Una musica puo’ fare… In gravidanza – L’uso della musica nella riduzione di ansia e stress nelle donne incinte

La musica sembra poter alterare l’umore di chi l’ascolta, viene quindi da chiedersi: può la musica aiutare le donne in gravidanza a ridurre ansia e stress?

ID Articolo: 174951 - Pubblicato il: 25 maggio 2020
Una musica puo’ fare… In gravidanza – L’uso della musica nella riduzione di ansia e stress nelle donne incinte
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

Molti studi hanno dimostrato l’effetto positivo della musica nel ridurre lo stress e aumentare il benessere in gravidanza, aiutando le future mamme anche a rilassarsi durante il travaglio e a provare meno dolore, con maggiore soddisfazione riguardo all’esperienza del parto.

Mazzieri Elena – OPEN SCHOOL Studi Cognitivi, San Benedetto del Tronto

 

Messaggio pubblicitario Chiunque abbia avuto una gravidanza si è sentito dire, almeno una volta, “che bella esperienza!”. Chi ci è passato prima di noi sembra quasi minimizzare e far sembrare il tutto una passeggiata. C’è chi dice che in fondo non è poi così doloroso e che poi tutto torna come prima. Ovvio, la gioia di abbracciare per la prima volta il proprio figlio è superiore a qualunque difficoltà si possa aver attraversato, travaglio e parto compreso. Ma diciamoci la verità, gravidanza e parto non sono necessariamente per tutte esperienze positive!

Un po’ tutte siamo preoccupate al pensiero del dolore che proveremo, ai cambiamenti fisici, mentali e sociali che dovremo affrontare e alle nuove sfide quotidiane che ci attendono sia prima che dopo la nascita del bambino. Non tutte però affrontiamo tutto questo con la stessa serenità. Per alcune di noi il pensiero della gravidanza e del parto può essere fonte di stress e causare una grande sofferenza psicologica. E tutto questo, purtroppo, non aiuta né noi né il piccolo che portiamo in grembo (Wulff et al., 2017). Studi hanno dimostrato che se la mamma è ansiosa, depressa o stressata durante la gravidanza, aumenta la probabilità che il bambino nasca prematuro (Lee et al., 2007) e che sviluppi, dopo la nascita, difficoltà psicologiche (ansia depressione), problematiche comportamentali (deficit di attenzione e iperattività o disturbi della condotta) e fisiche (asma e funzioni immunitarie alterate) (O’Connor et al., 2002; Cookson et al., 2009; O’Connor et al., 2013).

Per la futura mamma, ansia e stress durante la gravidanza possono comportare una maggiore probabilità di soffrire di depressione post-partum (Lee et al., 2007). Per di più, alti livelli di ansia possono causare un aumento della percezione del dolore nel momento del travaglio, il quale viene vissuto con maggiore sofferenza (Lowe, 1989; Alehagen et al., 2005; Carr et al., 2005; Renn & Dorsey; 2005). Tra le altre conseguenze, l’intensa percezione del dolore può comportare una minore soddisfazione, da parte della donna, rispetto all’esperienza del parto. Possiamo quindi ipotizzare che le donne di cui sopra, che parlano con termini positivi e ottimistici della gravidanza e del parto, abbiano vissuto questa esperienza con meno dolore (Goodman et al., 2004).

È molto importante sottolineare come queste possibili conseguenze negative possono verificarsi non soltanto di fronte a stati ansiosi e disturbi mentali clinicamente diagnosticati e significativi, ma anche di fronte a sintomi moderati di ansia e depressione (O’Donnell et al., 2014).

Molte donne non vogliono assumere farmaci durante la gravidanza per paura di poter recare danno al feto e, per di più, con sintomi lievi non sarebbe neppure appropriato proporli. Diventa allora fondamentale trovare metodi ed interventi non farmacologici per diminuire i livelli di ansia e stress nelle future mamme (Glover, 2014).

Ovviamente, tra gli interventi non farmacologici, un ruolo di primaria importanza lo riveste la psicoterapia. In particolare è stata dimostrata l’efficacia degli interventi cognitivo-comportamentali o interpersonali. Purtroppo però questo tipo di intervento spesso non è accessibile a tutte le donne che ne avrebbero bisogno (Nwebube et al., 2017), spesso anche per motivi economici.

