Centri Clinici

Hikikomori: il ritiro sociale degli adolescenti e l’impatto pandemico

Questa pandemia ha messo tutti con le spalle al muro, soprattutto gli adolescenti. Oggi più che mai è dunque importante parlare del fenomeno Hikikomori

ID Articolo: 185813 - Pubblicato il: 08 giugno 2021
Hikikomori: il ritiro sociale degli adolescenti e l’impatto pandemico
Messaggio pubblicitario SFU 2020
Condividi

Hikikomori è un termine giapponese che significa letteralmente “ritirarsi” (Zielenziger, 2008) e che rimanda ad una particolare condizione riscontrata nei giovani adolescenti, i quali si ritirano letteralmente dalla vita sociale, passando gran parte del loro tempo nella propria stanza, guardando la tv o giocando ai videogiochi.

 

Messaggio pubblicitario  Si riduce volontariamente lo spazio dedicato alle relazioni compensandolo con la partecipazione alla vita virtuale, tramite i social (Ohashi, 2008).

Viene invertito il ritmo sonno-veglia e si riscontra nel tempo una compromissione del percorso di studi o della ricerca di lavoro (Aguglia et al., 2010). Ci sono diversi dibattiti in merito, alcuni dei quali sottolineano come uno dei fattori che spinge al ritiro sociale sia dovuto ad una inadeguatezza rispetto agli standard troppo alti di apparenza e successo, propri della nostra società.

Periodi prolungati di solitudine contribuiscono alla perdita delle competenze sociali e abilità comunicative indispensabili per interagire con il mondo esterno (Aguglia et al., 2010).

Come ha contribuito la pandemia da COVID-19 al fenomeno hikikomori?

Questa pandemia ha messo tutti con le spalle al muro, ognuno dentro il proprio ruolo costretto a dover rivedere il modo di vivere, adattandolo alle svariate indicazioni da seguire atte a contenere i contagi. Se c’è una categoria che però ne sta risentendo particolarmente è quella adolescenziale.

L’adolescenza è un periodo della vita molto delicato, una fase di transizione, dallo stato infantile a quello adulto, che pone le basi per lo svincolo dalla famiglia di appartenenza.

L’adolescente rivendica la propria autonomia e individualità, rispecchiandosi nel gruppo dei pari, piuttosto che nella propria famiglia (Marcelli & Braconnier,1994). In questo periodo infatti sono prevalenti le relazioni di amicizia (Bonino,2018). Tuttavia questa situazione di restrizioni e distanziamento sociale sta trattenendo i giovani dentro le mura della propria casa, disabituandoli ai rapporti sociali. Per contro, cresce sempre più il bisogno di confrontarsi non con i genitori, ma con il proprio smartphone, dal quale è possibile ricevere tutte le risposte desiderate.

Messaggio pubblicitario  Ciò che viene a mancare però, all’interno di questa cornice, è lo sviluppo dell’affettività, dei sentimenti, delle relazioni sociali vere. Per cui il mondo esterno viene sostituito con la propria stanza che diventa invece un mondo interno, nel quale i ragazzi mettono le fondamenta per la propria zona di comfort, rischiando così di perdere la completamente la voglia di uscirne, poiché metterebbero a nudo la propria vulnerabilità.

Come prevenire questo fenomeno?

Educare alla genitorialità resta sicuramente l’antidoto principe. Educare ai sentimenti, ai valori.

Bisognerebbe far prendere coscienza ai genitori delle risorse sulle quali costruire un lavoro insieme. Una risorsa riguarda proprio la vicinanza del figlio in casa, che pur sfuggendo al loro controllo resta sempre nella porta accanto, ed in punta di piedi i genitori potrebbero farsi accogliere e instaurare una forma nuova di dialogo, più costruttiva, che funga da esempio per le relazioni col mondo esterno. È bene non sottovalutare i bisogni fisiologici e gli stati emotivi della persona, aiutarlo nella ricerca della sua identità e progetto di vita, ma soprattutto far comprendere ai propri figli di essere un porto sicuro dal quale partire e tornare ogni qualvolta se ne abbia bisogno.

 

VOTA L'ARTICOLO
(voti: 2, media: 5,00 su 5)

Consigliato dalla redazione

Hikikomori: la storia di un prigioniero in una stanza - Psicologia

Hikikomori: la storia di un prigioniero in una stanza

La parola giapponese Hikikomori significa “stare in disparte”, persone che vivono segregate in una stanza, per loro scelta, connesse al web e ai videogiochi

Bibliografia

  • Aguglia E. et al. (2010). Il fenomeno dell’hikikomori: “cultural bound” o quadro psicopatologico emergente? (PDF), in Giornale Italiano di Psicopatologia, vol. 16, pp. 157-164.
  • Aguglia E. et al. (2010). Il fenomeno dell’hikikomori: “cultural bound” o quadro psicopatologico emergente? (PDF), in Giornale Italiano di Psicopatologia, vol. 16, pp. 157-164.
  • Bonino S. (2018). Anche in adolescenza gli adulti non sono inutili, in Psicologia contemporanea, Novembre – Dicembre.
  • Marcelli D. & Braconnier A. (1994).  Psicopatologia dell’adolescente, Milano, Masson S.P.A., p. 345.
  • Ohashi N. (2008). Exploring the Psychic Roots of Hikikomori in Japan, ProQuest, ISBN 1-109-19059-X.
  • Zielenziger M. (2008). Non voglio più vivere alla luce del sole. Il disgusto per il mondo esterno di una nuova generazione perduta, Elliot Edizioni, ISBN 978-88-6192-022-4.
State of Mind © 2011-2021 Riproduzione riservata.
Condividi
Messaggio pubblicitario

Messaggio pubblicitario

Scritto da

Messaggio pubblicitario