Le conseguenze del trauma (con e senza disturbo post traumatico da stress) sulle funzioni esecutive

Quali sono i fattori che portano al mantenimento dei sintomi del DPTS? Molte ricerche correlano la presenza di traumi a deficit delle funzioni esecutive.

ID Articolo: 115606 - Pubblicato il: 18 novembre 2015
Le conseguenze del trauma (con e senza disturbo post traumatico da stress) sulle funzioni esecutive
Messaggio pubblicitario SFU 2020

Martina Torresi – OPEN SCHOOL Studi Cognitivi San Benedetto del Tronto

Quali sono i fattori, oltre al trauma in sé, che possono rappresentare cause di rischio o di protezione per lo sviluppo ed il mantenimento dei sintomi del DPTS? Molteplici ricerche correlano la presenza di eventi traumatici a deficit cognitivi che interessano l’attenzione, la memoria e le funzioni esecutive.

Il DSM V classifica il disturbo post-traumatico da stress (DPTS) come un disturbo indipendente dai disturbi d’ansia, classificandolo all’interno della sezione ‘Disturbi correlati ad eventi traumatici e stressanti’ che comprende: il disturbo reattivo dell’attaccamento, il disturbo da impegno sociale disinibito, il DPTS, il disturbo da stress acuto e i disturbi dell’adattamento (DSM V).

Kessler et al., 1995 hanno stimato che circa il 50-60% di persone, durante il corso della propria vita, potrà essere esposta ad un esperienza traumatica, che può riguardare traumi relativi a combattimenti, aggressioni sessuali, incidenti, o altri orrori di vita. Ma è stato stimato che soltanto il 5-10% delle persone svilupperanno sintomi specifici per una diagnosi di DPTS.

Tale osservazione ha portato i ricercatori a considerare quali sono i fattori, oltre al trauma in sé, che possono rappresentare cause di rischio o di protezione per lo sviluppo ed il mantenimento dei sintomi del DPTS. Molteplici ricerche correlano la presenza di eventi traumatici a deficit cognitivi che interessano l’attenzione, la memoria e le funzioni esecutive (DePrince et al., 2009).

La letteratura ha contribuito ad evidenziare come gli approcci neuropsicologici rappresentino un’importante via che ci permette di individuare i fattori di vulnerabilità e quelli di recupero rispetto allo sviluppo e al mantenimento dei sintomi del DPTS (Aupperle et al., 2011).

De Bellis et al., 2013 mettono in risalto il concetto di sviluppo traumatologico, in riferimento all’impatto psicobiologico che i maltrattamenti e le violenze interpersonali possono avere sullo sviluppo dei bambini. Il modello dello sviluppo traumatologico (De Bellis, 2001) si basa sul modello psicobiologico del DPTS chiamato anche reazione di attacco-fuga. Quest’ultimo afferma che la paura ed i ricordi traumatici associati alle esperienze di maltrattamento infantile, vengono elaborati attraverso il talamo attivando poi l’amigdala, responsabile della rilevazione degli stimoli di paura. L’amigdala trasmette successivamente i segnali di paura ai neuroni della corteccia prefrontale, all’ipotalamo e all’ippocampo, struttura cerebrale coinvolta nella memoria, il quale causa elevate risposte di cortisolo. Vi è inoltre un aumento dell’attività nel locus coeruleus che comporta una maggiore attività del sistema nervoso simpatico, dei neurotrasmettitori legati allo stress (catecolamine), del battito cardiaco, della pressione sanguigna, dell’indice metabolico e una maggiore allerta.

Messaggio pubblicitario Tali modificazioni preparano il corpo a proteggersi dal pericolo, ma risultano essere dannose quando persistono in determinate relazioni stressanti e disuguali, come nel maltrattamento genitore-bambino. Tale stress chimico compromette la corteccia prefrontale e le funzioni esecutive (Arnsten, 1998). La corteccia prefrontale a sua volta può inibire l’attivazione dell’amigdala, meccanismo responsabile della riduzione dei sintomi del DPTS. Quindi, il modello di sviluppo traumatologico basato su un modello psicobiologico statico del DPTS, predice che i giovani maltrattati potrebbero mostrare deficit rispetto alle funzioni esecutive prefrontali e rispetto alle funzioni mnesiche. Un modello di sviluppo traumatologico dinamico invece, potrebbe predire che il sistema di sviluppo dello stress colpisce funzioni cerebrali multiple che possono essere inizialmente legate ai sintomi acuti del DPTS, ma che poi innescano conseguenze indipendenti ed effetti sfavorevoli. Così un precoce trauma attiva un meccanismo che può causare deficit neuropsicologici globali e multipli in aree e domini che non sono collegati però ai sintomi tipici del DPTS né a psicopatologia.

