Centri Clinici

Life Skills: l’importanza di apprendere empatia e abilità socio-emotive tra i banchi di scuola

I programmi di apprendimento di Life skills per i giovani migliorano la salute mentale e le abilità sociali, mantenendo tali benefici anche dopo molti anni

ID Articolo: 147839 - Pubblicato il: 29 agosto 2017
Life Skills: l’importanza di apprendere empatia e abilità socio-emotive tra i banchi di scuola
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

Le Life Skills assumono particolare importanza all’interno della psicologia della salute e della prevenzione, in questo contesto, all’interno delle scuole, vengono applicati programmi per i giovani studenti per accrescere autonomia e specifiche capacità individuali e sociali.

 

Messaggio pubblicitario Le Life Skills diventano un tema di discussione rilevante intorno agli anni 70 e assumono particolare importanza all’interno di una più grande area, rappresentata dalla psicologia della salute e della prevenzione. In questo contesto, all’interno delle scuole, iniziano ad essere applicati dei programmi finalizzati a incrementare nei giovani studenti un maggiore senso di autonomia e ad accrescere anche specifiche capacità individuali e sociali.

A fornire maggiore sostegno, nel 1993, è l’Organizzazione Mondiale della Sanità che pubblica un documento che invita all’insegnamento delle Life skills all’interno del contesto scolastico.

Le Life skills sono state definite dall’ OMS come l’insieme di specifiche abilità personali e sociali che permettono agli individui di far fronte alle sfide, richieste e difficoltà che si presentano nei diversi contesti della vita quotidiana. L’assenza di tali abilità personali e sociali può indurre nelle persone, soprattutto nei giovani, l’instaurarsi di comportamenti a rischio e l’incapacità di fronteggiare efficacemente situazioni di stress quotidiane.

Effetti a lungo termine dei programmi di apprendimento di Life skills

In particolare, nuove ricerche della UBC dell’Università dell’Illinois di Chicago e Loyola University dimostrano come i programmi di apprendimento di Life skills per i giovani non solo migliorano immediatamente la salute mentale, le abilità sociali e gli obiettivi di apprendimento, ma i bambini continuano a mantenere i benefici anche dopo molti anni.

Eva Oberle, assistente di professione presso l’UBC Human Early Learning Partnership nella scuola della popolazione e della sanità pubblica, ha dichiarato:

I programmi di apprendimento socio-emotivo insegnano le abilità di cui i bambini hanno bisogno per avere successo e prosperare nella vita.

L’apprendimento socio-emotivo insegna ai bambini a riconoscere e comprendere le loro emozioni, provare l’empatia, prendere decisioni, costruire e mantenere relazioni sane. Precedenti ricerche hanno dimostrato che l’applicazione di questi programmi di apprendimento di Life skills nelle scuole, non solo migliora i risultati relativi all’apprendimento didattico, ma in più riduce l’ansia e i problemi comportamentali tra gli studenti. Tra i programmi di apprendimento socio-emotivo che vengono spesso applicati troviamo ad esempio il MindUP e Roots of Empathy.

E’ stata condotta una ricerca al fine di valutare se, l’applicazione tali programmi di apprendimento delle Life skills, avesse effettivamente degli effetti positivi sugli individui a distanza di tempo, in quanto gli effetti positivi immediati sono facilmente rilevabili. Questo studio ha analizzato i risultati di 82 diversi programmi che hanno coinvolto più di 97.000 studenti, provenienti dalla scuola materna alla scuola media negli Stati Uniti, in Europa e nel Regno Unito, dove gli effetti sono stati valutati almeno sei mesi dopo la conclusione dei programmi. I ricercatori hanno scoperto che l’apprendimento socio-emotivo ha continuato ad apportare effetti positivi a lungo termine sugli studenti.

Messaggio pubblicitario In particolare, i risultati evidenziano come gli studenti che hanno partecipato a programmi di apprendimento di Life skills si sono laureati all’università con un tasso superiore dell’11% a quelli che invece non hanno partecipato allo studio. Il tasso di diplomi delle scuole superiori è stato superiore del 6% e i problemi legati all’utilizzo dei farmaci sono stati inferiori del 6% per i partecipanti al programma. Infine, i tassi di arresto sono inferiori del 19% e le diagnosi di disturbi della salute mentale sono inferiori del 13,5% per coloro che hanno preso parte ai programmi.

Oberle ei suoi colleghi hanno anche scoperto che tutti i bambini, indipendentemente da etnia, background socioeconomico o dalla scuola, hanno beneficiato dei programmi.

Oberle afferma che:

L’insegnamento relativo all’apprendimento di abilità socio-emotive nelle scuole è un modo per sostenere i singoli bambini nei loro percorsi di crescita, ed è anche un modo per promuovere migliori risultati della salute pubblica più tardi nella vita.

Oberle e i suoi colleghi sostengono che le scuole siano il luogo ideale per attuare questi interventi di apprendimento di Life skills, perché favoriscono l’inclusione di quasi tutti i bambini, anche quelli considerati a rischio. Infine, Oberle mette in evidenza come, soprattutto durante gli anni della scuola media e prima adolescenza, i giovani si allontanino dalle loro famiglie divenendo sempre più sensibili alle influenze dei gruppi e degli insegnanti. I bambini spendono circa 923 ore in classe ogni anno, e ciò che accade nelle scuole è molto influente sul loro sviluppo.

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 3, media: 2,67 su 5)

Consigliato dalla redazione

L' approccio cognitivo-comportamentale tra i banchi di scuola l' Educazione Razionale Emotiva nel contesto scolastico

L' approccio cognitivo-comportamentale tra i banchi di scuola: l' Educazione Razionale Emotiva nel contesto scolastico

L' Educazione Razionale Emotiva nel contesto scolastico si configura come una strategia preventiva per il benessere emotivo di bambini e adolescenti.

Bibliografia

State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Argomenti

Sono citati nel testo

Categorie

Messaggio pubblicitario