Combattiamo per la nostra privacy… ma prima condividiamolo su facebook!

E' importante parlare di privacy anche in termini psicologici e di costi psichici dovuti a un'eccessiva e sbagliata condivisione delle proprie informazioni.

ID Articolo: 110314 - Pubblicato il: 20 maggio 2015
Combattiamo per la nostra privacy… ma prima condividiamolo su facebook!
Messaggio pubblicitario SFU 2020

Nessuno di noi vivrebbe con porte e finestre aperte 24 ore su 24, eppure perchè non sappiamo proprio rinunciare a pubblicare le foto delle nostre ultime vacanze al mare o della serata al pub con gli amici?

 

Facebook, Twitter, Instagram e altro ancora: in un mondo governato dai social network possiamo ancora parlare di privacy? Quest’ultima rappresenta un diritto fondamentale e assolutamente importante per ogni singolo cittadino, nessuno di noi vivrebbe con porte e finestre aperte 24 ore su 24, eppure perchè non sappiamo proprio rinunciare a condividere i nostri dati o a pubblicare le foto delle ultime vacanze al mare o della serata al pub con gli amici?

Tale situazione è alquanto paradossale, e questo viene confermato anche da uno studio del 2012 condotto in Germania: gli individui che tendono a condividere più informazioni personali sui social, sono gli stessi che esigono una privacy maggiore. La prima autrice dello studio, Sabine Trepte, spiega questa contraddizione alla luce di una insoddisfazione dei partecipanti dovuta al non essere ricambiati in modo giusto dagli altri per tutte le informazioni e tutto ciò che invece loro offrono di se stessi.

Altri esperti forniscono ulteriori spiegazioni: Anita L. Allen, per esempio, spiega questo fenomeno come un tentativo, da parte di chi condivide troppe informazioni, di diventare la nuova Kardashian e farne una fonte di guadagno.

Ma non è tutto, vi sono anche dei costi psicologici dovuti alla condivisione di informazioni: secondo alcuni studi, la sola percezione di essere osservati sembrerebbe essere associata a sentimenti di bassa autostima, depressione e ansia. Se osservati da un supervisore sul lavoro o dagli amici di Facebook, le persone sono inclini a conformarsi e dimostrare meno creatività, le loro performances ne risentono e mostrano maggiore impulsività e livelli più alti di ormoni dello stress.

Si può considerare un grande passo avanti il fatto di parlare di privacy non solo in termini legali ma anche in termini psicologici con l’effetto di concentrare l’ attenzione delle persone anche sui costi psichici dovuti a un’eccessiva e a volte avventata condivisione delle proprie informazioni.

L’argomento è molto interessante e ricco di spunti di riflessione, vi rimandiamo dunque alla lettura articolo originale.

 

Imagine a world suddenly devoid of doors. None in your home, on dressing rooms, on the entrance to the local pub or even on restroom stalls at concert halls. The controlling authorities say if you aren’t doing anything wrong, then you shouldn’t mind.

 

Combattiamo per la nostra privacy… ma prima condividiamolo su facebook! Consigliato dalla Redazione

Combattiamo per la nostra privacy... ma prima condividiamolo su facebook! - Immagine: 70612704
In un mondo governato dai social network possiamo ancora parlare di privacy? Perché ci è così difficile non pubblicare informazioni personali? Gli esperti si interrogano. (…)

Tratto da: New York Times

 

Per continuare la lettura sarete reindirizzati all’articolo originale … Continua  >>

 


Tutti gli articoli di State of Mind su Psicologia dei New Media

MOOC e nuovi modelli di apprendimento nel XXI secolo
Psicologia

MOOC e nuovi modelli di apprendimento nel XXI secolo

I Massive Open Online Course (MOOC) sono corsi online ad accesso aperto a tutti, gratuiti e accessibili da qualsiasi dispositivo, con materiali sempre disponibili.   Oggi l’e-learning rappresenta una rivoluzione e questo ambiente di apprendimento può essere sfruttato per fornire corsi online di formazione ad un costo minore rispetto alla partecipazione a

L’utilizzo problematico dello smartphone tra gli adolescenti influenza gli atti di bullismo e cyberbullismo
Psicologia

L’utilizzo problematico dello smartphone tra gli adolescenti influenza gli atti di bullismo e cyberbullismo

Nel 2020 Méndez e colleghi hanno condotto uno studio per valutare se si verificassero aumenti significativi degli atti di bullismo e cyberbullismo tra gli adolescenti che fanno un uso problematico dello smartphone.   Gli smartphone sono diventati uno degli strumenti più utilizzati nella nostra vita quotidiana, in particolare tra gli

La co-ruminazione come variabile che media la relazione tra utilizzo dei social network e sintomi internalizzanti negli adolescenti
Psicologia

La co-ruminazione come variabile che media la relazione tra utilizzo dei social network e sintomi internalizzanti negli adolescenti

Data la centralità dell’uso dei social media nella vita degli adolescenti, è fondamentale esaminare i potenziali meccanismi di rischio interpersonali che possono essere alla base del legame tra l’uso dei social media e i sintomi internalizzanti.   Adolescenti e social network Ad oggi, il 95% degli adolescenti possiede o ha

SimSensei Kiosk: una overview
Psicologia Psicoterapia

SimSensei Kiosk: una overview

Gli utenti che hanno interagito con ELLIE, una delle due funzioni di SimSensei Kiosk, hanno avuto meno paura di sentirsi valutati rispetto all’avere a che fare con un avatar gestito da una persona reale.   Nel 2011, grazie ad un lavoro svolto dall’Institute for Creative Technologies nell’ambito del progetto DCAPS

Perché ci piace guardare gli altri giocare: il caso degli esports – Psicologia Digitale
Psicologia

Perché ci piace guardare gli altri giocare: il caso degli esports – Psicologia Digitale

Milioni di persone sono appassionate di esports e seguono campionati e tornei sia dal vivo che in streaming. Quali sono le motivazioni di un fenomeno tanto diffuso? PSICOLOGIA DIGITALE – (Nr. 25) Perché ci piace guardare gli altri giocare: il caso degli esports   Cosa sono gli esports  Gli esports (anche

The Mind Dispatch: il canale Telegram di State of Mind
Attualità Psicologia

The Mind Dispatch: il canale Telegram di State of Mind

State of Mind lancia un canale Telegram: “The Mind Dispatch” per ricevere aggiornamenti in tempo reale dalla nostra redazione.   È nato The Mind Dispatch, ovvero il nuovo canale Telegram di State of Mind. Un esperimento della redazione di State of Mind per portare l’immediatezza e la facilità d’uso delle

Cosa ci piace così tanto dei social network – Psicologia Digitale
Attualità Psicologia

Cosa ci piace così tanto dei social network – Psicologia Digitale

Il rapporto tra noi ed i social network non è a senso unico: non solo le nostre caratteristiche ma anche le loro specificità ci influenzano. PSICOLOGIA DIGITALE – (Nr. 24) Cosa ci piace così tanto dei social network   Perché le persone utilizzano i social network  Per avere una stima

Mukbang Watching – Il nuovo fenomeno spopolato sul web
Psicologia

Mukbang Watching – Il nuovo fenomeno spopolato sul web

Il Mukbang Watching, dal coreano mokta (mangiare) e bangsong (trasmettere) è una trasmissione audiovisiva, prevalentemente trasmessa online, in cui una persona mangia cibo mentre interagisce con il proprio pubblico.   È possibile guardare tali trasmissioni su piattaforme di streaming come Afreeca, Youtube e Twitch. Internet è un vero e proprio

Quanto siamo influenzati dalle recensioni online – Psicologia Digitale
Psicologia

Quanto siamo influenzati dalle recensioni online – Psicologia Digitale

Le recensioni online sono una forma di passaparola digitale che permette ai consumatori di formarsi un’idea e delle aspettative ed influenza la loro intenzione di acquisto. PSICOLOGIA DIGITALE – (Nr. 23) Quanto siamo influenzati dalle recensioni online   Quando ci troviamo a scegliere un ristorante, un hotel, se acquistare o meno

Predatory Journals: cosa sono e come riconoscerli
Cultura

Predatory Journals: cosa sono e come riconoscerli

Con il termine predatory journals si indicano riviste che danno la priorità all’interesse personale e che sono caratterizzate da informazioni false o fuorvianti.   Al giorno d’oggi, numerosissimi professionisti del campo scientifico, e nello specifico del settore sanitario, attingono alla letteratura scientifica per aggiornarsi su nuove evidenze, nonché sulle innovative

Suoni e vibrazioni fantasma: il ruolo della dipendenza da dispositivi mobili
Psicologia

Suoni e vibrazioni fantasma: il ruolo della dipendenza da dispositivi mobili

Il fenomeno dei Phantom Phone Signals (Segnali Telefonici Fantasma) si caratterizza per la percezione di squilli, vibrazioni e/o stimoli visivi associati ad una chiamata o messaggio in arrivo dal telefono cellulare, in assenza di una notifica effettivamente presente (Tanis et al., 2015).   Secondo Deb (2015), questa esperienza viene avvertita

L’utilizzo di app per il conteggio calorico e le influenze sul comportamento alimentare
Psicologia

L’utilizzo di app per il conteggio calorico e le influenze sul comportamento alimentare

Le app per il conteggio delle calorie possono possono invogliare all’adozione di una dieta restrittiva e squilibrata (Rentko, 2015) e a sopravvalutare l’importanza del peso e della forma del corpo.   Ai giorni nostri l’uso di smartphone e tablet è diventato parte della vita quotidiana, soprattutto tra i giovani adulti.

