Messaggio pubblicitario ISC Congresso 2019

Una musica anche per me​ – La campagna di crowdfunding dell’Associazione Passo Passo per portare la musicoterapia alle famiglie del territorio

Una musica anche per me​: campagna di ​crowdfunding per rendere accessibili alle famiglie del territorio dei percorsi di ​musicoterapia​

ID Articolo: 164230 - Pubblicato il: 15 aprile 2019
Una musica anche per me​ – La campagna di crowdfunding dell’Associazione Passo Passo per portare la musicoterapia alle famiglie del territorio
Messaggio pubblicitario SFU Presentazioni Settembre 2019
Condividi

Suoni, melodie, ritmi e note musicali per migliorare la qualità della vita dei bambini bolognesi con disabilità, affetti da autismo o con difficoltà relazionali, questa l’essenza di ​Una musica anche per me..

 

Messaggio pubblicitario San Giorgio fino al 15 Luglio Utilizzare suoni, melodie, ritmi e note musicali per migliorare la qualità della vita dei bambini bolognesi con disabilità, affetti da autismo o con difficoltà relazionali, questa l’essenza di ​Una musica anche per me​, la campagna di ​crowdfunding lanciata da Passo Passo​, associazione di Marzabotto attiva in tutta l’area metropolitana di Bologna. In che modo? Rendendo accessibili alle famiglie del territorio in difficoltà economiche dei percorsi di ​musicoterapia​.

La musicoterapia è una tecnica che, grazie al coinvolgimento di un musicoterapeauta qualificato, utilizza la musica e i suoi elementi per migliorare le ​capacità comunicative​, ​relazionali​, ​espressive​, di ​concentrarsi e di ​riconoscere le emozioni delle persone con diverse forme di disabilità o ​affette da autismo​. I miglioramenti che si possono ottenere con la musicoterapia sono notevoli, proprio come è successo ad ​Andrea​, che ha fruito della musicoterapia grazie al sostegno di Passo Passo.

La storia di Andrea è alla base del nostro desiderio di rendere la musicoterapia accessibile a più ragazzi possibili – ha dichiarato ​Danilo Rasia, presidente dell’Associazione Passo Passo​.

Andrea ha 15 anni, nato prematuro alla ventiquattresima settimana è cieco, sordo e muto. Compiuti i tre anni ad Andrea è stato impiantato un sensore cocleare che gli ha permesso di recuperare in parte l’udito, ma con l’inizio della scuola ha cominciato a mostrare un ​comportamento aggressivo e delle ​difficoltà a rapportarsi con i compagni​. In accordo con la neuropsichiatria infantile Andrea ha iniziato un percorso di musicoterapia, per migliorare la sua capacità di relazionarsi e di esprimere le emozioni.

Una musica anche per me musicoterapia e disabilita - Crowdfunding IMM1

Imm. 1 e Imm. 2 – Andrea durante le sedute di musicoterapia

Inizialmente non è stato facile – ha proseguito Rasia – durante le sedute Andrea si dondolava e non voleva ascoltare quel che gli accadeva intorno. ​All’undicesimo mese di terapia però c’è stata la svolta

Andrea infatti non ha più voluto togliersi i sensori cocleari per non ascoltare, ha cominciato a ​muoversi in sincrono con la musica, a emettere suoni che assomigliano a un accenno melodico vocale e, soprattutto, a condividere a livello affettivo la musica​ con la musicoterapeuta ​suonando anche lui il pianoforte​.

Nel tempo Andrea ha fatto ulteriori progressi, acquisendo consapevolezza delle proprie capacità e interessandosi a sé e agli altri; per questo motivo vogliamo ​rendere disponibile la musicoterapia a tanti altri ragazzi e chiediamo alla comunità di aiutarci a farlo​ – ha continuato Danilo Rasia.

Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA L’obiettivo della campagna ​Una musica anche per me ​è di raccogliere ​9.000 euro​, che saranno utilizzati da Passo Passo per aiutare le ​famiglie di 15 bambini del territorio bolognese a coprire parte delle spese da sostenere per fruire ciascuna di ​un ciclo di 30 sedute di musicoterapia nel corso di un anno.

Per sostenere la campagna di crowdfunding è sufficiente selezionare il progetto ​Una musica anche per me sulla piattaforma ​Ideaginger.it e donare tramite PayPal, carta di credito e bonifico bancario. Passo Passo ha previsto diverse ricompense per i sostenitori, tra cui anche la possibilità di recapitare un proprio personale messaggio a una delle famiglie che beneficeranno del progetto.

Aiutateci, insieme possiamo rendere la musicoterapia accessibile anche alle ​famiglie in difficoltà economiche della nostra comunità​. Chiunque con una donazione può aggiungere la propria nota a uno spartito armonioso da suonare tutti insieme, quello della solidarietà – ha concluso Danilo Rasia.

 

Informazioni e contatti

Luca Borneo:

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 1, media: 5,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

Musicoterapia: gli effetti benefici nei bambini e adolescenti

Gli effetti positivi della musicoterapia nei bambini e adolescenti

Uno studio ha dimostrato come la musicoterapia abbia degli effetti positivi nella riduzione dei sintomi depressivi di bambini e adolescenti.
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da