Deficit delle funzioni esecutive (FE) sono stati riscontrati negli adulti esposti al trauma (El-Hage et al., 2006; Navalta et al., 2006), inclusi quelli con DPTS (Kremen et al., 2007; Parslow & Jorm, 2007) e con sintomi dissociativi (DePrince & Freyd, 1999; Simeon et al., 2006).

Rispetto a ciò, Aupperle et al. (2011) riassumono i risultati di studi che hanno indagato le FE associate al DPTS. In particolar modo, prendono in considerazione deficit riguardanti le capacità di inibizione e di regolazione attentiva, che possono precedere ed essere antecedenti all’esposizione traumatica e quindi rappresentare un fattore di rischio per lo sviluppo del DPTS, ed essere collegati alla gravità dei sintomi.

Sebbene molte ricerche neuropsicologiche nell’ambito del DPTS si siano concentrate sullo studio delle funzioni mnesiche e di apprendimento, altre hanno indagato la possibilità di un eventuale malfunzionamento del lobi frontali e quindi delle FE.

Nel considerare le FE gli autori fanno riferimento alle capacità di mantenimento e di controllo di comportamenti complessi diretti ad uno scopo (Alvarez and Emory, 2006; McCabe et al., 2010). Le FE includono:

  • L’attenzione, focalizzazione della propria mente su un particolare stimolo all’interno dell’ambiente
  • La working memory, mantenimento attivo e manipolazione dell’informazione nella propria mente per un certo periodo di tempo
  • L’attenzione sostenuta, mantenimento dell’attenzione su un insieme di stimoli o su un compito per un periodo di tempo prolungato
  • La capacità inibitoria, inibizione di risposte automatiche e mantenimento del comportamento diretto allo scopo
  • La flessibilità e/o lo switching, abilità di passare da un compito all’altro o da una strategia ad un’altra
  • La pianificazione, abilità di sviluppare ed eseguire comportamenti strategici al fine di raggiungere un obiettivo futuro (McCabe et al., 2010; Repovs and Baddley, 2006).

Aupperle et al. 2011 hanno deciso di focalizzarsi sulle FE e sull’attenzione piuttosto che sull’apprendimento e sulla memoria per due motivi: in primo luogo ci sono state recenti review che hanno discusso la relazione tra memoria, apprendimento e DPTS, in secondo luogo recenti ricerche hanno messo in evidenza che training di modificazione attentiva possono essere vantaggiosi nel trattamento dei disturbi d’ansia (Amir et al., 2009a; Schmidt et al., 2009; Amir et al., 2009b; Najmi and Amir, 2010). Così la ricerca orientata al funzionamento dell’attenzione e della working memory può aumentare la nostra conoscenza rispetto al DPTS e condurci a trattamenti più efficaci per questa tipologia di pazienti.

Dal lavoro di Aupperle et al., 2011 vengono discussi vari risultati. In primo luogo gli autori mettono in evidenza come vi siano alcuni fattori cognitivi di rischio che correlano con sintomi del DPTS; tra questi individuano funzionamento attentivo, esecutivo e mnesico pre-trauma.

Per quanto riguarda l’attenzione e la working memory emerge che persone con DPTS, che avevano subito aggressioni sessuali o avevano avuto esperienze di guerra, quando confrontate con vittime senza DPTS e controlli senza trauma, presentano basse performance in compiti di attenzione uditiva e working memory (Burriss et al., 2008). Per quanto riguarda l’attenzione sostenuta e le funzioni inibitorie gli studi hanno ripetutamente trovato che persone con DPTS mostrano perfomance ridotte in compiti volti a valutare l’attenzione sostenuta uditiva e visiva (Continuous performance test, CPT) riportando un elevato numero di errori di intrusione, indice di difficoltà inibitorie (Wu et al., 2010); anche quando sottoposti a prove volte valutare le capacità di inibizione (prove Go-no-go, Attention network tasks, Stroop test), la performance di persone con DPTS è consistentemente deficitaria e correla con la gravità dei sintomi del DPTS (Lagarde et al., 2010; Wu et al., 2010). Resta difficile determinare la direzionalità di questi effetti visto che tali ricerche si basano su disegni cross-sectional. Infatti l’aumentato arousal e i sintomi intrusivi (l’evento traumatico viene rivissuto) possono determinare maggiore distrazione quando un individuo sta provando a concentrarsi sul compito, così da interferire con la working memory, l’attenzione sostenuta e le funzioni inibitorie. E’ possibile inoltre che le difficoltà di inibizione si manifestino non solo nella diminuzione della performance ma anche compromettendo l’abilità ad inibire memorie emotive e l’arousal fisiologico in risposta ai vari triggers durante il compito.

