expand_lessAPRI WIDGET

ADHD e abuso di sostanze

Uno studio di Romo et al. (2018) ha indagato i possibili legami tra il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) e la presenza di dipendenze

Di Taslima Grossi

Pubblicato il 21 Feb. 2023

Aggiornato il 23 Feb. 2023 15:36

Il disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) è un disturbo cronico caratterizzato da sintomi di disattenzione, iperattività e impulsività che non corrispondono al normale livello di sviluppo del bambino.

 

ADHD e dipendenze

 La diagnosi di ADHD si basa sulla presenza di sintomi prima dei 12 anni e in almeno due contesti, tra i seguenti: scolastico, professionale, sociale (DSM-5; APA, 2013). Inoltre, l’ ADHD è uno dei disturbi del neurosviluppo più comuni nella popolazione infantile, infatti, secondo l’American Psychiatric Association, la prevalenza di ADHD tra i bambini americani è del 3-5% (APA, 2013). Secondo uno studio condotto in 10 Paesi, il 50% dell’ADHD riscontrata in infanzia persiste in età adulta (Lara et al., 2009). La prevalenza globale dell’ADHD nell’età adulta è stimata tra l’1,2% e il 7,3% (Fayyad et al., 2007).

I disturbi correlati a sostanze si riferiscono a uno schema comportamentale patologico la cui caratteristica è costituita dall’uso continuato di una sostanza o la messa in atto di un comportamento, nonostante i significativi problemi che vi si associano (DSM-5; APA, 2013). Nel DSM-5 è stato introdotto in questa categoria anche il gioco d’azzardo (DSM-5; APA, 2013).

Uno studio di Romo e colleghi (2018) ha indagato i possibili legami tra il disturbo da deficit di attenzione e iperattività e la presenza di dipendenze concomitanti, in un campione di 1.517 studenti universitari francesi. L’età media dei soggetti partecipanti allo studio era di 20 anni e il 32% del campione era composto da maschi. In fase di valutazione sono stati somministrati una serie di questionari allo scopo di misurare: caratteristiche socio-economiche, curriculum accademico, ADHD, consumo di sostanze (alcol, tabacco e cannabis), disturbi alimentari, dipendenza da Internet e da cibo, acquisto compulsivo, gioco d’azzardo problematico e attività fisica.

La prevalenza di ADHD tra gli studenti (ADHD attuale con una storia di ADHD nell’infanzia) era circa del 7%. Un quarto (26%) degli studenti aveva avuto difficoltà nel proprio percorso universitario, rispetto al 42% degli studenti con ADHD che riportava tali difficoltà.

Studenti con e senza ADHD

 Sono state riscontrate differenze significative in quanto gli studenti con ADHD avevano meno probabilità di successo negli studi (ripetevano le lezioni più spesso) rispetto agli studenti senza ADHD e consideravano il loro livello accademico più basso. Inoltre, gli studenti con diagnosi di ADHD hanno ottenuto punteggi significativamente più alti per quanto riguarda le dipendenze da sostanze (alcol, cannabis e tabacco) e le dipendenze comportamentali (gioco d’azzardo, disturbo da acquisto compulsivo, disturbi alimentari e dipendenza da Internet), rispetto agli studenti senza ADHD. In sintesi, studenti con ADHD sono risultati significativamente più propensi a utilizzare cannabis, sia occasionalmente che regolarmente; inoltre, si ingaggiavano più frequentemente in comportamenti disfunzionali quali binge drinking, binge eating, acquisto compulsivo e gioco d’azzardo.

Questi risultati confermano studi precedenti (Theule et al., 2016) che legavano l’ADHD e polidipendenza, ovvero la dipendenza da più sostanze insieme. Gli autori sottolineano il fatto che i risultati sarebbero in linea con le caratteristiche tipiche dell’ADHD rispetto all’agire comportamenti ad alto rischio in maniera impulsiva e deficit di decision-making (Waluk et al., 2016).

In conclusione, risulta essenziale determinare le difficoltà degli studenti aventi maggiori problematiche a livello psicologico per proporre interventi adeguati alle loro esigenze, così da ridurre l’impatto negativo sui loro futuri successi accademici e globali.

