Messaggio pubblicitario

La terapia basata sull’espozione in soggetti che soffrono di PTSD. Arrivano in aiuto le Neuroscienze

Un recente studio di neuroscienze dimostra l'efficacia della terapia basata sull'esposizione nel controllare la risposta alla paura nella cura del PTSD.

ID Articolo: 163844 - Pubblicato il: 05 aprile 2019
La terapia basata sull’espozione in soggetti che soffrono di PTSD. Arrivano in aiuto le Neuroscienze
Messaggio pubblicitario SFU Presentazioni Settembre 2019
Condividi

Alcuni ricercatori della Dell Medical School presso l’University of Texas at Austin  hanno sviluppato un nuovo trattamento per il Disturbo da Stress Post Traumatico (PTSD), il cui focus è quello di cambiare il modo con cui il cervello risponde alle situazioni spaventose.

 

Messaggio pubblicitario San Giorgio fino al 15 Luglio Lo studio condotto dai ricerctori della Dell Medical School, e pubblicato sulla rivista Journal of Neuroscience, propone una nuova modalità di trattamento in grado di migliorare la terapia basata sull’esposizione, che, ad oggi, è considerata la terapia gold standard per la cura del PTSD e per la riduzione dell’ansia.

La terapia basata sull’esposizione, di norma, presuppone una graduale esposizione agli stimoli temuti. Nello specifico, questo nuovo trattamento aiuterebbe le persone ad affrontare gradualmente l’attivazione emotiva disregolata, legata a specifici ricordi ed emozioni. L’attività cerebrale dei partecipanti è stata misurata con la risonanza magnetica funzionale (fMRI), mentre le reazioni emotive sono state misurate in base alla conduttanza cutanea.

Lo studio e la metodologia di ricerca

Il campione comprendeva 46 soggetti adulti. Il team di ricercatori ha suddiviso i partecipanti in due gruppi, in maniera casuale: il primo gruppo riceveva una scossa elettrica sul polso e il suo spegnimento, mentre il secondo gruppo alternava la scossa elettrica sul polso e un suono neutrale.

Il primo giorno, ad entrambi i gruppi è stata somministrata un’immagine di un viso, che veniva associata ad una scossa elettrica sul polso. Dopo poco, al primo gruppo veniva somministrata nuovamente l’immagine ma senza la scossa elettrica, mentre al secondo gruppo veniva somministrata nuovamente l’immagine, associandola, questa volta, ad un suono neutrale a sorpresa. Entrambi i gruppi sono tornati il giorno dopo per misurare l’attività cerebrale e le reazioni emotive alle immagini condizionate dalla paura. I ricercatori hanno confrontato le diverse reazioni emotive dei partecipanti, sostituendo la spiacevole scossa elettrica sul polso con un suono neutrale a sorpresa.

Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA Tramite le scansioni fMRI, i ricercatori hanno misurato l’attività cerebrale dei partecipanti in risposta alle immagini, condizionate dalla paura di poter ricevere la scossa. Inoltre, le risposte emotive dei soggetti, riguardanti la paura di poter ricevere la scossa elettrica, sono state misurate in base alla conduttanza cutanea. Rispetto alla semplice disattivazione degli shock elettrici, la sostituzione degli shock temuti con un suono neutrale è stata associata ad un’attività più intensa nella corteccia prefrontale ventromediale, area deputata nella regolazione delle emozioni. Inoltre, sostituire la scossa temuta con un suono neutrale ha ridotto le reazioni emotive dei partecipanti ai ricordi, che prima erano stati associati allo shock elettrico.

Conclusioni e prospettive future

Ciò che appare innovativo, nei risultati di questo studio, è il fatto che il cervello impari a controllare meglio la sua risposta alla paura, grazie a questo semplice intervento, senza ricorrere all’uso di farmaci, poiché associando al ricordo spiacevole un suono neutrale a sorpresa il cervello si abitua e impara a non considerare più lo stimolo come pauroso o terrifico.

In conclusione, sostituire gli eventi temuti attesi con eventi neutrali inattesi, come ad esempio un suono neutrale semplice, consente al cervello di imparare a regolare la paura in maniera più efficace.

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

Trattamento di Esposizione Prolungata per il PTSD, con Edna Foa - Report dal workshop di Copenaghen

Trattamento di Esposizione Prolungata per il PTSD, con Edna Foa - Report dal workshop di Copenaghen

Tra le terapie Evidence Based per il PTSD, il trattamento di Esposizione Prolungata si colloca tra le procedure maggiormente presenti in studi di efficacia.

Bibliografia

State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Università e centri di ricerca

Riviste scientifiche

Categorie