Sono stati allora studiati altri tipi di interventi, low-cost ed accessibili a tutti, che potessero aiutare le donne incinte a fronteggiare in maniera adeguata ansia e stress.

Nei momenti particolarmente stressanti, o semplicemente quando vogliamo rilassarci, una delle prime cose che facciamo è ascoltare la nostra musica preferita. Un gesto così semplice e quotidiano, come accendere la radio in auto o ascoltare la nostra playlist su Spotify ci aiuta a distrarci e a rendere meno faticose le attività quotidiane. Ognuno ha i propri gusti musicali, e sceglie un determinato genere in base all’umore o al momento della giornata. Scegliamo la giusta canzone per darci la carica al mattino prima di affrontare la giornata di lavoro, quella che ci aiuta ad allenarci meglio in palestra, quella che ci fa rilassare la sera, quella che ci mette dell’umore giusto per uscire con gli amici o quella che ascoltiamo a tutto volume per scaricare la tensione della giornata. Ammettiamolo, tutti noi ci improvvisiamo cantanti provetti sotto la doccia! E quanto ci piace cantare a squarciagola la nostra canzone preferita! Consapevoli che la nostra doccia non sarà lì a giudicare se abbiamo o meno l’”X Factor”, diamo libero sfogo alla nostra voce e il nostro umore migliora rapidamente. E non si tratta soltanto di una nostra impressione! Studi scientifici hanno dimostrato come la musica possa alterare l’umore della persona che l’ascolta (Juslin & Sloboda, 2001). Viene quindi da chiedersi: può la musica aiutare le donne in gravidanza a sentirsi meno in ansia e meno stressate?

La musica ormai fa parte delle nostre vite e, grazie alle nuove tecnologie, abbiamo la possibilità di accedere in ogni momento alle nostre canzoni preferite e di creare, tramite apposite app, la playlist più adatta ad ogni scopo. Possiamo pensare di creare una playlist anti-stress per la gravidanza?

Studi scientifici, prima che per la gravidanza, hanno applicato clinicamente la musica per ridurre l’ansia nei pazienti che devono essere sottoposti ad interventi chirurgici (Thoma et al., 2015; Hole et al., 2015). Ascoltare la musica prima, durante e dopo un intervento può ridurre l’ansia, lo stress e il dolore e può portare anche ad un uso inferiore di analgesici (Nilsson, 2008; Ikonomidou, 2004). Varrà lo stesso anche per la gravidanza ed il parto?

Molti studi hanno dimostrato come la musica abbia un effetto positivo nel ridurre lo stress e aumentare il benessere delle mamme in attesa, aiutandole per di più a rilassarsi durante il travaglio e a provare meno dolore, con una conseguente maggiore soddisfazione riguardo all’esperienza del parto (Wulff et al., 2017).

Ascoltare musica prima dell’amniocentesi aiuta a ridurre i livelli di ansia di stato e di cortisolo (Ventura et al., 2012). Cantare ninna-nanne durante la gravidanza diminuisce i livelli di ansia auto-riferita ed aumenta l’espressione emotiva, facendo sì che, di conseguenza, si abbia un’esperienza di gravidanza maggiormente positiva (Carolan et al., 2012).

In uno studio condotto da Nwebube et al. (2017), un gruppo di donne incinte è stato istruito ad ascoltare, per un periodo di 12 settimane, canzoni composte usando specifici ritmi tipici delle ninna-nanne, con testi riguardanti argomenti rilevanti della gravidanza e frasi finalizzate ad indurre uno stato di calma, con ripetizioni di termini in baby-talk ed inviti a connettersi e visualizzare il feto. Al termine delle 12 settimane i livelli di ansia e depressione in questo gruppo di donne sono diminuiti in maniera statisticamente significativa.

Shobeiri et al. (2016) hanno dimostrato l’effetto positivo degli interventi basati sulla musica nei problemi del sonno associati alla gravidanza. Tra la trentesima e la trentaquattresima settimana di gravidanza, le donne hanno partecipato a due sessioni di 60 minuti in cui veniva spiegato loro l’uso della musico-terapia e veniva fornito il cd da usare quotidianamente durante le quattro settimane successive. Le donne coinvolte nel progetto hanno mostrato un miglioramento della qualità del sonno.

Altri studi (Chang et al., 2008; Chang et al., 2015) hanno dimostrato come la musica riuscisse a diminuire il livello di stress e di ansia percepita nei confronti della gravidanza.