Rispetto alle capacità di flessibilità, switching attentivo e pianificazione, essenziali per il controllo esecutivo, le conclusioni risultano incongruenti: alcuni studi (Stein et al., 2002; Jenkins et al., 2000) su persone con DPTS evidenziano difficoltà di flessibilità e switching (indagate con il Trail making test, TMT) caratterizzate da un aumento del tempo impiegato a risolvere il compito, mentre altri non riscontrano tali difficoltà (Twamley et al., 2009; Lagarde et al., 2010).

Per quanto riguarda le capacità di pianificazione nel DPTS, valutate con il test della Torre di Londra e il Wisconsin Card-Sorting Test (WCST), non sono emersi deficit importanti (Lagarde et al., 2010) ma affiora solo una difficoltà iniziale di problem solving in quanto nello svolgimento del WCST nelle persone con DPTS emerge un aumento del numero di trials utilizzati per il completamento della prima categoria del compito (Twamley et al., 2009).

E’ possibile affermare come le capacità di pianificazione e le strategie di switching in persone con DPTS risultino essere risparmiate nei compiti che non richiedono limiti di tempo (WCST) a differenza di quelli che lo richiedono (TMT) e che working memory, attenzione sostenuta e capacità inibitorie siano compromesse in casi di DPTS.

L'articolo continua nelle pagine seguenti : 1 2Bibliografia

Consigliato dalla redazione

Post-Traumatic Growth

Post-traumatic Growth: non tutto il male viene per nuocere

Il trauma può anche facilitare cambiamenti positivi nella persona tra cui lo sviluppo di nuove prospettive personali e di una crescita individuale

Bibliografia

  • Alvarez, J.A., Emory, E. (2006). Executive function and the frontal lobes: a meta analytic review. Neuropsychological Rev., 16, 17 e 42.
  • Amir, N., Badour, C.L., Freese, B. (2009a). The effect of retrieval on recall of information in individuals with posttraumatic stress disorder. J. Anxiety Disord., 23, 535 e 540.
  • Amir, N., Beard, C., Burns, M., Bomyea, J. (2009b). Attention modification program in individuals with generalized anxiety disorder. J. Abnorm. Psychol., 118, 28 e 33.
  • Arnsten, A.F.T. (1998). The Biology of Being Frazzled. Science. 1711–1712.
  • Aron, A.R., Fletcher, P.C., Bullmore, E.T., Sahakian, B.J., Robbins, T.W. (2003). Stop signal inhibition disrupted by damage to right inferior frontal gyrus in humans. Nat. Neurosci., 6, 115 e 116.
  • Aupperle, R.L., Melrose, A.J., Stein, M.B., Paulus, M.P. (2011). Executive function and PTSD: Disengaging from trauma. Neuropharmacology, 30, 1-9.
  • Bledowski, C., Kaiser, J., Rahm, B. (2010). Basic operations in working memory: contributions from functional imaging studies. Behav. Brain Res., 214, 172 e 179.
  • Burriss, L., Ayers, E., Ginsberg, J., Powell, D.A. (2008). Learning and memory impairment in PTSD: relationship to depression. Depress. Anxiety, 25, 149 e 157.
  • Brandes, D., Ben-Schachar, G., Gilboa, A., Bonne, O., Freedman, S., Shalev, A.Y. (2002). PTSD symptoms and cognitive performance in recent trauma survivors. Psychiatry Res., 110, 231 e 238.
  • De Bellis, M.D. (2001). Developmental Traumatology: The psychobiological development of maltreated children and its implications for research, treatment, and policy. Development and psychopathology, 13, 537-561.
  • De Bellis, M.D., Woolley, D.P., Hooper, S.R. (2013). Neuropsychological findings in pediatric maltreatment: Relationships of PTSD, dissociative symptoms, and abuse/neglect indices to neurocognitive outcomes. Child Maltreat., 18(3), 171-183.
  • DePrince, A. P., & Freyd, J. J. (1999). Dissociation, attention and memory. Psychological Science, 10, 449–452.
  • DePrince, A.P., Weinzierl, K.M., Combs, M. (2009). Executive function performance and trauma exposure in a community sample of children. Child Abuse and Neglect, 33, 353-361.
  • El-Hage, W., Gaillard, P., Isingrini, M., Belzung, C. (2006). Trauma-related deficits in working memory. Cognitive Neuropsychiatry, 11, 33–46.
  • Falconer, E., Bryant, R., Felmingham, K.L., Kemp, A.H., Gordon, E., Peduto, A., et al. (2008). The neural networks of inhibitory control in posttraumatic stress disorder. J. Psychiatry Neurosci., 33, 413 e 422.
  • Jenkins, M.A., Langlais, P.J., Delis, D., Cohen, R.A. (2000). Attentional dysfunction associated with posttraumatic stress disorder among rape survivors. Clin. Neuropsychol., 14, 7 e 12.
  • Kessler, R.C., Sonnega, A., Bromet, E., Hughes, M., & Nelson, C.B. (1995). Posttraumatic stress disorder in the National comorbidity survey. Arch. Gen. Psychiatry, 52, 1048 e 1060.
  • Kremen, W. S., Koenen, K. C., Boake, C., Purcell, S., Eisen, S. A., Franz, C. E., et al. (2007). Pretrauma cognitive ability and risk for posttraumatic stress disorder. Archives of General Psychiatry, 64, 361–368.
  • Lagarde, G., Doyon, J., Brunet, A. (2010). Memory and executive dysfunctions associated with acute posttraumatic stress disorder. Psychiatry Res., 177, 144 e 149.
  • McCabe, D.P., Roediger, H.L., McDaniel, M.A., Balota, D.A., Hambrick, D.Z. (2010). The relationship between working memory capacity and executive functioning: evidence for a common executive attention construct. Neuropsychology, 24, 222 e 243.
  • Najmi, S., Amir, N. (2010). The effect of attention training on a behavioral test of contamination fears in individuals with subclinical obsessive-compulsive symptoms. J. Abnorm. Psychol., 119, 136 e 142.
  • Navalta, C. P., Polcari, A., Webster, D. M., Boghossian, A., Teicher, M. H. (2006). Effects of childhood sexual abuse on neuropsychological and cognitive function in college women. Journal of Neuropsychiatry and Clinical Neuroscience, 18, 45–53.
  • Parslow, R. A., & Jorm, A. F. (2007). Pretrauma and posttrauma neurocognitive functioning and PTSD symptoms in a community sample of young adults. American Journal of Psychiatry, 164, 509–515.
  • Repovs, G., Baddeley, A. (2006). The multi-component model of working memory: explorations in experimental cognitive psychology. Neuroscience, 139, 5 e 21.
  • Schmidt, N.B., Richey, J.A., Buckner, J.D., Timpano, K.R. (2009). Attention training for generalized social anxiety disorder. J. Abnorm. Psychol., 118, 5 e 14.
  • Simeon, D., Knutelska, M. E., Putnam, F., Yehuda, R., Schmeidler, J., Smith, L. (2006). Attention and memory in dissociative disorders, posttraumatic stress disorder, and healthy volunteers. Annual Meeting, International Society for Traumatic Stress Studies, Hollywood, CA, November 5–7.
  • Twamley, E.W., Allard, C.B., Thorp, S.R., Norman, S.B., Cissell, S.H., Berardi, K.H., et al. (2009). Cognitive impairment and functioning in PTSD related to intimate partner violence. J. Int. Neuropsychol. Soc., 15, 879 e 887.
  • Wu, J., Ge, Y., Shi, Z., Duan, X., Wang, L., Sun, X., et al. (2010). Response inhibition in adolescent earthquake survivors with and without posttraumatic stress disorder: a combined behavioral and ERP study. Neurosci. Lett.
State of Mind © 2011-2022 Riproduzione riservata.