait Anxiety Inventory (S-STAI; Spielberger, 1985). Le partecipanti hanno compilato i questionari prima e dopo l’intervento.

Messaggio pubblicitario Dai risultati si è riscontrato che la misura SD2 dell’HRV è aumentata significativamente di più nel gruppo di musicoterapia che nel gruppo di controllo durante le sessioni di terapia (indicando un livello minore di stress). Inoltre, la misura HRV a bassa frequenza (LF) è diminuita durante il periodo di terapia di tre giorni. Lo stress auto-dichiarato nella PSS non ha subito modificazioni significative dopo l’intervento. Per le donne con alta ansia iniziale auto-dichiarata in entrambi i gruppi, la loro ansia è stata significativamente ridotta durante il periodo di tre giorni.

Per concludere si può affermare che, al di là dei parziali benefici clinici mostrati in questo studio iniziale, la musicoterapia ricettiva non richiede attività fisica o molta energia mentale da parte del paziente, quindi si presume non sia difficile da implementare anche nelle situazioni difficili che le donne incinte potrebbero affrontare. La musicoterapia potrebbe inoltre essere utilizzata anche al di fuori dell’ambiente ospedaliero, ambulatorialmente o a casa.

 

VOTA L'ARTICOLO
(Nessun voto)

Consigliato dalla redazione

Gravidanza: l'utilizzo della musica per fronteggiare ansia e stress

Una musica puo’ fare... In gravidanza - L’uso della musica nella riduzione di ansia e stress nelle donne incinte

La musica sembra poter alterare l’umore di chi l’ascolta, viene quindi da chiedersi: può la musica aiutare le donne in gravidanza a ridurre ansia e stress?

Bibliografia

  • Arnon, S., Shapsa, A., Forman, L., Regey, R., Bauer, S., Litmanovitz, I., & Dolfin, T. (2006). Live music is beneficial to preterm infants in the neonatal intensive care unit environment. Birth, 33(2), 131–136.
  • Cohen, S., Kamarck, T., & Mermelstein, R. (1983). A global measure of perceived stress. Journal of health and social behavior, 385-396.
  • Douglas, A. J. (2010). Baby on board: Do responses to stress in the maternal brain mediate adverse pregnancy outcome? Frontiers in Neuroendocrinology, 31(3), 359–376.
  • Kaufmann, J. (2014). Musiktherapie mit risikoschwangeren Frauen [Music therapy treatment options for women with high-risk pregnancies]. In J. Kaufmann, R. Nussberger, M. Esslinger, & M. M. Leitgeb (Eds.), Gespürt – gehört – gebor(g)en. Musiktherapie mit risikoschwangeren Frauen, Säuglingen und Kleinkindern [Felt – heard – born(e). Music therapy for women with high-risk pregnancies, infants and small children] (pp. 9–68). Wiesbaden: Reichert.
  • Kemper, K. J., & Danhauer, S. C. (2005). Music as therapy. Southern Medical Journal, 98(3), 282–288.
  • Lobel, M., Cannella, D. L., Graham, J. E., DeVincent, C., Schneider, J., & Meyer, B. A. (2008). Pregnancy- specific stress, prenatal health behaviors, and birth outcomes. Health Psychology, 27(5), 604–615.
  • Räikkönen, K., Pesonen, A.-K., Heinonen, K., Kajantie, E., Hovi, P., Järvenpää, A. L., & Andersson, S. (2008). Depression in young adults with very low birth weight: The Helsinki study of very low-birth-weight adults. Archives of General Psychiatry, 65(3), 290–296.
  • Soleimani, F., Zaheri, F., & Abdi, F. (2014, Jun). Long-term neurodevelopmental outcomes after
  • preterm birth. Iran Red Crescent Medical Journal, 16(6), e17965.
  • Spielberger, C. D. (1985). Assessment of state and trait anxiety: Conceptual and methodological issues. Southern Psychologist.
  • Teckenberg-Jansson, P., Turunen, S., Pölkki, T., Lauri-Haikala, M. J., Lipsanen, J., Henelius, A., … & Huotilainen, M. (2019). Effects of live music therapy on heart rate variability and self-reported stress and anxiety among hospitalized pregnant women: A randomized controlled trial. Nordic Journal of Music Therapy, 28(1), 7-26.
  • Thayer J. F., Ahs F., Fredrikson M., Sollers J. J., & Wager T. D. (2012). A meta-analysis of heart rate variability and neuroimaging studies: implications for heart rate variability as a marker of stress and health. Neurosci. Biobehav. Rev., 36, 747–756.
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Categorie

Messaggio pubblicitario