Il ritiro sociale negli adolescenti (2019) a cura di Matteo Lancini – Recensione del libro
Psicologia

Il ritiro sociale negli adolescenti (2019) a cura di Matteo Lancini – Recensione del libro

Il libro Il ritiro sociale negli adolescenti ci propone una lettura in chiave psicodinamica dell’utilizzo in età adolescenziale della rete, suggerendoci come riconoscere ed affrontare sintomi di malessere o disagio.   Grazie alla loro esperienza di oltre un decennio in ricerca, formazione e clinica in ambito adolescenziale, gli autori ci forniscono

Tra disastri e violenze: l’influenza dei mass media sulla salute psicologica
Psicologia

Tra disastri e violenze: l’influenza dei mass media sulla salute psicologica

Gli autori hanno ipotizzato che l’esposizione ai mass media avrebbe determinato un impatto significativo sulla salute psicologica dei soggetti e che differenti variabili avrebbero moderato i risultati degli studi.   I progressi della tecnologia hanno incrementato un’esposizione ai disastri e alla violenza su larga scala, senza precedenti (Slone & Shoshani,

Che ruolo per i media nella transizione alla normalità post-pandemia?
Attualità Psicologia

Che ruolo per i media nella transizione alla normalità post-pandemia?

Durante la pandemia i media si sono rivelati la cinghia di trasmissione che ha permesso la diffusione e l’adozione di scelte individuali di protezione in linea con le politiche sanitarie, dalle istituzioni alla popolazione generale. Che ruolo avranno nel ‘ritorno alla normalità’?    A novembre del 2021 saranno ormai passati

SerenamenteMamma, l’app che promuove il benessere psicologico in gravidanza – Psicologia Digitale
Attualità Psicologia

SerenamenteMamma, l’app che promuove il benessere psicologico in gravidanza – Psicologia Digitale

L’app per la gravidanza SerenaMente Mamma propone un intervento suddiviso in 5 moduli basato sulla psicologia positiva e la mindfulness per sostenere il benessere psicologico nelle donne in attesa. PSICOLOGIA DIGITALE – (Nr. 22) SerenamenteMamma, l’app che promuove il benessere psicologico in gravidanza   La gravidanza rappresenta un periodo di profondi

La Mantide Penitente
Psicologia

La Mantide Penitente

Quanto gli effetti della comunicazione persuasiva possono essere pervasivi nella vita personale di ogni individuo, tanto da condizionarne le scelte più intime e decisive per la propria esistenza?    Da quando nel 1929 Edward Louis Bernays ha pubblicato la sua celebre opera Propaganda, lo studio della comunicazione persuasiva ha subito

Body Shaming e New Media
Psichiatria Psicologia

Body Shaming e New Media

Deridere qualcuno perché “troppo grasso” o “troppo magro”, “troppo muscoloso” o “troppo esile”, “troppo alla moda” o “troppo fuori moda”: è questa una delle tante forme attraverso cui il Body Shaming, letteralmente derisione del corpo, può manifestarsi.    Già durante il IV secolo A.C., all’interno dei versi di poeti antichi,

Apart of Me: la prima app che aiuta i giovani ad affrontare la morte – Psicologia Digitale
Psicologia

Apart of Me: la prima app che aiuta i giovani ad affrontare la morte – Psicologia Digitale

L’app Apart of Me è un gioco terapeutico che aiuta i più giovani ad affrontare il lutto fornendo supporto psicologico, strategie ed esercizi per elaborare la perdita. PSICOLOGIA DIGITALE – (Nr. 21) Apart of Me: la prima app che aiuta i giovani ad affrontare la morte    Lo scorso Novembre

La prevenzione del declino cognitivo: il ruolo delle nuove app
Psicologia

La prevenzione del declino cognitivo: il ruolo delle nuove app

La maggiore aspettativa di vita degli ultimi decenni ha aperto una sfida per la sanità: garantire una buona qualità di vita durante l’invecchiamento. In questa sfida riveste un ruolo centrale la prevenzione ed il rallentamento del declino cognitivo.    Recentemente sono stati pubblicati i risultati di una ricerca, coordinata dall’Università

State of Mind © 2011-2022 Riproduzione riservata.

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Sono citati nel testo

Messaggio pubblicitario