La musica ha un effetto positivo anche sui sintomi somatici delle mamme in attesa. Cao et al. (2016), hanno utilizzato la musica come supplemento rispetto al trattamento classico della ipertensione gestazionale.

Messaggio pubblicitario Anche il suonare e cantare comportano un miglioramento nella qualità della vita della donna e contribuiscono a creare un legame positivo madre-bambino (Carolan et al., 2012). Sebbene il gruppo sperimentale fosse molto esiguo (sei partecipanti), i risultati mostrano come il cantare ninna-nanne migliori l’abilità di rilassarsi e aiuti le donne a sentirsi più legate al bimbo che portano in grembo. Considerato il ruolo fondamentale giocato dal legame mamma-figlio nella costruzione di varie competenze, compresi gli aspetti sociali (Suess et al., 1992), Persico et al., (2017) hanno disegnato una ricerca durante la quale un musicista ha insegnato alle future mamme diverse ninna-nanne, tra le quali ogni mamma ha scelto quella che avrebbe continuato a cantare in maniera regolare durante la gravidanza e dopo la nascita del bambino. Queste mamme hanno mostrato livelli significativamente inferiori di stress e, per di più, i propri figli si sono svegliati più di quattro volte per notte con minore frequenza rispetto ai bambini del gruppo di controllo. A distanza di tre mesi dal parto, nel gruppo sperimentale il legame madre-figlio era significativamente migliore rispetto al gruppo di controllo, a dimostrazione del fatto che cantare durante la gravidanza ha effetti positivi sulle mamme, sui figli e sul loro legame.

La nascita del bambino e il dolore delle contrazioni e del travaglio sono une delle esperienze più dolorose nella vita della donna (Melzack 1984). Per affrontare il travaglio e rendere l’esperienza della nascita il più positiva possibile, oltre agli interventi farmacologici, si possono utilizzare vari metodi che non prevedono l’utilizzo dei medicinali sia prima che durante il parto. Ad esempio, si è visto che le donne che praticano yoga, durante il parto provano meno dolore e mostrano maggiore soddisfazione per la nascita rispetto alle donne che non utilizzano questo metodo (Smith et al., 2011). La musica sembra avere effetti sia rilassanti che di riduzione del dolore (Phumdoung & Good, 2003).

Se la donna ha già appreso come rilassarsi con l’aiuto della musica prima del parto, ascoltare la musica durante il travaglio può essere una utile strategia di gestione del dolore, aiutando la donna a distrarsi e a rilassarsi più facilmente (Browning, 2002).

Anche interventi basati sulla musica offerti unicamente durante il parto sembrano avere effetti positivi. Phumdoung and Good (2002) hanno infatti dimostrato che ascoltare musica per tre ore durante la fase attiva del travaglio ha un effetto positivo nel ridurre lo stress e la sensazione di dolore. Questi stessi risultati, però, non sono stati confermati da Liu et al., (2010), i quali hanno dimostrato come gli effetti positivi della musica nella riduzione del dolore e dell’ansia si sono verificati unicamente nella fase di latenza del parto, mentre non ci sono state differenze tra il gruppo di controllo e quello sperimentale nella fase attiva.

Qualche anno dopo, Simavli et al. (2014) hanno dimostrato che ascoltare musica di propria scelta durante il parto aiuta a percepire livelli minori di dolore e di ansia, oltre che a sperimentare una migliore soddisfazione per il parto.

Anche il parto cesareo può comportare alti livelli di ansia e stress nelle donne (Statistisches Bundesamt Mehr Krankenhausentbindungen 2015; Blüml et al., 2012).

Ascoltare la musica mentre si è in attesa del taglio cesareo comporta una diminuzione delle emozioni negative nelle mamme oltre che un riduzione significativa della pressione sistolica, indice di minore stress ed ansia (Kushnir et al., 2012; Li & Dong, 2012).

Non tutte le ricerche, però, concordano su questi risultati (Reza et al., 2007; Chang & Chen, 2005), affermando che gli effetti positivi della musica non sono stati riscontrati anche su parametri fisiologici, ma soltanto, se così si può dire, su quelli soggettivi di ansia e stress riferita (Chang & Chen, 2005).

I ricercatori, quindi, sembrano confermare che la musica possa aiutare le donne a rilassarsi e a percepire livelli inferiori di dolore durante il parto, oltre che a favorire un legame positivo madre-figlio. E allora donne, cuffie alle orecchie, musica preferita a tutto volume e… in bocca al lupo! Come dicevano le nonne, canta che (forse) ti passa!