 

Si parla di:
Categorie
RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI
  • American Psychiatric Association (2013). Manuale diagnostico e statistico dei disturbi Mentali, Quinta edizione (DSM-5), trad. it. Raffaello Cortina, Milano 2014.
  • Echeburua, E. (1999). Adicciones sin droguas? Las nuevas adicciones : juego, sexo, comida, compras, trabajo. Bilbao, Spain: Desclée de Brower
  • Fayyad, J., De Graaf, R., Kessler, R., Alonso, J., Angermeyer, M., Demyttenaere, K., et al. (2007). Cross-national prevalence and correlates of adult attention-deficit hyperactivity disorder. The British Journal of Psychiatry: The Journal of Mental Science, 190(5), 402–409. doi:10.1192/bjp.bp.106.034389
  • Ferris, J., & Wynne, H. (2001). The Canadian Problem Gambling Index. Ottawa, ON: Canadian Centre on Substance Abuse.
  • Gearhardt, A. N., Corbin, W. R., & Brownell, K. D. (2009). Preliminary validation of the Yale Food Addiction Scale. Appetite, 52(2), 430–436. doi:10.1016/j.appet.2008.12.003
  • Godin, G., & Shephard, R. J. (1985). A simple method to assess exercise behavior in the community. Canadian Journal of Applied Sport Sciences, 10(3), 141–146.
  • Lara, C., Fayyad, J., de Graaf, R., Kessler, R. C., Aguilar-Gaxiola, S., Angermeyer, M., et al. (2009). Childhood predictors of adult attention-deficit/hyperactivity disorder: Results from the World Health Organization World Mental Health Survey Initiative. Biological Psychiatry, 65(1), 46–54. doi:10.1016/j.biopsych. 2008.10.005
  • Morgan, J. F., Reid, F., & Lacey, J. H. (1999). The SCOFF Questionnaire: Assessment of a new screening tool for eating disorders. BMJ, 319(7223), 1467–1468. doi:10.1136/bmj.319. 7223.1467
  • Romo, L., Ladner, J., Kotbagi, G., Morvan, Y., Saleh, D., Tavolacci, M. P., & Kern, L. (2018). Attention-deficit hyperactivity disorder and addictions (substance and behavioral): Prevalence and characteristics in a multicenter study in France. Journal of Behavioral Addictions, 7(3), 743-751. doi:10.1556/2006.7.2018.58
  • Theule, J., Hurl, K. E., Cheung, K., Ward, M., & Henrikson, B. (2016). Exploring the relationships between problem gambling and ADHD: A meta-analysis. Journal of Attention Disorders. doi:10.1177/1087054715626512
  • Waluk, O. R., Youssef, G. J., & Dowling, N. A. (2016). The relationship between problem gambling and attention deficit hyperactivity disorder. Journal of Gambling Studies, 32(2), 591–604. doi:10.1007/s10899-015-9564-8
  • Ward, M. F., Wender, P. H., & Reimherr, F. W. (1993). The Wender Utah Rating Scale: An aid in the retrospective diagnosis of childhood attention deficit hyperactivity disorder. The American Journal of Psychiatry, 150(6), 885–890. doi:10.1176/ajp.150.6.885
  • Young, K. S. (2013). Treatment outcomes using CBT-IA with Internet-addicted patients. Journal of Behavioral Addictions, 2(4), 209–215. doi:10.1556/JBA.2.2013.4.3
CONSIGLIATO DALLA REDAZIONE
ADHD e disturbi psichiatrici: comorbidità e mancate diagnosi
Comorbidità ADHD e altri disturbi psichiatrici

La diagnosi di ADHD rimane a oggi problematica a causa degli alti tassi di comorbidità con altri disturbi mentali che complicano la sintomatologia

ARTICOLI CORRELATI
Il declino dell’attenzione nelle nuove generazioni

Quali sono le conseguenze di un uso massiccio dei dispositivi digitali sull’attenzione nelle nuove generazioni?

L’effetto Stroop

La scoperta dell’effetto Stroop ha condotto allo sviluppo dell'omonimo test usato per valutare la capacità di inibire l’interferenza cognitiva

cancel