Emozioni (2018) di Antonio Scarinci e Giovanni Brunori – Recensione del manuale di auto aiuto

Emozioni è un manuale di auto aiuto scritto da Scarinci e Brunori: una lettura alla portata di chiunque voglia avvicinarsi al mondo delle emozioni.

ID Articolo: 158252 - Pubblicato il: 12 ottobre 2018
Emozioni (2018) di Antonio Scarinci e Giovanni Brunori – Recensione del manuale di auto aiuto
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

La cultura della psicoeducazione emotiva sta assumendo importanza sempre maggiore in Italia sia in ambito clinico che in ambito educativo, anche grazie alla spinta della psicologia evoluzionistica e di tecniche terapeutiche come la Terapia dialettico comportamentale (DBT) di Marsha Linehan.

 

Come ci ricordano Scarinci e Brunori, i pazienti con disturbi emotivi comuni rappresentano circa il 20% dei pazienti che si rivolgono ai Medici di Medicina Generale e solo il 50% di essi riceve trattamenti appropriati.

Emozioni: cosa sono e a cosa servono

Messaggio pubblicitario Le emozioni si legano in modo complesso ai nostri pensieri, alle nostre valutazioni, e spesso non riusciamo bene a identificarle, riconoscerle e regolarle. Si possono sviluppare così persino disturbi emotivi di una certa gravità, un’intensa ansia che ci rende persistentemente preoccupati, una rabbia incontrollabile che si somatizza in qualche disturbo gastrointestinale, una profonda tristezza che rende il nostro umore deflesso e ci fa perdere i piaceri della vita, una paura che ci blocca e ci impedisce di vivere liberamente. Questo manuale si rivolge in particolare agli utenti come strumento di auto-aiuto, ma può essere una lettura di estremo interesse anche per gli operatori, soprattutto quelli più lontani dal mondo della psicoterapia cognitivo comportamentale.

Gli autori partono spiegando cosa siano e a cosa servano le emozioni, con alcuni riferimenti ai correlati neuroanatomici delle stesse.

Le emozioni primarie (tristezza, paura, gioia, rabbia, disgusto) e secondarie (sorpresa, vergogna, disprezzo, pena, invidia, gelosia, noia, nostalgia, tenerezza) vengono illustrate nei propri significati partendo dalla tristezza che ci informa che abbiamo perso qualcosa, fino alla gioia che ci segnala che un nostro scopo è stato raggiunto.

Emozioni: quando sono parte di disturbi emotivi

Messaggio pubblicitario C’è una parte dedicata ai disturbi emotivi, con riferimenti a ansia e depressione e successivamente viene affrontato il tema della regolazione emotiva, partendo dal presupposto che in termini evolutivi non esistono emozioni positive o negative, ma quello che rende disfunzionale l’attivazione può essere l’intensità, la durata, il manifestarsi dell’emozione in modo incongruo. Vengono proposte diverse tecniche immaginative e strategie regolatorie (strategie di distacco), con esercizi e schede di autosservazione,

La semplicità e la capacità di sintesi sono uno dei punti forti di questo libro; come ci ricorda anche Roberto Lorenzini nella presentazione

Scarinci e Brunori riescono a conservare nella pagina scritta quella stessa semplicità e vividezza che me li ha sempre fatti invidiare quando queste cose le spiegavano a centinaia di pazienti, ai loro famigliari e agli allievi.

 

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 1, media: 5,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

Emozioni (2018) di Antonio Scarinci e Giovanni Brunori - Recensione FEAT

Emozioni: manuale di auto aiuto per conoscere e regolare gli stati emotivi (2018) di Scarinci A. e Brunori G. - Recensione del libro

Le ultime ricerche, anche in ambito neurofisiologico, hanno ampiamente dimostrato l'impatto delle emozioni sulla vita di ognuno di noi. Scarinci e Brunori, con questo manuale, offrono uno strumento semplice a

Bibliografia

  • Scarinci  A., Brunori G. (2018) Emozioni. Manuale di auto aiuto per conoscere e regolare gli stati emotivi. EPC Editore.
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario