Messaggio pubblicitario

Psicologia Positiva

La psicologia positiva sottolinea fortemente il ruolo delle risorse positive e delle potenzialità dell’individuo. Nell'applicazione clinica divengono dunque fondamentali aspetti come speranza, ottimismo e "flow". La sua applicazione ha portato risultati sorprendenti in particolare nel trattamento della depressione.

Leggi tutti gli articoli che parlano di Psicologia Positiva
Condividi

La psicologia positiva è un movimento nato nell’ambito delle scienze psicologiche durante gli anni ‘90 partendo da studi e ricerche sul benessere soggettivo. Dagli anni ‘90 ad oggi la psicologia positiva ha fornito rilevanti elementi innovativi nell’ambito della psicologia, sia in termini teorici che applicativi.

Psicologia Positiva: caratteristiche e applicazioni cliniche

Nell’ambito della psicologia positiva si possono identificare due prospettive di base. Da una parte la prospettiva edonica in cui le ricerche e gli studi si focalizzano sull’analisi della dimensione del piacere, inteso come “benessere prettamente personale e legato a sensazioni ed emozioni positive” (Kahneman, Diener, & Schwarz, 1999). Dall’altra, la prospettiva eudaimonica che si focalizza sullo studio dei fattori che promuovono le potenzialità, la realizzazione personale e lo sviluppo dell’individuo. Inoltre, la prospettiva eudaimonica si focalizza anche sulla relazione tra benessere del singolo individuo e sviluppo della collettività.

Origini della psicologia positiva

Tra i principali esponenti responsabili della nascita del movimento della psicologia positiva, è fondamentale citare Martin Seligman.

Messaggio pubblicitario La psicologia positiva nasce dagli studi di Seligman sull’impotenza appresa (1975), termine che si riferisce“all’abitudine di interpretare sempre in maniera negativa ciò che succede, al punto che pensiamo di non essere abbastanza capaci di affrontare la maggior parte delle cose che accadono nella nostra vita e non tentiamo pertanto nemmeno di affrontarle”. Questa modalità si lega molto al pensiero pessimistico, che è spesso tipico di coloro che attribuiscono le cause dei propri fallimenti a se stessi, e che quindi molto frequentemente incappano in stati depressivi. Seligman perciò si è chiesto se la stessa catena cognitiva di cause non potesse essere ribaltata sul versante positivo
.

Quando parla di salute positiva, che ha come paradigma fondante la salute mentale dell’individuo, egli si riferisce non tanto all’assenza di malattia, ma ad una condizione caratterizzata dal provare emozioni positive, dall’avere degli impegni finalizzati al raggiungimento di obiettivi positivi, dall’essere in grado di relazionarsi positivamente con l’alterità (Seligman, 2008). Il benessere provato, frutto della salute mentale sopra delineata, incrementa infatti la longevità degli individui e migliora il loro invecchiamento, migliora la prognosi delle malattie, riduce l’entità delle spese sanitarie affrontate dagli Stati.

Il valore delle risorse e la fiducia nelle potenzialità dell’individuo

A differenza di modelli teorici e contributi empirici in cui si pone al centro la patologia, la deficitarietà e la disfunzionalità nel funzionamento mentale e psicologico, la psicologia positiva sottolinea fortemente il ruolo delle risorse positive e delle potenzialità dell’individuo. Di conseguenza, si assiste a un forte cambiamento di paradigma che a livello applicativo si traduce con la messa a punto di programmi psicologici finalizzati allo sviluppo delle potenzialità, delle risorse, degli aspetti funzionali e delle abilità dell’individuo, più che alla cura degli aspetti deficitari. In tal modo, la psicologia positiva diviene un movimento che entra in contatto sia a livello teorico che a livello applicativo con l’area della psicologia clinica, della psicologia scolastica-educativa, nonché della psicologia sociale e delle organizzazioni.

Alcuni costrutti fondamentali definiti e studiati dalla psicologia positiva sono ad esempio la speranza, l’ottimismo, la felicità, il benessere soggettivo e il concetto di “flow”.

