inTherapy

Affrontare e Gestire lo Stress lavoro-correlato

A Genova, il centro di Psicoterapia e Scienze Cognitive offre consulenze per le aziende e i singoli per prevenire e affrontare lo stress lavoro-correlato.

ID Articolo: 149102 - Pubblicato il: 24 ottobre 2017
Affrontare e Gestire lo Stress lavoro-correlato
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

Una forza lavoro sana è essenziale per un’azienda di successo” (Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro, 2013).

“…Considerare il problema dello stress sul lavoro può voler dire una maggiore efficienza e un deciso miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza sul lavoro, con conseguenti benefici economici e sociali per le aziende, i lavoratori e la società nel suo insieme…” (Accordo Europeo sullo stress sul lavoro, Bruxelles, 8 ottobre 2004).

Cos’è lo stress lavoro-correlato?

Messaggio pubblicitario Lo stress lavoro-correlato può essere definito come un danno fisico e una riposta emotiva che interviene quando le caratteristiche del lavoro non corrispondono alle capacità, risorse o bisogni dei lavoratori. Può condurre ad un indebolimento della salute e addirittura ad infortuni (Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro, 2000).
Lo stress non è una malattia, ma uno stato di prolungata tensione che può ridurre l’efficienza sul lavoro e può determinare problemi di salute psicologica e fisica (come ad esempio, ansia, depressione, esaurimento nervoso e cardiopatie) (Backé et al., 2012; Chen et al., 2009).
Lavorare sotto una certa pressione per un breve periodo può migliorare le prestazioni e dare soddisfazione quando si raggiungono obiettivi impegnativi. Al contrario, quando le richieste e la pressione diventano eccessive e prolungate possono causare stress e gravi problemi di salute mentale e fisica.

Perché è così importante gestire lo stress lavoro-correlato?

Affrontare lo stress lavoro-correlato e i rischi psicosociali può essere considerato costoso, ma ignorarli costa molto di più, come evidenziato da numerose ricerche (Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro, 2014):
Ricerche recenti nei paesi della Comunità Europea evidenziano come lo stress legato alla attività lavorativa sia il problema di salute più largamente diffuso tra i lavoratori europei dopo i disturbi muscoloscheletrici.

La condizione di stress interessa circa il 22% dei lavoratori in Europa.
È stato stimato che una percentuale compresa tra il 50% e il 60% delle giornate lavorative perse in un anno è correlata allo stress lavoro-correlato.
Lo stress comporta costi significativi sia per le organizzazioni sia per le economie nazionali. Da una relazione dell’Eu-Osha (2014) emerge che il costo economico dello stress legato alla attività lavorativa in Europa è pari a 20 miliardi di euro all’anno (costi legati alla perdita di produttività, assenteismo per malattia, assistenza sanitaria ecc.).

E’ altamente probabile che il fenomeno aumenti in futuro, a causa di alcuni cambiamenti in corso nel mondo del lavoro (es. contratti di lavoro precari, insicurezza lavorativa, forza lavoro sempre più vecchia, squilibrio fra lavoro e vita privata): l’Organizzazione mondiale della Sanità prevede che entro il 2020 la depressione – spesso associata a uno stile di vita stressante – sarà la principale causa di assenza sul lavoro.

Effetti dello stress lavoro-correlato sui lavoratori

Disturbi dell’umore (es., ansia, attacchi di panico, depressione, apatia)
Disturbi del sonno (es., insonnia, incubi notturni, spossatezza al risveglio)
Disturbi cognitivi (es., disturbi della memoria, difficoltà di concentrazione)
Disturbi gastrointestinali (il nervosismo può stimolare lo stomaco e causare contrazioni spasmodiche dell’intestino, colite)
Disturbi dell’apparato cardiocircolatorio (es., ipertensione arteriosa, cardiopatia ischemica)
Disturbi dell’apparato genitale (es., alterazioni del ritmo mestruale, amenorrea)
Disturbi della sfera sessuale (es., calo del desiderio, impotenza)
Disturbi dermatologici (es., dermatiti, psoriasi, arrossamenti).

Effetti dello stress lavoro-correlato sull’azienda

Maggiore assenteismo
Maggiore turnover
Aumento degli infortuni
Maggiore conflittualità
Peggioramento del clima interno
Diminuzione della produttività e della qualità
Peggioramento dell’immagine aziendale.

Quali sono i benefici della valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato?

Tutti questi elementi rappresentano per l’azienda evidenti costi che potrebbero essere sensibilmente ridotti applicando un percorso di valutazione e gestione dello stress lavoro-correlato che non sia semplicemente una procedura dovuta al mero rispetto della normativa, ma anche una presa di coscienza dell’azienda e dei lavoratori sulla tematica stress lavoro-correlato e sull’importanza della promozione di un ambiente di lavoro sano. I vantaggi sono:
Per i LAVORATORI: maggiore benessere e soddisfazione sul lavoro.
Per i DIRIGENTI: una forza lavoro più sana, più motivata e più produttiva.
Per le AZIENDE: miglioramento delle prestazioni, riduzione dei tassi di incidenti ed infortuni, minore assenteismo e turnover.
Per la SOCIETA’: riduzione dei costi e degli oneri per i servizi.

La valutazione del rischio stress lavoro-correlato è un obbligo normativo

La legge attualmente in vigore che disciplina la valutazione del rischio stress lavoro correlato è il D.Lgs. 81/08, art. 28 e successive modifiche e integrazioni.

Il D.Lgs 81/2008, in materia di salute e sicurezza negli ambienti di lavoro e le successive disposizioni integrative e correttive, obbligano il datore di lavoro ad effettuare la valutazione dello stress lavoro-correlato secondo quanto previsto dall’Accordo Quadro Europeo, siglato a Bruxelles l’8 ottobre 2004.

Tale articolo stabilisce che: “La valutazione … deve riguardare tutti i rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori, ivi compresi quelli riguardanti gruppi di lavoratori esposti a rischi particolari, tra cui anche quelli collegati allo stress lavoro-correlato, secondo i contenuti dell’accordo europeo dell’8 ottobre 2004” (art. 28, comma 1).

Il centro di Psicoterapia e Scienza Cognitiva di Genova cosa offre

Alla luce della attuale normativa e della crescente attenzione al fenomeno stress lavoro-correlato, l’obiettivo del Centro di Psicoterapia e Scienze Cognitive di Genova è quello di offrire alle aziende interventi volti alla prevenzione e gestione dello stress lavoro-correlato a livello aziendale e/o individuale. Nello specifico:

  • Consulenza offerta alle aziende
    Valutazione rischio stress lavoro-correlato (adempimento D.lgs 81/2008)
    Testing psicologico
    Erogazione di corsi di Formazione sullo stress lavoro-correlato e sui rischi psicosociali
    Counseling aziendale/Sportello di ascolto
    Corsi di Mindfulness
    Tecniche di rilassamento
  • Consulenza offerta al singolo
    Tecniche individuali di gestione dello stress/ stress management
    Supporto psicologico ai problemi sul lavoro
    Miglioramento dell’empowerment individuale
    Programma MBSR (Mindfulness Based Stress Reduction)
    Psicoterapia individuale ad orientamento cognitivo-comportamentale

Messaggio pubblicitario Gli interventi psicologici volti alla prevenzione e gestione dello stress lavorativo proposti dal Centro di Psicoterapia e Scienza Cognitiva di Genova possono quindi essere suddivisi in: a) interventi diretti all’organizzazione e b) interventi diretti all’individuo.
I primi riguardano interventi di tipo organizzativo che agiscono su quei fattori di rischio relativi al contenuto e al contesto del lavoro oppure fanno riferimento a interventi di formazione e prevenzione.
Gli interventi a livello individuale mirano invece a promuovere efficaci strategie di coping e di resilienza individuale al fine di migliorare la capacità individuale di gestione dello stress e, di conseguenza, ridurre il suo potenziale impatto negativo sulla salute (Hulsheger,et al., 2013).

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 3, media: 3,33 su 5)

Consigliato dalla redazione

Resisto dunque sono! di Pietro Trabucchi

Resisto, dunque sono! (2007) Burnout & stress lavoro-correlato

Il libro tratta il tema del burnout e vengono elencate delle strategie che consentono di essere resilienti e di resistere allo stress - Psicologia

Bibliografia

  • Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro (2000). Research on Work-related Stress. EU-OSHA, European Communities. Luxembourg, L. Testo disponibile al sito: https://osha.europa.eu/it/publications/reports/203/view.
  • Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro (2013). Guida alla campagna: Gestione dello stress e dei rischi psicosociali sul lavoro. EU-OSHA, European Communities. Luxembourg, L. Testo disponibile al sito: file:///C:/Users/lablav/Downloads/te0213252itc_w%20(1).pdf.
  • Agenzia europea per la sicurezza e la salute sul lavoro (2014). Calculating the cost of work-related stress and psychosocial risks. EU-OSHA, European Communities. Luxembourg, L. Testo disponibile al sito: https://osha.europa.eu/en/publications/literature_reviews/calculating-the-cost-of-work-related-stress-and-psychosocial-risks
  • Backé, E. M., Seidler, A., Latza, U., Rossnagel, K., Schumann, B. (2012). The role of psychosocial stress at work for the development of cardiovascular diseases: a systematic review. International Archives of Occupational and Environmental Health, 85, 67-79.
  • Chen, W. Q., Siu, O. L., Lu, J. F., Cooper, C. L., Phillips, D. R. (2009). Work stress and depression: the direct and moderating effects of informal social support and coping. Stress and Health, 25, 431-443.
  • Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81, Attuazione dell’articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro
  • Hulsheger, U. R., Alberts, H. J., Feinholdt, A., Lang, J. W. (2013). Benefits of mindfulness at work: the role of mindfulness in emotion regulation, emotional exhaustion, and job satisfaction. The Journal of Applied Psychology, 92(2), 310-325.
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Scritto da

Università e centri di ricerca

Messaggio pubblicitario