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

Covid-19 e gravidanza uno studio sulle emozioni delle future mamme

Le emozioni in gravidanza durante la diffusione del Covid-19

L’indagine SEG-Covid19 mira a conoscere emozioni, pensieri e comportamenti che accompagnano la gravidanza nel periodo attuale di diffusione del covid-19

Bibliografia

  • Alehagen, S., Wijma, B., Lundberg, U. (2005). Fear, pain and stress hormones during childbirth. J Psychosom Obstet Gynaecol; 26:153–165.
  • Blüml, V., Stammler-Safar, M., Reitinger, A. K. (2012). A qualitative approach to examine womenʼs experience of planned cesarean. J Obstet Gynecol Neonatal Nurs; 41:E82–E90.
  • Browning, C. A. (2002). Using music during childbirth. Birth; 27:272–276.
  • Cao, S., Sun, J., Wang, Y. (2016) Music therapy improves pregnancy-induced hypertension treatment efficacy. Int J Clin Exp Med; 9:8833–8838.
  • Carolan, M., Barry, M., Gamble, M. (2012) The Limerick Lullaby project: an intervention to relieve prenatal stress. Midwifery; 28:173–180.
  • Carolan, M., Barry, M., Gamble, M., Turner, K., Mascareñas, O. (2012). The limerick lullaby project: an intervention to relieve prenatal stress. Midwifery; 28:173–80.
  • Carr, E. C., Thomas, V. N., Wilson-Barnet, J. (2005). Patient experiences of anxiety, depression and acute pain after surgery: a longitudinal perspective. Int J Nurs Stud; 42:521–530.
  • Chang, H. C., Yu, C. H., Chen, S. Y. (2015). The effects of music listening on psychosocial stress and maternal-fetal attachment during pregnancy. Complement Ther Med; 23:509–515.
  • Chang, M. Y., Chen, C. H., Huang, K. F. (2008).  Effects of music therapy on psychological health of women during pregnancy. J Clin Nurs; 17:2580–2587.
  • Chang, S. C., Chen, C. H. (2005). Effects of music therapy on womenʼs physiologic measures, anxiety, and satisfaction during cesarean delivery. Res Nurs Health 28:453–461.
  • Cookson, H., Granell, H., Joinson, C., Ben-Shlomo, Y., Henderson, A.J. (2009) Mothers’ anxiety during pregnancy is associated with asthma in their children. J Allergy Clin Immunol; 123(4):847–53.
  • Glover, V. (2014). Maternal depression, anxiety and stress during pregnancy and child outcome; what needs to be done. Best Pract Res Clin Obst Gynaecol; 28(1):25–35.
  • Goodman, P., Mackey, M. C., Tavakoli, A. S. (2004). Factors related to childbirth satisfaction. J Adv Nurs; 46:212–219.
  • Hole, J., Hirsch, M., Ball, E. (2015). Music as an aid for postoperative recovery in adults: a systematic review and meta-analysis. Lancet; 386:1659–1671.
  • Ikonomidou, E., Rehnström, A., Naesh, O. (2004). Effect of music on vital signs and postoperative pain AORN J; 80269–274.277–278
  • Juslin, P. N., Sloboda, J. A. (2001).  Music and emotion: Theory and research. Oxford: Oxford University Press.
  • Klainin-Yobas, P., Oo, W. N., Suzanne Yew, P. Y., Lau, Y. (2015). Effects of relaxation interventions on depression and anxiety among older adults: a systematic review. Aging Ment Health; 19(12):1043–5.
  • Kushnir, J., Friedman, A., Ehrenfeld, M. (2012) Coping with preoperative anxiety in cesarean section: physiological, cognitive, and emotional effects of listening to favorite music. Birth; 39:121–127.
  • Lee, A. M., Lam Sze, M. L., Chong, C. S., Chui, H. W., Fong, D. Y. (2007) Prevalence, course, and risk factors for Antenatal anxiety and depression. Obstet Gynecol; 110(5):1102–12.
  • Li, Y., Dong, Y. (2012). Preoperative music intervention for patients undergoing cesarean delivery. Int J Gynaecol Obstet; 119:81–83.
  • Liu, Y. H., Chang, M. Y., Chen, C. H. (2010) Effects of music therapy on labour pain and anxiety in Taiwanese first-time mothers. J Clin Nurs; 19:1065–1072.
  • Lowe, N. K. (1989) Explaining the pain of active labor: the importance of maternal confidence. Res Nurs Health; 12:237–245.
  • Melzack, R. (1984). The myth of painless childbirth (the John J. Bonica lecture) Pain; 19:321–337.
  • Nilsson, U. (2008). The anxiety-and pain-reducing effects of music interventions: a systematic review. AORN J.; 87:780–807.
  • Nwebube, C., Glover, V., Stewart, L., (2017). Prenatal listening to songs composed for pregnancy and symptoms of anxiety and depression: a pilot study. BMC Complementary and Alternative medicine. 17:256
  • O’Connor, T. G., Heron, J., Golding, J., Beveridge, M., Glover, V. (2002). Maternal Antenatal anxiety and Children’s Behavioural/emotional problems at 4 years: report from the Avon longitudinal study of parents and children. Br J Psychiatry; 180:502–8
  • O’Connor, T. G., Winter, M. A., Hunn, J., Carnahan, J., Pressman, E. K., Glover, V., Robertson-Blackmore, E., Moynihan, J. A., Eun-Hyung Lee, F., Caserta, M.T. (2013). Prenatal maternal anxiety predicts reduced adaptive immunity in infants. Brain Behav Immun; 32:21–8.
  • O’Donnell, K. J., Glover, V., Barker, E. D., O’Connor, T. G. (2014). The persisting effect of maternal mood in pregnancy on childhood psychopathology. Dev Psychopathol; 26(2):393–403.
  • Persico, G., Antolini, L., Vergani, P. (2017). Maternal singing of lullabies during pregnancy and after birth: Effects on mother-infant bonding and on newbornsʼ behaviour. Concurrent Cohort Study. Women Birth. doi: 10.1016/j.wombi.2017.01.007.
  • Phumdoung, S., Good, M. (2003) Music reduces sensation and distress of labor pain. Pain Management Nursing; 4:54–61
  • Renn, C. L., Dorsey, S. G. (2005) The physiology and processing of pain: a review. AACN Adv Crit Care; 16:277–290.
  • Reza, N., Ali, S. M., Saeed, K. (2007). The impact of music on postoperative pain and anxiety following cesarean section. Middle East J Anesthesiol 19:573–586.
  • Shobeiri, F., Khaledi, S., Masoumi, S. Z. (2016). The effect of music therapy counseling on sleep quality in pregnant women. Int J Med Res Health Sci; 5:408–416.
  • Simavli, S., Kaygusuz, I., Gumus, I (2014). Effect of music therapy during vaginal delivery on postpartum pain relief and mental health. J Affect Disord; 156:194–199.
  • Smith, C. A., Levett, K. M., Collins, C. T. (2011). Relaxation techniques for pain management in labour. Cochrane Database Syst Rev; (12):CD009514.
  • Statistisches Bundesamt Mehr Krankenhausentbindungen 2015 bei geringerer Kaiserschnittrate. Statistisches Bundesamt 2016. Available here.
  • Suess, G. J., Grossmann, K. E., Sroufe, L. A. (1992) Effects of infant attachment to mother and father on quality of adaptation in preschool: from dyadic to individual organisation of self. Int J Behav Dev; 15:43–65.
  • Talge, N. M., Neal, C., Glover, V. (2007). Antenatal maternal stress and long-term effects on child neurodevelopment: how and why? J Child Psychol Psychiatry; 48(3-4):245–61.
  • Thoma, M. V., Zemp, M., Kreienbühl, L., Hofer, D., Schmidlin, P. R., Attin, T., Ehlert, U., Nater, U. M. (2015). Effects of music listening on pre-treatment anxiety and stress levels in a dental hygiene recall population. Int J Behav Med; 22(4):498–505.
  • Ventura, T., Gomes, M. C., Carreira, T. (2012). Cortisol and anxiety response to a relaxing intervention on pregnant women awaiting amniocentesis. Psychoneuroendocrinology; 37:148–56.
  • Wulff, V., Hepp, P., Fehm, T.m Schaal, N. K . (2017). Music in Obstetrics: An Intervention Option to Reduce Tension, Pain and Stress. Geburtshilfe und Frauenheilkunde 09-77.
State of Mind © 2011-2020 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario