expand_lessAPRI WIDGET

La ruminazione rabbiosa è perseverante solo se la ritengo incontrollabile: il ruolo della metacredenza in uno studio prospettico – Congresso SITCC 2018

La ruminazione rabbiosa tende a perseverare a causa di specifiche metacredenze. Secondo un recente studio la metacredenza relativa all’incontrollabilità dei pensieri è l’unico predittore stabile di ruminazione rabbiosa, al contrario del numero di episodi di rabbia e ruminazione stessa.

Di Alessia Offredi, Gabriele Caselli, Giovanni Maria Ruggiero, Sandra Sassaroli, Guest

Pubblicato il 02 Ott. 2018

La ruminazione rabbiosa è perseverante solo se la ritengo incontrollabile: il ruolo della metacredenza in uno studio prospettico

Alessia Offredi, Davide Varalli, Gabriele Caselli, Giovanni Maria Ruggiero, Sandra Sassaroli

 

La ruminazione rabbiosa è uno stile di pensiero perseverante relativo alle cause e alle conseguenze di un episodio che ha suscitato rabbia nel soggetto. Essa può essere mantenuta da specifiche credenze metacognitive, ovvero convinzioni dell’individuo sui propri pensieri e sulle proprie capacità di gestirli. Il presente studio ha l’obiettivo di identificare se la ruminazione rabbiosa tende a perseverare per caratteristiche processuali interne, o sia perseverante a causa di specifiche metacredenze. Un campione non clinico di settantasei soggetti ha partecipato alla ricerca compilando un monitoraggio giornaliero per due settimane, che misurava episodi di rabbia, ruminazione e credenze metacognitive. I risultati mostrano che, nei quattro giorni successivi all’episodio di rabbia, la metacredenza relativa all’incontrollabilità dei pensieri è l’unico predittore stabile di ruminazione rabbiosa, al contrario del numero di episodi di rabbia e ruminazione stessa, che hanno un effetto limitato nel breve termine. I dati supportano la necessità di focalizzare l’intervento terapeutico sulla convinzione di incontrollabilità, attraverso una concettualizzazione e un trattamento svolti in ottica metacognitiva.

 

Si parla di:
Categorie
SCRITTO DA
Gabriele Caselli
Gabriele Caselli

Direttore scientifico Gruppo Studi Cognitivi, Professore di Psicologia Clinica presso la Sigmund Freud University di Milano e Vienna

Tutti gli articoli
Giovanni Maria Ruggiero
Giovanni Maria Ruggiero

Direttore responsabile di State of Mind, Professore di Psicologia Culturale e Psicoterapia presso la Sigmund Freud University di Milano e Vienna, Direttore Ricerca Gruppo Studi Cognitivi

Tutti gli articoli
Sandra Sassaroli
Sandra Sassaroli

Presidente Gruppo Studi Cognitivi, Direttore del Dipartimento di Psicologia e Professore Onorario presso la Sigmund Freud University di Milano e Vienna

Tutti gli articoli
CONSIGLIATO DALLA REDAZIONE
La ruminazione rabbiosa e il comportamento aggressivo nel disturbo borderline di personalità - Immagine: 48372063
La ruminazione rabbiosa e il comportamento aggressivo nel disturbo borderline di personalità 

La ruminazione rabbiosa sarebbe centrale nella spiegazione della tendenza a compiere azione aggressive in pazienti con disturbo borderline di personalità.

ARTICOLI CORRELATI
L’intelligenza artificiale in terapia – Psicologia digitale

L'uso dell'intelligenza artificiale in terapia comporta nuove opportunità professionali ma anche rischi e sfide; scopriamo quali sono

Lo psicologo di base in Puglia – Report del convegno

Un report dal convegno sul tema dello psicologo di base nella regione Puglia, dal titolo “Psicologia di base: linee programmatiche e prospettive di sviluppo”

cancel