Rimozione

La rimozione è un meccanismo psichico inconscio che allontana dalla consapevolezza del soggetto quei contenuti considerati inaccettabili dall'Io

Rimozione - Per saperne di più:
Condividi

In psicoanalisi, la rimozione è un meccanismo psichico inconscio che allontana dalla consapevolezza del soggetto (Vaillant G.E., 1992), nel senso quasi fisico del termine, quei desideri, pensieri o residui mnestici considerati inaccettabili e intollerabili dall’Io, e la cui presenza provocherebbe ansia ed angoscia.

Quando un’esperienza si fa angosciante e dunque da rimuovere, si attiva spesso un processo operato dal Super Io, il cui scopo è quello di modificare, ristrutturare nel contenuto e nella forma, il contesto reale del ricordo rimosso di quella esperienza, al fine di ridurne l’impatto disturbante sulla coscienza (nello specifico l’Io).

La funzione di questi due meccanismi interessa egualmente una pulsione, un’emozione o processo ideativo riferiti all’Io (Vaillant G.E., 1992) che, da una iniziale origine e conseguente obiettivo, viene variata – letteralmente ridirezionata – verso un altro oggetto organizzato in modo meno minaccioso per il soggetto.

La rimozione, intesa come meccanismo cardine di difesa cui consequenzialmente ne derivano tutti gli altri, va considerata come modalità universale dello psichismo con finalità propriamente difensiva; tale difesa è a tutela dell’ideale dell’Io (o Super Io) in cui ciascuno si rispecchia, ovverosia quella immagine, sempre e comunque esperienziale perchè ideativa affettiva e concreta, è la summa di specifici divieti e permessi enucleati e mossi dal Super Io stesso.

Un elemento esperienziale, o contenuto, ritenuto inaccettabile o al di fuori dei “permessi” del Super Io, risveglia il materiale rimosso che spinge, se così possiamo dire, per manifestarsi più o meno intensamente e progressivamente a livello cosciente, e l’Io quindi media fra questo elemento esperienziale e la resistenza/controllo della resistenza (Perry J.C., 1991). In questo caso entra in gioco il meccanismo di spostamento vero e proprio, enucleando un necessario appagamento, tramite mimesi e compensazione, che permette al materiale rimosso di manifestarsi ma – ed è proprio dello spostamento – in contenuti e forme assai diverse dal suo originario materiale, decisamente più distorte e lontane dalla forma originaria pulsionale quanto più è forte la resistenza agita dal Super Io.

Nella vita ordinaria il sogno, i lapsus, gli atti mancati, sono il prodotto e correlato di questo duplice processo.

 

Rimozione - Per saperne di più:

Psicoanalisi e Terapie Psicodinamiche

Psicoanalisi e Terapie Psicodinamiche
Il modello psicodinamico, da cui derivano le terapie psicodinamiche, è una branca della psicologia che origina dalla psicoanalisi classica.

Conflitto Inconscio

Crisi Psicoanalisi Monografia

Critica Psicoanalitica

Inconscio

L’inconscio è formato da desideri repressi, esiliati lontano dalla coscienza. Questi possono riemergere o come fenomeni onirici o come disagio psichico

Inconscio non rimosso

Teoria del Doppio

Transfert

Transfert
Con il termine transfert ci si riferisce alla tendenza del paziente a proiettare sulla persona dell’analista aspettative e rappresentazioni che traggono origine dalle interazioni con i propri genitori durante l’infanzia. Tale concetto ha subito negli anni un'importante evoluzione nel campo della psicoterapia dinamica.

Un caso di Rimozione e Spostamento in Hieronymus Bosch
Cultura Psicologia

Un caso di Rimozione e Spostamento in Hieronymus Bosch
Il pittore fiammingo Bosch ha rappresentato attraverso la sua arte i processi psichici individuali e collettivi dell'essere umano.

Messaggio pubblicitario