  • Speranza e ottimismo

La speranza può essere definita come uno stato di motivazione positiva, basato su tre componenti, ovvero obiettivi da raggiungere, strategie per il raggiungimento degli obiettivi e motivazione a raggiungerli (Snyder e al., 1991). La speranza può essere misurata con la Hope Scale, messa a punto da Snyder e al. (1996). Questa scala è composta da 12 items, costituiti da affermazioni a cui l’intervistato deve rispondere con dei numeri che vanno da 1 (completamente falso) ad 8 (completamente vero). Alti punteggi indicano che la persona ha un alto livello di speranza.

L’ottimismo, invece, può essere indicato come la tendenza a credere che si possano raggiungere dei risultati positivi, piuttosto che negativi (Scheier e Carver, 1985). Perché ci possa essere ottimismo, è necessario avere un’aspettativa positiva nei confronti del futuro (Carver e al., 2010). L’ottimismo determina nell’individuo degli atteggiamenti proattivi finalizzati alla protezione della sua salute, cosa che non si verifica nel soggetto pessimista (Carver e al., 2010).

Nell’ambito dell’ottimismo, gli eventi stressanti e la loro durata rivestono sicuramente un ruolo fondamentale. A questo proposito le ricerche di Cohen e al. (1999) e Segerstrom (2005) hanno dimostrato che quando gli eventi stressanti sono di breve durata (meno di una settimana) l’ottimismo funge da barriera protettiva nei loro confronti; ciò non si verifica, invece, quando i fattori stressanti sono di lunga durata: in questo caso, anche le persone ottimiste diventano immunologicamente più vulnerabili. In generale,gli studi mostrano che chi è pessimista ha una salute fisica più scadente, una tendenza maggiore a soffrire di depressione, un incremento dei fattori di rischio relativi alla mortalità, condizioni che non sembrano riguardare le persone ottimiste, che vivono più a lungo e hanno una migliore qualità della vita (Urcuyo e al., 2005).

L’ottimismo può essere misurato con il Life Orientation Test (LOT), messo a punto da Scheier e Carver nel 1985. Si tratta di un questionario composto da 12 items volti a misurare l’orientamento di vita, ovvero se le persone percepiscono la loro vita in termini positivi o negativi.
Il pensare positivo ma in modo realistico va sotto il nome di ottimismo flessibile (Seligman, 1990) ed è la capacità di scegliere il modo in cui esaminare le avversità, l’essere in grado di sapere in quali circostanze è opportuno avvalersi del pensiero ottimista senza per questo abbracciare la prospettiva di un cieco ottimismo. L’ottimismo flessibile si può quindi considerare una sorta di equivalente positivo del concetto stesso di impotenza appresa, perché anch’esso si può imparare attraverso l’allenamento all’utilizzo di spiegazioni positive dei propri eventi di vita ma, al tempo stesso, realistiche.

Da tempo, diversi studi hanno messo in evidenza l’impatto positivo che la speranza e l’ottimismo, fra i costrutti fondamentali della psicologia positiva, hanno sulla salute fisica dell’individuo (Schiavon, Marchetti, Gurgel, Busnello e Reppold, 2017).

L’ottimismo svolge un ruolo positivo in molte malattie croniche. DuBois e al. (2012) sottolineano che esistono delle evidenze relative all’associazione fra ottimismo e prognosi migliore nelle malattie cardiache. In questo ambito, l’ottimismo è associato ad un miglioramento delle condizioni cardiache (Shepperd e al., 1996), ad una minore probabilità di ricovero per patologie cardiache (Scheier e al., 1999), ad una riduzione del rischio di malattia coronarica nella popolazione anziana (Kubzansky e al., 2001) e ad una diminuzione della mortalità per cause cardiovascolari negli anziani (Giltay e al., 2004). Relativamente al cancro, l’ottimismo aumenta l’aspettativa di vita nei pazienti con tumore cerebrale e con neoplasie localizzate nel distretto del collo (Allison e al, 2003).
 L’ottimismo, inoltre, svolge un ruolo positivo nei malati di sclerosi multipla, determinando una variazione positiva nel vissuto psicologico e un miglioramento delle condizioni fisiche (Hart e al., 2008). Importante è anche l’impatto positivo che l’ottimismo ha nella colite ulcerosa (Flett, 2011). Nel controllo del peso, le persone ottimiste sono più propense ad adottare i cambiamenti salutari che servono a riportare l’Indice di Massa Corporea (BMI) nella norma (Boehm e al., 2013).

In rapporto alla speranza, le persone che nutrono speranza hanno una minore probabilità che possa essere loro diagnosticata un’infezione dell’apparato respiratorio (Richman e al., 2005). Negli individui che sono sottoposti a trattamenti riabilitativi a lungo termine, la speranza permette una buona adesione alla riabilitazione e l’abbandono di abitudini nocive nel campo della salute (Halding e Heggdal, 2012). Altri benefici effetti della speranza sono stati trovati nelle malattie croniche di natura mentale: infatti, Waynor e al. (2012) hanno dimostrato che la speranza è inversamente proporzionale alla ricomparsa di sintomi.

  • Il concetto di flow

Il concetto di flow è stato introdotto per la prima volta da Csikszentmihalyi (1975), uno psicologo americano che, a partire dagli anni ’70, ha svolto una serie di ricerche sul “flusso di coscienza” come fenomeno riscontrabile in determinate condizioni di operatività.

L’attenzione per questo fenomeno nasce da uno studio effettuato sulla creatività (Getzels & Csikszentmihalyi, 1976), che ha portato l’autore a rimanere colpito dal fatto che quando l’artista in questione reputava che la creazione del suo quadro stesse andando bene, egli persisteva nel lavoro senza sosta, ignorando fame, fatica e disagio. Da qui l’interesse a capire e spiegare questo aspetto di motivazione intrinseca, o autotelica, dell’attività stessa, dello svolgere lavori che premiano da sé e per sé, a prescindere dal prodotto finale o da eventuali rinforzi estrinseci. In questo studio si sottolineava il godimento quale motivazione principale all’operosità.
 Csikszentmihalyi (1975) ha così concettualizzato il termine flow come uno stato psicologico soggettivo di massima positività e gratificazione, che può essere vissuto durante lo svolgimento di attività e che corrisponde alla “completa immersione nel compito”. La situazione che rende possibile entrare a contatto con questo stato di essere è caratterizzata dalla percezione, da parte dell’individuo, di sufficienti e appropriate opportunità per l’azione (sfide) da parte dell’ambiente e, corrispettivamente, di personali adeguate capacità di agirvi (abilità). Entrare nel flusso dipende, quindi, dall’equilibrio tra queste due componenti, valutate soggettivamente.

Nel caso il soggetto consideri le sfide al di là delle proprie capacità, entrerà in uno stato dapprima di vigilanza e poi di ansia; nel caso contrario, passerà dal rilassamento alla noia. Quando invece percepirà armonia tra i livelli di sfide e abilità, allora potrà esperire la flow experience, l’esperienza ottimale, sperimentando il pieno assorbimento in un’esperienza che coinvolge l’individuo globalmente, concentrando nel compito aspetti cognitivi, emotivi e comportamentali. La totale armonia con quello che si sta facendo non solo porta al godimento puro, ma offre la possibilità di accrescere le proprie capacità, mettendosi in gioco, testando e imparando nuove competenze, e la propria autostima (Csikszentmihalyi e LeFevre, 1989). L’esperienza ottimale attiva il flusso dinamico di energia mentale che attiva risorse e potenzialità dell’individuo.

Sono stati svolti diversi studi che confermano l’occasione di vivere la flow experience in diversi campi, ad esempio nell’arte e nella scienza (Csikszentmihalyi, 1996), nell’esperienza estetica (Csikszentmihalyi e Robinson, 1990), nello sport (Jackson, 1995) o nella scrittura letteraria (Perry, 1999). È comunque possibile ritrovare esperienze ottimali in altri ambiti comuni e quotidiani, essendo questa relativa a valutazioni soggettive e, quindi, a caratteristiche personali di approccio all’ambiente, dipendenti anche dal contesto culturale in cui si trova la persona. A tal proposito, Csikszentmihalyi (2000) ha ipotizzato l’esistenza di un tipo di personalità autotelica, caratterizzata dalla tendenza a “godersi la vita”, ovvero a fare le cose per se stesse, e da alcune capacità metacognitive, quali ad esempio la curiosità e la disposizione a prestare attenzione a ciò che accade nell’immediato, che portano a ricercare e cogliere le occasioni intrinsecamente appaganti.

Sono stati poi delineati i fattori, in stretta correlazione tra loro, che costituiscono la flow experience (Nakamura e Csikszentmihalyi, 2002):

– bilanciamento tra sfida e abilità: senso che l’individuo si sta impegnando in qualcosa di appropriato per le proprie capacità;
– fusione tra azione e consapevolezza;

– senso di controllo, sia delle proprie azioni, sia delle conseguenze di esse

– obiettivi prossimali chiari e feedback immediato che permettono lo svolgersi continuo del processo, momento per momento;
– attenzione e concentrazione totale sul compito

– perdita dello stato di autocoscienza ordinario, perdita, cioè, della concezione egocentrica di sé come attore tanto è l’assorbimento nel compito

– distorsione della normale percezione temporale (tipicamente sembra che il tempo passi più in fretta)

– gratificazione legata all’esperienza stessa e profondo senso di piacere (Deci, 1975), tali che spesso la meta finale è solo una scusa per iniziare il compito (esperienza autotelica)

Quando è nel flusso, l’individuo funziona a pieno delle sue capacità. Imparare a cogliere e sfruttare opportunità di esperienze ottimali porta quindi numerosi vantaggi, quali l’attivazione e lo sviluppo di capacità personali e l’assaporare uno stato di benessere collegato a forti emozioni positive e a un senso positivo di autostima e autoefficacia. Aggiungendo, per ultimo ma non meno importante, il peculiare contributo nel dotare di valore l’esperienza momentanea che si sta vivendo.

Psicologia positiva e salute mentale

In termini applicativi, la psicologia positiva è una disciplina basata su emozioni positive e sulla capacità di rivalutare positivamente i propri vissuti. Non va confusa con il pensiero positivo, che invece è una visione sempre e comunque ottimistica di tutto ciò che ci circonda.

Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA Gli interventi di psicologia positiva sono basati su esercizi e attività mirate alla valorizzazione degli aspetti positivi dell’esistenza e della propria persona, attraverso quelli che vengono chiamati punti di forza. Sono diverse le strategie terapeutiche che vengono proposte dalle teorie e ricerche della psicologia positiva, tra cui il far nascere e alimentare speranze (Snyder, Iliardi, Michael, Cheavans, 2000) o l’investimento sui punti di forza della persona, quali coraggio, abilità interpersonali, insight, ottimismo, autenticità, perseveranza, realismo, capacità di provare piacere, di riconoscere le responsabilità personali, le inclinazioni e le intenzioni future (Seligman, 2002).

In riferimento alla depressione, Seligman e collaboratori (2006) spiegano che la psicoterapia positiva si distingue dagli interventi standard per la depressione perché è volta ad aumentare le emozioni positive, coinvolgere i punti di forza individuali nelle proprie esperienze di vita e attribuire significato alla propria vita considerando se stessi come riflesso della società in cui si vive.

I ricercatori hanno riscontrato che, con persone affette da depressioni gravi, gli effetti degli esercizi di psicologia positiva possono portare a risultati straordinari. In particolare, nel primo di due studi preliminari è emerso che la psicoterapia positiva praticata su gruppi ha ridotto significatamente i livelli di depressione, da profonda a moderata, dopo 1 anno di follow up. Nel secondo studio la psicoterapia postiva su singoli pazienti con disturbo depressivo maggiore ha prodotto una remissione molto maggiore rispetto al risultato ottenuto da trattamenti che seguono i protocolli standard o che prevedono anche l’assunzione di farmaci (Seligman et al., 2009).

Anche Sin e Lyubomirsky (2009) hanno condotto una meta-analisi attraverso gli studi sugli interventi positivi: i risultati combinati di 49 studi hanno rivelato che gli interventi positivi aumentano significativamente il benessere e i risultati combinati di 25 studi mostrano che gli interventi positivi sono anche efficaci per trattare i sintomi depressivi.

Articoli su Psicologia Positiva

Resilienza e strategie di coping nelle patologie reumatiche autoimmuni
Psicologia

Resilienza e strategie di coping nelle patologie reumatiche autoimmuni

Le patologie reumatiche autoimmuni sono malattie che potrebbero mettere a dura prova chi ne soffre. Quali strategie di coping mettono in atto i pazienti?

Nuovi equilibri familiari: quando arriva un figlio con disabilità
Psicologia Psicoterapia

Nuovi equilibri familiari: quando arriva un figlio con disabilità

L’arrivo di un figlio disabile rappresenta un momento di stress all’interno della famiglia, a partire dal momento in cui si riceve la diagnosi ma non solo.

Resilienza e stili di coping di fronte alle calamità naturali: i fattori culturali che li influenzano
Psicologia

Resilienza e stili di coping di fronte alle calamità naturali: i fattori culturali che li influenzano

Uno studio recente, condotto tra adolescenti vittime di disastri naturali, afferma che il fattore culturale pesa su come si affrontano queste tragedie.

Gli effetti della disoccupazione su tre dimensioni: socio-psico-fisiologica
Psicologia

Gli effetti della disoccupazione su tre dimensioni: socio-psico-fisiologica

Disoccupazione: le variabili che concorrono nel determinare l’impatto sulla salute delle persone. Molto potrebbe fare la prevenzione..

Anche giocare a Tetris può dare sollievo a una mente preoccupata
Psicologia

Anche giocare a Tetris può dare sollievo a una mente preoccupata

Il termine flow viene usato per descrivere uno stato mentale totalmente focalizzato e disimpegnato, libero da preoccupazioni su possibili eventi futuri

Come cambiare la percezione di sé e della propria vita attraverso le strategie della psicologia positiva
Psicologia

Come cambiare la percezione di sé e della propria vita attraverso le strategie della psicologia positiva

Coltivare i principi della psicologia positiva, ovvero privilegiare i pensieri positivi, conduce ad un benessere psicofisico, eleva il tono dell’umore, incrementa l’ottimismo, cambia la connotazione cognitiva chi si dà allo stress legato alla quotidianità, facendolo mutare da dis-stress in eu-stress.

La psicologia positiva e i suoi ambiti di applicazione: il ruolo dello psicologo del benessere
Psicologia

La psicologia positiva e i suoi ambiti di applicazione: il ruolo dello psicologo del benessere

Lo psicologo del benessere promuove la condizione soggettiva di benessere attraverso il potenziamento delle risorse già presenti nella persona, anche in una condizione di difficoltà non patologica. In altre parole usa l’approccio della psicologia positiva

Professor George Bonanno: lectio magistralis su perdita, trauma e resilienza – Sigmund Freud University, Milano
Psicologia Psicoterapia

Professor George Bonanno: lectio magistralis su perdita, trauma e resilienza – Sigmund Freud University, Milano

Il Professor George Bonanno è uno dei massimi studiosi di lutto, trauma e resilienza. La sua idea è che la resilienza sia la reazione più comune e geneticamente determinata alla perdita o al trauma e la descrive, per la prima volta, come una naturale capacità di recupero delle persone di

Psichiatria Nutrizionale: una dieta sana come fattore di resilienza
Psichiatria Psicologia

Psichiatria Nutrizionale: una dieta sana come fattore di resilienza

Numerose ricerche mostrano una solida associazione tra alimentazione e salute mentale. A prova di ciò le persone con disturbi mentali frequentemente presentano situazioni di disequilibrio fisico che potrebbero essere mediate dalla nutrizione, per questo oggi si parla di una nuova disciplina: la psichiatria nutrizionale

L’infortunio sportivo: fattori psicologici di vulnerabilità e di protezione, prima e dopo l’evento
Psicologia

L’infortunio sportivo: fattori psicologici di vulnerabilità e di protezione, prima e dopo l’evento

L’ infortunio sportivo è un evento che comprende diversi fattori bio-psico-sociali. Lo psicologo dello sport può giocare un ruolo chiave sia nell’individuazione di eventuali fattori di rischio, sia nell’aiutare l’atleta a gestire le conseguenze di tali eventi.

Il favoloso mondo di Amélie: risorse e criticità psicologiche della protagonista – Recensione del film
Psicologia

Il favoloso mondo di Amélie: risorse e criticità psicologiche della protagonista – Recensione del film

Ne ‘Il favoloso mondo di Amélie’, la protagonista passa attraverso l’infanzia e l’adolescenza con qualche difficoltà e cercando in tutti i modi di mantenere il suo favoloso mondo. Poi scopre le sue risorse e lascia andare certi meccanismi

Il (falso) mito del successo secondo la psicologia positiva. Bastano soldi, fama e successo per essere felici?
Psicologia

Il (falso) mito del successo secondo la psicologia positiva. Bastano soldi, fama e successo per essere felici?

Sebbene nell’epoca moderna si pensi che se si ha successo si è più felici, di fatto non sempre il benessere materiale e la felicità vanno di pari passo. Si è felici se si vive appieno la propria vita, con totale coinvolgimento emotivo, motivazione e soddisfazione.

Rock and Resilienza sulla poltrona del terapeuta: tecniche di relazione in TMI per transitare attraverso la musica dal dolere alla narrazione del Sè
Psicologia Psicoterapia

Rock and Resilienza sulla poltrona del terapeuta: tecniche di relazione in TMI per transitare attraverso la musica dal dolere alla narrazione del Sè

Rock and resilienza è un nuovo libro di Paola Maugeri che racconta come la musica possa favorire la resilienza e possa essere utilizzata anche nell’ambito della terapia metacognitiva interpersonale.

Adults for children: la genitorialità nei servizi psichiatrici – Report dal Convegno della ASST Niguarda
Psichiatria Psicologia

Adults for children: la genitorialità nei servizi psichiatrici – Report dal Convegno della ASST Niguarda

Il 1 febbraio 2018 nella ASST Niguarda si è tenuto un convegno sugli interventi di prevenzione per i bambini con genitori con disturbi psichici.

Come educare i bambini al benessere fin dalle prime fasi della scolarizzazione
Psicologia

Come educare i bambini al benessere fin dalle prime fasi della scolarizzazione

Concetti fondamentali della psicopedagogia positiva sono la gratitudine, la forza caratteriale, le emozioni positive e lo sviluppo del senso di benessere

La connessione tra auto-compassione e maggiore benessere psicologico e cognitivo – Ricerca
Psicologia

La connessione tra auto-compassione e maggiore benessere psicologico e cognitivo – Ricerca

Una ricerca ha dimostrato come l’allenamento quotidiano di 5–10 minuti di autocompassione possa migliorare il benessere psicologico dei dipendenti.

Resilienza: l’elisir di “buona” vita
Psicologia

Resilienza: l’elisir di “buona” vita

Diversi fattori sia individuali che familiari possono promuovere la resilienza in età adulta con gli eventi stressanti e traumatici.

50 primavere (2017) di Blandine Lenoir – Recensione del film
Attualità Psicologia

50 primavere (2017) di Blandine Lenoir – Recensione del film

In ’50 primavere’, prossimamente al cinema, si sottolinea come essere donne non è mai facile, a qualunque età. Come reagire? L’ autoironia non guasta mai

Messaggio pubblicitario DEFAULT SU NETWORK FORMAZIONE
Messaggio pubblicitario NETWORK CLINICA 2 - footer right
Diventare Psicoterapeuta

Messaggio pubblicitario