Disattenzione a 7 anni & peggiori performance scolastiche a 16 anni

I bambini che presentano un aumento dei livelli di disattenzione a 7 anni sono a rischio di peggiori performance nelle scuole superiori - Psicologia

ID Articolo: 110115 - Pubblicato il: 19 maggio 2015
Disattenzione a 7 anni & peggiori performance scolastiche a 16 anni
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

FLASH NEWS

Secondo una nuova ricerca inglese i bambini che presentano un aumento dei livelli di disattenzione all’età di sette anni sono a rischio di peggiori performance nelle scuole superiori.

A tale esito si è giunti a seguito di uno studio longitudinale che ha coinvolto più di 11.000 bambini e pubblicato su Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry.

Messaggio pubblicitario All’età di sette anni dei soggetti – circa sedici anni fa- genitori e insegnanti completarono questionari self-report per la valutazione di diversi aspetti comportamentali, tra cui disattenzione, impulsività, iperattività. In seguito, all’età di sedici anni dei soggetti sono stati considerati i risultati scolastici dei soggetti analizzando le performance nell’esame finale delle scuole superiori (in Inghilterra chiamato GCSE).

Dopo aver tenuto conto nell’analisi di fattori tra i quali il quoziente intellettivo, il livello di istruzione dei genitori, i ricercatori hanno riscontrato una correlazione lineare statisticamente significativa tra un aumento dei sintomi di disattenzione all’età di sette anni e la riduzione delle votazioni al GCSE all’età di sedici anni.

Messaggio pubblicitario La correlazione lineare sta a indicare che non è necessario raggiungere punteggi cut-off relativamente al disturbo dell’attenzione e dell’iperattività, ma anche punteggi sottosoglia di incremento della distraibilità e della disattenzione possono influenzare le performance scolastiche.

Dunque i risultati presentano implicazioni in termini di strategie di prevenzione per identificare e intervenire nella riduzione dei sintomi legati alla distraibilità e disattenzione.

 

ARTICOLO CONSIGLIATO:

Il disturbo da deficit dell’attenzione con iperattività (ADHD) nell’età evolutiva: le strategie psicopedagogiche 

 

BIBLIOGRAFIA:

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario