Cronache dal Friday Night Live @ Albert Ellis Institute, New York

“Welcome to the AEI to the Friday Night Live”. Dryden dà il benvenuto e invita potenziali pazienti a presentarsi sul palco.

ID Articolo: 33010 - Pubblicato il: 11 luglio 2013
Messaggio pubblicitario SFU Magistrale
Condividi

 

CRONACHE DA NEW YORK

Albert Ellis Institute Friday Night LiveWelcome to the AEI to the Friday Night Live”. Windy Dryden dà il benvenuto e invita potenziali pazienti a presentarsi sul palco “for free, in UK  you would pay much more dollars to have it”.

SCOPRI COSA SONO I FRIDAY NIGHT LIVE DELL’ALBERT ELLIS INSTITUTE

Inizia Samuel, ha un figlio di 4 mesi e sta cercando di adeguarsi ai cambiamenti della vita di coppia a seguito dell’arrivo del piccolo: la moglie è focalizzata sul bimbo e…. “The sex is not the same like before“…insomma la vita sessuale della coppia è cambiata…lei allatta, il bimbo si sveglia più volte durante la notte, lei è stanca, lui è frustrato perché non è più la stessa cosa.

 

Windy incede con il secondario- o in gergo REBT newyorkese meta-emotivo: “E in questo caso come te la cavi con la frustrazione?”; niente di che dal punto di vista metaemotivo. Ritorniamo dunque su quel che pensa Samuel che racconta di non sentirsi soddisfatto tanto quanto potrebbe… emerge una credenza, chi fa sesso ha più fiducia in sé stesso…Dryden approfondisce possibili doverizzazioni e credenze irrazionali assolute e rigide alla base di questi pensieri, ma di nuovo nulla di che.

ARTICOLI SU: ABC SECONDARIO – CREDENZE – BELIEFS

Psicoterapia: l’ABC, Albert Ellis & il Problema Secondario

Articolo consigliato: Psicoterapia: l’ABC, Albert Ellis & il Problema Secondario

Senza troppe precauzioni Dryden non patologizza e rimanda al concetto di practical problem, in cui a fronte di una situazione nasce un’emozione negativa funzionale e sana. A questo punto apre al pubblico che sbraga su un problem-solving selvaggio con possibili soluzioni pratiche, dalla baby sitter, alla masturbazione, alla programmazione temporale degli incontri sessuali (povera ragazza e povero ragazzo!). Si chiude così la prima consultazione live “Sembra che tu accetti le cose ma senza che ti piacciono…that what it is!”.

Senza neanche un minuto di esitamento sale sul palco Katy: risata di imbarazzo (anche con un volume della voce decisamente alto!) e ci racconta dell’ansia per la sicurezza dei suoi figli, con tendenze controllanti a livello comportamentale. Dryden indaga la doverizzazione, chiaramente qualcosa tipo “Devo essere sicura che non accadrà nulla di male a loro”, la derivata terribilizzazione, l’intolleranza dell’incertezza e il valore personale.

ARTICOLI SU: DOVERIZZAZIONE

Non si avventura nel metaemotivo, c’è già trippa per gatti, mentre preferisce disputare (dall’empirico al pragmatico) l’intolleranza dell’incertezza e il valore personale della nostra mamma americana iperprotettiva. Prescrizioni comportamentali di esposizione al rischio a maggior ragione quando ammette con una certa quota di imbarazzo che papà è là fuori che la aspetta in auto per riaccompagnarla a casa.

ARTICOLI SU: DISPUTING E RISTRUTTURAZIONE COGNITIVA

Messaggio pubblicitario Ed ecco un giovane ragazzo di colore dall’aspetto (neanche male) misterioso, il tema è assolutamente interessante e degno d’interesse clinico. Il punto è che non posso scriverne. Al termine della sessione si avvicina e mi chiede se con il mio computer stavo postando su Facebook quel che stava accadendo. Grazie a lui, la cronaca del Friday Night Live si chiude con un po’ di mistero e -per far contenti gli ellissiani -di tolleranza che non tutto ciò cui si assiste si può riportare, e che va bene anche così.

VAI ALLE CRONACHE DA NEW YORK

LEGGI ANCHE:

RATIONAL-EMOTIVE BEHAVIOUR THERAPY (REBT) – ABC SECONDARIO – CREDENZE – BELIEFS – DOVERIZZAZIONE – DISPUTING E RISTRUTTURAZIONE COGNITIVA

IL VIDEO DI UNA SESSIONE DEL FRIDAY NIGHT LIVE PRESSO L’ALBERT ELLIS INSTITUTE DI NEW YORK

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 5, media: 5,00 su 5)
State of Mind © 2011-2019 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario