inTherapy

L’accoglienza ai rifugiati: cosa ci dice la ricerca empirica?

I bisogni di salute dei rifugiati differirebbero notevolmente da quelli delle persone del paese ospitante, purtroppo c'è ancora poca ricerca in merito.

ID Articolo: 122055 - Pubblicato il: 10 giugno 2016
L’accoglienza ai rifugiati: cosa ci dice la ricerca empirica?
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

Cosa sappiamo davvero dei migranti e dell’accoglienza che riusciamo a fornire? C’è poca ricerca sui bisogni dei rifugiati e richiedenti asilo, in particolare sul loro accesso alle cure mediche appropriate.

READ THE ENGLISH VERSION OF THIS ARTICLE

La ricerca arriva principalmente dal Canada, dall’Australia e dalla Nuova Zelanda. Poco si sa sulla salute dei rifugiati in arrivo e sui percorsi di assistenza sanitaria (Gabriel, Morgan-Jonker, Phung, Barrios, & Kaczorowski, 2011). Le linee guida (Pottie et al., 2011) ci informano che gli immigrati dovrebbero essere dotati di vaccinazione e screening medico di routine. C’è un grande bisogno di continuare a fornire servizi di assistenza ai rifugiati per la formazione professionale, l’accesso al mercato del lavoro e la consulenza per i traumatizzati (Maximova & Krahn, 2010). Una meta-analisi ha evidenziato che le molteplici dimensioni dell’integrazione dei rifugiati non possono essere comprese senza tener conto di una vasta gamma di fattori di stress pre e post-migrazione (Porter & Haslam, 2005; Ringold, Burke, e Glass, 2005).

Messaggio pubblicitario I bisogni di salute dei rifugiati potrebbero differire significativamente da quelli delle persone del paese ospitante a causa della precedente esposizione a malattie esotiche e la mancanza di accesso alla prevenzione sanitaria, come ad esempio, le vaccinazioni (Hobbs, Moor, Wansbrough, & Calder, 2002). Inoltre vanno valutate le cause della migrazione -forzata contro volontaria- le condizioni familiari e finanziarie e la conoscenza della lingua. Nel 2001 Burnett e Peel hanno descritto alcuni degli ostacoli che i richiedenti asilo affrontano nell’accesso ai servizi sanitari nel Regno Unito. La prima difficoltà è comprendere la procedura di registrazione con un medico di medicina generale. La lingua è la barriera più importante che ostacola i rifugiati nell’accesso ai servizi sanitari.

Purtroppo, mentre la ricerca descrive con una certa ricchezza la situazione in Canada, Australia e Nuova Zelanda, molto meno si sa su cosa accada nei paesi europei e mediterranei, che sono attualmente la zona di massima migrazione e disagio. In Canada, i rifugiati ricevono un pacchetto finanziato dal governo federale che comprende qualche copertura medica, paramedica e dentistica, più laboratori medici o infermieristici di radiografia e vari servizi finanziati a livello locale. Studi australiani e neozelandesi hanno esplorato gli ostacoli incontrati dai rifugiati nell’accesso ai servizi sanitari, e le sfide affrontate dai fornitori. Il problema principale sono gravi esigenze di salute fisica dei rifugiati a causa della malnutrizione, della povertà, degli abusi, del sovraffollamento dei campi profughi e dell’inadeguata fornitura di assistenza sanitaria.

La seconda sfida sono i problemi di salute mentale e il disagio psicologico dei rifugiati, che hanno sperimentato o testimoniato la tortura, la violenza, lo stupro e la morte. Inoltre, alcuni rifugiati possono non descrivere loro problemi nei servizi di consulenza specifica per alleviare il trauma, perché nella loro cultura il silenzio e l’oblio sono i meccanismi di gestione più comuni (Burnett & Peel, 2001).

 

 

Accogliere i rifugiati: le sfide degli operatori

Un altro filone della letteratura affronta le sfide che devono affrontare gli operatori. Gli operatori sanitari devono affrontare una serie di sfide quando lavorano con i rifugiati, tra cui la lingua, la pressione del tempo e le differenze culturali (Burnett & Peel, 2001). Gli operatori hanno bisogno di una formazione specifica per sapere prendersi cura dei rifugiati e degli immigrati. Dovrebbero conoscere la storia degli immigrati. Domande semplici, come ad esempio “Come vi aiuterebbe un farmacista nel vostro paese?” possono fare la differenza quando si inizia una valutazione di un paziente immigrato (Pottie et al., 2011).

Messaggio pubblicitario La letteratura dice che i farmacisti sono spesso i primi operatori sanitari che aiutano i nuovi arrivati ​​con i loro bisogni di assistenza sanitaria e anche in questo caso le linee guida confermano l’importanza delle farmacie per la cura degli immigrati e rifugiati (Ingar, Farrell, e Pottie, 2013). Un’altra prima linea di assistenza primaria è fornita dagli Istituti caritatevoli, società senza scopo di lucro progettate per fornire servizi sanitari di base a prezzi accessibili e adeguati (Lawrence & Kearns, 2005). L’assistenza sanitaria è un processo fondamentale per consentire ai gruppi di rifugiati una piena integrazione nei paesi ospitanti (Mortensen, 2008).

Far fronte a disturbi emotivi e mentali è una competenza primaria per gli operatori sanitari per aiutare i nuovi arrivati. I problemi di salute emotiva e mentale mettono sotto pressione i servizi di cure primarie e secondarie locali, dato che l’isolamento sociale e la solitudine dei rifugiati ha portato a problemi emotivi, sociali e mentali. Molti ostacoli possono impedire un adeguato accesso ai servizi sanitari. Vergogna o paura di ciò che la famiglia e gli amici potrebbero pensare, paura di essere giudicati da parte dei fornitori di trattamento, paura dell’ospedalizzazione e difficoltà logistiche sono ostacoli significativi per l’accesso ai servizi di assistenza sanitaria (Day, 2016; Drummond, Mizan, Brocx e Wright , 2011).

Gestire la sfida di lavorare in un programma con i rifugiati e gli immigrati richiede molte abilità. Non può essere trascurato il bisogno di corsi specializzati, progettati per preparare le persone a lavorare nel campo dell’assistenza umanitaria (Harrel-Bond, 2002; Walkup, 1997). Al momento attuale i medici di base hanno poche risorse, sia a livello individuale che a livello strutturale, per fornire cure efficaci e gestire le condizioni di salute per i rifugiati (Johnson, Ziersch, e Burgess, 2008). La competenza transculturale è necessaria per offrire una valutazione e un trattamento completi e fa la differenza in termini di soddisfazione del paziente (Koehn, 2005). Per misurare il grado di integrazione dei rifugiati e degli immigrati l’uso di misure adeguate di acculturazione è fondamentale (Deyo, Diehl , Hazuda, e Stern, 1985; Marín, Saboga, Vanoss Marín, Otero-Sabogal, e Pérez-Stabile, 1987).

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 4, media: 4,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

Lavorare con i rifugiati siriani in Giordania

Psicoterapia: lavorare con i rifugiati siriani in Giordania

Nella clinica di Salt si applica l' EMDR ad alcune pazienti siriane, il protocollo però non risulta utile qui: il livello di traumatizzazione è troppo alto

Bibliografia

  • Burnett, A., Peel, M. (2001). What brings asylum seekers to the United Kingdom? British Medical Journal, 322, 485–488.
  • Day, G.E. (2016). Migrant and Refugee Health: Advance Australia Fair? Australian Health Review, 40, 1-2. DOWNLOAD
  • Deyo RA, Diehl AK, Hazuda H, Stern MP (1985). A simple language-based acculturation scale for Mexican Americans: validation and application to health care research. Am J Public Health. 1985;75(1):51–5.
  • Drummond, P.,Mizan, A., Brocx, K., & Wright B. (2011). Barriers to Accessing Health Care Services for West African Refugee Women Living in Western Australia. Health Care for Women International, 32, 206-224.
  • Gabriel, P.S., Morgan-Jonker, C., Phung, C.M.W. Barrios, R. and Kaczorowski, J. (2011). Refugees and Health Care – The Need for Data: Understanding the Health of Government-assisted Refugees in Canada Through a Prospective Longitudinal Cohort. Canadian Journal of Public Health / Revue Canadienne de Santé Publique, 102, 269-272
  • Harrel-Bond, B. (2002). Can Humanitarian Work with Refugees be Humane? Human Rights Quarterly, 24, 51-85.
  • Hobbs, M., Moor, C., Wansbrough, T., and Calder, L. (2002). The health status of asylum seekers screened by Auckland Public Health in 1999 and 2000. The New Zealand Medical Journal, 115, 1-7.
  • Ingar, N., Farrell, B., & Pottie, K.  (2013). Building a welcoming community: The role of pharmacists in improving health outcomes for immigrants and refugees Canadian Pharmacists Journal / Revue des Pharmaciens du Canada January/February, 146: 21-25.
  • Johnson, D.R., Ziersch, A.M., and Burgess, T. (2008). I don’t think general practice should be the front line: Experiences of general practitioners working with refugees in South Australia. Australia and New Zealand Health Policy, 5:20, http://anzhealthpolicy.biomedcentral.com/articles/10.1186/1743-8462-5-20
  • Koehn, P. (2005). Medical Encounters in Finnish Reception Centres: Asylum-Seeker and Clinician Perspectives. Journal of Refugee Studies, 18, 47-75.
  • Lawrence, J., (2008). Placing the lived experience(s) of TB in a refugee community in Auckland, New Zealand. Thesis degree Doctor of Philosophy, University of Auckland, New Zealand.
  • Lawrence, J., & Kearns, R. (2005). Exploring the ‘fit’ between people and providers: refugee health needs and health care services in Mt Roskill, Auckland, New Zealand. Health and Social Care in the Community, 13, 451–461.
  • Marín G, Saboga F, VanOss Marín B, Otero-Sabogal F, Pérez–Stable EJ (1987). Development of a short acculturation scale for Hispanics. Hispanic J Behav Sci. 1987;9:183–205.
  • Maximova, K., Krahn, H. (2010). Health Status of Refugees Settled in Alberta: Changes Since Arrival. Canadian Journal Public Health, 101, 322-26.
  • Mortensen, A. (2008). Refugees as Others. Social and Cultural Citizenship Rights for Refugees in New Zealand Health Services. Thesis degree Doctor of Philosophy, Massey University, Albany, New Zealand.
  • Porter M, Haslam N. (2005). Predisplacement and postdisplacement factors associated with mental health of refugees and internally displaced persons: A metaanalysis. Journal American Medical Association, 294, 602-12.
  • Pottie, K. et al. (2011). Evidence-based clinical guidelines for immigrants and refugees. Canadian Medical Association Journal, 183, e824-e925.
  • Ringold S, Burke A, Glass RM. (2005). JAMA patient page. Refugee mental health. Journal American Medical Association, 294, 646.
  • Walkup, M. (1997). Policy Dysfunction in Humanitarian Organizations, 10 J. Refugee Studies, 10, 37-60.
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario